Vai al contenuto





ellelle

Membri
  • Numero contenuti

    4125
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di ellelle

  1. Ho tre biglietti per il concerto dei Depeche Mode del 18 a Milano Stadio San Siro Anello rosso Numerato Ingresso 9 Settore 328 Fila 9 Posto 16 Posto 17 Posto 18 41,40 € l'uno (costo biglietto + prevendita). Spedizione gratuita. E poi ho anche un biglietto per quello di Roma il 20 allo Stadio Olimpico Tribuna Monte Mario Numerata Ingresso 12-13 Settore 12AD Fila 65 Posto D03 63,25€ (costo biglietto + prevendita). Spedizione gratuita. A Milano volenvo andarci con la famiglia e a Roma in solitaria, ma è saltato tutto. Che tristezza!
  2. Storico... mamma mia! Mi fa sentire più vecchio del necessario.
  3. Kodály: Laudes Organi Mamma mia ma quant'è bella questa canzone. Nel complesso è un album meraviglioso. Poesie in musica.
  4. Passo giusto per dare la buonanotte.
  5. Ho visto solo oggi il messaggio. Grazie!

    Visto che Natale è già passato, ti auguro una buona fine ed un migliore inizio.

  6. Saṃsāra? Ora vado a nanna. Ho pagato le bollette, le rate del condominio e preparato le planimetrie per la tariffa rifiuti. Che due balle! ... si può dire che due? Mi sono anche letto qualche articolo sul Parabolic SAR, che però studierò solo nei prossimi giorni. Anzi adesso apro un topic. Vuoi che non ci sia qualcuno su IM che lo usa?
  7. Io sto pagando le rate del condominio...
  8. Sì. Il Profeta di Gibran è di una bellezza da commuovere. Qui ti puoi leggere la versione online Personalmente lo trovo fonte di continua ispirazione e meditazione. E una donna che reggeva un bambino al seno disse: Parlaci dei Figli. E lui disse: I vostri figli non sono figli vostri. Sono figli e figlie della sete che la vita ha di sé stessa. Essi vengono attraverso di voi, ma non da voi, E benché vivano con voi non vi appartengono. Potete donare loro amore ma non i vostri pensieri: Essi hanno i loro pensieri. Potete offrire rifugio ai loro corpi ma non alle loro anime: Esse abitano la casa del domani, che non vi sarà concesso visitare neppure in sogno. Potete tentare di essere simili a loro, ma non farvi simili a voi: La vita procede e non s'attarda sul passato. Voi site gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio sul sentiero dell'infinito, e vi tende con forza affinché le sue frecce vadano rapide e lontane. Affidatevi con gioia alla mano dellì'Arciere; Poiché come ama il volo della freccia così ama la fermezza dell'arco.
  9. Allora una donna disse: Parlaci della Gioia e del Dolore. E lui rispose: La vostra gioia è il vostro dolore senza maschera, E il pozzo da cui scaturisce il vostro riso, è stato sovente colmo di lacrime. E come può essere altrimenti? Quanto più a fondo vi scava il dolore, tanta più gioia potrete contenere. La coppa che contiene il vostro vino non è forse la stessa bruciata nel forno del vasaio? E il liuto che rasserena il vostro spirito non è forse lo stesso legno scavato dal coltello? Quando siete felici, guardate nel fondo del vostro cuore e scoprirete che è proprio ciò che vi ha dato dolore a darvi ora gioia. E quando siete tristi, guardate ancora nel vostro cuore e saprete di piangere per ciò che ieri è stato il vostro godimento. Alcuni di voi dicono: "La gioia è più grande del dolore", e altri dicono: "No, è più grande il dolore". Ma io vi dico che sono inseparabili. Giungono insieme, e se l'una siede con voi alla vostra mensa, ricordate che l'altro è addormentato nel vostro letto. In verità voi siete bilance che oscillano tra il dolore e la gioia. Soltanto quando siete vuoti, siete equilibrati e saldi. Come quando il tesoriere vi solleva per pesare oro e argento, così la vostra gioia e il vostro dolore dovranno sollevarsi oppure ricadere. Gibran Kalhil Gibran
  10. A chi rimane. Amara pianta. Prigioniera fra le crepe di questa sterile terra, che prosperi fra le piaghe della morte, che spacchi le mie labbra, che inaridisci i miei occhi. Una volta di più, una volta ancora. La frusta faccia sentire il morso sulla mia carne, che questo vomere spezzi l'arida terra, che la mia rabbia e le mie grida la bagnino, che il pianto di un bambino possa fecondarla. Sia.
  11. A chi è in bilico fra la vita e la morte, ed ai suoi familiari.
  12. In questi giorni ho pensato a lungo a questa cosa, ed oggi ho chiesto al parroco la celebrazione di una Messa mettendo nelle intenzioni proprio questo. Anche da parte mia, una preghiera verso tutte quelle persone che sono in difficoltà . Che sia di aiuto, a non perdere la prospettiva delle cose, ed a non sentirsi completamente soli nel turbinìo della vita quotidiana.
  13. Ma quanto è bella la gente di questa community?
×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo