Vai al contenuto

Benvenuto nella community di Italiamac Forum

Guest Image

Benvenuto su Italiamac, la più grande comunità AMUG italiana riconosciuta da Apple. La consultazione è libera. Se vuoi anche partecipare attivamente alle discussioni pubblicando post e messaggi puoi iscriverti gratuitamente, avrai molti vantaggi:

  • Pubblicare post, messaggi e richieste di aiuto
  • Fare amicizia e usare i messaggi privati fra utenti
  • Pubblicare annunci di vendita di usato
  • Usare tutte le funzioni della community

ISCRIVITI GRATIS


Change Mode






Che libro state leggendo?


Recommended Posts

Ieri sera all'1 ho finito Dimenticami Trovami Sognami , bellissimo anche il finale. Molto soddisfatto!!

A tal punto che ho seguito i consigli dell'autore e ho comprato Anathem di Stephenson a 0.99 su amazon!

 

Contento di averti consigliato bene! :ok:

Anathem non lo conosco. Di Stephenson vorrei leggere Cryptonomicon, ma devo farlo in vacanza (è enorme!).

Vieni a dare un'occhiata a

Il grande marziano. Anche su Facebook e su anobii.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 4,7k
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Temo che sia un problema comune a molti amanti della lettura.  ...e intanto ho preso questo: https://www.oblomovedizioni.com/libri-quaderni-giapponesi-02.php    

Sto leggendo "Uomini e topi" di John Steinbeck, l'ho iniziato ieri ma mi piace già molto

Epicuro ....  "Lettera sulla Felicità"

Posted Images

Appena finito Ma gli androidi sognano pecore elettriche? di P. Dick.

 

"Nel 1992 la Guerra Mondiale ha ucciso milioni di persone, e condannato all'estinzione intere specie, costringendo l'umanità ad andare nello spazio. Chi è rimasto sogna di possedere un animale vivente, e le compagnie producono copie incredibilmente realistiche: gatti, cavalli, pecore... Anche l'uomo è stato duplicato. I replicanti sono simulacri perfetti e indistinguibili, e per questo motivo sono banditi dalla Terra. Ma a volte decidono di confondersi tra i loro simili biologici e di far perdere le loro tracce. A San Francisco vive un uomo che ha l'incarico di ritirare gli androidi che violano la legge, ma i dubbi intralciano spesso il suo crudele mestiere, spingendolo a chiedersi cosa sia davvero un essere umano... Tragico e grottesco assieme, il romanzo di Philip Dick racconta il panorama desolato della San Francisco del futuro, il desiderio di amore e redenzione che alberga nei più umili, trasformando il genere fantascientifico in un noir cupo e metafisico."

 

Mi è piaciuto molto! :D

Questo è il secondo libro di Dick che leggo (l'altro era Ubik) e come autore mi sta piacendo. 

Anche in questo romanzo ci sono comunque alcune cose che non ho capito (in Ubik era il finale, qui invece ho ancora dei dubbi su Mercer), ma alla fine non la considero una cosa negativa...

Consigliato!  :ok:

 

Ora inizio a leggere Dimenticami, trovami, sognami di A. Viscusi  :ok:

iMac 27" ------ Macbook Air 13" ------ iPhone 3GS Black 16GB ------ iPhone 5 Black 32GB ------ 2 iPod Shuffle 1GB

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Appena finito Ma gli androidi sognano pecore elettriche? di P. Dick.

"Nel 1992 la Guerra Mondiale ha ucciso milioni di persone, e condannato all'estinzione intere specie, costringendo l'umanità ad andare nello spazio. Chi è rimasto sogna di possedere un animale vivente, e le compagnie producono copie incredibilmente realistiche: gatti, cavalli, pecore... Anche l'uomo è stato duplicato. I replicanti sono simulacri perfetti e indistinguibili, e per questo motivo sono banditi dalla Terra. Ma a volte decidono di confondersi tra i loro simili biologici e di far perdere le loro tracce. A San Francisco vive un uomo che ha l'incarico di ritirare gli androidi che violano la legge, ma i dubbi intralciano spesso il suo crudele mestiere, spingendolo a chiedersi cosa sia davvero un essere umano... Tragico e grottesco assieme, il romanzo di Philip Dick racconta il panorama desolato della San Francisco del futuro, il desiderio di amore e redenzione che alberga nei più umili, trasformando il genere fantascientifico in un noir cupo e metafisico."

Mi è piaciuto molto! :D

Questo è il secondo libro di Dick che leggo (l'altro era Ubik) e come autore mi sta piacendo.

Anche in questo romanzo ci sono comunque alcune cose che non ho capito (in Ubik era il finale, qui invece ho ancora dei dubbi su Mercer), ma alla fine non la considero una cosa negativa...

Consigliato! :ok:

Ora inizio a leggere Dimenticami, trovami, sognami di A. Viscusi :ok:

Fantastico Dick, se non l'avete letto consiglio la svastica sul sole.

Io ora ho appena preso alla modica cifra di 33 euro il libro di J.J. Abrams, S ( la nave di Teseo di VM Straka) libro assurdo. Sembra un libro della biblioteca passato per varie mani. In pratica sembra di leggere due libri. Vedremo com'è

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Fantastico Dick, se non l'avete letto consiglio la svastica sul sole.

Io ora ho appena preso alla modica cifra di 33 euro il libro di J.J. Abrams, S ( la nave di Teseo di VM Straka) libro assurdo. Sembra un libro della biblioteca passato per varie mani. In pratica sembra di leggere due libri. Vedremo com'è

A me il pippone del giapponese sul gioiello mi aveva fatto venire il mal di testa, ma forse sono io che sono troppo sobrio per lo stile di Dick.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho appena finito di leggere Fuga dal campo 14, di Harden Blaine, biografia di Shin Dong-hyuk, l'unico uomo nato in un campo di prigionia della Corea del Nord ad essere riuscito a scappare. Un libro crudo, efferato, tragicissimo e incredibile. Incredibile pensare che ci siano posti come questo, veri, in questo esatto momento storico, dove per le persone la delazione è cosa normale, per esempio è perfettamente normale tradire tua madre e tuo fratello e per il tuo tradimento assistere alla loro impiccagione e non provare niente di niente, anzi provare rabbia nei loro confronti, perché con il loro tradimento hanno messo in pericolo te. E questa è solo una delle tante cose. Ragazzi, questo libro è una bomba!

 

Adesso ho iniziato Nel mondo a venire di Ben Lerner, se ne parla un gran bene. Ne so troppo poco per raccontarvi qualcosa. Vi dirò tra un po'.

:ciao:

Vieni a dare un'occhiata a

Il grande marziano. Anche su Facebook e su anobii.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Finito Dimenticami Trovami Sognami di Andrea Viscusi.

Bellissimo!  :ok:

Mi è piaciuto molto perché se dividiamo il libro in 3 parti, ogni parte è raccontata in modo diverso e sono tutte e 3 molto interessanti. L'unica parte che ho trovato un po' confusa è l'ultima, ma penso che sia una cosa voluta (e verso la fine si spiega tutto).

Ho notato che non ci sono "tempi morti" e questo mi ha fatto più volte venire la voglia di finirlo all'istante.  :ghghgh:

Insomma, consigliato a tutti!  :ok: (non è nemmeno lungo, non ci sono scuse  :ghghgh: )

 

Il prossimo libro è La penultima verità di P. Dick.

iMac 27" ------ Macbook Air 13" ------ iPhone 3GS Black 16GB ------ iPhone 5 Black 32GB ------ 2 iPod Shuffle 1GB

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Terminato Nel mondo a venire, di Ben Lerner. Libro - a mio avviso - bellissimo! Una goduria per la mente! Ma strano. Molto "post-moderno". Non semplicissimo da leggere o da raccontare. Siamo dalle parti di David Foster Wallace o David Eggers per intendersi. Vi copio-incollo la presentazione dal sito Sellerio:

 

Un uomo di poco più di trent’anni vede la propria vita cambiare improvvisamente direzione. La sua migliore amica gli ha chiesto di aiutarla a concepire un figlio, ma senza diventare una coppia. La carriera di scrittore ha incontrato finalmente un insperato successo, e in modo altrettanto imprevisto è giunta la diagnosi di una malattia cardiaca, potenzialmente fatale. Questi eventi, questi improvvisi stravolgimenti, felici, drammatici, curiosamente esilaranti, sembrano riflettersi nel mondo che lo circonda. New York è scossa da tifoni, uragani e tempeste, come fosse una città tropicale. La crisi rende tutti ansiosi e aggressivi, niente sembra più funzionare, a livello personale, collettivo, intellettuale, sentimentale. Non è certo il momento migliore per fronteggiare lo spettro della propria mortalità, o pensare a diventare padre.

Ben Lerner è tra i più interessanti nuovi scrittori americani, accolto fin dal suo esordio con entusiasmo critico e attenzione del pubblico. Un autore «meravigliosamente divertente e intelligente, vivissimo e originale in ogni sua frase» secondo l’elogio di Jonathan Franzen. In questa storia, che continuamente oscilla tra realtà e finzione, tra emozione e ironia, sembra inseguire un’intuizione, una visione in grado di incastonare nella lingua letteraria la traccia fievole della vita contemporanea, di intravedere la scia del mondo che ci attende. È una ricerca ambiziosa, soprattutto in un’epoca in cui immaginare il futuro è diventato difficile, e questa difficoltà cambia profondamente il nostro rapporto con il presente e con il passato, con le persone che ci stanno accanto. Allora bisogna guardarsi intorno, scrutare la città, le sue strade, i suoi abitanti, con sguardo consapevole della storia e della complessità, col gusto dell’esploratore che ispirato dal poeta Walt Whitman si nutre nelle sue peregrinazioni dello spettacolo della moltitudine e della pienezza. Che può scaturire in ogni attimo o luogo, e brillare di luce inaspettata, illuminando il passato e il presente, rivelando in un istante le possibilità del futuro.

:ciao:

Vieni a dare un'occhiata a

Il grande marziano. Anche su Facebook e su anobii.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Terminato Nel mondo a venire, di Ben Lerner (v. sopra), ho iniziato La vita davanti a sé di Romain Gary. E' la storia (raccontata in prima persona) di Momo, un bambino che viene cresciuto da Madame Rosa in un appartamento al sesto piano di un palazzo nel quartiere multietnico di Belleville a Parigi. La donna, un’anziana ebrea reduce da Auschwitz si occupa di crescere i figli di prostitute che per legge non possono tenerli con sé. Momo sembra un caso a parte; proviene da una famiglia musulmana e sua madre, a differenza delle altre, non si presenta mai e intorno alla sua origine sembra che tutti intorno a lui mantengano il mistero. Tutti i mesi Madame Rosa riceve un mandato di pagamento per il suo mantenimento...

 

Per ora sono all'inizio, ma il libro è scritto con una grazia e una delicatezza fantastici, e anche con una meravigliosa innocente ironia. Insomma, promette molto bene.

:ciao:

Modificato da Il grande marziano/Hal1969

Vieni a dare un'occhiata a

Il grande marziano. Anche su Facebook e su anobii.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest dataghoul

Kip Thorne

Buchi neri e salti temporali

L’eredità di Einstein

 

editore Castelvecchi

 

con prefazione di Stephen Hawking

 

Nel 1915 Einstein completò le leggi della relatività generale, segnando una svolta nella concezione dello spazio e del tempo. Si apriva così la nuova frontiera degli studi sul misterioso fenomeno astronomico dei buchi neri. In questo volume, Kip Thorne racconta le scoperte e le false piste della ricerca sull’argomento, da Einstein a Hawking, esamina le conseguenze della teoria dello spazio curvo e le possibilità offerte dalla fisica dei quanti, fino a prendere in esame l’ipotesi dei wormholes, ovvero le scorciatoie che permetterebbero di viaggiare da un punto all’altro dell’Universo più rapidamente della luce. Combinando princìpi fisici comprovati e geniali intuizioni, Buchi neri e salti temporali dimostra la sorprendente capacità della mente umana di sondare – tra sbalzi, vicoli ciechi e sforzi di comprensione – le complessità dell’Universo e di rivelare l’intima semplicità, l’eleganza e la meravigliosa bellezza delle leggi fondamentali che lo governano. Il libro, rigoroso ma accessibile, contiene un glossario, delle note di approfondimento, una cronologia sintetica e un’ampia bibliografia. Buchi neri e salti temporali non rappresenta soltanto il più importante testo di divulgazione sulla teoria dei buchi neri, ma una potente fonte di ispirazione dell’immaginario contemporaneo.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 2 weeks later...

Sto per finire il primo libro (in inglese era uno unico, in ita l'hanno diviso in due) di "Anathem : il pellegrino" Neal Stephenson. http://it.wikipedia.org/wiki/Anathem

Veramente bello, ho comprato anche il secondo su amazon. (altri 0.99 euro).

 

Tratta parecchi argomenti, ma ben amalgamati tra loro : religione, filosofia, meccanica quantistica e fantascienza classica. La descrizione segue le azioni del protagonista, con momenti di azione (fughe, combattimenti, etc.) che momenti di riflessione e discussione.

Superate le prime pagine introduttive un po' pesanti (come al solito non si capiva nulla) poi è veramente interessante!

Antivirus su mac? No grazie!! Utente Mac dal 10 aprile 2009.

 MacBook air 13, MacBook White 13, Canon Eos 1100D, Nexus5  . Lurker. Tartassala!! ToDo: Tentare di conquistare il mondo!!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Kip Thorne

Buchi neri e salti temporali

L’eredità di Einstein

 

editore Castelvecchi

 

con prefazione di Stephen Hawking

 

Nel 1915 Einstein completò le leggi della relatività generale, segnando una svolta nella concezione dello spazio e del tempo. Si apriva così la nuova frontiera degli studi sul misterioso fenomeno astronomico dei buchi neri. In questo volume, Kip Thorne racconta le scoperte e le false piste della ricerca sull’argomento, da Einstein a Hawking, esamina le conseguenze della teoria dello spazio curvo e le possibilità offerte dalla fisica dei quanti, fino a prendere in esame l’ipotesi dei wormholes, ovvero le scorciatoie che permetterebbero di viaggiare da un punto all’altro dell’Universo più rapidamente della luce. Combinando princìpi fisici comprovati e geniali intuizioni, Buchi neri e salti temporali dimostra la sorprendente capacità della mente umana di sondare – tra sbalzi, vicoli ciechi e sforzi di comprensione – le complessità dell’Universo e di rivelare l’intima semplicità, l’eleganza e la meravigliosa bellezza delle leggi fondamentali che lo governano. Il libro, rigoroso ma accessibile, contiene un glossario, delle note di approfondimento, una cronologia sintetica e un’ampia bibliografia. Buchi neri e salti temporali non rappresenta soltanto il più importante testo di divulgazione sulla teoria dei buchi neri, ma una potente fonte di ispirazione dell’immaginario contemporaneo.

questo mi ispira parecchio...

 

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dunque, ho terminato La vita davanti a sé di Romain Gary, già segnalato. Gran bel libro. Arguto, ironico, tenero. Poi ho letto L'eternauta, il celeberrimo fumetto argentino. In effetti è una gran opera, anche se oggi risulta un po' datata. Per apprezzarla appieno va contestualizzata sia rispetto all'epoca, che rispetto al paese.

 

Adesso sono su Le ore invisibili, nuovo libro di David Mitchell, autore del celebre - e bellissimo - Cloud Atlas (L'atlante delle nuvole). Sono quasi a un quarto di libro e non ho ancora capito di cosa parla! :wacko: Per questo posso dire che, almeno per ora, il libro non mi convince. E' anche troppo prolisso in situazioni che davvero non sembrano c'entrare alcunché con la storia. Insomma, per ora vado avanti, ma con una certa fatica. Aspetto che decolli (sperando che prima o poi lo faccia). Vi saprò dire.

:ciao:

Vieni a dare un'occhiata a

Il grande marziano. Anche su Facebook e su anobii.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest dataghoul

 Poi ho letto L'eternauta, il celeberrimo fumetto argentino. In effetti è una gran opera, anche se oggi risulta un po' datata. Per apprezzarla appieno va contestualizzata sia rispetto all'epoca, che rispetto al paese.

 

Lo seguii con molto interesse, da ragazzo, mano a mano che veniva pubblicato (a puntate) sul mitico Lanciostory.

 

L'ho poi riletto di recente, apprezzandolo ancora di più.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La teoria del tutto, di Stephen Hawking.

 

Ora vorrei leggere altro sull'argomento big bang/universo/buchi neri/relatività/meccanica quantistica, che ho sempre trovato affascinante, ma non sono mai andato oltre qualche documentario in TV.

:apple: MacBook Pro 13" mid 2012 (macOS 10.14.6 Mojave) :apple: iPhone 6S (iOS 13.1.2) :apple: iPad mini (iOS 9.3.5) :apple: Apple TV 4a gen. :apple: iPod nano 5a gen.

- Le mie foto su flickr -

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La teoria del tutto, di Stephen Hawking.

 

Ora vorrei leggere altro sull'argomento big bang/universo/buchi neri/relatività/meccanica quantistica, che ho sempre trovato affascinante, ma non sono mai andato oltre qualche documentario in TV.

 

A tale riguardo, mi permetto di consigliarti La trama del cosmo, di Brian Greene. C'è dentro tutto quello che cerchi. Ma proprio tutto.

:ciao:

Vieni a dare un'occhiata a

Il grande marziano. Anche su Facebook e su anobii.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie  :ok:

Brian Greene è infatti il primo autore che ho considerato dopo Hawking.

:apple: MacBook Pro 13" mid 2012 (macOS 10.14.6 Mojave) :apple: iPhone 6S (iOS 13.1.2) :apple: iPad mini (iOS 9.3.5) :apple: Apple TV 4a gen. :apple: iPod nano 5a gen.

- Le mie foto su flickr -

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rispondi e partecipa alla discusione

Puoi rispondere subito e iscriverti successivamente. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego e dichiari di aver letto e di accettare: Privacy Policy Termini di utilizzo