Vai al contenuto





ilbruce

Membri
  • Numero contenuti

    1888
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    4

Tutti i contenuti di ilbruce

  1. Per come la vedo io, hanno creato il primo sdoppiamento davvero sostanziale di iPhone, dopo alcuni tentativi bizzarri. Le altre case hanno miriadi di modelli che escono di continuo con evoluzioni e quant'altro, in contemporanea. La telefonia mobile è , senza alcun dubbio, il mercato ormai di riferimento di Apple. Dovevano reagire, prima o poi. Un unico modello all'anno era troppo poco, quindi hanno creato un'offerta differenziata su due sentieri che da ora procederanno paralleli: la versione N (dove N sta per il numero) e le successive Ns...ecc...che sarà considerata la fascia normale (per così dire), perchè le altre alternative tentate in passato sono forse naufragate (rivisitazioni di modelli precedenti con ammenicoli di poco conto in aggiunta)... E la versione X e successivi che sarà d'ora in poi il top di gamma...con le sue evoluzioni...e che rappresenterà la fascia alta. Io la vedo così.
  2. Hai ragione pix. sempre lucido, moderato e con una onestà intellettuale che ti rende merito. comunque per questa triste vicenda ho scritto a tutti tranne che a Babbo Natale e Papa Francesco...voglio vedere se mi ignoreranno...possono ignorarmi’?’? assolutamente si! Non succederà alcunché. Ha ha. ciao amico.
  3. Ma hai letto ciò che ho scritto o ti sei semplicemente fatto un riassuntino di comodo? Quel singolo centro assistenza? E mi stai togliendo pure reputazione ...sei senza speranza, fanatico a prescindere. Questo succede ora nel forum? Nessuno può mettere in discussione semplici dati di fatto documentabili, cose accadute. Puoi farlo Rangam? Puoi dimostrare che ciò che ho detto sono bugie? Che non ho seguito la procedura indicatami da Apple? No? E allora come è possibile che tu mi possa togliere punti di reputazione quando dico solo la verità dei fatti? Mah....mi fermo qui...anzi no, se procedi con questa menata senza senso a prescindere come un mulo che scalcia sempre sullo stesso muro (di gomma) mi dimentico il bon ton, risveglio l’orso e mi faccio pure bannare. Ma pensa te.
  4. Il centro di assistenza di Milano, per quanto concerne quel msg di errore, mi ha detto che il computer probabilmente era ancora in test mode...(ma perchè, aggiungo io?) e si sono scusati. E uno user di primo pelo che prendeva paura, che faceva? Vabbè dai non se ne esce. Quando si parla e straparla di assistenza Apple ineccepibile, limitatevi ai phonini...leccati e accarezzati perché ormai sono l’unica cosa a cui davvero tengono e nella quale l’assistenza post vendita si differenzia dalla concorrenza. Ancora per poco , perchè Samsung l’ha capita e la sta copiando pari pari....Per il resto, una ignobile delusione. A breve, visto che oramai anche altri fanno prodotti quasi sempre perfetti, la questione assistenza per le anomalie farà davvero la differenza tra un brand e l’altro per ogni device. Spero che Apple non ci arrivi con queste credenziali. edit: scusate, mi sono sbagliato. L’altra sera ho scritto che di certo negli ultimi dieci anni avrò almeno speso 20k euro in prodotti Apple. Da un conteggio più oculato a ritroso, sono arrivato per ora a 34k....ma penso di dimenticare ancora qualcosa. Questo sono io, per mamma Apple. Ma la legge dovrebbe comunque valere per tutti. Alla salute di tutti quelli che mi accusano di essere un terrorista filo windows o non so che altro, solo perchè dico le cose come stanno, senza fronzoli e dogmi di sorta.
  5. Ciao. Beh il pacco è stato ridotto così sicuramente dal corriere (inviatomi da loro, quindi se non selezionano i partner giusti per me cambia poco) ed il nero potrebbe essere stato causato dal fatto che non avendo io del pluriball avevo fatto un bel pacco esterno di protezione riempiendolo di una tonnellata di fogli di giornale sopra sotto e di fianco, come ho fatto tante volte senza che succedesse niente. Le bozze sugli angoli dimostrano che il mio computer è stato probabilmente lanciato più volte come fosse gomma piuma e quindi allora si che i giornali avranno abraso la scatola lasciando tracce di inchiostro. Per il messaggio no, non è una firma. Appena riacceso è comparso un msg in inglese che riportava un tentativo di ripristino tramite web. Mi ha chiesto la pass del wifi, l'ho inserita e ha cominciato a "lavorare". Poi un msg di errore (si vede male dalla foto ma il triangolo all'interno del mappamondo è un segnale di errore). Quindi ti rimanda all'assistenza col codice di quell'errore. Io so saltarci fuori, ma un newbie sarebbe andato nel panico e lo avrebbe rispedito al volo.... Vabbè.
  6. Oggi il computer è finalmente arrivato. Le immagini che vedete riguardano rispettivamente condizioni della confezione originale che avevo inviato perfettissima (le metto sempre nell'armadio un secondo dopo l'unbox di ogni oggetto Apple, perché poi quando li rivendo so quanto siamo tutti maniaci )... La seconda è la schermata che mi è comparsa all'accensione. A occhio e croce un utente poco esperto (io non lo sono tantissimo ma almeno qualcosa conosco...) sarebbe andato nel panico: confezione originale trattata da permanenza forzata in un campo Rom...messaggio inquietante di errore sconosciuto in lingua inglese, al riavvio e sistema bloccato. Poi pian piano verificherò la qualità della riparazione della macchina, perché ora devo ripristinare tutto. Dite quello che volete ma questa è davvero una porcheria senza precedenti....dopo tutto il racconto qui sopra, questo è ciò che mi è tornato a casa. Non tiro una compilation di parolacce, per rispetto del Forum. E la chiudo qui...perchè adesso mi vado a far curare il fegato. Centro autorizzato Apple della prima ora: non ha niente, ed invece era bruciato. Centro Apple (Hub) di Milano. Attesa indecente, spedizione a cavallo...e questa è la resa finale. A voi, e soprattutto ai fan a prescindere, le considerazioni.
  7. Aggiornamento di oggi: ancora nulla. Suppongo abbiano sbagliato spedizioniere e non fosse UPS, bensì Pony Express. Azzoppato, oltretutto. Partendo venerdì mattina, un viaggetto Milano-Reggio Emilia si farebbe tranquillamente a cavallo... in 2 giorni... Attendiamo il 4°....fiduciosi. bruce, sempre più senza parole....
  8. Il giorno 15 settembre mattina (venerdì scorso, beh ci avranno messo un attimo per avere i pezzi di ricambio), con tante scuse per quanto accadutomi, il centro assistenza Apple mi scrive che il mio computer riparato è stato spedito. Oggi è il 18, vabbè ci sono stati di mezzo sabato e domenica. Diciamo che con Amazon prime, un rasoio da 10 euro sarebbe comunque arrivato oggi. Ma ancora nulla. Attendo paziente...il tracking di UPS mi riporta loro ritardi dovuti a non so cosa...sono molto generici...insomma un servizio davvero eccellente a 360°. Domani festeggio le tre settimane dall'inizio della vicenda senza il mio amato MBP nato fallato (su questo non ci sono dubbi, ok?). E, se arriverà mai, sarà solo perché mi sono sbattuto, ho girato come una trottola e litigato col mondo per ottenere qualcosa di diverso dalla prassi normale riservata ai computers Apple. Che dire....boh....
  9. Aggiungo che questo centro (l'ultimo del mio racconto) si presenta e propone come riferimento italiano di assistenza più titolato da Apple. I computer Apple, in buona sostanza, quando arrivano a loro, sono nelle mani migliori che la Casa Madre possa garantire in Italia. Io non metto assolutamente in discussione la loro perizia e professionalità, ma sentirmi dire che però devono mandare a prendere i pezzi di un oggetto recentissimo... e che devo aspettare ancora svariati giorni (ad oggi non ho alcuna notizia, ed è passata una settimana abbondante)...mi ha davvero lasciato senza parole. Dall'invio della macchina, vi sto rispondendo dal laptop Samsung del lavoro... perché, tra menate varie e garanzie di pronto intervento senza senso , sono di fatto da oltre 3 settimane senza un computer pagato 2300 euro pochi mesi fa. A voi le conclusioni (per favore astenersi integralisti a prescindere, and so on...:)
  10. Fatto...te lo assicuro. Pensa che pure la signora dell'assistenza era basita ed imbarazzata dal fatto che chi ha problemi coi loro costosi computer debba subire questa tiritera al primo problema, mentre un 15 enne che si fa magari un singolo iPhone nella vita viene coccolato e seguito per ogni stupidaggine con prelievo a casa del terminale a spese loro, di default, e la probabile sostituzione...con nuovo o rigenerato. L'ho fatto, si...ma non so che effetto possa avere. Probabilmente nullo, visto che non sarò stato di certo il primo al mondo...ma ad oggi le cose stanno ancora così. E' questo che ho cercato di trasmettervi. Citando la mia esperienza, sono davvero dell'idea che Apple stia trattando male i suoi consumatori di computer a vantaggio di una totale e fin troppa "larga manica" verso il mercato al quale sicuramente ora tiene più che ad ogni altra cosa. Forse il nostro tempo sta scivolando verso la fine. Questa è la sensazione, assaporata la fantastica assistenza Apple su qualcosa che non sia smartphone o un tablet... Tutto qui.
  11. Perdonami ma non capisco. Io non ho beccato un negozio sfigato. E non è colpa "vostra", a meno che tu non sia dipendente Apple siamo tutti sulla stessa barca (users, da un decennio per quanto mi riguarda, sempre al top di ogni dispositivo di Cupertino)...quando ci capita una cosa come questa. Io sto esponendo fatti, non attaccando un dogma, ok? Sono io il primo ad essere un fanatico Apple... tutto più potabile ora, anche se lo avevo già premesso? In dieci anni avrò speso almeno 20k euro in loro prodotti e non per fare lo sborone, ma perché ci credo. Ok? Non sopporto chi ti ribatte (non parlo di te) che se non ti piace Apple ti puoi sempre comprare un Acer, visto che hai vessato la religione facendo un esempio di altre case, perché esporre problematiche non significa che tu voglia una ciofeca di Acer, ma bensì che tu pretenda un'assistenza degna di chi ammiri e ti richiede tanti soldini per far parte dell'élite dell'informatica consumer. Potabile, ribadisco? Ma torniamo a noi. Ho comprato quel computer da Media world di Parma, nel reparto Apple shop, fine della cosa. Poi improvvisamente ha avuto un grosso problema, mai successo prima con un MBP: fumatina...puzza di bruciato, computer morto. Un MBP con touch bar top di gamma da 2.300 euro, acquistato pochi mesi prima. Non ho beccato un negozio sfigato, ma bensì mi sono attenuto alle indicazioni del customer service Apple , sono andato dove mi hanno detto loro! OK, centro sfigato? Non l'hanno manco guardato in quel centro, visto che poi, inviatolo a Milano, quelli più in gamba hanno trovato un componente bruciato e manco sono riusciti a riavviarlo. Non si tratta quindi di un centro sfigato ma bensì di uno che non dovrebbe avere l'assistenza Apple, visto che è così perfetta...o no? Io l'ho detto all'assistenza quello che è successo, ma credete che forse abbiano tolto loro la licenza di "Apple autorizzato"? Non credo proprio, sono ancora lì e ci saranno anche domani. Ci sono da 20 anni. Questo intendo. E magari stanno creando lo stesso disservizio a tanti altri consumatori fedeli ad Apple. Io mi ritrovo così con tempi biblici per risolvere il problema, tanti km inutili, soluzioni alternative mendicate, sbattimento, centri non proprio all'altezza (sarà l'unico proprio quello che ho beccato io?, ammazza che casualità) ...pertanto rifaccio la domanda: Per quando concerne il post vendita dei computer, dove sta la differenza con chiunque altro che smercia macchine dozzinali? Ed aggiungo: vista la storia che ho vissuto... un gesto di brillantezza, con la sostituzione integrale (come fanno sempre per i cellulini di moda in garanzia, per qualunque minchiata) invece che cambiare quasi tutto il computer (perché restano scocca e schermo, originali dalla nascita dell'oggetto...a sto punto) sarebbe stato un segnale di rispetto verso chi di Apple compra pure i computer. Non solo i giocattoli trendy. Io una risposta sensata, anatemi religiosi a prescindere, comunque non l'ho ricevuta. Vabbè...
  12. Cosa sto dicendo? A prescindere dal fatto che andare all'Apple Store non è la procedura standard, che invece recita di rivolgersi al numero verde dell'assistenza e seguirne le indicazioni , lo Store più vicino a me sta ad oltre 1,5 ore di strada. Non tutti abbiamo la fortuna di abitare in prossimità di un AS comodo, ribadisco. Io sono piuttosto diligente ed è proprio questo che sto giudicando di Apple: il fatto che se sei sgamato ed hai il culo di abitare vicino ad uno Store, magari ti cambiano più computer per qualche inezia. Se invece segui la procedura regolare ed hai un problema grave, ti sbattono per centri assistenza dove inizialmente vai perché ti fidi..ma alla fine ti giochi il fegato tra avanti e indietro... e settimane senza macchina. Non avevo mai avuto problemi con un MBP...buona a sapersi per la prossima (speriamo di no). Ti assicuro che andrò dritto filato là, ora che lo so, invece che sbattermi come ho dovuto fare. E non è ancora finita. All'italiana, come si dice: trovare il canale più da esperti...si, in classico stile italiano. Ma Apple, oltre che americana, dovrebbe essere lineare nelle soluzioni....mica privilegiare alcuni sugli altri. vabbè.... Colgo il post per un aggiornamento, appunto. Sul servizio migliore al mondo (e qui includo la risposta ad altri...) Con la bolla di riconsegna del MBP (se qualcuno la vuole vedere la posto) in quanto perfettamente funzionante, chiamo ancora Apple.... Un pò mi scaldo, perché dover fare strada con un MBP nuovo top di gamma che puzza di bruciato ed è morto (almeno una volta) e vederselo riconsegnato dopo poco in quanto perfettamente funzionante, fa un pò [email protected]@are. Dopo avermela menata per circa due giorni col loro sistema server che era in aggiornamento e non si riusciva a iniziare la pratica, mi dicono che, in via del tutto eccezionale (perché non prevista per i computers) me lo vengono a prendere a casa per la riparazione nel centro autorizzato Apple di Milano, quello migliore d'Italia che si occupa di ogni manutenzione della casa madre. Un vero regalo, a loro dire. Lo preparo, lo imballo e sembra tutto a nuovo perché nei fatti lo è quell'oggetto. Lo vengono a prendere, passano alcuni giorni e mi arriva la mail: Il suo computer non si è mai riavviato da quando lo abbiamo qui in laboratorio. Sulla scheda logica abbiamo trovato un componente bruciato. Questo il motivo dell'odore che sentiva. Abbiamo mandato a prendere scheda logica e tastiera (siete il più grande centro Apple d'Italia e dovete mandarli a prendere?) ed entro la fine della settimana pensiamo sarà tutto funzionante. Oggi è lunedì. OK? questa la risposta. Gli chiedo di farmi sostituire la macchina e mi rispondono che non si può fare (ma a quanto pare e dice Armageddon negli AS si). Ma perché mi chiedo? costa un botto, è nuova e sono 15 gg. che non la posso usare. Lasciamo perdere le tante decine di km. fatti avanti ed indietro, le due mezze giornate di lavoro perse e le telefonate fiume. Questi i fatti, e non sono in discussione. @Rangam Spiegami dove è ridicolo il paragone con un Acer. Un mio giovane amico con problemi ad un Notebook nuovo in offerta all'Ipercoop, lo ha poi portato al centro assistenza (peraltro parecchio vicino casa perché ve ne sono ovunque) autorizzato ACER perché malfunzionante. Non glielo hanno cambiato altrettanto, sebbene nuovo, ma riparato. E lo è andato a ritirare dopo 10 gg. Io, rileggiti pure sopra, dopo 15 gg. di travaglio, [email protected]@ature al cell, e tanto tempo speso, forse lo rivedrò questo fine settimana. E i giorni saranno ormai 20. Non me lo avranno cambiato, ma bensì altrettanto "aggiustato"... al secondo giro...manco al primo, come a lui. La differenza è che il mio costa 2.300 euro ed è Apple...il suo poche centinaia e si chiama Acer. Se riesci, a parte lo spirito di clan a prescindere che qui da noi spesso regna sovrano, ad argomentarmi la tua affermazione... diventi il mio eroe.
  13. @Rangam: il più vicino Apple Store sta a 80 km. da casa mia, in centro storico a Bologna. Sebbene la distanza per alcuni sembri accettabile, mi serve parecchio (compreso il pedonale e le ZTL) per l'arrivo al parcheggio più vicino. Oppure avrei qualche altra opzione in un alternativo centro commerciale tra Brescia, Milano o Rimini. Ci metto due ore. Gli store Apple non sono proprio negozi sotto casa, ma bensì quattro gatti nelle location più note. Due ad andare, due a tornare, due per ritornare a prenderlo e due per riportalo a casa. Fatti i conti? "Fattelo venire a prendere a casa": non credo tu abbia avuto problemi con un Mac di recente. Perché per i nostri "amici" se sei un signor nessuno che compra un solo iPhone nella vita (il nuovo mercato di Apple, quello consumer all'estrema potenza), allora ti ritrovi coccolato e viziato. Te lo vengono a prendere a casa e spesso ti ritrovi un oggetto nuovo (o ricondizionato) in contropartita, se il problema era grave. Ma se spendi 2.300 euro per un MBP top di gamma, le cose stanno diversamente. Sei tu a doverlo portare al centro autorizzato più vicino ...e te lo devi pure andare a riprendere. Poco importa che il problema sia della macchina (in garanzia), quindi dovrebbe essere tutto a loro carico. I costosissimi computer Mac hanno oggi un canale altamente preferenziale per i Signori dirigenti dell'assistenza Apple: cioè lo stesso di un Acer da 200 euro.;). Te lo porti a decine di km. di distanza e, nonostante l'appuntamento fissato con l'assistenza, aspetti il tuo turno in un centro che non è la Apple ma bensì solo un autorizzato e gli addetti sono sempre pochi per sbrigare le tante pratiche, lo consegni... senza garanzia alcuna (te lo anticipa pure il customer service Apple!) che abbiano disponibili i componenti in sostituzione di una macchina recente top di gamma...ma li debbano invece mandare a prendere (coi giusti tempi del caso)..aspetti il consentito... e te lo vai a ritirare. Ci perdi un paio di mezze giornate (tempi di riparazione esclusi) e la cosa è fatta. Poi però, come successo a me, quei "superficiali" (notato il termine signorile? ) ti prendono pure in giro riconsegnandoti un oggetto nuovo che ha difetti importanti, senza alcuna spiegazione sulle cause dell'accaduto da te denunciato. "A noi si è acceso, abbiamo fatto il test HW ed è tutto a posto". Cosa che può concludere anche chi accende un phon per capelli che la mattina dopo riprende a funzionare dopo un piccolo corto circuito che lo ha sovraccaricato la sera prima causando puzza di bruciato. Non vi è mai capitato? Quel Phon avrà comunque vita breve, garantito. Cosi come il mio computer "testato". La differenza è che un phon costa 30 euro e non gli hai affidato la tua intera vita personale e talvolta lavorativa. Questa la qualità del sevizio. E non è in discussione, perché la posso documentare. La verità è che ad Apple frega più una cippa dei Mac user, ora ci sono solo telefonini e tablet...in Europa il cassetto lo fanno i ragazzini con l'oggetto di lusso per accedere ai social ed a varie amenità. Noi stoici del computer di Cupertino, se non abbiamo la fortuna di abitare in zone "privilegiate" dalla presenza nativa Apple, al primo problema ci mettiamo in fila all'Ipercoop con le signore di 80 anni che chiedono all'addetto incompetente e stressato di reparto come cavolo si accende uno smartphone regalato loro dal figlio, per l'anniversario di matrimonio col babbo.
  14. Vi ringrazio delle vostre risposte. Oggi sono stato chiamato dal centro di assistenza nel quale avevo portato il Mac. Il Computer non ha alcun problema. Test fatti, tutto ok. Dopo un giorno di stop, si è riavviato senza indugi. Successo niente. Puzza di bruciato? non abbiamo sentito niente. il computer è ok. Gli chiedo: ma guarda che ero presente e pure mia moglie mentre ha fatto uno scoppiettio ed esalato puzza di bruciato intensa. In più non si è riacceso nonostante i tanti tentativi. Ma come può succedere sta cosa? Per noi è tutto ok, mi rispondono. I test sono tutti ok. Ora sono qui, sembra davvero sia tutto ok, tranne per il fatto che quando cerco di cancellare le cose che vi sto scrivendo perché magari ho commesso un errore di ortografia il tasto "freccia indietro" (delete) va a singhiozzo. Per cancellare i caratteri scritti quel benedetto tasto lo devo quasi martellare. Ho provato anche con word, stessa cosa. Il computer scalda a bestia mentre sto solo scrivendo un post sul web e non ho niente in background. Boh, sarà.... Tra pochi mesi scade la garanzia di un anno.... Domani li richiamo....che due cogl....
  15. Ciao ragazzi, E' da un pò che non ci sentiamo a causa dei tanti impegni di lavoro (anche all'estero) che spesso mi tengono lontano dalle mie passioni più ludiche. Vi volevo però mettere al corrente di un fatto increscioso che per la prima volta nella mia vita da Apple user ha messo in seria discussione le mie convinzioni. Anteposto, per chi non mi conosce: sono un maniaco di Apple. Ho acquistato ed usato in via esclusiva (per le mie esigenze) di tutto da Apple in questi ultimi 10 anni, con svariati upgrade (modelli nuovi) costanti ed attualmente posseggo: iPod nano 16 GB, iPad Pro 12.9 128 GB, iPhone 7 plus 128 GB, svariate Apple TV di 4 gen per casa, un MBP 13" del 2012 ed il nuovo MBP 13" con touch bar di fine 2016 modello top, acquistato a fine gennaio 2017. L'ultimo di questa lista rappresenta il motivo del mio post. 2.300 (meno uno) euro di computer, una meraviglia costosa ma stupefacente. Come da aspettative di chi adora e condivide questo mondo da tempo. I fatti: Lunedì sera (ieri): tornato dal lavoro, come al solito stacco il computer dall'alimentazione e mi metto a fare qualche navigazione e acquisti su Amazon. Improvvisamente un piccolo botto, uno scoppiettìo...una puzza di bruciato molto percepibile, computer morto. Non vi è più modo di accenderlo, utilizzarlo, è andato. Sono rimasto 30 secondi basito, senza parole. Mi sono detto: ma è davvero il mio computer che ha fatto sta cosa? Non ci credevo...dopo dieci anni di assoluta affidabilità delle mie macchine Apple, questa assurdità stava ora succedendo proprio con la più costosa di sempre. Vabbè. la sfortuna ci sta nell'elettronica. Sono stato sfortunato stavolta. Sarà partita la batteria? la scheda logica? boh... Mi collego al sito assistenza di Apple (con l'altro computer) e prenoto la chiamata per l'assistenza in garanzia. Stamattina puntualmente vengo richiamato. Una signora molto gentile e disponibile mi dice, dopo aver da me ascoltato gli eventi, di portarlo al centro assistenza più vicino. Mi fornisce luogo e orario dell'appuntamento di consegna. Mi anticipa, per correttezza, che una volta scoperto il problema forse il centro potrebbe non avere il pezzo di ricambio necessario e che quindi avrei dovuto forse aspettare diversi giorni per la riparazione. Poi sarei dovuto tornare a riprenderlo, una volta sistemato. Le dico: dopo dieci anni di esperienza, non facevo back up continui, quindi potrei avere svariate settimane di ritardo nel salvataggio dati (ogni tanto lo faccio) ...perchè non ho mai avuti problemi con un Mac... Mi possono salvare i dati i ragazzi del centro assistenza se non è saltato l'SSD? Mi risponde: dipende da loro, ma non è obbligatorio. Conclusione: Per la riparazione (in garanzia) di un MBP da 2300 euro devo farmi io 45 km. per raggiungere il primo centro assistenza autorizzato... Quel centro super autorizzato, potrebbe tuttavia non avere le parti di ricambio di un recente MBP (un centro davvero super autorizzato, insomma), quindi è probabile che debba stare senza computer per tanti giorni...speriamo siano giorni... Se non ho fatto un back up recente e sarebbe eventualmente possibile farlo se l'SSD non è compromesso, la cosa è a totale discrezione del "centro assistenza". Altri 45 km. per andarmelo a riprendere quando sarà pronto. Vi faccio una domanda: a prescindere dal servizio pre-vendita magari in un Apple Store nel quale i ragazzi ti farebbero pure il caffè, se hai problemi (dipendenti dalla macchina e non da te) nel post vendita, quali differenze trovate rispetto alla garanzia di un ACER da 250 euro? Te lo porti tu, aspetti il giusto, non garantiscono servizi, te lo vai pure a riprendere. La coccola Apple dove sta, per i suoi dispendiosi user? Non avevo mai avuto problemi con un Mac, una volta sola con un iPhone: mi hanno mandato il corriere a casa, hanno poi constatato un problema grave e dopo due giorni mi hanno inviato un modello nuovo (o ricondizionato). Ma per il MBP è diverso. Se trovo un amico con un ACER da 250 euro andato, magari domani mi metto in fila con lui...nello stesso centro. A voi le conclusioni.
  16. Anche il mio. Bergamo, poi Bologna poi Modena. Arrivato a 15 km. da Carpi (dove sto io) alle 08.00 di ieri mattina. Per tutta la giornata in UPS niente aggiornamenti (solo "ritardo, faremo il possibile") e tuttora la data di consegna risulta sconosciuta. In buona sostanza: preordinato al day one, spedito da Apple il 30/09, rimasto fermo in Corea 3 gg.(?), il 7 ottobre mattina ancora nessuna info sulla consegna (che era prevista per il 5/10) sebbene il pacco risulti già qui da un giorno. Quel che si dice un corriere espresso (nel senso che si sta prendendo un caffè con calma...).
  17. Che sia per questi casini che Apple ha indicato nelle recenti spedizioni DHL? Chissà quanta gente si sarà incazzata con loro per il servizio schifo di UPS....
  18. Se a un mio cliente non arriva la merce per tempo e rimane a scaffali vuoti, il Titolare del Conad non se la prende con Stef o Fercam, ma con me. Sono io che li ho scelti, non è così? Poi sarò io a rivalermi su di loro per la perdita di vendite/immagine. Così funziona.
  19. Come già anticipato in altro post, 7Plus 128 gb (bianco/oro) ordinato al day one. Il 30 settembre mi arriva da Apple l'avviso di spedizione avvenuta. Col Tracking # vado su UPS: consegna 5 ottobre. In questi giorni ricontrollo, sempre 5 ottobre. Oggi, appunto 5 ottobre, ho fatto in modo di trovarmi in Azienda per la consegna diretta con firma (sono sempre in giro e non volevo beghe), visto che ieri sera a mezzanotte era ancora confermata per oggi. Stamattina guardo nuovamente...data di consegna riprogrammata per il 6 ottobre. A parte che mi fanno inc....are queste cose, visto che avevo cambiato i miei piani di lavoro per poter esser dentro oggi (mentre domani sarò per clienti, quindi vediamo che succede), ho come la sensazione della presa in giro, dato che compro di continuo decine di oggetti sulla rete con consegne tramite DHL/Bartolini/SDA e non mi è mai capitato (siamo a Carpi, non al Passo dello Stelvio) che un giorno fissato BEN la settimana prima venisse poi disatteso. Poi chissà , magari domattina mi trovo un'altra sorpresa. Tra la indisponibilità prolungata dei prodotti (non parliamo di alcune versioni colore) e questo triste servizio di consegna, Apple sta veramente facendole girare. Per "poter" spendere oltre 1.000 euro per un telefono, dobbiamo davvero subire di tutto. Siamo così.
  20. Ma come mai questo 3d del cazzo procede ancora....? per dire....
  21. Il mio ordine del 9/9 (day one) sullo Store on line per un 7 plus gold 128 GB è ancora in alto mare. 2-3 settimane. fin dal principio. Consegna stimata 04-10 ottobre. Mai aggiornato, finora. Il gold spacca, raga. Mi viene un dubbio: 2-3 settimane dal 9 settembre... 9+7= 16 (una settimana) 16+7= 23 (due settimane) 23+7= 30 (tre settimane). Massima attesa dalla prenotazione. Mi sono bevuto qualcosa oppure il garantire le due/tre settimane ipotizzando nel contempo come consegna il 4-10 ottobre è un concetto che va al di là della normale concezione del tempo?
  22. Se volete divertirvi...andate qui: http://www.istocknow.com e provate a cercare i plus disponibili , non solo in Europa, ma anche in America. Divertitevi con colori e varianti. Poi ditemi se la cosa non è "voluta"....
  23. Quindi tu prendi sempre il modello plus, nella colorazione che ti pare, con la memoria che ti pare, al day one senza sbattimenti? Perché se invece ti sei sempre preso il modello base in una colorazione standard e con memoria bassa...allora non mi sono espresso bene....
  24. Fanno davvero bene: hanno creato un volano di desideri che porta la gente non solo a non voler contestare mai gli altissimi prezzi, ma che oltre ad essere ben disposta a pagarli...si deve pure azzuffare per farlo. Code, corse, ansie...per comprare un cell che costa almeno il 20% in più del diretto concorrente più blasonato tra i tanti (che non sceglierei mai...aggiungo). Davvero un mktg che merita tanto plauso. Sono dei geni. Che tutto ciò sia poi corretto verso i propri clienti, beh...mi sono già espresso al riguardo. Finché dura.....
  25. la questione è questa. Ogni anno viene annunciata l'uscita di un nuovo modello: colori, formati, memoria. Tutti in uscita il day one, ufficialmente. Immancabilmente, giunti ormai se non sbaglio all'undicesima versione del melafonino, NON c'è mai tutto disponibile ...per la data annunciata da mamma Apple. Anzi, scusate, ho commesso un errore: non c'è mai stato niente o quasi. Senza tornare agli anni nei quali prima uscivano solo quelli in abbonamento (becera pratica con le lobbies degli operatori) poi quelli da acquistare, in ogni caso al day one (e successivi) la gente diventa da sempre matta e trova solo alcuni (pochi) modelli, spesso nella versione di memoria base. Le cose sono un pelo migliorate (veramente poco) ma tutto ciò riguarda comunque i modelli base (7 e non 7 plus, colori tradizionali e non il JB). Tenendo conto che quando faccio le previsioni di vendita annuali per programmare la produzione della mia Azienda, che ha 200 formati alimentari venduti in tutto il mondo, e che sono da solo e nemmeno tanto intelligente, sbaglio normalmente di un 5-7 %....questi disastri da parte del colosso mondiale della tecnologia hanno davvero il manico. E una sottile vena di sarcasmo. Come noi vetusti adepti sappiamo bene, non ci sono picchi di prenotazioni inaspettati, né tantomeno difficoltà di produzione. Da parte di Apple. Tantomeno dopo tante esperienze (ci stava coi primi due, forse)...oppure licenziassero tutta la dirigenza Essa si diverte a farci penare per tenerci allegri e di certo qualche stratega di mercato gli avrà riportato più volte che i fanatici (e sono tanti), pur di averlo subito, i primi giorni comprano quello che trovano, per poi magari rivenderlo e prendere il modello desiderato qualche settimana dopo. DOPPIA vendita per milioni di acquirenti...he he. Se non fosse che la cosa fa un po' cagare a livello morale e di rispetto verso i consumatori, sarebbe quasi goliardica. Siamo coglioni...e fanno bene.
×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo