Vai al contenuto

Benvenuto nella community di Italiamac Forum

Guest Image

Benvenuto su Italiamac, la più grande comunità AMUG italiana riconosciuta da Apple. La consultazione è libera. Se vuoi anche partecipare attivamente alle discussioni pubblicando post e messaggi puoi iscriverti gratuitamente, avrai molti vantaggi:

  • Pubblicare post, messaggi e richieste di aiuto
  • Fare amicizia e usare i messaggi privati fra utenti
  • Pubblicare annunci di vendita di usato
  • Usare tutte le funzioni della community

ISCRIVITI GRATIS


Change Mode






Recommended Posts

Che cacchiata!

e una palazzina di 18 appartamenti, magari disposta in 6 piani, con cosa si rende "indipendente" sotto il profilo energetico?

Va bene il fotovoltaico, ma non credo che tutti i tetti siano idonei o sufficienti per tale scopo.

Una villetta indipendente, una bifamiliare, OK, ma un grande condominio con cosa genera l'energia che gli serve?

Opzione A) con il geotermico per il calore ed il raffrescamento + fotovoltaico e recupero acque piovane... diluito su più unità residenziali è la soluzione più economica... nel triveneto nel settore pubblico si usa già su palestre ed edifici pubblici di grandi dimensioni

Opzione :rolleyes: con il fotovoltaico che genera la scissione dall'acqua dell'idrogeno e normale centrale termica ad idrogeno... in grande per aziende particolari della mia zona come gli orafi le centrali termiche sono spesso ad idrogeno... da qui a 5/6 anni la caldaietta ad idrogeno avrà costi accessibili... in generale comunque interventi del ganere richiedono il centralizzato con controllo puntuale dei consumi sulle singole unità

...

Opzione X) cogenerazione evoluta ed ottimizzata

P.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 630
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

A tutti coloro intendono costruire in bioedilizia vorrei far sapere qualcosa di più chiaro sui costi. Non più lontano di ieri ho letto sul mensile Casaviva un interessante articolo sulla casa passiv

Non è un problema di false informazioni. Il fatto è che la maggior parte delle volte i costruttori omettono alcune voci che poi compaiono in fase esecutiva in quanto inevitabili. Un esempio? I cos

La mia polemica non riguarda tanto il costo quanto le fuorvianti informazioni commerciali. In realtà mi appresto a partire con i lavori ed ho comunque accettato di spendere di più per una casa compl

Ragazzi, so di aver lanciato un sasso contro una vetrata con questa mia esternazione, ma bisogna essere realisti.

In certi contesti la strada è praticabile e sono fermamente intenzionato a costruire casa con criteri di bioedilizia (se Provincia ciircondario e comune si mettono d'accordo e mi concedono i permessi) ma arrivare a certi estremi mi sembra impossibile, almeno in certi contesti.

Che poi come dice Grillo, mentre nell'elettronica, nella meccanica, ci evolviamo e negli ultimi 20 anni abbiamo fatto passi da gigante, nell'edilizia siamo ancora fermi (quasi ovunque) al 1960 o giù di lì...

Va bene gli infissi a triplo vetro, le pareti con coefficente termico di 0,14, il ricircolo dell'aria dentro alle pareti esposte a sud, i tetti ventilati, il fotovoltaico, i pannelli solarti per l'acqua sanitaria...

Ma suvvia! il recupero dell'acqua piovana, a parte un po' di irrigazione del giardino, a chi serve?

Ad avere uno sciacquone che fa scendere acqua verdastra e puzzolente dentro al vater?

Vidi una interessantissima puntata di Report al riguardo, e certi condomini realizzati con criteri di edilizia "moderna£ dove sulla carta promettevano risparmi ingenti, in realtà si trasformavano in forni invivibili in estate perchè troppo insolati, o avevano seri problemi crati dalle cisterne dell'acqua piovana che marciva nei serbatoi e formava alghe e fango puzzolente.

Tra una casa in C/A e una Rubner non ho dubbi, sceglierei la seconda a occhi chiusi (benchè sia perfettamente possibile costruire con determinati sistemi anche in laterizio mantenendo ottimi K termici, tipo il Porotherm Winerberger), con tutta probabilità cercherò di installare un impianto fotovoltaico, ma suvvia, quando qualcuno mi dice che si può montare una centrale di cogenerazione in un condominio, non credo proprio che sia una buona idea andare a mettere un generatore di corrente a Metano, che va in quialche modo a produrre calore e corrente, per ovviare al problema dell'indipendenza energetica.

Per quanto concerne l'accumulo di energia sotto forma di Idrogeno gassoso sfruttando la corrente prodotta in eccesso dal fotovoltaico... mi sembra al momento uina tecnologia acerba, non ancora pronta per essere economicamente sostenibile.

Only my two cents, of course :rolleyes:

Chi beve solo acqua, ha un segreto da nascondere. (C. Baudelaire)

 

Meno internet, più cabernet!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

PS: il geotermico, come si comporta con i movimenti "tellurici"

so di gente che ha speso parecchio per tale tecnica e poi si sono trovati con l'impianto compromesso dagli assestamenti del terreno...

Chi beve solo acqua, ha un segreto da nascondere. (C. Baudelaire)

 

Meno internet, più cabernet!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

GON ovvio che non si ricicla l'acqua per lo sciacquone del settimo piano perchè costerebbe (in termini economici e di CO2) di più filtrare e pompare l'acqua al piano... la soluzione è come sempre a monte: un progetto ben calibrato e armonizzato in tutte le parti senza perdere la visione d'insieme...

mi sembra che nelle tue considerazioni non parti dal concetto di generazione distribuita e non vedi una possibile soluzione in quanto tendi ad analizzare il problema edificio per edificio ...ogni singola cellula nel bilancio d'insieme deve essere considerata grid-connected...

P.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buonasera!

Qualcuno conosce la ditta Haas Fertigbau? Ho richiesto il catalogo online e sono stata contattata da un loro agente alla velocità della luce! Le loro proposte sono interessanti ma non la conosco... in realtà Rubner a parte, è un settore a me sconosciuto!

Grazie e buona serata, Piera

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

assolutamente d'accordo con GON

Soprattutto con l'acqua dello sciacquone che puzza piú di quella che c'è nella tazza appena usata :)

Scherzi a parte tutto deve anche essere "sostenibile" dal punto di vista economico (le proprie tasche !).

è facile fare gli eco-freaks con i soldi...

Come il discorso del fotovoltaico: é solo un investimento ma non dá niente dal punto di vista energetico. A quel punto tanto vale mettere i soldi da un'altra parte...

O i collettori collegati al riscaldamento: ma se il sole picchia, a chi serve il riscaldamento ? Meglio il camino o la stufa collegata al riscaldamento !

Io ho installato il sistema di ventilazione automatico con recupero del calore.

L'ho fatto per poter tenere chiuse le finestre SEMPRE chiuse.

In queso modo non esiste possibilitá di formazione di muffa dato il tasso d'umiditá sempre basso, il ricambio d'aria continuo ed inoltre l'assenza di polveri, pollini e alre schifezze che vengono filtrate all'ingresso.

Ovvio che il risparmio energetico é evidente, ma a fare i conti l'investimento non lo ammortizzeró mai !

Peró la possibilitá di avere un attacco d'asma é prossima allo zero adesso.

Anche il geotermico: tutti a fare i confronti con il gas ed il gasolio.

Tra 10 anni il gas costerá dieci volte tato il diesel 15 volte ecc. ecc.

L'energia elettrica per far funzionare la pompa di calore la regalano invece, e non aumenterá mai se il petrolio costerá di piú ! certo...purtroppo é pieno di cialtroni a questo mondo e trovare gente preparata e capace che sia in grado di fornire consulenze professionali é difficile.

Non sono mica tutti come occhirossi gente !

iMac 27" i5 - 2,7 Ghz + iMac 20" G5 - 2,00 Ghz
Mini C2D - 2,00 Ghz
iPhone 4s 16 Gb

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

la mia casa ecologica:

pannelli solari termici(sufficienti per l'acqua sanitaria e buon parte del riscaldamento)

tetto in legno con cuscino d'aria per l'isolamento termico

tripli vetri

elettrodomestici A+++

lampade alogene

il mio iMac

e poi la stufa a legna visto che ne ho a tonnellate

Shine on you crazy diamond

iMac alu 20"

iPod 5g 8 Gb

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Ragazzi!

In questo momento devo dire che "purtroppo sono abruzzese", abito sulla costa ad Ortona, 150 km dall'epicentro del sisma e vi garantisco che anche qui si è fatto sentire!

Qualche pagina indietro avevo già postato qualche argomento su queste case, ma adesso mi sento di chiedervi il vostro aiuto tecnico-consiglio o dir si voglia, sulla resistenza di queste tipologie di casa ai sismi.

Premetto che già sono in contatto con una ditta di queste, ma alla mia richiesta di info sull'argomento è rimasto sul generale!!!!!!!

Sono confuso perchè in generale si sa che il legno e di lunga più "elastico"del cemento, ma la sua risposta non mi ha rassicurato!:(:fiorellino::):ghghgh:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Admin
Premetto che già sono in contatto con una ditta di queste, ma alla mia richiesta di info sull'argomento è rimasto sul generale!!!!!!!

Ti capisco, e proprio perché a parole ognuno può dire qualcosa di diverso, fidati sempre solo e comunque di quello che c'è scritto a chiare lettere, nero su bianco. Quindi l'antisismicità deve essere attestata quantomeno sulla documentazione. Ho trovato questa pagina, prova a dare una occhiata, magari c'è qualcosa di interessante, come prima informazione:

http://www.casapassiva.com/case/case_prefabbricate/1031_Le_Ville_Plus_case_prefabbricate_eco-sostenibili_ed_antisismiche.php

Parlano delle case Le Ville Plus, non ho idea di cosa siano anche se ne ho già sentito parlare, per ora conosco abbastanza bene solo le Rubner (mio padre quando faceva l'imprenditore ne ha costruite alcune, ma si tratta di diversi anni fa).

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille!!!

Tra l'altro proprio questa mattina al TGR d'abruzzo hanno intervistato un coppia giovane dell'Aquila che proprio in centro hanno realizzato una casa in legno ed era illesa, l'unico neo è stato che la Banca non voleva concergli il mutuo:mad:.

Tra l'altro sono i primi a rientrare in casa ed anche ad ospitare un'altra famiglia!!!:rolleyes:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono dietro a cercare un piccolissimo terreno per potermi costruire anche io la mia casa ecologica in legno. Sono circa 3 anni che mi faccio spedire dalle ditte (tutte del nord italia e europa) volantini, cataloghi ecc ecc. Ma in Italia è praticamente impossibile trovare un terreno. Se è troppo grande i costruttori hanno sempre la meglio per le loro capacità economiche, se sono piccoli i proprietari chiedono delle cifre spropositate. Sono fantastiche. Io ne vorrei una della wolfhaus (www.wolfhaus.com). A dirvi la verità stò cercando di creare un progetto per far si che il comune mi aiuti a costruirne una; basso consumo energetico, maggior sicurezza ma anche, qualità della vita data dai minor rumori e sopratutto minor spreco di energie.. anche il 90% meno di una casa normale in muratura.

Se qualcuno vuole aiutarmi nel progetto sono contentissimo di ascoltare l'aiuto...

Sono di un paese in provincia di Livorno... Ciao a tutti

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se qualcuno vuole aiutarmi nel progetto sono contentissimo di ascoltare l'aiuto...

Ciao bindone,

per quel che posso/riesco sono quà... basta che chiedi delle domande specifiche...

preferisco tenere la discussione online in modo che cresciamo tutti insieme... sicuramente anche gli altri utenti possono contribuire... tieni presente però che lavorare senza un terreno è abbastanza asettico e un pelino utopistico...

...hai provato a fare una ricerca nelle zone più periferiche rispetto al paese in cui vivi? normalmente i terreni periferici hanno un indice di edificabilità molto bassa e le imprese non riescono a fare bussiness... mancando la richiesta i prezzi sono sensibilmente più bassi...

P.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questa è stupenda!!

“Creare forse significa sbagliare quel passo nella danza. Significa dare di traverso quel colpo di scalpello nella pietraâ€. Antoine de Saint-Exupery

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tanto...anto...anto... :)

“Creare forse significa sbagliare quel passo nella danza. Significa dare di traverso quel colpo di scalpello nella pietraâ€. Antoine de Saint-Exupery

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A dire la verità Occhirossi avrei anche un bel terreno ma ancora non ci hanno dato i permessi per costruire.. E' una congiura. Sono più di 10 anni che gli abbiamo chiesti ma tra problemi nel comune e altro, chissà come mai, ma la casa se la sono costruita solo i sindaci e iloro familiari...

Delle volte vorrei andare via da questo paese... A parte lo sfogo..

Secondo voi devo adnare nelle agenzie immobilairi per chiedere dei terreni?? ci sono altri modi per cercare terreni edificabili dove però non c'è ancora costruito niente.. Tipo terreni di proprietà di anziani che non ci vogliono fare niente... ecc ecc ??

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

potresti andare anche in comune a farti dare l'elenco dei lotti edificabili "aree C" e poi fare visure catastali (o vai tu in catasto o ti rivolgi ad un tecnico di fiducia, di solito se è solo per qualche visura non faccio pagare niente, al massimo solo il disturbo, se sono tante,) per risalire ai proprietari....

mercatino-- ho conluso ottimi affari con elect86

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cmq vai tranquillo che i tempi dei piani regolatori sono biblici, un mio amico ha aspettato vent'anni prima che gli mettessero il terreno da agricolo a edificabile....

mercatino-- ho conluso ottimi affari con elect86

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Area C, che significa??

“Creare forse significa sbagliare quel passo nella danza. Significa dare di traverso quel colpo di scalpello nella pietraâ€. Antoine de Saint-Exupery

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

...siamo in una importante fase di transizione e di cambiamento della normativa urbanistica e bisognerebbe fare un discorso molto articolato fra gli strumenti urbanistici in vigore, quelli adottati e quelli che si sovrappongono nella fase di completamento del recepimento e adozione delle nuove norme... ve la risparmio.. bisognerebbe farne un trattato e potrei scrivere anche delle castronerie!

...semplificando molto grossolanamente la normativa di governo del territorio è di competenza regionale e varia da regione a regione (ad esempio: governo territorio regione veneto) e conseguentemente da comune a comune...

ogni comune ha una divisione del proprio territorio in zone omogenee che sono generalmente classificate in questo modo:

A: zona di interesse storico - ambientale

B: zone sature e di completamento

C: zone di integrazione e di espansione (residenziale, commerciale e direzionale)

D: zone per insediamenti artigianali, commerciali industriali e di servizio

E: zona agricola rada, semplice, di salvaguardia e di pregio ambientale

F: zone per attrezzature urbane, tecnologiche ed universitarie

G: zone private assistenziali e religiose, sportive e di servizi privati di uso collettivo

Ogni zona ha delle sottozone omogenee (ad esempio C1, C2 ecc.) caratterizzate da limiti edificatori ben precisi...

P.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rispondi e partecipa alla discusione

Puoi rispondere subito e iscriverti successivamente. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego e dichiari di aver letto e di accettare: Privacy Policy Termini di utilizzo