Vai al contenuto

Dark Mode

Benvenuto nella community di Italiamac Forum

Guest Image

Benvenuto su Italiamac, la più grande comunità AMUG italiana riconosciuta da Apple. La consultazione è libera. Se vuoi anche partecipare attivamente alle discussioni pubblicando post e messaggi puoi iscriverti gratuitamente, avrai molti vantaggi:

  • Pubblicare post, messaggi e richieste di aiuto
  • Fare amicizia e usare i messaggi privati fra utenti
  • Pubblicare annunci di vendita di usato
  • Usare tutte le funzioni della community

ISCRIVITI GRATIS







Che libro state leggendo?


Recommended Posts

  • Risposte 4,7k
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Temo che sia un problema comune a molti amanti della lettura.  ...e intanto ho preso questo: https://www.oblomovedizioni.com/libri-quaderni-giapponesi-02.php    

Sto leggendo "Uomini e topi" di John Steinbeck, l'ho iniziato ieri ma mi piace già molto

Epicuro ....  "Lettera sulla Felicità"

Posted Images

Se domani farà bel tempo.

di Luca Bianchini. :rolleyes:

-macbook 2.0 ghz 2 gb di ram e 160 su disco fisso-

-iPod 30 gb nero-

-iPhone 16 gb 2g-

-iPhone 16 gb 3g nero-

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Topolino :)

“Creare forse significa sbagliare quel passo nella danza. Significa dare di traverso quel colpo di scalpello nella pietraâ€. Antoine de Saint-Exupery

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ma in america non si parla inglese...?

Si e no.

Consideralo un "dialetto". La costruzione sintattica è più o meno la stessa ma diverse parole sono completamente diverse. L'esempio più classico è l'ascensore: in inglese Lift, in americano Elevator, oppure il Taxi, uguale in inglese ma in americano diventa (yellow) Cab.

Un inglese capisce comunque se arrivi dicendo "How ya doing?", ma la frase non fa parte del lessico della regina...

“Yes, PC World is produced on Macs.†— PC World Senior Editor Rebecca Freed, January 30, 2004.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Padri. Storie di maschi perplessi, di Carlo Grande.

Padri inquieti, soli, divorziati; uomini che sono ancora figli e che desiderano cambiare; maschi alle prese con mogli e prole che non bastano più, persone che vedono sbiadire la loro autorevolezza e prevalere il branco di maschi in lotta l'uno contro l'altro, a caccia di donne, sesso, potere. Padri. Storie di maschi perplessi, raccolta di racconti legati a un tema moderno e antico nello stesso tempo: la paternità. Storie intense, spregiudicate nella loro ricerca di verità, che portano sulla scena una galleria di uomini alle prese con i tanti modi di essere padre: uno â€status“ non solo biologico. Essere padri significa crescere, lottare con gli istinti del maschio e diventare affidabili, andare attraverso la vita a testa alta, con consapevolezza e audacia.

Molto bello, di facile lettura.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io sto leggendo "la fuggitiva", il penultimo libro de "alla ricerca del tempo perduto" di marcel proust.

di mia spontanea iniziativa ho anche ripreso in mano "il nome della rosa", di umberto eco.

--

Tristano

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rispondi e partecipa alla discusione

Puoi rispondere subito e iscriverti successivamente. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo