Vai al contenuto

Dark Mode

Benvenuto nella community di Italiamac Forum

Guest Image

Benvenuto su Italiamac, la più grande comunità AMUG italiana riconosciuta da Apple. La consultazione è libera. Se vuoi anche partecipare attivamente alle discussioni pubblicando post e messaggi puoi iscriverti gratuitamente, avrai molti vantaggi:

  • Pubblicare post, messaggi e richieste di aiuto
  • Fare amicizia e usare i messaggi privati fra utenti
  • Pubblicare annunci di vendita di usato
  • Usare tutte le funzioni della community

ISCRIVITI GRATIS







Alimentatore sempre in carica


Silvietta

Recommended Posts

Lasciare un qualsiasi alimentatore (cellulare, portatile...ecc) sempre in carica (quindi attaccato alla presa elettrica), anche senza apparecchio da caricare è "dannoso"?...ovvero si può più facilmente bruciare, o durare meno...?

Attendo risposte!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 97
  • Created
  • Ultima Risposta

Se non attacchi nulla all'alimentatore peraticamente è un circuito aperto, come se fosse staccato dalla presa insomma quindi no problem... Io in genere stacco quelli che hanno un led di stato che si accende se attacchi l'alimentatore alla presa.

Da ciscun puffo secondo le sue capacità, a ciascun puffo secondo i suoi bisogni

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da quello che ho sentito durante la giornata per il risparmio energetico, l'alimentatore di qualsiasi tipo anche se non attaccato all'oggetto che deve ricaricare, sembra consumare energia. Quindi dicono che bisogna sempre staccarlo. Presumo che se consuma corrente, si consumi anche lui. Una goccia di qui, una goccia di là, il risparmio energetico è comunque importante.:ciao:

Se vi piace la fotografia, fate un salto su www.maurobighin.com

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si, sono gli stessi che affermano che con la corrente che serve ad alimentare i led di stato degli apparecchi in standby ci si potrebbe alimentare una città come Napoli...

Eppure basterebbe accendere il cervello prima di dire certe castronate.

Li farei stare un anno a misurare tutte le "lucine" con una pinza amperometrica in mano... e poi dichiarare in prima serata da Pippobbàudo "Scusate se vi abbiamo rotto i coglioni per anni con boiate simili."

“Yes, PC World is produced on Macs.†— PC World Senior Editor Rebecca Freed, January 30, 2004.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
io parlo per esperienza diretta vecchio alimentatore nokia (per il 3210) tenuto sempre attaccato ..... durato 1 anno.... poi magari .... era difettato di suo ...

No, non dicevo della possibilità che un alimentatore si rompa, anche se credo che nel tuo caso valga la tua ultima considerazione.

Quello che non sopporto è la gogna mediatica a cui è sottosposto l'uso degli apparecchi in standby, uso che inciderebbe IN REALTÀ per circa 2,5/3 Euro L'ANNO a famiglia.

Un "risparmio" IPOTETICO di 3 Euro l'anno NON VALE la "fatica" di scomodarsi a spegnere il tv o riprogrammare il VHS.

E il risparmio di 3 Euro è ipotetico perché nessuno ha pensato a mettere nel conto il picco di corrente richiesto all'avvio degli apparecchi...

Braccia rubate alla vanga.

“Yes, PC World is produced on Macs.†— PC World Senior Editor Rebecca Freed, January 30, 2004.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lasciare un alimentatore sotto tensione dopo avere caricato l'apparecchio non ha molto senso, far scaldare i componenti, quindi "usura" non vale la pena. Il consumo elettrico è irrilevante.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma no, senza il carico non l'alimentatore non è "in funzione", non c'è stress per i componenti... tranne per quelli che si occupano dell'eventuale "controllo", ovvero led o display di stato.

Un comune alimentatore da telefonino, o anche quello dei portatili Apple, attaccato o staccato vive nello stesso limbo.

“Yes, PC World is produced on Macs.†— PC World Senior Editor Rebecca Freed, January 30, 2004.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
No, non dicevo della possibilità che un alimentatore si rompa, anche se credo che nel tuo caso valga la tua ultima considerazione.

Quello che non sopporto è la gogna mediatica a cui è sottosposto l'uso degli apparecchi in standby, uso che inciderebbe IN REALTÀ per circa 2,5/3 Euro L'ANNO a famiglia.

Un "risparmio" IPOTETICO di 3 Euro l'anno NON VALE la "fatica" di scomodarsi a spegnere il tv o riprogrammare il VHS.

E il risparmio di 3 Euro è ipotetico perché nessuno ha pensato a mettere nel conto il picco di corrente richiesto all'avvio degli apparecchi...

Braccia rubate alla vanga.

si sono d'accordo ......

volevo anche sapere un'altra cosa però ..... se lascio attaccato l'ipos all'alimentatore esterno dopo che si è caricato completamente l'alimentatore si fredda...... quello del tom tom.... no cioè rimane caldissimo anche quando il navigatore ha completato la carica perché ?:mad:

Aston inside: POWER. BEAUTY. SOUL ---

sognando Firenze

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anomalo.

Magari hanno reinventato l'acqua calda, per chissà quale motivo.

Ovvio che se scalda quando è scollegato, meglio staccarlo. Ma ti ripeto: è anomalo.

“Yes, PC World is produced on Macs.†— PC World Senior Editor Rebecca Freed, January 30, 2004.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Anomalo.

Magari hanno reinventato l'acqua calda, per chissà quale motivo.

Ovvio che se scalda quando è scollegato, meglio staccarlo. Ma ti ripeto: è anomalo.

che palle, speriamo non sia rotto .......

Aston inside: POWER. BEAUTY. SOUL ---

sognando Firenze

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Si, sono gli stessi che affermano che con la corrente che serve ad alimentare i led di stato degli apparecchi in standby ci si potrebbe alimentare una città come Napoli...

Eppure basterebbe accendere il cervello prima di dire certe castronate.

Li farei stare un anno a misurare tutte le "lucine" con una pinza amperometrica in mano... e poi dichiarare in prima serata da Pippobbàudo "Scusate se vi abbiamo rotto i coglioni per anni con boiate simili."

Sui led degli apparecchi televisivi sono d'accordo che è forse un po' troppo demagogico, ma se un caricabatterie scalda anche se ha finito la carica non c'è molto da discutere, pur non essendo io uno esperto: calore = dispersione di energia = consumo.

Ma magari qui c'è qualche cervellone che può spiegare meglio come possa esserci calore senza che vi sia consumo di energia. Se è così, battete un colpo. :D

P.S. Comunque io le lampadine che si rompono le sostituisco con quelle a basso consumo.. :D.

Se vi piace la fotografia, fate un salto su www.maurobighin.com

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Lasciare un alimentatore sotto tensione dopo avere caricato l'apparecchio non ha molto senso, far scaldare i componenti, quindi "usura" non vale la pena. Il consumo elettrico è irrilevante.

Anch'io la penso così:ciao:

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Si, sono gli stessi che affermano che con la corrente che serve ad alimentare i led di stato degli apparecchi in standby ci si potrebbe alimentare una città come Napoli...

Ma è vero! A Napoli va quasi tutto a manovella, per cui, i pochi apparecchi elettrici...

:):ciao::)

Utente Mac dal 1988.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ora siamo seri.

Un alimentatore ha all'ingresso un trasformatore. Se non alimenta il carico, al secondario è un circuito aperto, ma al primario circola la corrente a vuoto, detta anche corrente di magnetizzazione.

La circolazione di corrente provoca un piccolo riscaldamento, che, assieme alla tensione di rete, costituisce una sollecitazione combinata che invecchia l'isolante. Poiché la sollecitazione è piccola, l'effetto è quasi trascurabile, ma può diventare significativo dopo un tempo di esposizione molto lungo.

Per cui:

1 - L'alimentatore sempre collegato alla rete si invecchia prima

2 - Il consumo che ne consegue è trascurabile, non ha impatto sul singolo né sulla comunità

3 - Possono nascere problemi di sicurezza (incendio)

4 - Non è mai consigliabile lasciare collegato alla rete un apparecchio elettrico inutilizzato

Per i più curiosi: l'isolante arriva a fine vita e perde le caratteristiche dielettriche. Non è detto che "spari", in questo caso sarebbe meglio perché causa un corto e fa intervenire un interruttore.

Se non "spara" inizia a drenare una corrente di dispersione che lo riscalda ancora di più, aumentando la sua conducibilità, e quindi la corrente drenata aumenta e il fenomeno si autoesalta. Se la cosa avviene lentamente la corrente non cresce tanto da far intervenire l'interruttore, ma abbastanza da riscaldare il componente che si autoaccende. Se accanto c'è qualcosa di combustibile (moquette, carta, etc.) il giuoco è fatto.

Utente Mac dal 1988.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Per i più curiosi: l'isolante arriva a fine vita e perde le caratteristiche dielettriche. Non è detto che "spari", in questo caso sarebbe meglio perché causa un corto e fa intervenire un interruttore.

Se non "spara" inizia a drenare una corrente di dispersione che lo riscalda ancora di più, aumentando la sua conducibilità, e quindi la corrente drenata aumenta e il fenomeno si autoesalta. Se la cosa avviene lentamente la corrente non cresce tanto da far intervenire l'interruttore, ma abbastanza da riscaldare il componente che si autoaccende...

Si, ma in quanto tempo succede questo?

Te lo chiedo perché l'alimentatore del mio spazzolino per i denti è attaccato ininterrottamente dal 1997....

“Yes, PC World is produced on Macs.†— PC World Senior Editor Rebecca Freed, January 30, 2004.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In teoria dovrebbe succedere in un tempo infinito, perché gli isolanti solidi sono progettati per avere una durata di vita illimitata se sottoposti a sollecitazione con valori di normale esercizio.

Per esempio, l'isolante in gomma di un cavo elettrico in bassa tensione può condurre una corrente pari alla sua portata per almeno trent'anni se caricato continuamente.

In pratica, soprattutto per i componenti di largo consumo, non c'è una scelta così attenta dei materiali, e, poiché la durata degli isolanti è un fatto statistico, non si può certo prevedere quanto duri il singolo pezzo.

Devi poi considerare che una sopraelevazione di soli 8 gradi di temperatura dimezza la vita dell'isolante solido. Un componente qualsiasi può prendere una "scaldata" per svariati motivi, e una bottarella del genere lo invecchia di molto, senza che si veda. (Anche l'esposizione al sole può essere dannosa).

Il tuo spazzolino:

- ha l'alimentatore fatto con materiali di buona qualità

oppure

- poiché la statistica applicata al caso singolo cambia nome e si chiama culo (o sfiga, a seconda dell'esito)...:ciao:

In ogni caso è sempre buona norma non lasciare collegato alla rete un apparecchio non utilizzato. E non per quelle cazzate sui consumi, ma per sicurezza.

Utente Mac dal 1988.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Roma, 5 Dicembre 2005. Risparmiare 55 milioni di euro all'anno di energia con un dito della mano.

E' molto semplice basta spengere il televisore, a fine trasmissione, non con il telecomando ma premendo l'apposito bottone posto nel televisore. La posizione di stand-by, con la spia luminosa (LED), comporta un assorbimento di 2 watt all'ora, che moltiplicato per 20 (le ore della giornata durante la quale il televisore dovrebbe essere spento) e per 365 giorni all'anno porta ad una cifra di 14600 wattora, vale a dire 14,6 kilowattora. Se i 14,6 kilowattora si moltiplicano per 21 milioni di famiglie, che presumibilmente posseggono un televisore, si ha la cifra di 306 milioni di kilowattora che moltiplicati per il costo medio del kilowattora di 0,18 euro, comprensivo del supplemento quota fissa, dell'imposta erariale, dell'addizionale per gli enti locali, dell'IVA, porta ad una cifra di 55 milioni di euro (piu' di 100 miliardi delle vecchie lire) risparmiati e ottenuti solo spengendo completamente il televisore. Il calcolo puo' essere esteso a tutti i "punti luminosi", hifi, computer, ecc. 55 milioni di euro in meno che escono dalle tasche delle famiglie italiane e 306 milioni di kilowattora in meno prodotti dalle centrale elettriche. Piu' soldi e meno inquinamento: con un dito!

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

LatteStramato, quello che dici tu per i 3€ all'anno è preoccupante....

Il problema non è economico, ma la quantità di energia che deve essere usata per alimentare tutte queste risorse INUTILI.....

e ricorda che il 90% dell'energia = INQUINAMENTO!!!!!

Se tutta l'energia fosse pulita e hai voglia di spendere quei 3€ in più sono fatti tuoi, ma in questo contesto vuol dire fregarsene totalmente dell'ambiente....

Non dico che io spengo sempre il Led, ma almeno non la faccio passare come una cosa positiva

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Archived

Questa discussione è archiviata e chiusa a future risposte.


×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo