Vai al contenuto





i have a dream

Membri
  • Numero contenuti

    1496
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su i have a dream

  • Compleanno 01/12/1956

Apple Life

  • Apple principale
    MBP.8.2-i7-2.0GHz - MBA 11- i5- iPhone 4 32GB- iPod Nano - Time Capsule 

Come contattarmi

  • Skype
    Paolo.ud

Info principali

  • Luogo
    Udine
  • Occupazione
    Odontotecnico
  • Sesso
    Non specificato

Su di me

  • Interessi
    Apple MAC . Moto R1200GS,
  • Programmi TV preferiti
    Film
  • Film preferiti
    Barry Lindon, Blade Runner, La Passione di Cristo, Una poltrona per due, Matrix 1°,Animal House, ect
  • Musica preferita
    Tutta!!!!!
  • Libri preferiti
    Tanti. In particolare le biografie.
    (Mi piace conoscere le persone)
  • Citazioni preferite
    TOTUS TUUS.
  1. Vi consiglio " Prepazione H"
  2. Per non dimenticare e per non abbassare la guardia: leggete......... (Copiato dal giornale “ Il Fatto Quotidiano†del 20-03-2014 Pagina 19.) Sette anni di campionati falsati CALCIOPOLI, ALTRO CHE SCUDETTI DA RESTITUIRE, LE MOTIVAZIONI DELLA SENTENZA D’APPELLO, CHE HA CONDANNATO L’EX DG DELLA JUVENTUS, SONO DURISSIME: IL SISTEMA MOGGI ESISTEVA E OPERAVA FIN DALLA STAGIONE 1999/2000 di Paolo Ziliani Il punto chiave: “appare indubbio - si legge a pag.108 - che sia emerso un sistema collaudato per falsare le reali potenzialità di alcune squadre†Sette anni di campionati taroccati: quelli giocati dal 1999-2000 al 2005-2006. Sette campionati da invalidare, proprio come i 7 Tour vinti da Armstrong guarda caso proprio negli stessi anni, dal ’99 al 2005. Con una differenza: mentre l’Unione Ciclistica Internazionale ha ottenuto che nell’Albo d’Oro del Tour, dopo lo scandalo-Armstrong, resti un vuoto di 7 anni, nell’Albo d’Oro del calcio italiano, dopo lo scandalo-Calciopoli, resterà poco e niente: la scritta “nessun vincitore†per il 2004-2005 e un asterisco (vittoria a tavolino) per lo scudetto 2005-2006 dato all’Inter. Il resto sta nascosto sotto il tappeto. Altro che scudetti da restituire: qui ce ne sarebbero altri da cancellare. C’è una bomba nelle motivazioni della sentenza del- la Corte d’appello di Napoli sul caso-Calciopoli che ha confermato la condanna di Moggi, Pairetto e Mazzini per associazione a delinquere: è a pagina 108, dove i magistrati scrivono testualmente: “Appare indubbio che sia emerso un sistema ben collaudato, peraltro già operante dagli anni 1999-2000, fra soggetti che sulla falsariga di ‘rapporti amichevoli’ (...) ponevano in essere condotte finalizzate a falsare la reale potenzialità di alcune squadre di calcioâ€. Avete letto bene: “Sistema operante dagli anni 1999-2000â€: proprio la stagione d’esordio del gatto e la volpe Pairetto & Bergamo che fin da subito si misero al servizio del “sistema Moggi†. Come già i giudici di primo grado avevano ipotizzato parlando di un campionato, il 1999-2000, “sostanzialmente condizionato sino alla penultima giornata: quando si giocò Juventus-Parma, diretto da De Santis, e terminato con il risultato di 1-0; e non riuscendo nell’intento di garantire alla Juventus la vittoria finale in quanto gli accordi illeciti già stabiliti vennero compromessi dal clamore suscitato dall’arbitraggio apertamente favorevole alla squadra torinese da parte di De Santis (all’ultima giornata la Juve perse a Perugia e il titolo andò alla Lazio, ndr)â€. È dall’estate del 2006, da quando la Juve venne mandata in B e Moggi squalificato e poi radiato, che una guerra civile infuria fra juventini sedicenti vittime e resto del mondo (del pallone). Forse, informare su quanto i giudici hanno deciso, e sui perché, sarebbe buona cosa. La Cupola, o “sistema-Moggiâ€, esisteva davvero. “Molteplici e articolati, si legge nella motivazione, risultano gli elementi probatori individuanti la sussistenza dell’associazione in parolaâ€. Riassumendo: 1) La “copiosissima mole di conversazioni intercettate fra più associati†che hanno evidenziato “in primis la gravissima intrusione in ambiti federali, della Figc, di soggetti a essa estranei, come appunto il Moggiâ€. E la “leggerezza e apparente convivialità con cui avvenivano accordi per le designazioni delle griglie fra personaggi come il Bergamo e il Moggi o anche il Giraudo†(pag. 103). 2) La “evidente durezza dei rapporti che intercorrevano fra alcuni partecipi al sodalizio†e “l’evidente obiettivo di impossessarsi o di mantenere un potere di controllo†(pag. 104). Sempre su Moggi, “dagli atti processuali emerge il suo ruolo preminente sugli altri sodali†dovuto alla “personalità decisa, ma al contempo concreta e priva di filtri nell’esporre le proprie decisioni†(di qui la distinzione fra “promotore†del sistema, Moggi, e “organizzatoriâ€, Pairetto, Bergamo, Mazzini; pag. 121). 3) Le intercettazioni “sulla cui validità di genuinità e attendibilità probatoria non vi è alcun dubbio†(pag. 105). 4) “L’uso delle schede straniere, utenze utilizzate da molteplici soggetti su chiara ideazione dello stesso Moggiâ€. Un uso che se- condo la Corte è “il punto centrale che identifica la portata della associazione in parola†(pag. 109). 5) “Le riunioni conviviali presso le abitazioni per lo più di Giraudo, Pairetto, dello stesso Moggi e anche del Mazzini†e i “successivi incontri relativi alle imputazioni di frodi sportive (il salvataggio della Fiorentina) in cui si evidenzia la concreta operatività del sodalizio†(pag. 120). 6) Il ruolo “affatto secondario, ma anzi di rilievo nel sodalizio ricoperto dagli imputati Pairetto e Mazzini: i quali in forza della funzione loro attribuita hanno di fatto rafforzato il contesto e l’incidenza del sodalizio†(pag. 113). 7) “La figura assolutamente apicale nel sodalizio del Moggi Luciano†con la sua “influenza davvero abnorme in ambito federale†e la sua “molteplicità di rapporti a vario livello, fuori dalle sedi istituzionaliâ€; per non parlare delle “eclatanti incursioni del Moggi, insieme al Giraudo, negli spogliatoi ove si trovavano gli arbitri (citati i casi di Paparesta e Farneti, ndr) che testimoniano “della abitualità e della spregiudicatezza del Moggi, spesso con il Giraudo, di intromettersi in un luogo che dovrebbe essere inaccessibile almeno ai diretti interessati†pagg. 122-123). Sette anni di campionati falsati. Dopodiché, meglio non pensare al calcio ante Bergamo & Pairetto. Perché al pensiero che nel ’97-98 (Juve-Inter 1-0, arbitro Ceccarini) il designatore degli arbitri era Baldas, e cioè il burattino azionato da Moggi, anni dopo, alla moviola del Processo di Biscardi, vien voglia di darsi al curling. Copiato dal giornale “ Il Fatto Quotidiano†del 20-03-2014 Pagina 19 ********************************-------------------------***************************************** Ps: Personalmente penso che, di nuovo, il marcio stia tornando. Piano, piano, i primi segnali già si ricominciano a intravedere!
  3. Per valutare la vera forza della Juventus basta prendere i risultati conseguiti in campo europeo. Domina nel campionato italiano per la mancanza ( eccetto Roma) di competitori forti costanti: Forti con i deboli, deboli con i forti. Ps: comunque sempre meglio del nostro MARASMA!
  4. Per tre papine........questa'anno................ci serve un miracolo.............forse due........... e può darsi che anche così non basti a battervi!
  5. La ruota gira........ Te ne lascio un po così potrai digerire l'eliminazione sia in Champions che in Coppa Italia............non doveva essere il vostro anno per il triplete?
  6. Ok. comincia a trangugiare che poi ti porto il bicarbonato..........sai......certe cose sono dure da digerire..............oooops
  7. Alla fine sono solo ciance... Negli affari la morale non esiste, esiste solo la capacità di guadagnare qualcosa in un affare, o l'incapacità di perdere qualcosa.Fatto sta che di certo la questione morale non ha ragione di esistere, la rabbia della Juve sta solo nell'aver perso un'occasione enorme che non gli capiterà più.. il resto sono parole al vento....
  8. Cazzo non riesci a essere obiettivo! sempre con questi distinguo per cercare di dimostrare una vostra supposta superiorità .
  9. Io, tutte queste distinzioni che fai per cercare di rendere situazioni molto simili, diverse, mi pare un modo infantile di arrampicarsi sugli specchi, il volere avere ragione a prescindere. Da quando esistono, i contratti hanno decorrenza " ALL'ATTO DELLA FIRMA" e non (in questo caso) a visita medica. Te capì testina!!!!!!!!! Ps: Non scaldarti tanto che diventi anche offensivo!!!! Potrei dirti che sei tifoso dell'unico top team europeo che è stato retrocesso non per demeriti sportivi ma per essere un team di "TARROCATORI DI CAMPIONATI". Bel record.......
  10. La scelta tecnica di Conte arrivo alla fine della trattativa quando tutto era già concordato. Poi salto tutto. Anche in quel caso ci fu poca comunicazione fra il vostro staff tecnico e la dirigenza............ a prescindere dal tifo un minimo di obbiettività per dio............ l'importante è crederci nelle cose.
  11. Hai ragione, "Forse i lanciatori di motorini fanno un po' fatica a capirlo..." come fanno fatica a capire quelli che ancora pensano che CALCIOPOLI e stata tutta una montatura orchestrata dall'Inter. Marotta si indigna per il comportamento dei dirigenti dell'Inter dimenticando come si è comportato nel caso nel caso Isla. L'uomo è un po strabico......in tutti sensi!
  12. Sentire Conte che recrimina sulle condizioni del campo, che non si doveva giocare, che hanno arato la meta campo della Juve( ma non doveva segnare il Gala e alla Juve bastava anche 0-0), che l'allenatore del Gala è un certo Mancini, che ha segnato Sneijder............. ecco tutto questo non ha PREZZO..............per il resto c'è MASTERCARD.................... Lo so cosa mi direte: che proprio noi non abbiamo niente da ridere........ purtroppo!!!!!!!
  13. E inutile scandalizzarsi: sono quello che sono fin da piccoli . Questo è il loro stile. La classe si riconosce quando c'è, ancora di più quando non c'è! ……………….MOGGI DOCET…………….
  14. Non voglio essere cattivo, ma questi sono i commenti che mi fanno scompisciare dal ridere
  15. Farsi visitare da uno come Vittorino Andreoli. Ps: Ma rileggi quello che scrivi?
×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo