Vai al contenuto

Benvenuto nella community di Italiamac Forum

Guest Image

Benvenuto su Italiamac, la più grande comunità AMUG italiana riconosciuta da Apple. La consultazione è libera. Se vuoi anche partecipare attivamente alle discussioni pubblicando post e messaggi puoi iscriverti gratuitamente, avrai molti vantaggi:

  • Pubblicare post, messaggi e richieste di aiuto
  • Fare amicizia e usare i messaggi privati fra utenti
  • Pubblicare annunci di vendita di usato
  • Usare tutte le funzioni della community

ISCRIVITI GRATIS


Light/Dark






Case Ecologiche


alexerre
 Share

Recommended Posts

Ragazzi volevo farvi una domanda.... ma nelle vostre zone, è così semplice trovare dei terreni edificabili?

Io in tutta la provincia di MB sono riuscito a trovare solo una manciata di terreni, a prezzi vicini ai 250-300 mila euro per 300 mq....

prova intorno a Roma... un terreno agricolo con vincoli e controvincoli in mano alle persone giuste diventa edificabile in un baleno :)

Link al commento
Condividi su altri siti

prova intorno a Roma... un terreno agricolo con vincoli e controvincoli in mano alle persone giuste diventa edificabile in un baleno ;)

Purtroppo è così quasi ovunque in Italia.

Io sono stato in questi giorni alla biolife/fiera d'autunno di BZ e c'erano veramente un bel po' di espositori per abitazioni ecologiche. Anche rubner era presente, però solo come serramenti.

Impressionante vedere come la regione più povera di sole in Italia, sia quella che sta mettendo pannelli solari ovunque. Ad esempio tutta l'area fiere è costituita da edifici con pannelli solari sopra. I parcheggi, tanto per dirne una, sono tenuti all'ombra da pannelli solari. Veramente un altro tipo di civiltà....ed infatti parlano tedesco.

Link al commento
Condividi su altri siti

Purtroppo è così quasi ovunque in Italia.

Io sono stato in questi giorni alla biolife/fiera d'autunno di BZ e c'erano veramente un bel po' di espositori per abitazioni ecologiche. Anche rubner era presente, però solo come serramenti.

Impressionante vedere come la regione più povera di sole in Italia, sia quella che sta mettendo pannelli solari ovunque. Ad esempio tutta l'area fiere è costituita da edifici con pannelli solari sopra. I parcheggi, tanto per dirne una, sono tenuti all'ombra da pannelli solari. Veramente un altro tipo di civiltà....ed infatti parlano tedesco.

E qui da me.. in Sicilia... vabè va.. meglio che non ci penso.. altrimenti...:shock:

“Creare forse significa sbagliare quel passo nella danza. Significa dare di traverso quel colpo di scalpello nella pietraâ€. Antoine de Saint-Exupery

Link al commento
Condividi su altri siti

Diversi progettisti e architetti che ho contattato insistono nel dirmi che le case in legno, specie se costruite a traliccio, hanno il problema di avere poca massa e quindi pur non avendo problemi in Inverno, sono troppo calde d'Estate.

Cosa mi dite a riguardo?

Bye

Link al commento
Condividi su altri siti

Diversi progettisti e architetti che ho contattato insistono nel dirmi che le case in legno, specie se costruite a traliccio, hanno il problema di avere poca massa e quindi pur non avendo problemi in Inverno, sono troppo calde d'Estate.

Cosa mi dite a riguardo?

Bye

Io per esperienza personale.. (lavoro dentro un ufficio in legno), ti posso dire che è abbastanza vero... Ma secondo me perchè il 70% di esso è vetrata...

Praticamente è da poco più di un anno che ci siamo trasferiti.. e lo scorso inverno non abbiamo acceso i riscaldamtenti... mentre l'estate.. è stata cocente, tanto da dover chiudere tutto il giorno le tende...

Però c'ho na veduta....:shock:

“Creare forse significa sbagliare quel passo nella danza. Significa dare di traverso quel colpo di scalpello nella pietraâ€. Antoine de Saint-Exupery

Link al commento
Condividi su altri siti

Diversi progettisti e architetti che ho contattato insistono nel dirmi che le case in legno, specie se costruite a traliccio, hanno il problema di avere poca massa e quindi pur non avendo problemi in Inverno, sono troppo calde d'Estate.

Cosa mi dite a riguardo?

Bye

Il confort estivo è regolabile attraverso una serie di fattori di cui bisogna tenere conto... la massa della struttura parete di un edificio concorre a determinare il benessere estivo ma l'abitazione è un organismo costituito da una serie di elementi che concorrono tutti insieme a creare il benessere percepito degli ambienti...

1. orientamento

2. ombreggiamento

3. massa d'accumolo interna

... se la casa ha un orientamento esposto con grandi vetrate a sud, non è un gran problema: si ombreggia con tende sopra strutture tipo pergolati.... se le aperture sono a Ovest è già più difficile perchè bisogna ombreggiare in verticale in quanto il sole è più basso su quel lato e quindi più penetrante... le veneziane sono un buon sistema per proteggere i vetri mentre per i muri serve massa d'accumolo...

la massa di accumolo dipende da tre fattori:

• capacità termica massica

• conduttività termica

• massa volumica (fattore da te citato e che concorre a risolvere il problema del controllo estivo del calore interno)

capacità termica massica x massa volumica = capacità termica

l'effettiva capacità termica di accumolo dipende dalla profondità massima di penetrazione dell'energia termica negli elementi di accumolo (solai, pareti ecc.) ...nel corso delle 24 ore questa profondità non supera in genere gli 8/10 cm... quindi superati i 10 cm misurati dall'interno verso l'esterno non c'è un migliore apporto al benessere estivo e quindi fare un muro da 25 o uno da 40 con lo stesso materiale non cambia molto dal punto di vista del calore estivo...

quanto detto vale in generale... ora nella realtà le strutture non sono mai omogenee e fatte da un solo materiale ma sono composte da diversi strati di materiali diversi... ogni produttore serio di abitazioni con struttura portante in legno dichiara le prestazioni termiche delle proprie strutture attraverso due parametri:

• sfasamento

• attenuazione

lo sfasamento è misurato in tempo ed è la misura del tempo di penetrazione dell'onda termica all'interno della struttura... un buon valore è > di 12 ore

ora, sapere solo la misura dello sfasamento non aiuta a capire se la struttura si comporta bene in estate... non basta sapere quanto tempo ci mettono i 35° ad entrare in casa... bisogna sapere anche se ne entrano veramente 35 o se ne entrano meno... questo dato è l'attenuazione.

... in estate il caldo non proviene solo dall'esterno ma è anche prodotto internamente dagli elettrodomestici, dai computer ecc.. la struttura quindi deve avere anche massa interna.... in questo caso le case che sono fatte con i blocchi in polistirolo non funzionano bene per quanto riguarda un efficace massa di accumolo interna perché la lastra di polistirolo interna non ha capacità di accumolo e quello che conta da questo punto di vista sono i primi 4/6 cm.... eppure sulla carta la struttura ha massa perchè è fatta di cemento armato.... questo per fare capire che i dati vanno contemplati nel loro insieme e non estrapolati a piacimento o per esigenze commerciali...

...nel caso della delle strutture a telaio che non hanno massa bisogna riempire gli interstizi con fibra di legno ad alta densità in modo da creare una maggiore massa volumica e quindi migliorarne lo sfasamento e lo smorzamento... altro aspetto è quello economico... va quindi fatta una verifica dal punto di vista economico ... bisogna verificare se è ancora conveniente una struttura a telaio tamponata con massa rispetto al costo di una struttura massiccia come può essere ad esempio una struttura Xlam...

...in generale, le cose sono abbastanza complesse e intimamente legate al progetto architettonico inteso nella sua interezza...il consiglio più spassionato e disinteressato che posso dare è di selezionare un tecnico che opera nella vostra zona... potete ad esempio riferirvi alla lista di tecnici che hanno fatto il corso avanzato casaclima... se lo hanno fatto hanno un interesse ed una sensibilità verso queste tematiche....

http://www.agenziacasaclima.it/it/rete-casaclima/esperti-casaclima/esperti-casaclima-progettisti.html

se avete già il tecnico potete affiancarlo con un consulente esperto casaclima

http://www.agenziacasaclima.it/it/rete-casaclima/consulenti-esperti-casaclima.html

P.

Link al commento
Condividi su altri siti

Io per esperienza personale.. (lavoro dentro un ufficio in legno), ti posso dire che è abbastanza vero... Ma secondo me perchè il 70% di esso è vetrata...

Praticamente è da poco più di un anno che ci siamo trasferiti.. e lo scorso inverno non abbiamo acceso i riscaldamtenti... mentre l'estate.. è stata cocente, tanto da dover chiudere tutto il giorno le tende...

Però c'ho na veduta....:shock:

...veneziane esterne potrebbero aiutare molto... ce ne sono anche di belle che possono essere collegate a sistemi di controllo domotico e regolate con centralina meteo

P.

Link al commento
Condividi su altri siti

...veneziane esterne potrebbero aiutare molto... ce ne sono anche di belle che possono essere collegate a sistemi di controllo domotico e regolate con centralina meteo

P.

Si.. sicuramente faremo delle modifiche...:shock:

Grazie Occhirossi... se fossi in Sicilia (SUD) t'avrei già invitato a prendere un caffè... :ghghgh:

“Creare forse significa sbagliare quel passo nella danza. Significa dare di traverso quel colpo di scalpello nella pietraâ€. Antoine de Saint-Exupery

Link al commento
Condividi su altri siti

.il consiglio più spassionato e disinteressato che posso dare è di selezionare un tecnico che opera nella vostra zona... potete ad esempio riferirvi alla lista di tecnici che hanno fatto il corso avanzato casaclima... CUT

E' proprio un progettista che fa periodicamente corsi Casaclima quello che mi ha detto "se facessi la casa per me la farei sicuramente il laterizio, se proprio la vuoi in legno falla almeno in XLam, che almeno ha più massa".

Questo in linea generale, poi mi ha dato spiegazioni anche dal punto di vista tecnico.

Peccato perchè a me, per esempio, piaceva molto la soluzione proposta da Schwoerer. Mi sto comunque informando presso alcuni costruttori con metodo XLam nella mia zona per fare un confronto.

Grazie comunque per il tuo contributo, molto chiarificante e prezioso!

Link al commento
Condividi su altri siti

Scusate se non mela sento di leggere 28 pagine di interventi... volevo chiedere si è già parlato dell'illuminazione degli esterni? c'è una cultura superficiale e piena di errori clamorosi in giro. sono rari degli impianti fatti da manuale, anzi spesso sono fuori norma :(

Link al commento
Condividi su altri siti

E' proprio un progettista che fa periodicamente corsi Casaclima quello che mi ha detto "se facessi la casa per me la farei sicuramente il laterizio, se proprio la vuoi in legno falla almeno in XLam, che almeno ha più massa".

Questo in linea generale, poi mi ha dato spiegazioni anche dal punto di vista tecnico.

Peccato perchè a me, per esempio, piaceva molto la soluzione proposta da Schwoerer. Mi sto comunque informando presso alcuni costruttori con metodo XLam nella mia zona per fare un confronto.

Grazie comunque per il tuo contributo, molto chiarificante e prezioso!

prego,

se la facessi per me non userei il laterizio ma l'Xlam con cappotto in sughero

P.

Link al commento
Condividi su altri siti

prego,

se me la facessi per me non userei il laterizio ma l'Xlam con cappotto in sughero

P.

Chi le fa le case col sistema XLam ?

“Creare forse significa sbagliare quel passo nella danza. Significa dare di traverso quel colpo di scalpello nella pietraâ€. Antoine de Saint-Exupery

Link al commento
Condividi su altri siti

Mha ormai un po tutti... l'evoluzione è in genere la seguente:

1.

carpenteria che fa tetti in legno

segheria che fa segati e assembla anche

2.

case a telaio con le macchine già ammortizzate facendo tetti

3.

evoluzione tecnica e acquisto pannelli Xlam da grandi ditte che fanno solo pannelli (KLH, CLT, Leno, BBS, BSP ecc.)

per un buon prodotto quello che fa la differenza è il progettista, le simulazioni preliminari, la cura e l'attenzione verso le prestazione tecniche e i dettagli, le verifiche in corso d'opera e quelle finali

P.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Admin
Meglio se puoi esterna, eviti in questo modo di bucare eventuali freni o peggio ancora barriere vapore e se il lavoro sulle guaine non viene eseguito a regola d'arte è più facile individuare eventuali perdite guardando dall'esterno all'edificio... inoltre eventuali perdite entrano in casa più difficilmente e quindi causano eventuali minori danni... in ultimo riesci a gestire meglio lo scolo della condensa e tocchi meno il coibente della copertura che suppongo come da norma non essere presente sullo sporto di gronda...

P.

Grazie mille per le utili informazioni.

PS

Rifarò completamente il tetto, non conoscevo questa norma del coibente non presente sullo sporto.

Link al commento
Condividi su altri siti

Grazie mille per le utili informazioni.

non conoscevo questa norma del coibente non presente sullo sporto.

...normalmente non si mette, non per una questione di costi ma perché è inutile e inestetico vedere uno sporto di falda troppo spesso... non mettendolo, soprattutto nei tetti doppi ventilati riduci notevolmente lo spessore percepito della falda... in questo modo inoltre, le lattonerie non vanno a toccare il coibente e si eliminano i problemi di autocombustione per contatto con le lamiere...

P.

Link al commento
Condividi su altri siti

Occhirossi.. vieni in Sicilia? Mi serve qualcuno che mi progetti na casa! :)

“Creare forse significa sbagliare quel passo nella danza. Significa dare di traverso quel colpo di scalpello nella pietraâ€. Antoine de Saint-Exupery

Link al commento
Condividi su altri siti

Interessante topic, lavorando proprio in questo settore ho trovato le spiegazioni dell' utente occhirossi molto mirate e accurate, complimenti. La mia ditta lavora con il pannello multistrato incrociato ,ma per nostra scelta, preferiamo le pareti esterne con spessori dai 158 ai 202 mm. Seguirò con attenzione questo topic. A presto, ciao Massimo (dal Trentino).

Link al commento
Condividi su altri siti

Da 15 a 20 cm? Mi sembra abbastanza sotto la media anche per chi costruisce in XLam. Che materiale usate per il cappotto esterno?

No, quello è lo spessore solo del pannello in legno. Devi aggiungere lo spessore dell' intercapedine interna (cartongesso o similari) di 5 cm e il cappotto esterno (lana minerale) dai 10 ai 14 cm. A presto.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Admin
...normalmente non si mette, non per una questione di costi ma perché è inutile e inestetico vedere uno sporto di falda troppo spesso... non mettendolo, soprattutto nei tetti doppi ventilati riduci notevolmente lo spessore percepito della falda... in questo modo inoltre, le lattonerie non vanno a toccare il coibente e si eliminano i problemi di autocombustione per contatto con le lamiere...

P.

Grazie delle utili informazioni Occhirossi.

PS

Peraltro da due lati (est e ovest), il muro della casa confina con i due giardini dei rispettivi vicini, quindi non potrò fare lo sporto, o meglio forse potrei accordarmi (visto che prendo gli accordi anche per il cappotto e sono persone gentili e disponibili) ma ho la sensazione che sia meglio non insistere sul terreno altrui col tetto.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 1 month later...

ciao sono nuovo del blog.

volevo chiedere ad occhirossi, visto che è progettista della rubner, che ho telefonato al sito abitazioni ecologiche di cui se non ho capito male fai parte, è per telefono mi hanno risposto che non sono più distributori dell'azienda citata. Volevo capire il perchè nel senso se c'è stato qualche problema o se è stata una scelta indipendente e sopratutto se tu fai parte ancora del gruppo.......

io ho un terreno e da qualche mese mi sono affacciato a questo bellissimo mondo che per me era sconosciuto. Ho fatto varie visite a più aziende a visto diverse case e pian piano inizio a capire tante cose che per me erano sconosciute. Se mi puoi dare una risposta alla mia domanda mi faresti un enorme piacere

Link al commento
Condividi su altri siti

Volevo chiedere un parere ad Occhirossi visto che hai molta esperienza in materia. Andando su un sito di un'azienda che fa case di legno e bioedilizia un 'azienda che da quanto capito non è molto presente in Italia ma è una delle più famose all'estero e vanta oltre 80 anni di esperienza in costruzioni in legno affermano quanto segue:

Caratteristiche del pacchetto

La parete standard è costituita da un telaio estremamente massiccio di legno lamellare con

spessore di 16 cm e completamente riempito di isolamento in fibra di legno (che permette una

notevole inerzia termica, perciò isola anche dal calore). La superficie esterna è costituita da

un cappotto in polistirolo ad alta densità con uno spessore minimo di 12 cm; questo viene già

predisposto con intonacatura. Internamente al telaio sono applicati resistenti pannelli in gessocemento

di 2,5 cm che irrigidiscono ulteriormente il telaio ma, grazie alla porosità permettono

la traspirazione dell’intero pacchetto e formano una robusta parete interna.

Questa tipologia di parete può variare da 31 a 34 cm di spessore consentendo di raggiungere

degli indici di conducibilità elevatissimi di 0,12 W/mqK.

Leggendo il blog ho visto che nella ns. zona (veneto) x via dell'umidità si consiglia una casa completamente naturale (tipo fibra legno, lana di roccia ecc.)volevo allora capire perchè questi affermano che la loro parete è traspirante se la parte esterna è fatta di polistirolo e come anche si comporterebbe in estate visto che il polistirolo è meno prestante d'estate rispetto ad altri materiali quali ad esempio fibra di legno ecc.

aspetto con interesse il tuo parere

Link al commento
Condividi su altri siti

Rispondi e partecipa alla discusione

Puoi rispondere subito e iscriverti successivamente. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Il forum utilizza cookie tecnici di navigazione o sessione, tecnici di funzionalità. Infine, sono presenti cookies analitici, utilizzati esclusivamente dal solo gestore del sito in forma aggregata ed anonima. Il forum utilizza il servizio Google Analytics, ma è previsto l’intervento per rendere anonimi gli IP con gli strumenti offerti da Google. Privacy Policy