Vai al contenuto





adrix

Membri
  • Numero contenuti

    9713
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    8

Tutti i contenuti di adrix

  1. Io anche mi trovo bene.. ogni tanto non funziona e me ne faccio una ragione, lo azzero e riparte. Raramente fa' soffrire.
  2. Si, penso che il divertimento sia fondamentale..
  3. Generalmente dovresti correre all'80% della tua frequenza cardiaca massima, quando fai una corsa lenta senza particolari pretese ma allenante; questa corsa dovrebbe corrispondere alla corsa alla velocità della tua SAN (soglia anaerobica) aumentata di 45 secondi.
  4. ..e intanto ti diverti come un matto . Grande Papero. Ho conosciuto qualche triatleta e mi sembra che si facciano un discreto mazzo, anche se alla fine la corsa è quella che incide più di tutto sulla prestazione finale. Giusto?
  5. Papero, per me rimani sempre il #1
  6. No, Olé è il classico saluto dei podisti romani. Salutavo così, perché così ci salutiamo anche con Marzia Caravelli quando ci incontriamo al "Paolo Rosi", dove spesso si allena. Lei è fresca vincitrice dell'oro nei 100hs ai giochi del mediterraneo. Grande! Poca roba in confronto ad alcuni grandi campioni del forum, però noi figli di un dio minore ci accontentiamo volentieri. Olé Marzia. Uploaded with ImageShack.us
  7. Il Polar è sempre stato un ottimo prodotto, ma se non ti piace perché hai motivi che ti spingono a preferirlo ad altri prodotti, ben vengano, questo non significa che chi lo usa vada a 6' al km o voglia socializzare per condividere con altri le proprie corse. Oggi per me è la serata finale di uno stage che sto facendo in Sardegna con il mitico Pizzolato e su 24 persone che hanno partecipato, nessuno ha mai detto a nessun'altro che corre a 7' a 4' o a 3'30", tutti rispettano la fatica di tutti gli altri che è uguale a quella di tutti, perché corriamo ognuno con il massimo del nostro impegno e con la voglia di migliorarci. Buone corse... e attento, che c'è sempre qualcuno più forte di te!
  8. Penso ci siano delle differenze, come dicevo, fra modelli, tanto che quelli che conosco che hanno il 910 si lamanetano per la mancanza di precisione, evidentemente è una corretta rilevazione delle cose.
  9. Ciao Devil, ti do il mio parere personale. Fra Garmin e Polar opterei per la famiglia dei Garmin, perché il Polar è superiore nella precisione del cardio, ma il Garmin è di gran lunga superiore nell'interfaccia grafica, nella gestione delle mappe e degli allenamenti. Anche la programmazione sul campo, ovvero direttamente dal device è ottima e, secondo me, migliore del Polar che ho avuto in prova dalla casa madre per 3/4 giorni. Fra i Garmin: il 210 è di una generazione posteriore ed ormai troppo superato, inoltre prende i satelliti dopo molto tempo dall'accensione. Fra il 310 ed il 910 il rapporto qualità prezzo è sbilanciato chiaramente a favore del 310, oltre al fatto che molti utenti si trovano con problemi di precisione del 910 che, anche costando di più, è meno accurato nel rilevamento della posizione. Modalità di acquisto: il 310 va comprato su Amazon che ha, di solito, il prezzo più conveniente, ma va preso senza la fascia che deve essere comprata a parte; infatti, la fascia in dotazione è mediocre e non dura più di 100 allenamenti, mentre la fascia buona è la 010-10997-00, cioè questa http://www.amazon.it/Garmin-010-10997-00-Fascia-Cardio-Standard/dp/B000UOD5QM/ref=sr_1_2?s=electronics&ie=UTF8&qid=1371199021&sr=1-2&keywords=fascia+garmin Per qualsiasi altra informazione sono a disposizione per quello che conosco e se vuoi mi trovi anche come mod su runners.forumitaliano.it dove esistono sezioni specifiche per ogni cosa. Ciao.
  10. Quelli con il Mac corrono e quelli con Win camminano..... scherzo, però....
  11. Buonasera Dean, non manca l'impegno, ma ti serve qualche consiglio in più per variare allenamenti e migliorare la preparazione con l'obiettivo di raggiungere maggior velocità . Dovresti inserire dei "lavori", cioè delle ripetute che ti permetteranno di migliorarti molto velocemente. Ti consiglio di vedere anche questo forum, dove sarà più facile ricevere consigli. Ciao e buone corse. http://runners.forumitaliano.com
  12. Giustissimo: divertente e gratificante.. e con i miglioramenti aumenti autostima e voglia di allenarsi.
  13. 10k sotto la soglia dell'ora... come si dice fra runners: battere il moribondo!!!! Vedrei che presto ce la farai, basta correre tre volte a settimana. Metticela tutta.
  14. Resoconto del 19 maggio 2013 10a edizione della Race for the cure. Roma 5 km Sono alcuni mesi che non corro una 5 km e quindi decido di partecipare facendo uno scarico per gareggiare al meglio e cercare di ritoccare il mio personale che risale al 2012 con un tempo di 21' e passa; il personale che ho è talmente vecchio che il mio passaggio ai 5000 nella gara di 20 giorni fa', dove ho fatto il personale dei 10 km, è migliore!! Preparo la borsa con meticolosità , ma do per scontato di aver preso le mie fidate Brooks T7 racer e rischio invece di lasciarle a casa. Comunque, solita sveglia di buon ora e colazione più leggera delle altre volte: infatti, questa settimana ho sperimentato una nuova alimentazione pre gara ed ho deciso di non eccedere con il pane e/o fette biscottate e miele e di assumere invece un integratore pre gara; in questa settimana ho fatto alcune prove anche durante l'allenamento per le gare più lunghe, e quindi adotto il metodo, però senza improvvisazioni. Arrivo al Circo Massimo di buon'ora e dopo qualche peripezia montiamo, con il Presidentissimo, il gazebo. Arriva subito Ale Marconi e poi, via via tutti gli altri amici dei forum e della società : oggi c'è il pienone. Un giro con gli amici fra gli stand posti dentro il catino dello spazio che da Tarquinio Prisco ha permesso a Roma di avere uno dei più imponenti stadi che esistano, se non il maggiore dell'antichità e che da 26 secoli caratterizza la capitale, e la voglia di iniziare il riscaldamento ci fa' tornare al gazebo per le operazioni di cambio. Con Max Cave, Freccia e Ale Marconi ci dirigiamo all'arco di partenza: la sede stradale è completamente affollata, però è stato lasciato posto per i i partecipanti alla competitiva e ci mettiamo a correre in tondo come i criceti mentre migliaia di persone osservano i noi runners come se fossimo degli atleti di altissimo livello, inconsapevoli del livello mediocre di molti... soprattutto il mio. Mi allontano per un breve bisogno sorto all'ultimo ed al ritorno vengo chiamato da Gravity nella griglia dei più forti: mi accomodo ben volentieri, visto che oggi vorrei tentare a correre un po' spedito. Max Cave, Robertino e Gravity parlottano per stabilire una tattica condivisa; tante facce conosciute fra le prime file, ma nessuno di CAT, i più forti oggi hanno fatto riposo ed io non sono ancora in grado di tenere alto l'onore della società : cercherò comunque di fare del mio meglio. Inno di Mameli, conto alla rovescia e VIA! Faccio i primi 300 metri sui 3'10â€/3'30â€, poi mi ricordo che non devo correre dietro a Gravity che penso viaggi sui 2' alti!!! Qualche saluto e poi inizio ad entrare in gara: lasciata via dei Cerchi prendiamo via delle Terme di Caracalla, dove prima del biscotto incrocio i primi, in senso inverso, che sembra scappino dall'incendio del parco dell'Appia Antica. Praticamente volano!! Faccio l'inversione del biscotto in modo straordinario; sono in forze e praticamente mantengo il ritmo per tutta l'inversione: le scarpette emettono un suono che la dice lunga sulla loro sofferenza, ed infatti al termine della gara trovo chiari i segni del maltrattamento. Poco dopo questa inversione trovo il cartello del primo chilometro (gara misurata perfettamente, finalmente): porca miseria, 3'47â€! Non va bene, anche se non sento la fatica devo assolutamente rallentare, sono troppo fomentato e mi devo ricordare che mancano altri 4 km. Dopo il lato di ritorno svolta a destra e iniziamo a correre su via di San Gregorio: il Colosseo si erge di fronte a noi. Per chi corre più tranquillamente è il solito spettacolo meraviglioso, io ho altri problemi: dopo qualche metro salgo sul marciapiede di destra perché i sampietrini mi danno troppo fastidio con le T7, però in prossimità della salita devo scendere per percorrere la traiettoria più corta, intanto è passato anche il secondo chilometro ed il parziale è 3'52â€, proprio il tempo al quale volevo correre. Iniziata la salita, inizio a soffrire lo sforzo: mancano meno di 13 minuti alla fine della gara e non ho la minima intenzione di mollare un metro. Imboccata via dei Fori Imperiali inizia la discesa, riprendo fiato, ma corro comunque sui 3'40â€/3'50â€, lasciato il Colosseo sulla sinistra ritornano i sampietrini e mi sposto al centro strada, da solo, per avere una superficie più comoda: quella asfaltata. Anche il terzo chilometro vola via; il GPS mi indica che ho corso a 4'00â€: cerco subito di reagire ed arrivati a largo Corrado Ricci, saliamo per qualche metro verso via Cavour per un biscotto veramente indecente; la mia inversione non è neanche la lontana parente della prima, la sofferenza e la stanchezza si fa' sentire. Riprendiamo per via dei Fori Imperiali, direzione piazza Venezia/Altare della patria: saltiamo in molti sul marciapiede antistante il mausoleo dell'ignoto milite, mentre un manipolo di giapponesi indietreggiano per non essere travolti dai runners indemoniati dall'agone velocistico. All'inizio di via del teatro Marcello controllo il GPS convinto che manchino circa 1500 metri ed invece scatta il quarto km: 3'56†il parziale; ci siamo, appena un po' più veloce sarebbe meglio, però va bene così. Affronto la breve salita di un centinaio di metri e via verso Bocca della verità : è quasi fatta. Al semaforo con vico Jugario si vedono per terra ancora chiari i segni del km 40 della Maratona di Roma: non avendola corsa mi chiedo se i partecipanti alla lunga corsa avevano la stessa sofferenza che mi accompagna da circa 500 metri. Cerco di mantenere una spinta ancora che mi faccia viaggiare sotto i 4' e dai tre/quattro controlli che effettuo al GPS così mi sembra, ma nello strappetto finale corro per una cinquantina di metri più piano dei 4'30†e nonostante lo scatto finale corro l'ultimo chilometro ad una media di 4'01†e gli ultimi metri a 2'44â€. La frittata e fatta, non riesco a portare a casa il 19'25†programmato, ma ottengo comunque unsoddisfacente 19'43†ufficiale o meglio 19'39†del GPS. Finalmente ho corso una gara sotto i 4'00â€. Era ora. Dopo 13 mesi di duri allenamenti di cui i primi due in condizioni veramente pietose, corro ad un ritmo decente, o meglio corro! Molto meglio di quella prima seduta di inizio maggio 2012: due chilometri in 15 minuti ed abbandono per manifesta impossibilità a continuare!!!! Ristoro finale da dimenticare: rimedio una bottiglietta d'acqua quasi per fortuna, poi abbandono l'area della distribuzione sopraffatto dalla folla. Vado via soddisfatto del risultato raggiunto e con gli amici ci scambiamo complimenti a vicenda per i tempi fatti: sono secondo di CAT Sport, la mia società , segno evidente che oggi i migliori sono in day off. Mi cambio con calma e prendo comodamente posto sulla mia sediolina portatile e dal crinale sud del Circo osservo le migliaia di persone che oggi partecipano a questa giornata dedicata alla lotta al tumore del seno: complimenti a tutti per la partecipazione e la presenza. Buone corse a tutti ed alla prossima gara.
  15. L'iPhone lo spengo tutte le volte che lo vendo per cambiare modello L'Air da 11 pollici dal giorno dell'acquisto non l'ho mai spento, ...anzi Giggione (il mio collaboratore-amico) non l'ha mai spento. Il mio Air 13 lo spengo solo quando lo porto in giro. L'iPad 4? Ha il tasto off?!! Ora mi comprero un bel iMac 27; lo vorrei tenere qualche anno. Acceso ovviamente.
  16. Grandissimo Papero. Complimenti.
  17. Mai corso con il cellulare e con l'iPod e neanche con la fotocopiatrice.
  18. Runners, battete un colpo!
  19. Io la frequento pagando le singole entrate (21€), perché corro e la palestra la frequento circa 3/4 volte ogni 12/16 settimane come completamento della mia preparazione. La palestra è ottima e le donne non mi molestano più di tanto... anzi a me piacciono le donne! , però vedo che a tantissimi frequentatori uomini piacciono gli altri uomini, ma quando vado per allenarmi non mi faccio infastidire. In ogni caso: le attrezzature sono ottime ed adatte ad allenarsi al meglio, i tapis r. permettono a quelli come me di correre, perché arrivano anche oltre i 20 km/h; i vari "pompati" non li calcolo molto in quanto al "pompato tipo" do circa 20/30 minuti sui 10 km, mentre sulla mezza maratona e sulla maratona, loro non arrivano proprio. Il pregio maggiore è che c'è ordine, pulizia, cassette portavalori e un'ottima zona benessere. L'abbonamento lo reputerei conveniente se frequentassi assiduamente o almeno di più, anche considerando che ho sempre visto piscine degne di questo nome oltre la palestra. Un mio collega di studio ha l'abbonamento triennale che gli permette di andare in qualsiasi palestra in Italia ed all'estero.... vedete voi! Cara? Qualcuno potrebbe trovarla economica per quello che offre e per quello che offrono le concorrenti.
  20. No, io non sono così bravo da poter gestire questo metti e togli... sono un signore di una certa età ! Il problema è che viaggio sulle 200 telefonate al giorno, 10/20 email e qualche messaggio, oltre ad un po' di internet, quindi due cariche al giorno ci stanno tutte. Oggi sono partito alle 7:30 con il 100% e alle 12:10 ero al 6%, quindi minicarica fino al 40% e poi, in via eccezionale pranzo a casa dai miei; alle 4 sono ripartito con il 100% ed avendolo usato poco, essendo venerdì, eccoci qui al 39%. Non sono scontento dell'iPhone, ma certamente non salto di gioia per questa situazione.
  21. Un bel paio di Oakley per correre.. costano una fortuna!! Uploaded with ImageShack.us
×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo