Vai al contenuto





smilingkorpse

Running & Jogging

Recommended Posts

sì sì. :shock:

io intanto oggi mi son fumato 20km di cui 7 di sterrato, in circa 110 minuti [me la prendo comoda. :shock: ]

il pediluvio in questo momento è d'obbligo, ho le piante dei piedi doloranti, non sono ancora abituato a correre così a lungo, anzi, è la prima volta che corro così tanto. bravo me! :)

in compenso le mie gambe stanno benissimo. :)

Se avessi corso 20 km con delle scarpe da running non avresti male ai piedi. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


ma ne avrei a caviglie ginocchia e anche, mi conosco.. :)

il dolore ai piedi è dovuto solo alle piante non abituate a tutti sti km. moooolto meglio dei problemi articolari, non trovi?


«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ma ne avrei a caviglie ginocchia e anche, mi conosco.. :ghghgh:

il dolore ai piedi è dovuto solo alle piante non abituate a tutti sti km. moooolto meglio dei problemi articolari, non trovi?

Molto strano. Il problema alle caviglie e ginocchie viene dalla stanchezza, mentre il dolore alla pianta del piede è strano sia dovuto alla distanza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
son quasi stanco di ripeterlo.. :ghghgh: è proprio sui terreni duri dove dà il meglio la vff! le scarpe da atletica sono basse basse e senza tacco per un motivo molto semplice ed ovvio.

al contrario le attuali scarpe da running sono progettate per assecondare i vizi dei potenziali corridori, quelli che non hanno mai imparato a correre correttamente [cosa che invece faremmo tutti se non ci mettessero le scarpe.. i bimbi cosa fanno quasi tutto il giorno, e per di più per divertimento? giocano e corrono, corrono e giocano!], quelli che provano a correre per buttare giù i kili di troppo, e che quindi hanno bisogno di taaaaanto ammortizzamento.. perchè se poi guardate i maratoneti forti, corrono con scarpe relativamente sottili e con appoggio neutro, senza piantare i talloni..

prova a correre 20 metri a piedi nudi su una superficie uniforme compatta e priva di cose pericolose, come un bel marciapiede in cemento. non ti ricordi com'è correre a piedi nudi nei parchi acquatici? o sulle banchine al mare? :( il tuo corpo sa come appoggiare i piedi senza scarpe.. devi solo aver pazienza di allenare quei muscoli dei piedi e delle caviglie che non vengono utilizzati quando si indossano le scarpe [fidati c'è da aver del bel male nell'affrettare i tempi! :) ], e le VFF servono proprio per evitare di farsi del male per oggetti appuntiti taglienti superfici abrasive e quant'altro.. col piede nudo del tutto vien sù anche un bel callo naturale.. :oops:

mmm, non è che mi convince del tutto questo tuo discorso!!!

è vero che non siamo più abituati a camminare e correre senza scarpe, ma l'uomo delle caverne non correva sul cemento: correva su terra, erba, spiaggia, cmq superfici più morbide del cemento che in un certo modo attutiscono il colpo, non trovi?

e cmq neanche io voglio un bel callo naturale;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non v'è molta differenza di consistenza tra la terra battuta [o terra arsa dal sole] ed il cemento/asfalto.. hai provato di persona? :ghghgh:

conta come il tuo piede tocca terra, è quello il fulcro. con le scarpe convenzionali non puoi correre correttamente, come il tuo corpo è stato progettato per correre, perchè ripeto, le suole rinforzate, ammorbidite, ispessite, che son comparse solo negli ultimi 30 anni [prendi un video di maratona degli anni 60, guarda com'erano le scarpe che usavano allora], sono il frutto del marketing che mira a chi ha chili da smaltire, a chi non ha praticamente mai fatto sport, a chi ha apparentemente bisogno di maggior protezione. e invece si fan solo più danni.. :oops:

questo lo trovo davvero interessante, occhio a cosa dicono dal minuto 9 in avanti!


«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Steno sei diventato un hippie :ghghgh:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ammmmoooore lo son sempre stato.. :ghghgh:

solo che ho abbandonato il look capellone a 17 anni, ahimé..


«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Steno sei diventato un hippie :oops:

:ghghgh:

Ale


"I am sure the next step will be the electronic image, and i hope i shall live to see it. I trust that the creative eye will continue to function, whatever technological innovations may develop." (Ansel Adams)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La scelta delle scarpe è fondamentale per correre in modo corretto.

siamo nel 2011 non ha senso paragonare una scarpa di 30 anni fà con una attuale,nel frattempo si sono fatti passi da gigante,di studi e investimenti nello sport a tuo dire non avrebbero apportato miglioramenti!?

l uomo non è progettato per percorrere lunghe distanze sopratutto perchè abbiamo imparato a stare su due piedi relativamente da poco.

le calzature sono antiche come i primi bipedi umani,basta guardare in qualsiasi museo in giro per il mondo e trovi calzature di tutti i tipi,dai sandali egizi ai boots in pelo degli esquimesi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ma che dici? l'uomo È progettato per compiere lunghe distanze di corsa più di qualsiasi altro animale di terra [i volatili non corrono. le mandrie di erbivori africani corrono per brevissimi tratti] perchè noi abbiamo un sistema di raffreddamento che nessun altro mammifero possiede.. non so se ricordi le immaginette sul sussidiario delle elementari, ma io ricordo che ci raccontassero che i cacciatori nelle savane inseguivano per ore ed ore gli animali, fino allo sfinimento della preda.

l'uomo moderno non ha più bisogno di faticare [e ben venga, non si vuol tornare all'età della pietra. ma magari una sana via di mezzo], l'attività fisica serve per smaltire gli eccessi di una vita monotona e sedentaria..

le scarpe da running sono un'invenzione recente, primi anni 70, nike.. e pare che da allora gli infortuni tipici del corridore siano aumentati invece di diminuire. prima si correva con suole più rigide e sottili. guarda caso il trend attuale degli innovatori nel settore prodotto running va proprio in quella direzione, siano le VFF, le "terra plana", i runamoc, le merrel trailglove... :ghghgh:


«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si certo l uomo che fatica a correre dietro a una gallina,un tempo rincorreva i leoni nella savana per ore,per giorni,andiamo non diciamo cazzate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ma che dici? l'uomo È progettato per compiere lunghe distanze di corsa più di qualsiasi altro animale di terra [i volatili non corrono. le mandrie di erbivori africani corrono per brevissimi tratti] perchè noi abbiamo un sistema di raffreddamento che nessun altro mammifero possiede.. non so se ricordi le immaginette sul sussidiario delle elementari, ma io ricordo che ci raccontassero che i cacciatori nelle savane inseguivano per ore ed ore gli animali, fino allo sfinimento della preda.

l'uomo moderno non ha più bisogno di faticare [e ben venga, non si vuol tornare all'età della pietra. ma magari una sana via di mezzo], l'attività fisica serve per smaltire gli eccessi di una vita monotona e sedentaria..

le scarpe da running sono un'invenzione recente, primi anni 70, nike.. e pare che da allora gli infortuni tipici del corridore siano aumentati invece di diminuire. prima si correva con suole più rigide e sottili. guarda caso il trend attuale degli innovatori nel settore prodotto running va proprio in quella direzione, siano le VFF, le "terra plana", i runamoc, le merrel trailglove... :ghghgh:

Scusami tanto ma le merrel, come dice il nome stesso sono delle scarpe da trail, come ce ne sono tantissime e sono indicate per il trail running, corsa fuori strada, i sentieri dei boschi, le dune del deserto. Sono leggere ma indistruttibili, capaci di garantire il massimo della prestazione anche sui fondi più scivolosi e difficili.

Le terra plana sono scarpe da running molto leggere tipo A1 che sono usate solo da atleti molto leggeri e veloci come ce ne sono altre.

Le runamoc non le prendo nenanche in considerazione perchè fanno ridere, sembrano delle scarpe da nativi-americani, allora tanto vale correre con le infradito.

Ti ripeto che le scarpe da running non sono solo quelle iper-ammortizzate ma sono quelle adatte al tuo piede, postura, modo di correre, forma del piede, peso ecc... ci sono scarpe A1, A2, A3, A4.

Avere una scarpa iper-ammortizzata può avere gli stessi effetti controproducenti di una scarpa poco ammortizzata.

Il tutto deve essere scelto in base alla persona.

Non esiste una scarpa ideale per tutti.

Se tu hai comprato le FF per fare principalmente trail allora possono andare bene, ma per allenamento su cemento o fondi duri, rischiano di spaccarti le articolazioni inferiori soprattutto se uno è un corridore medio-pesante

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Si certo l uomo che fatica a correre dietro a una gallina,un tempo rincorreva i leoni nella savana per ore,per giorni,andiamo non diciamo cazzate.

:facepalm: [non c'è l'icona uffaaa :( ]

un uomo moderno fatica a star dietro ad una gallina, perchè non è abituato a fare il minimo sforzo, e forse perchè non ne ha mai vista una. due uomini moderni una gallina la acchiappano in un paio di minuti.

gli uomini preistorici non credo si cibassero di leoni, anzi, di solito i predatori cacciano erbivori.

cosa vedi in questa immagine?

300-tassili-incisioni.jpg

è una battuta di caccia, un branco di uomini rincorre un bovino [probabilmente debole] isolandolo dal suo branco.

i lupi cacciano in maniera simile, scelgono gli animali malati o più anziani e li rincorrono fino a stancarli e ad azzannarli.

postumi di un'infanzia passata a guardare superquark.. :ghghgh:

:oops:


«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nella descrizione non parli degl utensili (armi) che usavano in quella situazione di caccia,le frecce sono decisamente più veloci dei piedi dell uomo e delle zampe dell animale.

se nell immagine che hai postato non avessero avuto tra le mani le armi non vedresti nemmeno la mucca!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ovvio, ma uno mica esclude l'altro, fino a prova contraria non volavano, correvano.. :oops:

e non vedo traccia di air max ai piedi però.. :ghghgh:


«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

think different!! :ghghgh:


«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non ci credo, avete già finito? :ghghgh::ghghgh:

Ale


"I am sure the next step will be the electronic image, and i hope i shall live to see it. I trust that the creative eye will continue to function, whatever technological innovations may develop." (Ansel Adams)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

e perchè dovresti scusarti? tu mica penserai che il tuo amico che sceglie un pc scassone, quando sappiamo bene che i mac sono anni luce avanti, sia un povero fesso?

scegli quello che vuoi, ricorda che siamo fatti per correre senza nulla nei piedi, e che le scarpe tradizionali fanno peggio di quanto siano utili. :ghghgh:


«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Non ci credo, avete già finito? :ghghgh::ghghgh:

Ale

eccerto, quando tiri fuori il think different [e quello del minimalistic running è un esempio lampante], i mac user dovrebbero fare qualche passo indietro.. :ghghgh:


«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
e perchè dovresti scusarti? tu mica penserai che il tuo amico che sceglie un pc scassone, quando sappiamo bene che i mac sono anni luce avanti, sia un povero fesso?

scegli quello che vuoi, ricorda che siamo fatti per correre senza nulla nei piedi, e che le scarpe tradizionali fanno peggio di quanto siano utili. :ghghgh:

Quindi un giorno, quando avrai un figlio, non dovrai mai mettergli scarpe ai piedi, bensì farlo andare in giro a piedi nudi. :ghghgh:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

metto i puntini sulle i: le scarpe tradizionali da running.... miii de-ingegnerizzati un po'. :ghghgh:

sì comunque penso che gli permetterò di girare in lungo e in largo a piedi nudi.. io faccio così da sempre per girare in casa e anche in giardino.. d'inverno col freddo mi metto i calzettoni, le pantofole le odio. :ghghgh:


«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
metto i puntini sulle i: le scarpe tradizionali da running.... miii de-ingegnerizzati un po'. :ghghgh:

sì comunque penso che gli permetterò di girare in lungo e in largo a piedi nudi.. io faccio così da sempre per girare in casa e anche in giardino.. d'inverno col freddo mi metto i calzettoni, le pantofole le odio. :ghghgh:

Scusa ma allora che differenza c'è tra il correre e il camminare?

Se le scarpe secondo te sono controproducenti lo saranno anche per camminare altrimenti scusa il tuo ragionamento non ha molto senso.

Cmq per fortuna che questo è un tuo pensiero.

Il giorno che vedrò tutti i maratoneti alle olimpiadi con scarpe tipo FF allorà vorrà dire che mi sono sbagliato. Per ora non cambio certo abitudine per una trovata pubblicitaria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

è proprio perchè c'è differenza nell'appoggio da corsa rispetto a quello della camminata, che le scarpe da running sono evidentemente sbagliate.

nel camminare si appoggia il tallone poi la pianta e la punta [heel strike], nella corsa no, appoggi la pianta e la punta insieme, il tallone arriva per ultimo e sfiora il terreno [forefoot strike]. invece le scarpe da running ti invogliano a piantare il tallone per terra, a compiere il medesimo tipo di passo solo più velocemente e pesantemente [la gente normale che corre fa più metri verso l'alto che in avanti, osserva bene..].

dov'è che non ha senso il mio ragionamento?

i top runner hanno problemi di carattere commerciale, sono legati a sponsor.. e poi c'è una [come vedi!] discreta chiusura a proposito del minimalistic running nell'ambiente dei corridori.. ho provato a leggere qualche rivista specializzata, ma sono tutte a senso unico. sarà che dietro ci sono nuovamente quelle aziende che producono le scarpe da running.. :ghghgh:


«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
invece le scarpe da running ti invogliano a piantare il tallone per terra, a compiere il medesimo tipo di passo solo più velocemente e pesantemente [la gente normale che corre fa più metri verso l'alto che in avanti, osserva bene..].

Se uno corre come tu hai descritto corre male, la scarpa da running non c'èntra nulla.

Vuol dire che non si esegue bene la rullata e in questo modo la corsa è poco elastica.

Se le scarpe da running facessero male alle articolazioni innanzitutto sarebbero sconsigliate dagli ortopedici e medici dello sport e gli atleti non credo che le userebbero con il rischio di avere problemi fisici anche gravi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

chris mcdougall, autore di born to run, dice che le due cose che gli capita più spesso di discutere coi corridori è: 1

1] quanto si è in grado di andar forte

2] quand'è stato e di che genere fosse l'ultimo infortunio

osserva il passo del 99% delle persone che incontri quando corri, nessuno di loro appoggia correttamente. la causa è le scarpe. togliendole, istintivamente si adotta la posizione corretta, perchè subentra un naturale istinto di protezione.. tolta la sensibilità del piede, togli anche la sua capacità di autoproteggersi, e così ti fai male.. :ghghgh:

esempio:

http://www.youtube.com/watch?v=SAkuBOIYhLg

l'unica che sembra appoggiare correttamente è quella stanga di biondona in prima fila, la radcliffe... :ghghgh:


«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

:ghghgh:

allora posto un ultimo video che ha dell'interessante almeno finchè non diventa evidente che ti stanno vendendo un prodotto. :ghghgh:


«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
chris mcdougall, autore di born to run, dice che le due cose che gli capita più spesso di discutere coi corridori è: 1

1] quanto si è in grado di andar forte

2] quand'è stato e di che genere fosse l'ultimo infortunio

osserva il passo del 99% delle persone che incontri quando corri, nessuno di loro appoggia correttamente. la causa è le scarpe. togliendole, istintivamente si adotta la posizione corretta, perchè subentra un naturale istinto di protezione.. tolta la sensibilità del piede, togli anche la sua capacità di autoproteggersi, e così ti fai male.. :ghghgh:

esempio:

http://www.youtube.com/watch?v=SAkuBOIYhLg

l'unica che sembra appoggiare correttamente è quella stanga di biondona in prima fila, la radcliffe... :ghghgh:

Ti posso assicurare che corro correttamente. Infatti tutte le suole delle mie scarpe da running sono molto più consumate sull'avampiede rispetto al tallone.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo