Vai al contenuto

Benvenuto nella community di Italiamac Forum

Guest Image

Benvenuto su Italiamac, la più grande comunità AMUG italiana riconosciuta da Apple. La consultazione è libera. Se vuoi anche partecipare attivamente alle discussioni pubblicando post e messaggi puoi iscriverti gratuitamente, avrai molti vantaggi:

  • Pubblicare post, messaggi e richieste di aiuto
  • Fare amicizia e usare i messaggi privati fra utenti
  • Pubblicare annunci di vendita di usato
  • Usare tutte le funzioni della community

ISCRIVITI GRATIS


Change Mode






[Problema] Yellow Dog su Firewire e problema Video


MacJack

Recommended Posts

Salve a tutti,

pochi giorni fa ho scritto qui una richiesta di aiuto su come installare Ubuntu su HD Firewire.

Dopo essermi reso conto che la procedura era estremamente complicata, ho effettuato delle ricerche per trovare una distribuzione Linux che rispondesse al mio pre-requisito: essere avviabile da HD Firewire.

Ho quindi trovato Yellow Dog, distribuzione che, oltre ad offrire ESPLICITAMENTE la funzione da me richiesta, era indirizzata agli utenti PPC... un fattore ancora più di sicurezza per il mio iMac G5.

Durante la prima installazione ho avuto un problema riguardo ad un piccolo file da 300k, il quale apparteneva al sistema grafico X Window.

Poco male, ho cancellato tutto e ricominciato, escludendo quindi la componente appena citata.

Dopo aver completato con successo l'installazione, ho effettuato la semplice procedura consigliata per avviare Linux dall' HD firewire, ovvero la pressione del tasto OPZIONE e l'HD di Linux è comparso nel menu.

Inaspettatamente però, durante la fase di avvio, è comparsa la schermata bianca dell' Open Firmware del Mac, con il seguente messaggio di errore:

"opening display /pci@0, f0000000/NVDA, Parent@10/NVDA, Display-B@1... "

dopo questo c'erano altre scritte di poco conto, ma ad un certo punto compariva anche questa:

"Invalid memory access at &SRR0: 0000 0000. 0140380C &SRRI: 100000000. 00083030

1 2 kPES does not equal kCCS"

Da quel poco che ci posso capire sembrerebbe un problema della scheda video... il che mi lascia davvero senza parole xk una volta tanto non sarebbe un problema del boot ma un'altra cosa che non c'entra nulla!!!

Credetemi sul fatto che non ne posso davvero più di questa faccenda, perché sono giorni e giorni che tento di fare questa operazione, in fin dei conti molto banale :D

Se potete darmi qualche aiuto, consiglio, sarò felice di riceverne!

Grazie

Giacomo:ciao:

Macbook Pro i7 2.6Hhz, 8GB RAM

Macbook 2.2Ghz, 4GB RAM

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 58
  • Created
  • Ultima Risposta

ma hai installato la versione a pagamento di yellow dog? perché non mi pare che quella gratuita sia molto indicata per essere messa su hd esterno.

personalmente ho trovato un modo relativamente semplice per avviare da hd firewire, ma il metodo ha ancora numerosi problemi e non ho avuto tempo di metterlo a posto (anche se penso che sia fattibile). inoltre non funzionerà più con la prossima versione di ubuntu.

"Errore di configurazione di Windows: mouse e tastiera scollegati. Premere F1 per riavviare."

"Assimilation is futile: Microsoft delenda est!"

6/6/2005: è l'inizio della fine.

Home Page | multiXFinder | OpenArena | SuspendNow!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ma hai installato la versione a pagamento di yellow dog? perché non mi pare che quella gratuita sia molto indicata per essere messa su hd esterno.

personalmente ho trovato un modo relativamente semplice per avviare da hd firewire, ma il metodo ha ancora numerosi problemi e non ho avuto tempo di metterlo a posto (anche se penso che sia fattibile). inoltre non funzionerà più con la prossima versione di ubuntu.

No la versione di Yellow Dog l'ho presa gratuitamente via FTP dal loro server.

Per l'avvio da Firewire di Ubuntu che dici? E' un'operazione che va ripetuta ad ogni avvio o solo la prima volta?

Cmq a giudicare dalla mia recente esperienza, che mi ha visto scaricare ogni versione possibile di Linux compatabile col mio G5, fondamentalmente ancora non esiste un sistema semplice e funzionale per fare l'avvio da HD esterno Firewire... il che mi ha lasciato davvero di stucco...davvero non pensavo che un problema tanto sciocco potesse, invece, nn essere preso in seria considerazione dalle community di sviluppo dei vari Linux. :)

Ora la mia attenzione è puntata sul quasi imminente rilascio di Fedora Core 6, il quale offre proprio la funzione da me richiesta.

Per il momento credo dunque che mi toccherà installare Linux sullo stesso misero HD 80GB dell'OS X...cosa che non mi va giù neanche un pò, considerando che l'HD Firewire l'ho acquistato per 2 semplicissimi scopi: fare il Backup dell'OS X e installarci Linux!!!

A questo punto ti chiederi un piccolo consiglio: che versione di Linux mi consiglieresti di installare, considerando che allocherò al max 20 GB e che il mio utilizzo (per ora) si limiterà a semplici operazioni col terminale e qualche basico lavoro di programmazione?!

Ubuntu 6.0.6, Fedora Core 5, SUSE 10.1 o Yellow Dog 4.1?

Grazie del supporto!:D

Macbook Pro i7 2.6Hhz, 8GB RAM

Macbook 2.2Ghz, 4GB RAM

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
No la versione di Yellow Dog l'ho presa gratuitamente via FTP dal loro server.

allora, se le cose non sono cambiate dall'ultima volta che ho controllato, non é la versione integrata con il boot da hd esterno.

Per l'avvio da Firewire di Ubuntu che dici? E' un'operazione che va ripetuta ad ogni avvio o solo la prima volta?

é fattibile in 2 modi: il metodo "ufficiale", che é un macello da configurare (e spessobisogna tentare il boot 2 o 3 volte prima che funzioni) e il metodo che ho trovato io (che si basa su una funzione dell'installer della novell, francamente non credo che si siano resi conto dell'idea geniale che hanno avuto!), che é decisamente più lento, crea (per ora, in realtà avendo tempo si possono risolvere) parecchi problemi all'os e non funzionerà con una installazione di default di ubuntu 6.10 (che uscirà tra qualche giorno).

il setup va in ogni caso eseguito una sola volta.

Cmq a giudicare dalla mia recente esperienza, che mi ha visto scaricare ogni versione possibile di Linux compatabile col mio G5, fondamentalmente ancora non esiste un sistema semplice e funzionale per fare l'avvio da HD esterno Firewire... il che mi ha lasciato davvero di stucco...davvero non pensavo che un problema tanto sciocco potesse, invece, nn essere preso in seria considerazione dalle community di sviluppo dei vari Linux. :)

purtroppo il problema, legato essenzialmente alla misteriosa implementazione apple di open firmware, non é di semplice soluzione…

Ora la mia attenzione è puntata sul quasi imminente rilascio di Fedora Core 6, il quale offre proprio la funzione da me richiesta.

sui pc x86. non mi pare che supporti il boot da hd esterno anche su ppc.

Per il momento credo dunque che mi toccherà installare Linux sullo stesso misero HD 80GB dell'OS X...cosa che non mi va giù neanche un pò, considerando che l'HD Firewire l'ho acquistato per 2 semplicissimi scopi: fare il Backup dell'OS X e installarci Linux!!!

ti capisco: piacerebbe anche a me usare l'hd esterno in quel modo.

A questo punto ti chiederi un piccolo consiglio: che versione di Linux mi consiglieresti di installare, considerando che allocherò al max 20 GB e che il mio utilizzo (per ora) si limiterà a semplici operazioni col terminale e qualche basico lavoro di programmazione?!

Ubuntu 6.0.6, Fedora Core 5, SUSE 10.1 o Yellow Dog 4.1?

Grazie del supporto!:D

allora, personalmente ho provato tutte (ma proprio tutte!) le distro ppc ancora sviluppate, quindi ti posso dire qualche cosetta…

-ubuntu: forse attualmente quella che supporta meglio i ppc, é potente e facile da usare allo stesso tempo, eredita da debian l'ottimo gestore di pacchetti. per farti capire il livello di supporto che ha ti dico che é l'unica distro ad abilitare automaticamente l'accelerazione grafica sul mio ibook e a supportare i driver della scheda airport extreme senza troppi smadonnamenti. ha due principali problemi: é "dipendente" da una connessione veloce e, sui ppc, é leggeremente instabile (non nel senso che crasha, ma nel senso che col tempo tende inspiegabilmente ad incasinarsi…).

dispone anche delle versioni "kubuntu", con desktop kde, e xubuntu, con il leggerissimo desktop xfce.

-debian: indubbiamente la migliore per i server, é anche un'ottima distro desktop, molto stabile e molto completa. non semplicissima da configurare può comunque dare molte soddisfazioni. se la vuoi usare per programmare ti consiglio di installare la etch (attualmente classificata come versione di testing), non la stable (sarge), in quanto sarge é poco aggiornata.

-opensuse: arrivata sui ppc quasi dal nulla é diventata nell'arco dei pochi mesi una delle migliori distro ppc in circolazione. al momento su ppc ha ancora qualche problema (ad esempio non sono riuscito a far andare gli aggiornamenti…) ma se il gap che c'é stato tra la 10.0 e la 10.1 si ripeterà tra anche sulla 10.2 ubuntu a dicembre potrebbe avere una vera concorrente anche sui ppc. é indirizzata perlopiù all'utente "comune", ma ha abbastanza tool anche per programmare (altroché!).

-slackintosh: porting non ufficiale di slackware, dispone di una comunità molto attiva. é eccezionalmente veloce ma, purtroppo, si vede che é ancora una distro fatta in modo "amatoriale".

-gentoo: orientata ai "super user", permette di raggiungere livelli di configurabilità e velocità inaudita, a costo di ore e ore di compilazione e risuluzione di problemi. dispone di uno dei package manager più sofisticati del pianeta.

-fedora: piena di bachi su x86, peggiora ad ogni versione rilasciata per ppc. nella versione attuale, appena installata, non funzionavano gli aggiornamenti, il suono, l'accelerazione, il server grafico, l'emulzione del mouse e probabilmente anche qualcosa che non ho notato prima di disinstallarla…:D

-yellow dog: una volta leader del settore, ora pressocché abbandonata. l'ultima versione, rilasciata una vita fa, basata su fedora core 2, ha causato un'infinità di lamentele dai vecchi utenti. di cura ne é rimasta poca, basti pensare che nellla 4.01 si erano dimenticati di controllare l'integrità dei pacchetti dei pacchetti (il pacchetto "italiano" era danneggiato) e che nella configurazione relativa al monitor del mio imac avevano distrattamente invertito l'altezza con la larghezza…

-mandrivia: non più aghgiornata da un annetto, esiste solo il port non ufficiale. ogni tentativo di installarla su un mac ppc causerà irrimediabilmente la perdita di tutte le altre partizioni su quel disco, causa un installer portato coi piedi…

e, con questa, credo di averle dette tutte.

in parole povere ti consiglio o ubuntu o opensuse e ti sconsiglio fortemente mandrivia e fedora.

"Errore di configurazione di Windows: mouse e tastiera scollegati. Premere F1 per riavviare."

"Assimilation is futile: Microsoft delenda est!"

6/6/2005: è l'inizio della fine.

Home Page | multiXFinder | OpenArena | SuspendNow!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non so come ringraziarti per la tua splendida risposta... davvero grazie mille!!!:confused:

Mi hai chiarito alcuni aspetti importanti, confermandomi la cruda realtà :ghghgh:

Molto utili inoltre i consigli sulle varie versioni:

qui allora sorge un problema di scelta fra Ubuntu e SUSE, e i fattori discriminanti sono 3:

1) l'interfaccia grafica (KDE o GNOME)? E' solo una questione di gusti, oppure ci sono elmenenti caratterizzanti che rendono migliore uno rispetto all'altro?

2) La migliore dotazione software e facilità di aggiornamento per un utilizzo che con il tempo diverrà sempre più complesso e professionale (io studio Informatica Multimediale e nel tempo imparerò a programmare sempre più in maniera complessa).

3) Lo spazio "fisico" che richiede l'installazione, dal momento che non vorrei sottrarre all'OS X più di 15, 20 GB su 80GB (che poi in realtà sono 74).

Per dire:

in università è in dotazione SUSE 9.1 con KDE, e sinceramente mi trovo bene, xò sarei curioso anche di imparare ad usare GNOME. Tuttavia, a giudicare dal numero di dischi d'installazione, Ubuntu, che ne ha solo 1, sembrerebbe molto più "lite" rispetto a SUSE, xò ha lo svantaggio di non poter usare entrambi gli ambienti grafici, anche se (e t chiedo conferma x questo) ho letto che è possibile scaricare un pacchetto KDE da aggiungere allo GNOME.

Secondo dilemma: in prospettiva, per le mie necessità future, è più consono SUSE o Ubuntu?

Grazie per l'aiuto... mi sei di grande supporto!:ghghgh:

:ghghgh:

Macbook Pro i7 2.6Hhz, 8GB RAM

Macbook 2.2Ghz, 4GB RAM

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Non so come ringraziarti per la tua splendida risposta... davvero grazie mille!!!:ghghgh:

Mi hai chiarito alcuni aspetti importanti, confermandomi la cruda realtà :ghghgh:

prego, figurati!:ghghgh:

Molto utili inoltre i consigli sulle varie versioni:

qui allora sorge un problema di scelta fra Ubuntu e SUSE, e i fattori discriminanti sono 3:

1) l'interfaccia grafica (KDE o GNOME)? E' solo una questione di gusti, oppure ci sono elmenenti caratterizzanti che rendono migliore uno rispetto all'altro?

essenzialmente, a mio parere, é solo questione di gusti: gnome tende a semplificare le cose, nascondendo i settaggi "avanzati", a volte esagerando bel farlo (ad esempio potevano mettere una bella opzione da interfaccia grafica per spostare la posizione dei pulsanti delle finestre!), kde, al contrario, tende a mettere tutto a disposizione dell'utente, a volte esagerando nell'altro verso (alcune finestre di kde sono talmente piene di pulsanti da far paura…:oops:). ovviamente il metodo migliore per decide é provarle entrambe, vedendo come ci si trova. personalmente preferisco la "pulizia" di gnome (anche se apprezzo molte caratteristiche di kde e a ammetto che visivamente può essere decisamente più bello).

non dimenticarti il terzo ambiente che va per la maggiore: xfce4, un ambiente desktop molto leggero che potresti apprezzare, ideato per computer lenti o per utenti che volgiono il massimo della velocità senza rinunciare a un po' di semplicità. purtroppo é ancora un progetto relativamente giovane, con tutti i problemi del caso (voci perlopiù in inglese, file manager decente presente solo da pochi mesi…).

in ogni caso in intrambe le distro puoi installarli tutti e tre, scegliendo al momento del login quale usare.

2) La migliore dotazione software e facilità di aggiornamento per un utilizzo che con il tempo diverrà sempre più complesso e professionale (io studio Informatica Multimediale e nel tempo imparerò a programmare sempre più in maniera complessa).

entrambe le distro hanno, con ogni probabilità, tutto il software di cui potrai avere bisogno disponibile come pacchetti precompilati. a questo punto mi sento però obbligato ad avvisarti che, almeno le ultime volte in cui ho provato, opensuse su ppc non dispone di un gestore di aggiornamenti funzionanti, quindi si é costretti a scaricarsi manualmente i pacchetti o attendere il rilascio della versione successiva. spero che nella 10.2 sistemino questa cosa perché é davvero un grosso limite per una distro così bella…

3) Lo spazio "fisico" che richiede l'installazione, dal momento che non vorrei sottrarre all'OS X più di 15, 20 GB su 80GB (che poi in realtà sono 74).

guarda, facendoci un po' di attenzione faccio girare tranquillamente ubuntu su una partizione da 5 gb e mezzo (e suse su una da 8 su un altro mac, non perché sia più esosa, semplicemente perché lì ho più spazio…:)), quindi penso che con 10-15 giga ti troverai benissimo.

Per dire:

in università è in dotazione SUSE 9.1 con KDE, e sinceramente mi trovo bene, xò sarei curioso anche di imparare ad usare GNOME. Tuttavia, a giudicare dal numero di dischi d'installazione, Ubuntu, che ne ha solo 1, sembrerebbe molto più "lite" rispetto a SUSE, xò ha lo svantaggio di non poter usare entrambi gli ambienti grafici, anche se (e t chiedo conferma x questo) ho letto che è possibile scaricare un pacchetto KDE da aggiungere allo GNOME.

é alquanto comune il ragionamento, purtroppo errato, che stai facendo tu: ubuntu sembra contenere meno cose della suse perché ha meno cd. non é così.

in pratica sul cd di ubuntu (o delle sue varianti kubuntu e xubuntu) ti arriva un sistema completo di quello che con maggiore probabilità ti servirà, qualche pacchetto di uso comune installabile opzionalmente e l'ambiente desktop (gnome, kde o xfce4 a seconda della versione che hai scaricato) con le sue applicazioni integrate (web browser, suite office, applicazioni grafiche, ecc…), se vuoi installare qualche altra cosa devi scaricarla dagli appositi "repository" su internet (o su un set di cd, se proveddi a crearlo), operazione semplicissima grazie a un apposito tool, anche grafico.

questo significa due cose: 1) in ubuntu c'é molto più software di quanto ce ne sarà mai in suse ed é più aggiornato (tutto questo finché il team di opensuse non sistemerà il problema di cui parlavo prima).

2) ubuntu é, in pratica, una distro adsl dipendente, la sua gestione senza una connessione a banda larga é decisamente complicata (mentre la sua connessione con la banda larga é una delle più semplici in assoluto!).

opensuse, invece, arriva con il più classico set di dischi sui quali ci sono tutti i pacchetti ufficiali, aggiornati al momento del rilascio della distro, dei quali una gran parte non installerai mai (ma avrai a disposizione subito su cd in caso decidessi di installarli in seguito…).

normalmente gli aggiornamenti vengono distribuiti via internet (anche se, a dire il vero, anche la versione x86, trattandosi comunque di una distro creata per essere "stabile", aggiorna molto poco, rilasciando quasi soltanto patch di sicurezza) ma purtroppo su ppc questa procedura (per ora) non funziona.

passando alla seconda parte della tua domanda, la risposta é indubbiamente "sì". in suse puoi scegliere un ambiente desktop di default, installare anche gli altri e scegliere al login quale usare. casomai decidessi di impostare come default uno degli altri ambienti é questione di pochi click.

per ubuntu, invece, devi sacricarti almeno una delle distro (ad esempio quella normale, "ubuntu"), intallarla e poi, tramite il tool apt (o, più probabilmente, la sua comoda interfaccia ,synaptic) installare i pacchetti degli altri window manager ("ubuntu-desktop" per gnome, "kubuntu-desktop" per kde e "xubuntu-desktop" per xfce) da internet o dai loro cd. ad operazione completata ti ritroverai esattamente come dicevo per suse: con un ambiente di default e la possibilità di cambiarlo al login.

Secondo dilemma: in prospettiva, per le mie necessità future, è più consono SUSE o Ubuntu?

o paura di non poter rispondere: chi può dire quali saranno le tue necessità future?:confused:

personalmente per una persona che ha appena cominciato con linux consiglierei suse (a causa del suo ottimo pannello di controllo, yast), ma la situazione "incerta" sui ppc fa pendere l'ago della bilancia verso ubuntu (che, d'altrocanto, ben merita il successo che ha guadagnato con rapidità impressionante).

per quanto mi riguarda uso ubuntu, ma passerei subito a opensuse se funzionassero gli aggiornamenti e supportase il package manager apt, di cui mi sono subito innamorato:love:.

se decidi di installare ubuntu ti consiglio di aspettare qualche giorno: ad ottobre uscirà la versione nuova (che sto già provando fin dalla sua seconda beta!:ghghgh:), la edgy, che porta ulteriori miglioramenti a quella attuale, la dapper.

opensuse, invece, verrà aggiornata a dicembre anche se, ovviamente, la versione 10.1 é comunque ottima.

l'ideale, anche qui, sarebbe provarle entrambe e decidere.

ti segnalo che ubuntu dispone di live-cd (vera rarità su ppc!) installabili.

i live cd sono cd che si avviano premendo "c" all'avvio del mac e che contengono (nel caso degli ubuntu) l'intero sistema operativo, utilizzabile senza modificare l'hard disk interno. dopo averlo provato, volendo, si può procedere all'installazione.

purtroppo bisogna notare come su ppc i live cd non arrivino ai livelli che raggiungono su x86 (dopotutto fino ad un anno fa praticamente non esistevano!): su molti mac non funzionano o funzionano male. quello della nuova versione di ubuntu, la edgy, per esempio funziona benissimo sul mio ibook g4, abbastanza bene sull'imac g4 di mio padre, configura male l'ambiente grafico sull'imac g5 di mia madre (suppongo che ad installazione effettuata sia poi possibile sistemare il problema, anzi, ne sono certo!) e non avvia proprio l'ambiente grafico sui miei g3 (cosa che invece avveniva col live cd della versione 5.10, che usava un sistema di autoconfigurazione più vecchio).

questi live cd (definiti da ubuntu "desktop cd") ti possono essere molto utili per testare i vari ambienti grafici (tenendo ben presente che sono tutti modificati dal team di ubuntu e quindi un po' diversi da quelli di suse).

se avessi problemi ad avviare il desktop cd puoi comunque eseguire l'installzione grazie all'"alternate cd", che contiene l'installer testuale tradizionale, ormai ultra testato…

Grazie per l'aiuto... mi sei di grande supporto!:D

:ghghgh:

prego, buon viaggio nel grande mondo del pinguino!:)

"Errore di configurazione di Windows: mouse e tastiera scollegati. Premere F1 per riavviare."

"Assimilation is futile: Microsoft delenda est!"

6/6/2005: è l'inizio della fine.

Home Page | multiXFinder | OpenArena | SuspendNow!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cacchiu!!! Mi sorprendi ogni volta.... hai superato te stesso :ghghgh:

Spiegazione chiarissima!

In effetti con il Live CD di Ubuntu 6.0.6 non sono mai riuscito a far nulla...l'ambiente grafico non si apre manco a pagare oro! :shock:

A parte ciò credo che tu mi abbia convinto a prendere cmq la strada di Ubuntu :(

Sto provvedendo a scaricare il Live CD della Beta 6.10... spero vivamente che, come mi confermi tu, riesca a funzionare sul mio PPC:confused:

Cmq, anche se dovessi installare la 6.0.6 in questi giorni, non credo sarà un grosso problema aggiornarla alla versione successiva...così dice il sito :shock:

Grazie ancora davvero...ti terrò aggiornato!:)

Macbook Pro i7 2.6Hhz, 8GB RAM

Macbook 2.2Ghz, 4GB RAM

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cacchiu!!! Mi sorprendi ogni volta.... hai superato te stesso :ciao:

Spiegazione chiarissima!

In effetti con il Live CD di Ubuntu 6.0.6 non sono mai riuscito a far nulla...l'ambiente grafico non si apre manco a pagare oro! :ciao:

A parte ciò credo che tu mi abbia convinto a prendere cmq la strada di Ubuntu :gira:

Sto provvedendo a scaricare il Live CD della Beta 6.10... spero vivamente che, come mi confermi tu, riesca a funzionare sul mio PPC:confused:

in effetti il live cd della 6.06 non andava sull'imac g5 che ho in casa, mentre quello della 6.10 sì (anche se male), quindi potresti essere fortunato:). mal che vada l'alternate cd dovrebbe girare ovunque…

Cmq, anche se dovessi installare la 6.0.6 in questi giorni, non credo sarà un grosso problema aggiornarla alla versione successiva...così dice il sito :)

Grazie ancora davvero...ti terrò aggiornato!:ciao:

no, teoricamente nessun problema, non dovresti neanche accorgerti che é successo (io avevo aggiornato senza problemi dalla rc1 -l'ultima release di testing- della 6.06 a quella definitiva senza problemi), ma non si può mai dire, essendo una distro di testing.

la knot2 (ovvero la beta 2 della edgy) era veramente inutilizzabile senza mettere mano (e parecchia!) al terminale, ora mi sembra tutto molto stabile.

un consiglio: finché non esce la versione definitiva non disinstallare i pacchetti preinstallati, io sto avendo qualche problemino minore che sospetto sia dovuto alla disinstallazione del metapackage ubuntu-desktop (causato dalla disinstallazione di evolution, che non uso…).

"Errore di configurazione di Windows: mouse e tastiera scollegati. Premere F1 per riavviare."

"Assimilation is futile: Microsoft delenda est!"

6/6/2005: è l'inizio della fine.

Home Page | multiXFinder | OpenArena | SuspendNow!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho appena provato il Live CD della knot-2 e.... FUNZIONA!!!:ciao::gira:

Evviva...sono felicissimo!!! Finalmente qualcosa che gira sul mio povero PPC.

Ho fatto un pò il giro del sistema e mi sembra davvero carino.

La maggior parte delle cose non potevo utilizzarle, ovviamente.

Non potevo ascoltare o vedere file miei personali ma solo quelli in prova...normale no?! :ciao:

Quindi diciamo che, teoricamente nemmeno la rete doveva andare... xk ho provato a configurarla ma non funzionava :ciao:

Cmq a questo punto non so se aspettare la 6.10 o installare lo stesso la 6.06 :)

Macbook Pro i7 2.6Hhz, 8GB RAM

Macbook 2.2Ghz, 4GB RAM

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ho appena provato il Live CD della knot-2 e.... FUNZIONA!!!:ciao: :ciao:

Evviva...sono felicissimo!!! Finalmente qualcosa che gira sul mio povero PPC.

Ho fatto un pò il giro del sistema e mi sembra davvero carino.

ottimo, ottimo!:)

La maggior parte delle cose non potevo utilizzarle, ovviamente.

Non potevo ascoltare o vedere file miei personali ma solo quelli in prova...normale no?! :ciao:

sì, per motivi di sicurezza l'hd non viene montato automaticamente.

se mi dici il responso del comando da terminale (menu applicazioni>accessori>terminale)

ls /dev/sd

(premi invio alla fine) ti dico il comando da dare per vedere i tuoi files.

Quindi diciamo che, teoricamente nemmeno la rete doveva andare... xk ho provato a configurarla ma non funzionava :ciao:

dipende dal tipo di connessione. se hai una adsl (o isdn) collegata via ethernet dovrebbe andare in automatico, altrimenti no.

Cmq a questo punto non so se aspettare la 6.10 o installare lo stesso la 6.06 :gira:

be', se l'hai già scaricata…:ciao:

"Errore di configurazione di Windows: mouse e tastiera scollegati. Premere F1 per riavviare."

"Assimilation is futile: Microsoft delenda est!"

6/6/2005: è l'inizio della fine.

Home Page | multiXFinder | OpenArena | SuspendNow!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho scaricato la Knot3 sia di Ubuntu che di Kubuntu... domani sera le provo entrambe!!!

Io ho connessione wirless via Airport Extreme, avevo inserito tutti i dati corretti ma non si connetteva.

Quello che mi preoccupa è non riuscire a settare la connessione nemmeno a versione reale installata, dal momento che anche un mio amico (winzozzaro xò :gira: ) non è riuscito nell'intento di configurare un semplice modem ADLS su Ubu 5.10 :ciao:

Questa è la mia unica preoccupazione

Per quanto riguarda i miei file personali, effettivamente mi sono espresso male:

chiaramente l'HD dell'OS X non lo vedevo, però l'iPod e 1 HD USB si, eccome!

Il fatto è che non sono riuscito ad ascoltare le miei canzoni, o vedere qualche filmato che avevo su quell' HD esterno!

Poco male cmq, prima di giungere a conclusioni affrettate devo anzitutto installarlo davvero, e poi valutare!

Macbook Pro i7 2.6Hhz, 8GB RAM

Macbook 2.2Ghz, 4GB RAM

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ho scaricato la Knot3 sia di Ubuntu che di Kubuntu... domani sera le provo entrambe!!!

ottimo.

Io ho connessione wirless via Airport Extreme, avevo inserito tutti i dati corretti ma non si connetteva.

Quello che mi preoccupa è non riuscire a settare la connessione nemmeno a versione reale installata, dal momento che anche un mio amico (winzozzaro xò :ciao: ) non è riuscito nell'intento di configurare un semplice modem ADLS su Ubu 5.10 :)

Questa è la mia unica preoccupazione

tranquillo: é possibile settarla sia sulla versione installata che sulla live!:D

andiamo per ordine: in entrambi i casi il problema é dovuto alla mancanza dei driver che, essendo proprietari (o, nei casi più sfortunati, non esistendo proprio…), non sono stati inclusi nella distribuzione. il tuo amico dovrebbe fare una ricerca su internet per capire dove recuperare i driver per il suo modem, tu, invece, sei decisamente fortunato: fino a 6 mesi fa non esistevano driver per utilizzare la scheda airport extreme (una della famigerata serie broadcom 43xx), di cui non sono disponibili pubblicamente le specifiche. poi, circa un anno fa, una scheda della stessa famiglia venne utilizzata su un router adsl con un sistema operativo unix e, analizzando le chiamate di sistema che effettuavano, alcuni hacker sono riusciti a capire, a grandi linee, in che modo operavano i driver proprietari.

a quel punto sempre i soliti hacker riuscirono a trovare un modo per disassemblare i driver creati per altri unix (mac os x e quell'altro unix) e a rimetterli insieme sotto forma di firmware linux, creando dei driver funzionanti. dato che l'airport é l'unico modo che posso usare per connettermi con il mio computer principale, ho iniziato ad utilizzare quei driver sin dal momento del loro primo rilascio (ad aprile) e ora, dopo questi mesi, essi sono decisamente abbastanza stabili e semplici da configurare da essere usati da chiunque.:D

Per cominciare devi avere un kernel linux 2.14 con insatallato il modulo bcm43xx (ubuntu ha tutto questo dalla dapper, suse ha almeno una versione abbastanza recente del kernel, ma non ho controllato se il modulo é presente).

ora, in teoria dovresti crearti il firmware dalla versione presente in mac os x (neanche l'ultima, oltretutto), operazione abbastanza fastidiosa, ma puoi scaricare direttamente i miei: http://jackoverfull.no-ip.org/tuxaex.tar.bz2

posiziona il file tuxaex.tar.bz2 sulla tua scrivania, quindi arpri il terminale.

ora scrivi (al termine di ogni riga devi premere invio):

cd
cd Desktop
sudo su
(in questo punto, se hai già installato, ti chiederà la password)
tar xvjpf tuxaex.tar.bz2
mv linuxaextreme/*.fw /lib/firmware/
modprobe -r bcm43xx
modprobe bcm43xx

a questo punto dovresti poter selezionare la rete wireless con i soliti tool grafici di gnome o kde. se non fosse così dovrai usare il terminale, ma in ogni caso dovrebbe funzionara (scusa, in questo momento non sono su ubuntu, non vorrei darti il comando errato).

alcune piccole limitazioni di questi driver:

-l'autenticazione con chiave wep o wpa potrebbe non funzionare, se é possibile é meglio disabilitarla.

-su edgy, per qualche strana ragione, é necessario riavviare il mac per connettersi a una seconda rete dopo essersi connessi alla prima

-la portata del segnale é minore (anche se é decisamente migliorata rispetto ai driver di aprile)

-la velocità é minore, se vuoi scambiare grossi files sulla rete locale é meglio connettere un cavo.

Per quanto riguarda i miei file personali, effettivamente mi sono espresso male:

chiaramente l'HD dell'OS X non lo vedevo, però l'iPod e 1 HD USB si, eccome!

sì, ubuntu monta iu dischi esterni formattati in hfsplus anche sul cd live.

Il fatto è che non sono riuscito ad ascoltare le miei canzoni, o vedere qualche filmato che avevo su quell' HD esterno!

anche questo é normale: molto probabilmente sono in formato quicktime, mpr o aac che ubuntu, sempre per motivi di copyright (in alcuni paesi é illegale se non si pagano le apposite licenze) non può leggere di default.

per aggiungere i componenti necessari fai riferimento a questa pagina della wiki di ubuntu: http://wiki.ubuntu-it.org/FormatiProprietari?highlight=%28formati%29%7C%28proprietari%29

ti consiglio, inoltre, di installare l'ottimo vlc: apre qualunque tipo di file multimediale senza bisogno di compoenti aggiuntivi.

Poco male cmq, prima di giungere a conclusioni affrettate devo anzitutto installarlo davvero, e poi valutare!

a presto!:ciao:

"Errore di configurazione di Windows: mouse e tastiera scollegati. Premere F1 per riavviare."

"Assimilation is futile: Microsoft delenda est!"

6/6/2005: è l'inizio della fine.

Home Page | multiXFinder | OpenArena | SuspendNow!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mio caro Jack,

eccomi qui dopo un periodo di assenza... abbastanza impegnato.

Allora:

giusto perchè Linux non vuole darmi vita sufficentemente difficile, ora sono afflitto da un nuovo problema che, ancora una volta, mi impedisce di installarlo sul mio Mac:mad:

Il nocciolo della questione è molto semplice:

non riesco a far riconoscere al programma di installazione, la partizione che ho creato sull'HD principale... mi segnala invece che lo spazio del disco è tutto occupato e che l'unica operazione da fare è cancellare il contenuto!

La cosa che però rende ancora più misteriosa la faccenda è che neppure l'OS X riconosce che gli ho tolto spazio sul disco... o meglio... la Utility Disco lo vede, mentre se faccio MELA+I sull'HD non mi indica il ridimensionamento, né tanto meno lo riconosce il Finder!!! E' davvero strano:shock:

Seconda cosa... prima di scoprire questa assurdità avevo provato ad installare Kubuntu Beta da Live CD ma purtroppo non mi riconosce la tastiera... va in tilt quando premo un pulsante!

Ti giuro non ne posso più... sto sclerando...HELP ME!!!

Grazie tante...

Giacomo:)

Macbook Pro i7 2.6Hhz, 8GB RAM

Macbook 2.2Ghz, 4GB RAM

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

per prima cosa, come hai creato la partizione?

perché se l'hai allocata assegnata come spazio libero) é normale che faccia così, bisogna eliminarla (per fortuna hai di fronte uno dei pochi "esperti" italiani di mac-fdisk…dopotutto dovevo pure imparare qualcosa da slackintosh e debian68k!:ciao:).

seconda cosa, l'hai avviato col kernel giusto? perché su g5 bisogna prendere l'apposito kernel (sarà qualcosa tipo linux-live-powerpc-g5 o linux-install-power4 o linux-live-64, puoi premere tab all'avvio per vedere quali sono disponibili).

che tastiera hai? il cd si blocca all'avvio o nell'installer?

"Errore di configurazione di Windows: mouse e tastiera scollegati. Premere F1 per riavviare."

"Assimilation is futile: Microsoft delenda est!"

6/6/2005: è l'inizio della fine.

Home Page | multiXFinder | OpenArena | SuspendNow!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
per prima cosa, come hai creato la partizione?

Creata con Volume Works... prima di eseguire il partizionamento, il programma ha fatto una deframmentazione lunga quasi 3 ore... una roba assurda... e si che io non trascuro il mantenimento dell'OS X.

In seguito ho provato ad usare iPartition... ma anche lì il NULLA!!!!

seconda cosa, l'hai avviato col kernel giusto? perché su g5 bisogna prendere l'apposito kernel (sarà qualcosa tipo linux-live-powerpc-g5 o linux-install-power4 o linux-live-64, puoi premere tab all'avvio per vedere quali sono disponibili).

Assolutamente si: ho premuto TAB per vedere le opzioni e ho scritto "install-powerpc64

che tastiera hai? il cd si blocca all'avvio o nell'installer?

Ho la normalissima Apple Keyboard con filo... il cd Live della Beta non si blocca... entra normalmente in KDE, e quando provo ad installarlo, al momento di inserire Nome Utente, ecc, mi sono accorto che non funzionava... ho provato a guardare le impostazioni su Kubuntu ma non niente:(

In effetti mi sono accorto, provando ad avviare il CD in modalità testo, che non riconosce alcune componenti di I/O... probabilmente è un difetto della Beta :ciao:

Macbook Pro i7 2.6Hhz, 8GB RAM

Macbook 2.2Ghz, 4GB RAM

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Creata con Volume Works... prima di eseguire il partizionamento, il programma ha fatto una deframmentazione lunga quasi 3 ore... una roba assurda... e si che io non trascuro il mantenimento dell'OS X.

In seguito ho provato ad usare iPartition... ma anche lì il NULLA!!!!

non conosco volumeworks, comunque se la partizione l'ha creata si può recuperare.

nel live cd apri un terminale (in kde si dovrebbe chiamare Konsole) e scrivi:

sudo mac-fdisk /dev/sda

quindi premi invio

subito dopo, quando ti chiede il comando, premi p e poi invio, quindi copia quello che ti scrive e postamelo.

Assolutamente si: ho premuto TAB per vedere le opzioni e ho scritto "install-powerpc64

ok.

Ho la normalissima Apple Keyboard con filo... il cd Live della Beta non si blocca... entra normalmente in KDE, e quando provo ad installarlo, al momento di inserire Nome Utente, ecc, mi sono accorto che non funzionava... ho provato a guardare le impostazioni su Kubuntu ma non niente:(

ok, allora é probabilmente un problema del nuvo installer (é tanto carino, ma ha sempre avuto problemi…). per comodità utilizzeremo il live cd per preparare la partizione e l'alternate per installare (purtroppo quelli di ubuntu hanno fatto l'opinabile scelta di non includere mac-fdisk sull'alternate, sostituendolo con parted, che, purtroppo, non é un gran che per eseguire operazioni manualmente…).

In effetti mi sono accorto, provando ad avviare il CD in modalità testo, che non riconosce alcune componenti di I/O... probabilmente è un difetto della Beta :ciao:

tranquillo: quello capita praticamente su tutti i mac!:ciao:

"Errore di configurazione di Windows: mouse e tastiera scollegati. Premere F1 per riavviare."

"Assimilation is futile: Microsoft delenda est!"

6/6/2005: è l'inizio della fine.

Home Page | multiXFinder | OpenArena | SuspendNow!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rieccomi:ciao:

Allora: ho eseguito quello che mi avevi chiesto, ed ecco quello che è saltato fuori:

SYSTEM                    TYPE NAME                        LENGHT                  BASE                SIZE
/dev/sda1             Apple_partition_map                63                           1                 31,5 KB
/dev/sda2                 Apple_Free                       262144                     64                128 MB
/dev/sda3            Apple_HSF MacJack HD        135304048               262208           64,5 GB
/dev/sda4                 Apple_Free                     20735232              135566256        9.9 GB

Quindi, ricapitolando:

a rigor di logica tutto dovrebbe essere a posto (fra l'altro ora l'OS X, dopo che avevo risettato tutto con un'unica partizione per lui, deframmentato, ecc... riconosce finalmente che gli ho tolto di nuovo dello spazio, mentre prima se ricordi non lo aveva fatto!!!) ma il programma di partizionamento di Ubuntu, non vuole proprio riconoscerlo!

Ho provato Kubuntu 6.10 Beta Live CD, Kubuntu 6.06 Alternate CD e Ubuntu 6.10 Beta Live CD... non ci sono versi!!!

Ad ora, l'unica alternativa che vedo è cancellare l'intero HD e installare prima Ubuntu su una piccola partizione, e poi ripristinare il Backup dell'OS X sul restante spazio!

Aspetto tue notizie:)

Grazie ancora... a presto

Giacomo

Macbook Pro i7 2.6Hhz, 8GB RAM

Macbook 2.2Ghz, 4GB RAM

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ed eccomi qu. scusa il ritardo, devo aver cancellato la notifica per errore…

Rieccomi:ciao:

Allora: ho eseguito quello che mi avevi chiesto, ed ecco quello che è saltato fuori:

SYSTEM                    TYPE NAME                        LENGHT                  BASE                SIZE
/dev/sda1             Apple_partition_map                63                           1                 31,5 KB
/dev/sda2                 Apple_Free                       262144                     64                128 MB
/dev/sda3            Apple_HSF MacJack HD        135304048               262208           64,5 GB
/dev/sda4                 Apple_Free                     20735232              135566256        9.9 GB

Quindi, ricapitolando:

a rigor di logica tutto dovrebbe essere a posto (fra l'altro ora l'OS X, dopo che avevo risettato tutto con un'unica partizione per lui, deframmentato, ecc... riconosce finalmente che gli ho tolto di nuovo dello spazio, mentre prima se ricordi non lo aveva fatto!!!) ma il programma di partizionamento di Ubuntu, non vuole proprio riconoscerlo!

Ho provato Kubuntu 6.10 Beta Live CD, Kubuntu 6.06 Alternate CD e Ubuntu 6.10 Beta Live CD... non ci sono versi!!!

Ad ora, l'unica alternativa che vedo è cancellare l'intero HD e installare prima Ubuntu su una piccola partizione, e poi ripristinare il Backup dell'OS X sul restante spazio!

Aspetto tue notizie:)

Grazie ancora... a presto

Giacomo

in effetti a prima vista mi sembrava a posto. poi sono rimasto sconvolto dall'orrore!:ghghgh:

non so che abbia fatto quel programma, ma quella mappa di partizioni sembra presa a coltellate: ci sono 2 spazi liberi (il mac tende ad accorparli) e, soprattutto, manca la partizione di chiusura (a meno che tu non abbia dimenticato di postare l'ultima riga…).

prova così…

1) avvia ubuntu live e scrivi in un terminale sudo mac-fdisk /dev/sda 2) premi d e premi invio

3) premi 4 e premi invio

4) premi d e premi invio

5)premi 2 e poi invio

6)premi p e invio per controllare che sia tutto a posto ora le partizioni dovrebbero ordinate all'incirca così:

Apple_partition_map

Apple_HSF MacJack HD

Apple_Free

Apple_Free

in ogni caso assicurati che ci siano almeno "Apple_partition_map" e "Apple_HSF MacJack HD", se ti sembra tutto ok premi w per confermare le modifiche. altra cosa: di solito é meglio non mettere spazi nei nomi delle paritzioni…

"Errore di configurazione di Windows: mouse e tastiera scollegati. Premere F1 per riavviare."

"Assimilation is futile: Microsoft delenda est!"

6/6/2005: è l'inizio della fine.

Home Page | multiXFinder | OpenArena | SuspendNow!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Capisco...seguirò il tuo consiglio.

Dopo che avrò fatto questo, il passo successivo quale sarà?

Oggi ho parlato con un Mac-ista a proposito di Linux e mi ha riferito le seguenti cose:

1) Tempo addietro era riuscito senza problemi ad installare Linux in un HD USB.

2) Per far riconoscere lo spazio libero al programma di installazione di Linux mi consiglia di formattarlo in FAT32... in questo modo Linux dovrebbe vederlo, in modo tale poi da permettergli di formattarlo come preferisce...

Cosa ne pensi??? Sono molto confuso :gira:

Preferisco aspettare una tua conferma...

A presto :ghghgh:

Macbook Pro i7 2.6Hhz, 8GB RAM

Macbook 2.2Ghz, 4GB RAM

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

be', il passo successivo é vedere se uno degli installer riconosce lo spazio libero. altrimenti dovrebbe darti la possibilità di editare la tabella delle partizioni manualmente, se non te la dà probabilmente la riconosce come corrotta…

penso che il tuo amico abbia installato linux su un x86…

"Errore di configurazione di Windows: mouse e tastiera scollegati. Premere F1 per riavviare."

"Assimilation is futile: Microsoft delenda est!"

6/6/2005: è l'inizio della fine.

Home Page | multiXFinder | OpenArena | SuspendNow!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao,

ho fatto come mi hai detto...o meglio, ho anche fatto una cosa in più: ho usato il comando R per spostare le due partizioni vuote sennò rimaneva così com'era.

Tu hai detto di essere rimasto così :P quando hai visto ben 2 partizioni vuote.

Questa tua reazione mi ha fatto cadere una mia "certezza" (in realtà non mi sono mai documentato), ovvero quella che i 128 MB di spazio libero servissero all'OS X per qualche cosa...però non so cosa :baby:

Questa mia supposizione, probabilmente errata, deriva dal fatto che quei MB non compaiono in nessun programma di partizionamento (iPartition, Utility Disco) eccetto Volume Works che continua a mostrarmeli nella parte superiore dell'HD nonostante io da Linux li abbia spostati.

Dici che debba accorparli in un unico spazio libero?

Seconda cosa:

quando ti dicevo che avrei potuto far riconoscere lo spazio libero a Linux formattandolo in FAT32, dicevo una cavolata o aveva un qualche senso sensato? :baby::baby:

Cmq resta il fatto che Linux non riconosce le partizioni dell HD interno, mentre per quelli esterni non ha alcun problema. Ho provato ad immaginare si trattasse di una qualche incapacità a riconoscere le partizioni HFS, ma il disco di Backup dell'OS X lo vede senza problemi, e vede anche l'altra metà disco vuota!!! :ghghgh:

Macbook Pro i7 2.6Hhz, 8GB RAM

Macbook 2.2Ghz, 4GB RAM

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ciao,

ho fatto come mi hai detto...o meglio, ho anche fatto una cosa in più: ho usato il comando R per spostare le due partizioni vuote sennò rimaneva così com'era.

no, così non risolve, devi proprio cancellarle, sperando che crei in automatico la partizione di chiusura. francamente sospetto che non siano realmente "vuote", ma che volumeworks abbia combinato qualche cosa di strano: nelle mappe di partizioni apple le partizione vuote dovrebbero accorparsi in automatico (eccetto l'ultima, da 16 blocchi, che serve a delimitare la fine della mappa delle partizioni, che a te manca!), mentre qui non succede. forse é perché di solito i tool di partizionamento più comuni (pdisk, mac-fdisk, iPartition, diskutil) riordinano in automatico la mappa, ma comunque non é una configurazione normale.

Tu hai detto di essere rimasto così :whip: quando hai visto ben 2 partizioni vuote.

Questa tua reazione mi ha fatto cadere una mia "certezza" (in realtà non mi sono mai documentato), ovvero quella che i 128 MB di spazio libero servissero all'OS X per qualche cosa...però non so cosa :ghghgh:

no, assolutamente no. il primo pensiero che ho avuto é ce la avesse creata una qualche precedente installazione (riuscita o meno) di linux per fare lo swap (usare memoria virtuale), ma 1) dovrebbe essere di tipo Apple_UNIX_SVR2, non Apple_Free e 2) l'ultima partizione dovrebbe esserci comunque.

Dici che debba accorparli in un unico spazio libero?

mi sa che é meglio. prova proprio a cancellarle da mac-fdisk, dovrebbe riaccorpartele in automatico.

Seconda cosa:

quando ti dicevo che avrei potuto far riconoscere lo spazio libero a Linux formattandolo in FAT32, dicevo una cavolata o aveva un qualche senso sensato? :):mad:

avrebbe un po' di senso su un normale pc x86 con windows sul quale si vuole installare anche linux, su un mac, specie se ppc, é completamente inutile.

Cmq resta il fatto che Linux non riconosce le partizioni dell HD interno, mentre per quelli esterni non ha alcun problema. Ho provato ad immaginare si trattasse di una qualche incapacità a riconoscere le partizioni HFS, ma il disco di Backup dell'OS X lo vede senza problemi, e vede anche l'altra metà disco vuota!!! :)

vuoi dire che l'installer non le riconosce, giusto? il fatto che non si attivino (in gergo "montino") di default é per sicurezza.

se il comando

ls /dev/sda*

restituisce risultati vuol dire che i dischi li vede, li devi solo montare. per esempio, per montare la tua partizione di os x scrivi, sempre nel terminale:

mkdir /disco
mount -t hfsplus /dev/sda3 /disco

"Errore di configurazione di Windows: mouse e tastiera scollegati. Premere F1 per riavviare."

"Assimilation is futile: Microsoft delenda est!"

6/6/2005: è l'inizio della fine.

Home Page | multiXFinder | OpenArena | SuspendNow!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

no, così non risolve, devi proprio cancellarle, sperando che crei in automatico la partizione di chiusura. francamente sospetto che non siano realmente "vuote", ma che volumeworks abbia combinato qualche cosa di strano: nelle mappe di partizioni apple le partizione vuote dovrebbero accorparsi in automatico (eccetto l'ultima, da 16 blocchi, che serve a delimitare la fine della mappa delle partizioni, che a te manca!), mentre qui non succede. forse é perché di solito i tool di partizionamento più comuni (pdisk, mac-fdisk, iPartition, diskutil) riordinano in automatico la mappa, ma comunque non é una configurazione normale.

Purtroppo quello che dici non corrisponde ai fatti che mi si presentano:

io ho fatto come mi avevi detto (cioé cancellare le partizioni) ma dopo quell'operazione, la loro posizione non era cambiata; è per questo motivo che ho dovuto utilizzare anche l'opzione di spostamento.

Seconda cosa:

sincereamente credo che Volume Works non sia la causa del problema: ricordo abbastanza chiaramente che la prima volta che lo utilizzai, ancora parecchio tempo fa, quei 128MB erano presenti... la mia ipotesi è che sia quella la partizione di chiusura che però, per qualche motivo ignoto, è molto più grande di quello che dovrebbe essere.

Faccio un esempio pratico: in uno dei due HD esterni che ho, ho occupato l'intero spazio disponibile e Volume Works mi ha lasciato un piccolissimo spazio libero di 8 blocchi (4k circa).

no, assolutamente no. il primo pensiero che ho avuto é che ce l'avesse creata una qualche precedente installazione (riuscita o meno) di linux per fare lo swap (usare memoria virtuale), ma 1) dovrebbe essere di tipo Apple_UNIX_SVR2, non Apple_Free e 2) l'ultima partizione dovrebbe esserci comunque.

Fatto abbastanza singolare:

quando ho riprovato a fare la stessa operazione è venuto fuori, dal comando sudo mac-fdisk, che i 10 GB liberi, che avevo lasciato per Linux, erano in formato Apple_Free Extra. Che significa? :ghghgh:

mi sa che é meglio. prova proprio a cancellarle da mac-fdisk, dovrebbe riaccorpartele in automatico.

Purtroppo come ti ho detto prima questo non è avvenuto. :ciao:

avrebbe un po' di senso su un normale pc x86 con windows sul quale si vuole installare anche linux, su un mac, specie se ppc, é completamente inutile.

Senz'altro...era abbastanza ovvio... io ho provato lo stesso, ma non è successo niente.

vuoi dire che l'installer non le riconosce, giusto? il fatto che non si attivino (in gergo "montino") di default é per sicurezza.

se il comando

ls /dev/sda*

restituisce risultati vuol dire che i dischi li vede, li devi solo montare. per esempio, per montare la tua partizione di os x scrivi, sempre nel terminale:

mkdir /disco
mount -t hfsplus /dev/sda3 /disco

OK! Perfetto! Credo che sia la soluzione più plausibile... appena avrò tempo proverò così!!

Grazie infinte ;)

A presto :ciao:

Macbook Pro i7 2.6Hhz, 8GB RAM

Macbook 2.2Ghz, 4GB RAM

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Purtroppo quello che dici non corrisponde ai fatti che mi si presentano:

io ho fatto come mi avevi detto (cioé cancellare le partizioni) ma dopo quell'operazione, la loro posizione non era cambiata; è per questo motivo che ho dovuto utilizzare anche l'opzione di spostamento.

ma si sono poi accorpate? no, vero?

Seconda cosa:

sincereamente credo che Volume Works non sia la causa del problema: ricordo abbastanza chiaramente che la prima volta che lo utilizzai, ancora parecchio tempo fa, quei 128MB erano presenti... la mia ipotesi è che sia quella la partizione di chiusura che però, per qualche motivo ignoto, è molto più grande di quello che dovrebbe essere.

Faccio un esempio pratico: in uno dei due HD esterni che ho, ho occupato l'intero spazio disponibile e Volume Works mi ha lasciato un piccolissimo spazio libero di 8 blocchi (4k circa).

non é che per caso hai techtoolpro?

Fatto abbastanza singolare:

quando ho riprovato a fare la stessa operazione è venuto fuori, dal comando sudo mac-fdisk, che i 10 GB liberi, che avevo lasciato per Linux, erano in formato Apple_Free Extra. Che significa? :ciao:

é giusto: Apple_Free é il tipo (anche se in realtà non esiste il "tipo" nelle mappe di partizioni apple, é solo una convenzione…) e Extra é il nome dato alle partizioni vuote.

a questo punto, se hai un hd esterno e os x 10.4 abbastanza capiente ti conviene fare una cosa:

1) scarica carbon copy cloner ( http://www.bombich.com/software/ccc.html );

2) impostalo per creare un'immagine disco sul disco esterno (occhio a non sovrascrivere il contenuto contenente un backup di quello interno (oltre ai tuiu dati mantieni almeno le cartelle System e Library, serviranno in seguito));

3) avvia dal dvd di os x, scegli utility>utility disco e separa il disco in 2 partizioni, una, per os x, in formato mac os esteso (journaled) o mac os esteso case sensitive (journaled) (ti consiglio quello solo esteso journaled peché non sono sicuro che linux legga il case sensitive…) e una come "spazio libero";

4) esci da utility disco e procedi ad installare mac os x;

5) ad installazione terminata crea un utente temporaneo (non con lo stesso nome breve che aveva il tuo precedente) e fai i vari aggiornamenti;

6) fatti gli aggiornamenti apri l'immagine disco del backup, apri Assistenze Migrazione (in /Applicazioni/Utility) e reimporta tutti i dati;

7) ora procedi ad installare linux utilizzando "usa lo psazio libero"…

questo dovrebbe risolvere definitivamente…:ghghgh:

"Errore di configurazione di Windows: mouse e tastiera scollegati. Premere F1 per riavviare."

"Assimilation is futile: Microsoft delenda est!"

6/6/2005: è l'inizio della fine.

Home Page | multiXFinder | OpenArena | SuspendNow!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non é che per caso hai techtoolpro?

Si, perché? :ghghgh:

a questo punto, se hai un hd esterno e os x 10.4 abbastanza capiente ti conviene fare una cosa:

1) scarica carbon copy cloner ( http://www.bombich.com/software/ccc.html );

2) impostalo per creare un'immagine disco sul disco esterno (occhio a non sovrascrivere il contenuto contenente un backup di quello interno (oltre ai tuiu dati mantieni almeno le cartelle System e Library, serviranno in seguito));

3) avvia dal dvd di os x, scegli utility>utility disco e separa il disco in 2 partizioni, una, per os x, in formato mac os esteso (journaled) o mac os esteso case sensitive (journaled) (ti consiglio quello solo esteso journaled peché non sono sicuro che linux legga il case sensitive…) e una come "spazio libero";

4) esci da utility disco e procedi ad installare mac os x;

5) ad installazione terminata crea un utente temporaneo (non con lo stesso nome breve che aveva il tuo precedente) e fai i vari aggiornamenti;

6) fatti gli aggiornamenti apri l'immagine disco del backup, apri Assistenze Migrazione (in /Applicazioni/Utility) e reimporta tutti i dati;

7) ora procedi ad installare linux utilizzando "usa lo psazio libero"…

questo dovrebbe risolvere definitivamente…:ciao:

D'oh!:ciao:

Proprio quello che volevo evitare... ma sapevo che sarebbe andata a finire così.

Cmq io prima proverò a montare l'HD con i comandi Shell che mi hai detto, e poi se neanche così funzionerà, passerò alla soluzione FINALE ;)

Macbook Pro i7 2.6Hhz, 8GB RAM

Macbook 2.2Ghz, 4GB RAM

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Archived

Questa discussione è archiviata e chiusa a future risposte.


×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego e dichiari di aver letto e di accettare: Privacy Policy Termini di utilizzo