Vai al contenuto





Pier Silverio

Membri
  • Numero contenuti

    1416
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    6

Su Pier Silverio

  • Compleanno 26/08/1993

Apple Life

  • Apple principale
    Macbook 4,1, 13" early 2008, black
  • Utente Apple dal
    luglio 2008

Info principali

  • Luogo
    Bologna
  • Occupazione
    Studente
  • Sesso
    Uomo

Su di me

  • Interessi
    Tutto
  1. Gli studi sui funghi sapevo che ci sono, sono quelli sulla curcuma che dicevo mancanti. Te li usi, anche solo saltuariamente, questi funghi e curcumina? Se anche no, riusciresti a darmi un'idea dei costi? Visto che sei attento all'alimentazione (a suo tempo lessi la discussione su vegatariani e su dieta in generale), più o meno quanto spendi mensilmente per "fare la spese"? O comunque quanto è la differenza rispetto a fare una spesa alimentare in modo disinteressato? Non sai quanto mi dispiace che i pesci di grossa taglia "ce li siamo giocati", io che amo tutto ciò che viene dal mare (sarò perché ci sono stato poche volte ).
  2. Non sono informato su queste sostanze (lo ho giusto sentite dire), ma rientrano perfettamente nel mio discorso: si assumo i funghi, interi, non i mega estratti stracazzuti venduti in pillole (siamo sempre in fase preventiva). Così pure mentre non ha senza integrare lo zinco "puro", ha senso integrare alimenti ricchi di zinco (assumibile). Ad oggi anche la curcumina mi fa storcere il naso, considerato che viene raffinata e che mancana studi vagamente conclusivi (se non erro). Posso accettare la curcuma non raffinata, dato che almeno è più naturale (sempre mancando studi significativi). Poi oh, magari funzionano da dio e sono la manna dal cielo, ma fino a prova contraria ci andrei cauto. Giusto per tirare un po' le fila, quello che dico è che, in fase preventiva, assumere intenzionalmente sostanze molto raffinate o di sintesi chimica aspirando a un qualche potenziamento/risanamento mi sembra sbagliato. E visto che le eventuali eccezioni sono da dimostrare, mi sento di far valere questo principio in generale.
  3. Ho letto, e la mia frase non era una obiezione ma un'aggiunta. Tu continui a parlare di cure, terapie, trattamenti, chiamali come vuoi, mentre io ho distintinto, sostenendo che "curarsi è un'altra cosa" (es. ciò di cui parli). E non ho mai detto che è impossibile capirci qualcosa, che tutta la letteratura è inutile, e tanto vale andare dal cartomante. Tutto il discorso era partito dai post di un utente che consigliava di "assumere vit.C e zinco, così rafforzare il sistema immunitario, e così essere più preparati ad una eventuale diffusione anche qui dell'epidemia di ebola". Ovvero: come migliorare le chance di sopravvivenza ad un possibile contagio partendo con trattamenti preventivi (al contagio stesso). Non ci vuole una laurea per capire l'importanza dell'alimentazione, vero, il problema è che si andati all'estremo opposto: ora tutti a prendere integratori, senza capire che l'assunzione di 6 capsule al giorno di germe di grano fornisce meno vit. E di una qualsiasi colazione a base di cornflakes, o che farsi di zinco, potassi, o addirittura creatina non è il modo giusto per reintegrare i minerali o le energie spese. E se leggo che qualcuno ha iniziato a assumere zinco "in previsione di una possibile diffusione dell'ebola", due parole mi sembra giusto spenderle. Il tuo aneddoto mi sembra riportare un caso statisticamente inevitabile: se c'è chi, con letteratura alla mano, sostiene che il bicarbonato curi ogni male, ci deve essere anche chi, letteraura alla mano, qualcosa di buono riesce a cavarlo dal buco. Ovviamente tanto di cappello ai secondi come mazzate sui denti ai primi
  4. Mi hai fatto notare che non so come ma un parentesi che credevo di avere scritto in realtà non l'ho scritta. Provvedo subito ad editare il mio messaggio come segue: «Dunque l'unico consiglio che un medico dovrebbe dare (ad una persona già generalmente sana) è quello di avere un corretta alimentazione.» Ovviamente la condizione patologia è tutta un'altra storia. Io invece l'auto-prevenzione la promuovo, dato che se stessimo un po' più attenti aviteremmo di sovraccaricare il SSN. Anche qui, curare è un'altra cosa. Riguardo agli articoli: personalmente ritengo che circa l'80-90% delle pubblicazione sia di rilevanza scarsa o nulla (almeno in ambico medico); e i miei proff. e amici concordano. La stragrande maggioranza di articoli medici, quando letta da un medico, è decisamente vicino a Donna moderna. Oggi come oggi l'approccio consigliato per leggere la letteratura è partire prevenuti, convinti che si sta per leggere vaccate assurde, e vedere se alla fine dell'articolo si è cambiata idea. Può succedere, raramente, ma può succedere.
  5. Qui terzo anno di medicina (in fìeri). Riguardo a Ebola 1- di fatto non è chiaro, nei dettagli, come avvenga il contagio. Ricordo una intervista che ho sentito sulla BBC worldservice radio di una operatrice MSF che dopo aver concluso i suoi primi 6 mesi in missione in West Africa stava ripartendo per farne altri 6, e diceva di come la gravità dell'ingnoranza medica fosse diventata chiara nel momento in cui è stato contagiato il primo medico occidentale: la cosa significativa non era il contagio in sé, ma il fatto che quel particolare medico fosse ritenuto da tutti coloro che lo conoscevano come la persona (e medico) più scrupoloso che avessero mai visto. Il pensiero generale che si è diffuso subito tra tutti gli operatosi sanitari in loco è stato "se lui, così attento com'era, è stato contagiato, significa che non c'è protocollo di sicurezza che tenga, e tutti [come operatori in loco] siamo sotto un rischio di infezione ineliminabile". Non c'è da stupirsi che circa un terzo del personale MSF abbia rinunciato nei giorni immediatamente successivi al contagio in oggetto. La stessa intervistata ha ammesso che le prime notti dopo la notizia non è riuscita a dormire per l'ansia (si pensi a chi ha un famiglia in patria). 2- al di là di tassi di mortalità /sopravvivenza, trattamenti o non trattamenti, la dinamica stessa delle epidemia di ebola rende veramente difficile ipotizzare scenari in cui gli stati occidentali vengano messi in ginocchio da questa malattia. E' invece virtualmente impossibile contenere una epidemia con queste caratteristiche in paesi meno sviluppati. Se per scherzo del destino ebola passare in India ne vedremmo sicuramente delle belle. Per le nazioni sviluppate l'aviaria costituì una minaccia senza dubbio maggiore. 3- riguardo alle teorie complottiste non mi esprimo: come futuro medico, l'origine artificiale o meno di un patogeno mi interessa decisamente poco. Anche perché tutte le teorie complottiste hanno sempre come obiettivo ultimo sostenere o minare questa o quella macro-situazione a fini più o meno palesemente politici (in senso ampio), allontanandosi dalla problematica sanitaria, che è quella che mi interessa. Riguardo alcune inesattezze e prese di posizione che ho letto nel post, faccio un discorso più generale. Intanto bisogna ricordare che la medicina non è una scienza (per quanto ci provi) e che la nostra comprensione del corpo umano è decisamente lungi dal permetterci di affermare alcunché in modo certo (peraltro qualunque scienza e scibile dovrebbe accettare come precarie anche le sue conclusioni attualmente più salde). Detto ciò, qui come altrove vedo che gli interlocutori si dividono quasi sempre in due partiti, semplificabili come: - quelli che hanno letto di qua e di là e che decidono di assumere questi integratori per rinforzare questo apparato, questi altri per quell'organo, altri ancora per la vecchiaia, o la memoria, le ossa, ecc. - quelli che, forti della lettura di questo e quell'altro articolo, fanno notare come sia inutile integrare le vitamine perché quelle in eccesso sono espulse, che la dieta alcalinizzante si scontra comunque con un pH=1 o 2 dello stomaco, che non si rilevano correlazioni tra l'assunzione di una sostanza e il preteso miglioramente di una certa funzione fisiologica. Ora, prima un piccolo aneddoto. Diciamo che avete un tumore, e che si opta per un trattamento radioterapico. Se vi dicessi che l'efficacia del trattamento aumenta se voi, durante la seduta, immaginate vividamente le radiazioni distruggere le cellule tumorali e preservare le cellule sane, ci credereste? Bene, ciò avviene veramente, tanto che in diversi ospedali statunitesti è stato inserito nel protocollo (ovvero il personale – medico e non – è tenuto a spiegare ciò a ogni paziente radioterapico e ad incentivarlo in tal senso). Finito l'aneddoto, il punto è: la nostra capacità di prevedere le interazioni complesse di una sostanza assunta in qualsiasi forma esulano decisamente dalla conoscenza medica attuale. La quantità , e qualità , dei fattori in gioco è talmente elevata che qualsiasi studio teso a determinare rapporti di relazione più o meno stretta tra alcuni di essi rischia seriamente di misinterpretare la realtà del quadro in esame. La questione è talmente pressante che si può tranquillamente affermare che la medicina stia attraversando negli ultimi anni la più profonda crisi di sempre, proprio perché ci si è resi conto che in realtà non è affatto perché è come avvengono, veramente e intimamente, certi fenomeni. Questo non sta minando la certezza di nozioni acquisite (e.g. bere cronicamente alcol devasta il fegato), ma sta facendo notare la mancanza loro di profondità . In breve e per concludere: affermare che l'acido L-ascorbico migliora il sistema immunitario (o la resistenza ai raffreddori o quel che vi pare) è affrettato tanto quando affermare il contrario. E non citatemi articoli e studi (che probabilmente avrei già letto), in virtù delle considerazioni sopra esposte. Dunque l'unico consiglio che un medico dovrebbe dare (ad una persona già generalmente sana) è quello di avere un corretta alimentazione. Non assumete integratori: piuttosto "integrate" la dieta con gli alimenti giusti. Non temete di integrare: se "dieta sana" indica le regoline generali che tutti più o meno conoscono ma solo pochi applicano, si può pensare di definire anche una "dieta efficace" (sottoinsieme della sana), che calibra l'assunzione dei nutrienti (macro- e micro-) sia nell'arco della giornata, che delle stagioni, che del'intero arco vitale. Perché scoprire che una prima colazione con yogurt, noci, mandorle, cioccolato fondente, spolverata di cacao, e tè verde con limone non solo è dannamente gustosa, ma estremamente propiziatoria per iniziare la giornata e persina scarsa in termini calorici, non ha prezzo Non ho assolutamente intenzione di mettermi a fare sermoni sull'alimentazione e sulle colpe delle multinazionali alimentari e chimiche, è tuttavia inevitabile accennare al fatto che una dieta sarà tanto migliore per la salute (come concetto esteso e "alto") quanto più riuscirà a integrare la naturale complessità degli alimenti. Pensiamo solo a quale incredibile perdita nutrizionale deriva dalla raffinazione elevata dei cereli, del cui cariosside (comunemente chicco) vengono scartate due parti su tre, ovvero i tegumenti esterni (crusca) e l'embrione (germe); non dico che la restante parte (la ghiandola amilifera, che è poi il grosso del cariosside e contiene soprattutto carboidrati) sia la peggiore, ma che tutto ciò che potremmo assumere tramite farine integrali ci tocca assumerlo invece tramite altri cibi, che però sono raffinati a loro volta, e così via. (Che poi il germe viene tolto dal grano non perché "è un complotto", ma perché il germe va a male molto più in fretta della ghiandola amilifera – detta per semplificare) Note: 1- qualcuno ha scritto spinaci: farà piacere sapere che non rientrano neanche nella top 10 dei cibi più ricchi di ferro. Di più, come forse saprete l'assunzione di acido L-ascorbico o citrico in accompagnamento all'assunzione di cibi ricchi di ferro migliora (e di molto!) l'assunzione del ferro. Ma anche così gli spinaci non sono tra i 10 cibi più ricchi di ferro 2- il sistema immunitario in un certo senso si può rinforzare, per il semplice fatto che, con buona approssimazione, si può affermare che chiunque, in qualunque momento, non è al top dal punto di vista immuntario Tuttavia aggiungo che, se prima ho scritto che il corpo umano ci è ancora fondamentalmente sconosciuto, il sistema immuntario è decisamente tra le cose più oscure. Tanto che ultimamente non si parla più di sistema immuntario ma di "sistema psico-neuro-endocrino-immunitario" (sistema PNEI), notazione che esprime quanto interlacciati tra loro siano i "diversi" sistemi. Dormire con costanza le famigerate 8 ore per notte potenzia il sistema immunitario più di qualsiasi integratore
  6. Ma come, non vi piace questo clima primaverile di inizio agosto? O preferivate 38 gradi come negli anni passati
  7. Domanda: ma non c'è una tassa analoga anche in Francia, Svizzera e Germania? Rimane comunque una porcata, anche se ci fosse oltralpe.
  8. Cito: "Le certezze degli utenti sono tre. Primo: «Norton è pesante»; secondo: «Il Mac non prende virus»; infine: «Vista fa schifo»" Per me sono ancora tra le poche certezze della vita
  9. Riguardo all'articolo proposto (questo -> http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-europa/germania-prostitute-inferno-nei-bordelli-1601367/), ho trovato molto interessanti anche alcuni commenti sotto, tipo quelli dell'utente Flavio Zabini, che tra le altre cose crive anche come la prostituzione vada legalizzata perché - in sintesi - "le donne se la tirano troppo", quindi meglio avere un preziario stabilito, che sicuramente è più basso del costo di cene e regalini Vi incoraggio a dare una letta a quei commenti anche per avere una esperienza di lettura che lascia a bocca aperta: scrive in un modo veramente… indefinibile Tornando al nocciolo, l'articolo in pratica vuole confrontare l'approccio tedesco ("stato-magnaccia") con l'approccio svedese (proibizionistico, ma con la specifica che non è vietato prostituirsi, quanto l'usufruire delle prostitute). L'impressione che si ha leggendo la situazione tedesca è che si sia realizzata la preoccupazione di Xand: lo stato vuole legalizzare la prostituzione in modo da poter migliore la situazione delle prostitute (e intanto guadagnarci), poi però adesso che la situazione non solo non è migliorata ma è anzi peggiorata, se ne frega, perché tanto i suoi 14 miliardi e rotte all'anno se li intasca. E' scritto più volte che i politici tedeschi non valutano come questione attualmente importante quella del traffico umano. Se fossi tedesco non so se sarei orgoglioso di questo comportamento da parte del mio governo. Anzi, lo so. Ci sono anche altri spunti interessanti in mezzo, come la frase di Pierrette Pape, portavoce della EWL (European Women’s Lobby): «Oggi in Svezia un ragazzino cresce in una realtà in cui l’acquisto di sesso è un crimine. Un ragazzino in Olanda cresce con la consapevolezza che le donne sono in vetrina e possono essere ordinate come merce prodotta in serie.» Questo mi fa chiedere: ma non ci sono anche dei "prostituti" uomini in vetrina? Teoricamente nella completa parità dei sessi dovrebbero esserci sia uomini che donne da entrambe i lati, sia come prostituti che come usufruitori. Oppure la parità dei sessi in questo caso non vale? (ovviamente è una provocazione)
  10. Posso chiedere a Xand di scrivere in poche righe non ironiche i motivi della sua opposizione? Perché non li ho trovati espressi chiaramente nelle pagine precedenti, ma forse mi sono sfuggiti.
  11. THIS.IS.EPIC!!! Ti ringrazio di avermelo a portato a conoscenza: vedere questo film (assolutamente GENIALE) diventa la priorità number 1 mia e di tutti i miei amici: probabilmente rideremo a crepapelle dall'inizio alla fine del "film"
  12. Lo sai vero che con le nuove patenti tutte queste moto si possono guidare solo da 24 anni, vero?
  13. Sorry? Sono al 2° anno di medicina, quindi conosco decisamente bene il sistema universitario. Intanto, iniziare a studiare per un esame che dista ancora qualche mese è il modo migliore (se non l'unico) per prendere 30 (magari con lode). Ancora, il semplice fatto di dare gli esami al primo appello disponibile consente di "mettersi avanti", in quanto consente di finire gli esami dell'ultimo anno al primo appello, avere quindi un giusto tempo per preparare la tesi, e riuscire a discuterla alla prima data utile, riuscendo a laurearti con qualche mese di anticipio sui tuoi paricorso (che è tanto di guadagnato). Infine, ti assicuro che i modi per dare gli esami degli anni successivi (quindi anticiparli) ci sono, persino a medicina (che, nota bene, non ti permette di scegliere quali corsi frequentare, dato che per i primi 6 anni praticamente facciamo tutte le stesse cose - tranne qualche tirocinio). Non puoi laurearti prima del tempo perché pagheresti meno tasse di quel che è calcolato che tu paghi, ma di fatto è possibile finire gli ultimi esami con anticipo. Però questi sono segreti che si celano nelle pieghe più nascoste delle università , e che richiedono grande iniziativa dal parte del coraggioso interessato a perseguire questo percorso … e intendo veramente una grande iniziativa, dato che, inizialmente, tutte le porte a cui busserai ti negheranno questa possibilità . Ma poi, se insisterai… Perché quello che gli studenti universitari non hanno ancora capito è che l'università è davvero una introduzione al mondo del lavoro: se vuoi ottenere qualcosa, devi cercare BENE, chiedere alle persone giuste, saper essere convincente. QUESTO è quello che ti insegna l'università , non quella valangata di lezioni inutili (che infatti non frequento, pur essendo - ufficialmente - obbligatorie).
  14. Con Donau mi viene un premio oscillante tra i 1400 e il 1700 euro annui, a seconda del modello di moto. La più conveniente che ho trovato finora (e continua a rimanere la più conveniente, stando ai preventivatori online) è AXA, che mi fa circa 650 euro per 10 mesi, ma ben 800 e rotte per 12 mesi. E' ancora troppo…
  15. Se vuoi ti vendo tutta la collana per pochi spiccioli
×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo