Vai al contenuto





Gionny

Membri
  • Numero contenuti

    1395
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    2

Apple Life

  • Apple principale
    MacBook Pro 13" Unibody
  • Utente Apple dal
    20 Settembre 2005
  • Altri Prodotti Apple posseduti
    MacBook Pro 13"; PowerBook G4 12"; iPod Classic nero 80 GB (2!); iPod Shuffle 4G "Senit Signature".

Info principali

  • Luogo
    In italia, ma non in Italia.
  • Sesso
    Non specificato

Su di me

  • Interessi
    Di tutto e di più
  1. Forse sono arrivato tardi, ma le miniDV si trasferiscono solo via Firewire.
  2. Beh, io l'ho comprato durante il 2011, DVD con relativo seriale, mappa dei pulsanti e quel manuale enorme, ho tutto, ma da quanto sapevo le versioni da negozio non venivano aggiornate da App Store e l'ultima disponibile al di fuori di esso era la 3.2.4, pensavo (con una certa irritazione) che per arrivare alla 3.5 avrei dovuto ricomprare tutto, invece hanno sbloccato il sistema.
  3. Io mi trovo bene, certo il mio computer a volte è un po' affaticato, ma in linea di massima il programma è ben strutturato e funzionale. La libreria (o librerie) si gestisce più o meno allo stesso modo di iPhoto ma ci sono molte più opzioni per la post-produzione. A livello di difetti devo segnale che lo strumento di riduzione del rumore non brilla per efficienza e che siccome le regolazioni le applica in tempo reale serve un processore potente accompagnato da più RAM che puoi e magari un disco veloce. Della GPU può praticamente farne a meno. Ricordiamoci infine che non sostituisce Photoshop, ma Lightroom e CameraRaw, quindi non si fa il ritocco "intenso", ma la regolazione dei file.
  4. Io ho approfittato di questa strana politica di Apple, e a dirla tutta mi sento pienamente in diritto perché io Aperture 3 lo avevo preso su DVD pagandolo ben più della controparte dell'App Store, tanto più che è una versione intermedia, anche se con grafica rifatta (in effetti lo avrei potuto comprare 2 volte e mezza con quello che avevo speso!).
  5. Immagino che il problema siano i driver delle USB e delle schede di rete. Io proverei a masterizzare i driver su un cd/dvd, poi installerei da quello.
  6. Ho problemi anche io con mail. Per varie ragioni ho preferito fare una installazione pulita perché il mio 10.6.8 ha parecchie pecche, di conseguenza devo trasferire tutto a mano. Il mio problema è che il mio account yahoo è di tipo POP e quindi non posso riscaricare le mail ricevute e al tempo stesso il nuovo mail di Maverics non riconosce l'account ne tantomeno le cartelle con le mie email. Come posso risolvere?
  7. Ok molto bene, cambiamo discorso. Non avendo avuto risposte sto restando Maverics su un disco esterno e VA IN STOP! Ora però sorge una domanda, capita anche a voi che il Mac si risvegli solo premendo il pulsante di accensione? (Computer MacBook Pro con OS X 10.9 e senza tastiera e mouse bluetooth.)
  8. Allora, faccio il punto della situazione. Dal mio ultimo intervento ho cambiato modo di utilizzo del portatile, in un certo senso ho iniziato a maltrattarlo rispetto a come lo usavo prima (lo facevo scaricare come quando usavo il powerbook G4), ed in effetti ho notato una stabilizzazione dell'amperaggio misurato ed una leggera risalita del conteggio (mi piacerebbe tornasse ancora un po' più su, ma mi posso accontentare). Sostanzialmente il computer ne guadagna in salute. Per quanto riguarda la pagina che andrebbe cancellata, ho provato poco fa a cercarla con google e tramite il supporto del sito ufficiale, ed in effetti al momento la prima pagina che si trova è differente (la guida indicata divide i modelli in due categorie e non fa riferimento ad attese di ore, il tuo link), quella che saltava fuori per prima fino a 6 mesi fa è nei meandri del sito, molto meno semplice da raggiungere. Il mio giudizio su coconut invece è un po' diverso dal tuo, perché per come l'ho potuto osservare, sostanzialmente prende i dati dal sistema (amperaggi e cicli) e poi ci fa i calcoli sopra, ma io faccio riferimento ad una versione un po' vecchia, non so come si comportano le più recenti. Ultimo appunto. Sei bravo e i consigli che dai sono ottimi, ma leggendoti sembri anche un pochino troppo scorbutico, migliorati anche in questa direzione, sarai anche più piacevole da leggere.
  9. Dopo tanto tempo voglio capire cos'è che impedisce al mio computer di andare in stop in modo automatico. Il mio computer è un Macbook Pro 13" "inizio 2011" con processore i5, 4 gb di RAM e OS X 10.6.8. Il fenomeno è che trascorso il tempo impostato in "Risparmio Energia" non va in stop da solo, né a batteria, né alimentato a rete. Dubito che il problema sia hardware, visto che i due portatili che ho avuto prima, un Pro da 15" e un 17" (quest'ultimo in particolare aveva un problema con la scheda audio per cui avevo installato un piccolo software che la teneva sempre attiva e a cui imputavo la colpa dell'inconveniente, sbagliavo), presentavano lo stesso inconveniente. Per questo vi sottopongo i processi attivi sulla mia macchina: Allora, naturalmente Anteprima è stato usato per catturare l'immagine, poi segnalo che SpyderUtility è un software caricato in background a corredo del colorimetro elettronico che uso per calibrare il monitor. Ragazzi datemi una mano, non voglio portarmi questo problema anche su Mavericks!
  10. Perfetto, cambierò modo di utilizzo e vedrò se ci saranno miglioramenti. Alcuni suggerimenti mi suonano un po' strani perché Apple dichiara che periodicamente va effettuata una calibrazione che consiste anche nel lasciare il computer scarico a 0% per 5 ore, inoltre in caso di lunga inattività consigliano di lasciare la batteria al'80%.
  11. Sono consapevole delle limitazioni dei dischi ibridi, ma come ho detto posso spendere relativamente poco (altrimenti mi sarei preso un SSD della capienza più ampia possibile) e il masterizzatore mi serve. So anche che uno esterno pesa poco e che il masterizzatore si deve usare su una superficie stabile, ma il mio problema sta nel trasporto, meno aggeggi e cavi mi devo portare dietro meglio è, e non sempre so cosa dovrò fare una volta sul posto, quindi il masterizzatore interno mi fa carne e sangue perché se non lo avessi e non mi fossi portato l'esterno dovrei tornare a prenderlo, oppure portare via spazio ad altre cose più utili magari inutilmente. Fusion drive o disco ibrido, il concetto di base è simile, un disco meccanico e un disco flash che lavorano in un unico volume logico, ed è vero che la soluzione ibrida per quanto rapida sta a metà via fra quella meccanica tradizionale e quella Fusion/SSD, ma (come esposto sopra) non posso permettermi di montare due dischi nel portatile, ne tantomeno un disco SSD puro, allora invece che triplicare la velocità mi accontento solo di duplicarla (parlando in senso figurato naturalmente). Per la cronaca so che ora Seagate è scesa a 5.400 giri, ma da misurazioni e test non fatti da loro (e presumo neppure commissionati da loro visto quanto ho dovuto cercare per trovarne un paio) la velocità è allineata con il precedente 750 gb da 7.200 giri, vuoi per densità (il 25% in più) oppure per il miglioramento della comunicazione fra i due componenti. Vi saprò dire nei prossimi giorni se le cose sono migliorate dalla situazione attuale. Ricordiamoci sempre che la soluzione più prestazionale a volte non è praticabile o non è funzionale per gli scopi dell'utilizzatore (che è l'unica cosa importante) e il compromesso spesso risolve il 99% dei problemi senza obbligare a fastidi maggiori. Tornando alla RAM, ho letto la pagine dei link, ma tu non hai letto bene la mia domanda. Io ho chiesto a TE se c'è da fidarsi, non cosa dicono agli altri.
  12. Ti ringrazio, ho capito il discorso del voltaggio, e da quanto ho letto nei link che hai postato con gli i5 Sandy Bridge (il mio) non dovrebbero esistere problemi neppure con RAM non testata. In realtà da spendere 110€ a spendere 115€ mi cambia pochissimo e in caso di qualsiasi problema mi permetterebbe di fare la voce grossa nel caso di richiedere la sostituzione in garanzia, considerando poi che preventivavo la Crucial a 145€ (nota: attualmente indica una "CL 9" e solo modelli da 1,35 Volt) e in negozio mi avevano parlato di non meno di 90€ a banco... Vorrei però chiederti se c'è da fidarsi di questa marca, "Komputer Bay" non l'ho mai sentita dire e 25 recensioni su 189 parlano di numerosi crash di sistema. Ringrazio anche per il consiglio dell'SSD al posto del masterizzatore, ma ho dovuto scartare queste soluzioni perché il masterizzatore continua servirmi (spesso non posso portarmene uno esterno) e per via dei costi. La soluzione del Seagate ibrido (sostanzialmente il "Fusion Drive") mi permette di aumentare di parecchio la velocità di lettura e scrittura contenendo le spese in maniera molto più che sensibile (un SSD da 480 gb si aggira intorno ai 400€ mentre l'ibrido da 1 tb me lo fanno pagare "solo" 124 €).
  13. A me è successo un anno fa con il computer preso da 15 mesi, in quell'occasione mi perdeva il 4~5% di capienza ogni giorno e senza alcun segno di ripresa. In assistenza me l'hanno testata e poi sostituita in garanzia (fuori Applecare). Al momento sto di nuovo sperimentando una curiosa decadenza della batteria, non così rapida ma sospetta. non riesco a capire se sono io che la uso male o il sistema di gestione è difettoso. Che voi sappiate, il chip di gestione è sulla scheda logica o sulla batteria?
  14. Ciao, è da un po' che non passo di qui, ma sono in procinto di fare alcune migliorie al portatile e chiedo consigli. Nella fattispecie ho ordinato un disco fisso ibrido Seagate (che non dovrebbe creare alcun problema essendo di fatto tutto integrato e non richiede driver per funzionare) e sto pensando all'aumento della RAM. E qui nasce il dilemma. Premettendo che mi rivolgerei a Crucial, sono indeciso se attenermi alle specifiche ufficiali, che indicano 8 gb come massimo supportabile, oppure seguire il "consiglio" di Crucial e arrivare a 16 gb (sempre da 1333 mHz per non fare casino). Voi che fareste? Esistono rischi di incompatibilità presenti o future (al momento uso OSX 10.6.8, ma nel futuro non escludo il passaggio a 10.9, eventualmente un dual boot)? Esiste il rischio di spendere denaro in più e poi di non poter usare tutta la memoria per limiti del firmware (o simili)? Qualcuno ha fatto questo upgrade "fuori misura", come si è trovato? OT: qualcuno ha avuto problemi con la batteria su questo modello?
  15. Se sei disposto a sborsare i 1.500 € per la Canon G10, allora forse potresti valutare la JVC GC-PX10. Produce file simili a quelli delle Samsung, ma hanno bitrate doppio (36 megabit contro 18), sensore più grande e retroilluminato, connessioni per cuffie, microfono e modalità manuali facilmente utilizzabili. Rispetto alla Canon G10 manca solo la ghiera in stile semi-pro (sostituita da una rotella laterale) ed il connettore per il telecomando su filo.
×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo