Vai al contenuto

Benvenuto nella community di Italiamac Forum

Guest Image

Benvenuto su Italiamac, la più grande comunità AMUG italiana riconosciuta da Apple. La consultazione è libera. Se vuoi anche partecipare attivamente alle discussioni pubblicando post e messaggi puoi iscriverti gratuitamente, avrai molti vantaggi:

  • Pubblicare post, messaggi e richieste di aiuto
  • Fare amicizia e usare i messaggi privati fra utenti
  • Pubblicare annunci di vendita di usato
  • Usare tutte le funzioni della community

ISCRIVITI GRATIS


Change Mode






Un po' di poesia


Recommended Posts

Due amanti felici fanno un solo pane,

una sola goccia di luna nell'erba,

lascian camminando due ombre che s'uniscono,

lasciano un solo sole vuoto in un letto.

Di tutte le verità scelsero il giorno:

non s'uccisero con fili, ma con un aroma

e non spezzarono la pace né le parole.

E' la felicità una torre trasparente.

L'aria, il vino vanno coi due amanti,

gli regala la notte i suoi petali felici,

hanno diritto a tutti i garofani.

Due amanti felici non hanno fine né morte,

nascono e muoiono più volte vivendo,

hanno l'eternità della natura.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 730
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Edovremo dunque negarti, Dio

dei tumori, Dio del fiore vivo,

e cominciare con un no all'oscura

pietra «io sono», e consentire alla morte

e su ogni tomba scrivere la sola

nostra certezza: «thànatos athànatos»?

Senza un nome che ricordi i sogni

le lacrime i furori di quest'uomo

sconfitto da domande ancora aperte?

Il nostro dialogo muta; diventa

ora possibile l'assurdo. Là

oltre il fumo di nebbia, dentro gli alberi

vigila la potenza delle foglie,

vero è il fiume che preme sulle rive.

La vita non è sogno. Vero l'uomo

e il suo pianto geloso del silenzio.

Dio del silenzio, apri la solitudine.

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella danzante!!!

Amo gli uomini che cadono, se non altro perché sono quelli che attraversano!

Il Blog di Bimbetta: elaborazione DSM V.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sei ancora quello della pietra e della fionda,

uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,

con le ali maligne, le meridiane di morte,

t’ho visto – dentro il carro di fuoco, alle forche,

alle ruote di tortura. T’ho visto: eri tu,

con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,

senza amore, senza Cristo. Hai ucciso ancora,

come sempre, come uccisero i padri, come uccisero

gli animali che ti videro per la prima volta.

E questo sangue odora come nel giorno

Quando il fratello disse all’altro fratello:

«Andiamo ai campi». E quell’eco fredda, tenace,

è giunta fino a te, dentro la tua giornata.

Dimenticate, o figli, le nuvole di sangue

Salite dalla terra, dimenticate i padri:

le loro tombe affondano nella cenere,

gli uccelli neri, il vento, coprono il loro cuore.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non son chi fui; perì di noi gran parte:

questo che avanza è sol languore e pianto.

E secco è il mirto, e son le foglie sparte

del lauro, speme al giovenil mio canto. 4

Perché dal dì ch'empia licenza e Marte

vestivan me del lor sanguineo manto,

cieca è la mente e guasto il core, ed arte

la fame d'oro, arte è in me fatta, e vanto. 8

Che se pur sorge di morir consiglio,

a mia fiera ragion chiudon le porte

furor di gloria, e carità di figlio. 11

Tal di me schiavo, e d'altri, e della sorte,

conosco il meglio ed al peggior mi appiglio,

e so invocare e non darmi la morte.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mente, mente...

infausto silenzio

ne circonda i suoi limiti

Segreto è il tuo dubbio

che nascondi nelle mura

della coscienza turbata

Amico dei miei pensieri

hai toccato il filo della vita

spezzato come una sottile tela

Cancellato per sempre

nei nostri visi, increduli

dell' inaspettato gesto

Ricolto da stupore

e rabbia, lanciato verso

il dolore e al pianto

Credo il buon Signore

che ti perdonerà e ti accoglierà

nella sua immensa casa

Non ti dimenticherò

sarai nel mio cuore

nel cassetto dei ricordi

Vorrei volare con te

per scrutare insieme

le meraviglie della nostra gioventù

Ti ricorderò nel cielo

in una stella nascente

a forma di guerriero che brillerà

più dei nostri pensieri...

Ciao Valerio.........

il meditare del sentiero dei tuoi occhi è la realtà che scompare nella mia anima.

12/08/07: Il mio Mondo se ne è andato.... vive dentro me!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mente, mente...

infausto silenzio

ne circonda i suoi limiti

Segreto è il tuo dubbio

che nascondi nelle mura

della coscienza turbata

Amico dei miei pensieri

hai toccato il filo della vita

spezzato come una sottile tela

Cancellato per sempre

nei nostri visi, increduli

dell' inaspettato gesto

Ricolto da stupore

e rabbia, lanciato verso

il dolore e al pianto

Credo il buon Signore

che ti perdonerà e ti accoglierà

nella sua immensa casa

Non ti dimenticherò

sarai nel mio cuore

nel cassetto dei ricordi

Vorrei volare con te

per scrutare insieme

le meraviglie della nostra gioventù

Ti ricorderò nel cielo

in una stella nascente

a forma di guerriero che brillerà

più dei nostri pensieri...

Ciao Valerio.........

:( che bella.....

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E correndo mi incontrò lungo le scale, quasi nulla mi sembrò cambiato in lei,

la tristezza poi ci avvolse come miele per il tempo scivolato su noi due.

Il sole che calava già rosseggiava la città

già nostra e ora straniera e incredibile e fredda:

come un istante "deja vu", ombra della gioventù, ci circondava la nebbia...

Auto ferme ci guardavano in silenzio, vecchi muri proponevan nuovi eroi,

dieci anni da narrare l'uno all' altro, ma le frasi rimanevan dentro in noi:

"cosa fai ora? Ti ricordi? Eran belli i nostri tempi,

ti ho scritto è un anno, mi han detto che eri ancor via".

E poi la cena a casa sua, la mia nuova cortesia, stoviglie color nostalgia...

E le frasi, quasi fossimo due vecchi, rincorrevan solo il tempo dietro a noi,

per la prima volta vidi quegli specchi, capii i quadri, i soprammobili ed i suoi.

I nostri miti morti ormai, la scoperta di Hemingway,

il sentirsi nuovi, le cose sognate e ora viste:

la mia America e la sua diventate nella via la nostra città tanto triste...

Carte e vento volan via nella stazione, freddo e luci accesi forse per noi lì

ed infine, in breve, la sua situazione uguale quasi a tanti nostri films:

come in un libro scritto male, lui s' era ucciso per Natale,

ma il triste racconto sembrava assorbito dal buio:

povera amica che narravi dieci anni in poche frasi ed io i miei in un solo saluto...

E pensavo dondolato dal vagone "cara amica il tempo prende il tempo dà...

noi corriamo sempre in una direzione, ma qual sia e che senso abbia chi lo sa...

restano i sogni senza tempo, le impressioni di un momento,

le luci nel buio di case intraviste da un treno:

siamo qualcosa che non resta, frasi vuote nella testa e il cuore di simboli pieno..."

iMac 3.06 Mhz 21.5" 4 GB RAM HD da 1TB ATI Radeon HD 4670 con 256MB

Mac Mini Intel core duo 1.83 GHz 2 GB ram.

iPhone 3GS 32GB

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
E correndo mi incontrò lungo le scale, quasi nulla mi sembrò cambiato in lei,

la tristezza poi ci avvolse come miele per il tempo scivolato su noi due.

Il sole che calava già rosseggiava la città

già nostra e ora straniera e incredibile e fredda:

come un istante "deja vu", ombra della gioventù, ci circondava la nebbia...

Auto ferme ci guardavano in silenzio, vecchi muri proponevan nuovi eroi,

dieci anni da narrare l'uno all' altro, ma le frasi rimanevan dentro in noi:

"cosa fai ora? Ti ricordi? Eran belli i nostri tempi,

ti ho scritto è un anno, mi han detto che eri ancor via".

E poi la cena a casa sua, la mia nuova cortesia, stoviglie color nostalgia...

E le frasi, quasi fossimo due vecchi, rincorrevan solo il tempo dietro a noi,

per la prima volta vidi quegli specchi, capii i quadri, i soprammobili ed i suoi.

I nostri miti morti ormai, la scoperta di Hemingway,

il sentirsi nuovi, le cose sognate e ora viste:

la mia America e la sua diventate nella via la nostra città tanto triste...

Carte e vento volan via nella stazione, freddo e luci accesi forse per noi lì

ed infine, in breve, la sua situazione uguale quasi a tanti nostri films:

come in un libro scritto male, lui s' era ucciso per Natale,

ma il triste racconto sembrava assorbito dal buio:

povera amica che narravi dieci anni in poche frasi ed io i miei in un solo saluto...

E pensavo dondolato dal vagone "cara amica il tempo prende il tempo dà...

noi corriamo sempre in una direzione, ma qual sia e che senso abbia chi lo sa...

restano i sogni senza tempo, le impressioni di un momento,

le luci nel buio di case intraviste da un treno:

siamo qualcosa che non resta, frasi vuote nella testa e il cuore di simboli pieno..."

Che dire.... il Guccio non si smentisce mai.....

il meditare del sentiero dei tuoi occhi è la realtà che scompare nella mia anima.

12/08/07: Il mio Mondo se ne è andato.... vive dentro me!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest leonerosso

Lentamente muore

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni

giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non

rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su

bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni,

proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno

sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti

all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul

lavoro, chi non rischia la certezza per l'incertezza, per inseguire un

sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai

consigli sensati. Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi

non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso. Muore lentamente

chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i

giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non

fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli

chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo

richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di

respirare.

Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida

felicità.

(P. Neruda)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

..passavo di quà..un saluto a tutti i poeti!!!!!!! e... sopratutto ..

un abbraccio a Minerva!!!!!!

4k5wszs0g5as2.jpg

..danzar nell acqua..

i piedi nudi si tuffano

in questo mare di sensazioni...

www.tejido fpr code: sdc00

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Finita da poco...c'è ancora da lavorarci però:

La processione

L’osteria davanti alla stazione

ha chiuso le porte agli alcolizzati,

il tribunale, o meglio, l’inquisizione

ha smesso di scarcerare i ladri.

Le vie intasate dai vicoli,

da mille strade tutte uguali

nascondono chissà quali pericoli

chissà quali oscuri mali,

e il blasfemo che bestemmia forte

questa sera non bestemmierà

mentre le strade si confondono nella notte

e la folla si raduna di già.

Il sindaco, comunista ormai fallito,

dall’aspetto fin troppo borghese,

si è arroccato nell’alto del municipio

simbolo della decadenza d’un potere,

ha ucciso i suoi dolci ideali

in un letto definito d’amore,

li ha abbandonati in una notte d’estate

aveva capito che tanto si muore,

e lo puoi sentire urlare alla moglie

tutta la sua anticlericalità

ma anche lui dovrà ingoiare il rospo,

per l’apparenza a pregare andrà.

Il parroco abituato a enunciare

i dogmi della sua religione

quest’oggi dovrà rinunciare

dinanzi al progresso della ragione,

la cosa non gli fa molto piacere

erano belli quei vecchi tempi

dove ci si limitava a credere

senza domande, senza riserve.

Ha trovato il suo criminale

nella televisione, nella società,

ma dovrà rimandare la sua indignazione

la processione lo richiama alla realtà.

Dinanzi al folclore popolare

anche gli sbirri si sono ritirati,

si aggirano sospettosi tra le case,

a far finta di dar la caccia ai ladri.

Sono molto bravi a chiudere un occhio,

in fondo anche loro devono mangiare,

l’importante è dividere il malloppo

sperando di non farsi mai beccare.

E tra le bancarelle e le risate

si aggira la criminalità,

ma quest’oggi ha ben poca importanza,

la festa sta per iniziar

Tutto è pronto per la processione

anche le pettegole smettono di parlare

d’un mondo sempre più peggiore,

dei loro acciacchi, dei loro mali.

Sono molto brave nei necrologi,

nel piangere e nel ricordare

i volti ormai decomposti

di quella gente buona per spettegolare.

Sperano in una fine molto dolce

quella degli altri invece deve far male

in fondo capita ben poche volte

che ci sia qualcosa su cui parlare.

E proprio quando la processione ha inizio

ecco che dai monti inizia a tuonare,

non è di certo un momento propizio

per la voglia di pregare,

ma il prete in queste cose caparbio,

nelle altre molto più lascivo,

intima a tutti di farsi coraggio

di mostrare il loro amore a Dio.

Ma il vento che scuote forte le fronde

e la pioggia che inizia a cascar

sono più forti dei sermoni

di un uomo bravo solo a parlar.

Tutti iniziano a rifugiarsi

nel caldo delle loro case,

lasciando ai bisognosi

soltanto il freddo e un po’ di fame.

Tutti gli ideali di religione e amore

sono a riscaldarsi dinanzi ad un fuoco

attendendo che il viso riprenda colore

e che il ventre sia gonfio di nuovo.

E al poveraccio in piazza grande

non resta che pregare

che il freddo non gli rubi la vita

e che un altro giorno potrà guardare.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ascolto note

del mio e tuo silenzio

forse è musica.

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella danzante!!!

Amo gli uomini che cadono, se non altro perché sono quelli che attraversano!

Il Blog di Bimbetta: elaborazione DSM V.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ti chiesi perché i tuoi occhi

si soffermano nei miei

come una casta stella del cielo

in un oscuro flutto.

Mi hai guardato a lungo

come si saggia un bimbo con lo sguardo,

mi hai detto poi, con gentilezza:

ti voglio bene, perché sei tanto triste.

(H. Hesse)

Perché ti amo, di notte son venuto da te

così impetuoso e titubante

e tu non me potrai più dimenticare

l'anima tua son venuto a rubare.

Ora lei e' mia - del tutto mi appartiene

nel male e nel bene,

dal mio impetuoso e ardito amare

nessun angelo ti potrà salvare.

(H. Hesse)

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella danzante!!!

Amo gli uomini che cadono, se non altro perché sono quelli che attraversano!

Il Blog di Bimbetta: elaborazione DSM V.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vorrei essere una stella

per splendere sul tuo viso

Vorrei essere una goccia d'amore

per scivolare sul tuo seno

Vorrei essere il tuo segreto

per non lasciarti mai

Vorrei essere la tua luce

per illuminare il tuo grande cuore

Vorrei essere il sentiero

per guidare le tue emozioni

Vorrei essere un bacio

per sentire la tua anima

Vorrei essere una parola

per dirti che ti amo

il meditare del sentiero dei tuoi occhi è la realtà che scompare nella mia anima.

12/08/07: Il mio Mondo se ne è andato.... vive dentro me!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"Sono nata il ventuno a primavera

Ma non sapevo che nascere folle,

Aprire le zolle

Potesse scatenar tempesta.

Così Proserpina lieve

Vede piovere sulle erbe,

Sui grossi frumenti gentili

E piange sempre la sera.

Forse è la sua preghiera."

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie, Ughetta...ed un altro grazie a tutti coloro che ogni tanto fanno risalire questo 3D...SMACK!

Feedback positivi "Mercatino IM" per Danielito, Enrik1, Ervago, Icchisi, IoNonSonoQui, Jacopus, Mac-Dragon, NeSsUnO, NuT, OverTheWorse, Steindy e SuperPoldo (in ordine alfabetico)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sandra...che cara...! Come sempre...le donne di ItaliaMac sono di una varietà incredibile, ma tutte notevoli!

Un abbraccio a tutte quante!

Feedback positivi "Mercatino IM" per Danielito, Enrik1, Ervago, Icchisi, IoNonSonoQui, Jacopus, Mac-Dragon, NeSsUnO, NuT, OverTheWorse, Steindy e SuperPoldo (in ordine alfabetico)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La cosa più superba è la notte

quando cadono gli ultimi spaventi

e l'anima si getta all'avventura.

Lui tace nel tuo grembo

come riassorbito dal sangue

che finalmente si colora di Dio

e tu preghi che taccia per sempre

per non sentirlo come rigoglio fisso

fin dentro le pareti.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

visto che qui è pieno di poeti veri perdonerete la mia incapacità

queste parole le dissi alla persona che mi ha illuminato il cuore; lo ha acceso con una fiammata, rapidamente bruciato con una bufera e fatto spegnere con una tempesta

come potrei oppormi al suo corpo che mi sovrasta?

come potrei combattere contro il sole che sorge?

e se perdessi l'immensità? Come mi sentirei?

hai vinto tu...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
La cosa più superba è la notte

quando cadono gli ultimi spaventi

e l'anima si getta all'avventura.

Lui tace nel tuo grembo

come riassorbito dal sangue

che finalmente si colora di Dio

e tu preghi che taccia per sempre

per non sentirlo come rigoglio fisso

fin dentro le pareti.

come non esser daccordo! :sediata:

visto che qui è pieno di poeti veri perdonerete la mia incapacità

queste parole le dissi alla persona che mi ha illuminato il cuore; lo ha acceso con una fiammata, rapidamente bruciato con una bufera e fatto spegnere con una tempesta

come potrei oppormi al suo corpo che mi sovrasta?

come potrei combattere contro il sole che sorge?

e se perdessi l'immensità? Come mi sentirei?

hai vinto tu...

mi commuovo..... :puking:

Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella danzante!!!

Amo gli uomini che cadono, se non altro perché sono quelli che attraversano!

Il Blog di Bimbetta: elaborazione DSM V.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

I saw the best minds of my generation destroyed by madness, starving hysterical naked,

dragging themselves through the negro streets at dawn looking for an angry fix,

angelheaded hipsters burning for the ancient heavenly connection to the starry dynamo in the machinery of night,

who poverty and tatters and hollow-eyed and high sat up smoking in the supernatural darkness of cold-water flats floating across the tops of cities contemplating jazz,

who bared their brains to Heaven under the El and saw Mohammedan angels staggering on tenement roofs illuminated [...]

Ho visto le menti migliori della mia generazione distrutte dalla pazzia, affamate, nude, isteriche, trascinarsi per strade di negri, all’alba, in cerca di droga rabbiosa

Hipster dal capo d’angelo, ardenti per l’antico contatto celeste con la dinamo stellata nel macchinario della notte

Che in miseria e stracci e occhi infossati stavano chini su partiti a fumare nel buio soprannaturale di soffitte ghiacciate fluttando sulle cime delle città contemplando jazz

Che mostravano il cervello al cielo sotto la elevated e vedevano angeli maomettani illuminati bacrcollanti su tetti di casermette [...]

L'urlo, di Allen Ginsgberg

In lust I redeem all my yearnings and needs

Let’s murder in nightmares of pleasures besieged

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non più doglia ebbe Dido che per Enea s'ancise,

che udir melodie da organ divise.

(eccetera....appena trovo il seguito, lo posto...)

Feedback positivi "Mercatino IM" per Danielito, Enrik1, Ervago, Icchisi, IoNonSonoQui, Jacopus, Mac-Dragon, NeSsUnO, NuT, OverTheWorse, Steindy e SuperPoldo (in ordine alfabetico)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rispondi e partecipa alla discusione

Puoi rispondere subito e iscriverti successivamente. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego e dichiari di aver letto e di accettare: Privacy Policy Termini di utilizzo