Vai al contenuto

Benvenuto nella community di Italiamac Forum

Guest Image

Benvenuto su Italiamac, la più grande comunità AMUG italiana riconosciuta da Apple. La consultazione è libera. Se vuoi anche partecipare attivamente alle discussioni pubblicando post e messaggi puoi iscriverti gratuitamente, avrai molti vantaggi:

  • Pubblicare post, messaggi e richieste di aiuto
  • Fare amicizia e usare i messaggi privati fra utenti
  • Pubblicare annunci di vendita di usato
  • Usare tutte le funzioni della community

ISCRIVITI GRATIS


Change Mode






Impaginazione tavole


Simconti

Recommended Posts

il trucco sta: tu devi presentare delle tavole formato A3 per esempio? crei un foglio nuovo su photoshop in fomato A3, e lo modifichi in modo che risulti con un dpi uguale a quello degli eps (ovvero i salvataggi virtuali che hai fatto per es. con autocad). io ti consiglio minimo 150 e max 300. sicuramente a 150 non risulta sgranato. poi tu apri l eps con photoshop e lo trascini nel foglio che hai appena creato che sarà la tua tavola di presentazione. in questo modo ti troverai il tuo eps in un layer specifico. quindi ipotizzando che devi impaginare in un A3 due piante e due prospetti ti ritroverai 5 layer, ovvero il layer base del foglio, 2 layer per le piante e 2 per i prospetti. ti consiglio di non unire i layer(o livelli). poi tu se vuoi colorare le piante, inserire pattern, retini ombreggiature, foto ecc. basta che o crei un nuovo layer apposta x ogni effetto specifico , oppure utilizzi il layer specifico della pianta o prospetto che devi editare. (in questo caso però se devi poi cancellare un colore, opacizzarlo, dagli l ombreggiatura ecc, te lo fa a tutto il disegno e non unicamente al pezzo di pianta a cui vuoi dare l effetto. io consiglio di creare un layer per ogni effetto che vuoi dare (es vuoi colorare di rosso i muri? crei un layer lo chiami muri rossi, selezioni le parti da colorare, le colori e ci fai tutto rimanendo sempre attiva su quel layer, in questo modo se tu poi vuoi dare l ombreggiatura tu basta che selezioni quel layer, gli dai ombreggiatura e automaticamente a tutte le parti che hai colorato di rosso ti dara l ombreggiature. e cosi via per tutti gli altri effetti.inoltre se poi vuoi spegnere il layer o cancellarlo basta che elimini o disattivi quel layer e ti sparisce dalla tavola base quell effetto. spero di essermi spiegato.

guarda io ormai uso solo photoshop per le impaginazioni per le presentazioni di progetti, per le presentazioni e devo dire che rendono veramente bene, poi appena ci prenderai la mano vedrai che riuscirai a creare dei piccoli render utilizzando i pattern e le foto applicandole sopra i tuoi disegni.

altra cosa fondamentale quando mandi in stampa, se vuoi alleggerire il peso della stampa e dell invio della immagine in stampa puoi dalvare il file in jpeg e cosi alleggerisci alla grande. anche perche se utilizzi un dpi a 300 rischi davvero di trovarti un fil pds di 200 mb da mandare in stampa, mentre se poi lo salvi anche come jpeg mandi in stampa solo un po di mb (20 massimo direi).

DOC

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 58
  • Created
  • Ultima Risposta

Photoshop è per il fotoritocco, per creare immagini.

Per fortuna ci sono alternative. Illustrator, ad esempio, apre nativamente i file pdf e permette di colorare, applicare trasparenze, retini, gradient, scalare ecc, mantenendo il disegno vettoriale, quindi senza problemi di "sgranatura".

Oltre a tutto la versione per studenti costa veramente poco, vale la pena approfittarne.

Se invece usate Vectorworks non avete bisogno di esportare, perchè permette di applicare direttamente trasparenze e sfumature. Ormai al lavoro Illustrator lo abbiamo abbandonato e impaginiamo tutto in Vw.

lo

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
150 dpi spalmati su un a0/a1 sono una follia, il minimo è 300 dpi per fare un lavoro civile,

ti sbagli. Io ho fatto laboratorio 4 a 150 dpi con un render alto 30 cm e largo 84, e precisamente quello allegato, ed è venuto perfetto

92793616.jpg

Più bello e più divino è il bene di un popolo, di intere città

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

bho, dipende anche da cosa uno ha bisogno...

lavorando e studiando nel campo della grafica e della stampa ti posso assicurare che per lavorare dignitosamente serve almeno 300 dpi di risoluzione..

poi, dipende anche dalle caratteristiche della macchina di stampa...

io al primo anno (ero pivello!) stampando a 150 dpi mi son giocato un buon voto per un esame di disegno...;)

magari hai fortuna che chessò, hai tinte piatte, hai b/n quasi dappertutto, e allora ti puo andare bene...

poi un ultima cosa: il render l'hai importato alla sua risoluzione originaria no? perche se renderizzi a 300 dpi e poi lo metti su un file da 150, il render rimane con la sua originaria risoluzione...

(ne son sicuro al 99%:devil:)

e poi basta dire che si usa photoshop per impaginare...

PHOTOSHOP E' UN SOFTWARE DI F-O-T-O-R-I-T-O-C-C-C-O, do you know?:DD

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

poi un ultima cosa: il render l'hai importato alla sua risoluzione originaria no? perche se renderizzi a 300 dpi e poi lo metti su un file da 150, il render rimane con la sua originaria risoluzione...

(ne son sicuro al 99%:DD)

io i render decido che dimensione dargli, i dpi, inserisco i dati lui me li fa precisi e io in ps non li scalo di 1 virgola. Sempre impaginato con ps. Unica cosa che mi fa diventare pazzo sono i pdf

Più bello e più divino è il bene di un popolo, di intere città

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

e poi basta dire che si usa photoshop per impaginare...

PHOTOSHOP E' UN SOFTWARE DI F-O-T-O-R-I-T-O-C-C-C-O, do you know?:cry:

guarda che per impaginare puoi usare anche powerpoint se vuoi. io con photoshop posso fare qualsiasi cosa e ho i risultati migliori per impaginare le tavole tipo quella postata sopra da zetadierre. secondo me è il programma migliore per fare delle belle presentazioni di progetti, masterplan e concept. poi se ti limiti alla impaginazione pure, ripeto cosa c'è di piu facile di autocad stesso per mettere tre piante una sopra l altra?! è solo questione di gusto personale e abitudine all uso. quindi photoshop oltre ad essere un programma di F-O-T-O-R-I-T-O-C-C-C-O può essere utilizzato come programma per I-M-P-A-G-I-N-A-Z-I-O-N-E.

DOC

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se ho dei vettoriali non uso mai psd. Perchè me li rasterizza. Secondo me il procedimento corretto è:

- salvare in .eps il file vettoriale,

- aprire .psd e creare un layer del file "vettoriale" (rasterizzato),

- realizzare in .psd tutta la grafica, su altri layer ovviamente,

- spegnere il layer in cui risiedono i file "vettoriali" (rasterizzati),

- utilizzare .ai per montare sia il file vettoriali e la grafica di .psd.

Così da avere la grafica in jpg, tiff o altro formato di immagine e tutto ciò che è vettoriale rimane vettoriale.

Per i concorsi utilizzo questo metodo.

:cry:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
salvare in .eps il file vettoriale

Intendi.. usare Illustrator (programma di grafica vettoriale) e salvare in eps?

aprire .psd e creare un layer del file "vettoriale" (rasterizzato)

:DD .. non ho capito questo passaggio :)

Mi scuso per il tormento, ma essendo nuova di programmi di grafica non ci capisco molto :fiorellino:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Intendi.. usare Illustrator (programma di grafica vettoriale) e salvare in eps?

l'eps che esce da un programma vettoriale mantiene i dati vettoriali. Difatti aperto in illustrator continui a selezionare linee e poligoni vettoriali.

:fiorellino: .. non ho capito questo passaggio :)

Mi scuso per il tormento, ma essendo nuova di programmi di grafica non ci capisco molto

Se si devono preparare delle immagini - prospetti, sezioni, viste, o planimetrie trattate - la cosa migliore è questa. Si apre l'eps in Photoshop, si tratta con texture, si esporta l'immagine come tif ad unico livello, si importa in un programma di impaginazione (illustrator, freehand, o anche Vectorworks) e si struttura la tavola assemblando immagini e disegni (vettoriali).

Questo è il procedimento acquisito in anni di lavoro.

Poi, se volete continuare a impaginare in PS, sono scelte vostre.

lo

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Intendi.. usare Illustrator (programma di grafica vettoriale) e salvare in eps?

autocad o altro programma di grafica vettoriale.

:ghghgh: .. non ho capito questo passaggio :weep:

Mi scuso per il tormento, ma essendo nuova di programmi di grafica non ci capisco molto :ciao:

apri il file .eps e crei un layer apposito per il file .eps

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Intendi.. usare Illustrator (programma di grafica vettoriale) e salvare in eps?

:boh: .. non ho capito questo passaggio :DD

Mi scuso per il tormento, ma essendo nuova di programmi di grafica non ci capisco molto :DD

Un vettore è un'entità dotata di un modulo (1,2,3) una direzione e un verso. Un immagine è un insieme di pixel. Se tu modifichi un vettore cambi direzione, verso, modulo, spessore, ma sostanzialmente sono delle modifiche di tipo parametrico. "rasterizzare" un vettore vuol dire fare una specie di "fotografia" al vettore in quell'istante: diventa un'immagine, e quindi le modifiche parametriche non sono più possibili. Ps gestendo file immagine e non vettori rasterizza qualunque fonte vettoriale che gli si dice di aprire (pdf ed eps ad esempio), rendendo impossibile una loro modifica all'interno di esso senza rovinarne la rappresentazione. In Illustrator invece un eps continua ad essere gestibile come un insieme di vettori, tu vedi tutti i layer allunghi accorci cambi lo spessore, tutto in ambiente adobe.

Fa conto che rasterizzare sta al vettore come renderizzare sta al modello 3d. "Rendering" è il processo di bidimensionalizzazione di un modello virtuale, e "render" è il risultato. Il fatto che tutti dicano "che bello questo RENDERING" denota che sanno spippolare sul computer come lo saprebbe fare il portiere della facoltà. Fai bene a farti queste domande e continua a fartele, perchè solo così, secondo me, si usa la macchina in maniera creativa, perchè si è in grado di controllarla.

Più bello e più divino è il bene di un popolo, di intere città

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

scusate ma quale è il problema di dire che questo o quello è il metodo giusto?ognuno ha il suo modo. dal mio punto di vista, tutto soggettivo, si fa prima a fare cosi: mi stampo il mio eps da autocad che è gia pronto solo da impaginare in una tavola che creerò su ps.

il passo successivo che devo fare è solo quello di metterci le texture su ps(retini colori, didascalie foto, render, agginugere altri eps ecc). e se lo apro su un foglio nuovo di photoshop con la stessa dpi del mio eps. non mi scala di immagine. quindi se stampo un 1:100, su un foglio nuovo a ps rimane 1:100. cosa mi serve fare il passaggio da illustrator per averlo in forma vettoriale se da autocad l ho gia stampato su un file virtuale gia pronto per essere editato?? faccio prima a metterlo direttamente su photoshop come una immagine (gia scalato),trascino il mio file eps nel foglio nuovo e fine. lo coloro, lo edito ci faccio quel che voglio, impagino i miei vari eps come voglio fino a finire la mia tavola da presentare. mi sembra il metodo piu veloce e con il minor numero di passaggi senza dover aprire mille programmi.

poi ad ognuno il suo, ripeto ci sono mille altri modi per creare una tavola di impaginazione:

autocad stesso

vectorworks stesso

powerpoint

ecc ecc

DOC

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bellissimo confronto tra professionisti e non... :)

Mi aggiungo anche io perchè vorrei un consiglio da parte vostra. La mia ragazza studia Architettura, e usa Autocad (ora che si è comprata il Mac sta cercando di passare su Archicad).

Prima d'oggi ha sempre stampato le sue tavole in PDF impaginandole direttamente su Autocad, inserendo degli screenshot dei render che gli interessavano.

Ora però le necessità sono cambiate, ed è diventato molto riduttivo questo tipo di lavoro.

Per questo, prima di farle sprecare i giorni di prova di Illustrator o InDesign volevo chiedervi se conoscete un buon libro sull'argomento, o un sito da cui attingere informazioni a riguardo.

Insomma, si vorrebbe fare una chiara idea sulle possibilità che ha con uno di questi due software e soprattutto come fare per impaginare tutto in scala (cosa che fino ad adesso non le è praticamente mai riuscita)....:ghghgh:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Bellissimo confronto tra professionisti e non... :)

Mi aggiungo anche io perchè vorrei un consiglio da parte vostra. La mia ragazza studia Architettura, e usa Autocad (ora che si è comprata il Mac sta cercando di passare su Archicad).

Prima d'oggi ha sempre stampato le sue tavole in PDF impaginandole direttamente su Autocad, inserendo degli screenshot dei render che gli interessavano.

Ora però le necessità sono cambiate, ed è diventato molto riduttivo questo tipo di lavoro.

Per questo, prima di farle sprecare i giorni di prova di Illustrator o InDesign volevo chiedervi se conoscete un buon libro sull'argomento, o un sito da cui attingere informazioni a riguardo.

Insomma, si vorrebbe fare una chiara idea sulle possibilità che ha con uno di questi due software e soprattutto come fare per impaginare tutto in scala (cosa che fino ad adesso non le è praticamente mai riuscita)....:ghghgh:

guarda il passaggio da autocad a archicad secondo me non è ottimale. o meglio son due programmi diversi secondo me. autocad è basato sul disegno puro, dove ti abitui ad utilizzare un metodo di disegno partendo dalle forme geometriche, e disegnando praticamente linea per linea. archicad invece è diverso, è tutto un po piu standardizzato, piu grossolano e basato sul concetto di 3d. tanto per capirci se io voglio disegnarmi un muro di una pianta su autocad, digito la mia linea e faccio offset dell spessore del muro ecc ecc. archicad invece ti disegna il muro stesso, gia con spessore, altezza e predisposto al 3d. di base son due concetti diversi, anche se puoi ottenere gli stessi risultati. dipende anche molto dal lavoro che devi fare. se per studio o lavoro devi presentare puramente il disegno 2d di piante prospetti e sezioni e meglio utilizzare un programma come autocad dove la qualità di disegno e dettagli è migliore da rendere, se invece devi rappresentare dei 3d, delle opere urbanistiche a grande scala non basate sui particolari allora è meglio archicad.

il programma per mac che si avvicina piu ad autocad e vectorworks o in alternativa highdesign.

se rileggi i post della discussione ognuno ha il suo metodo per le impaginazioni e vai tranquillo che ci sono tutti i modi per impaginare in scala anche con altri programmi come photoshop, illustrator ecc. va solo a scelta e gusto personale. io sono della scuola di photoshop (e i risultati di grafica e qualità di resa di impaginazione sono altissimi), altri della scuola di illustrator altri delle impaginazioni pure con autocad.

in qualsiasi libreria trovi manuali per ogni programma, ma il miglior modo per imparare è ovviamente mettersi al computer e provare ogni programma e ogni metodo.

ps: per la scala dell impaginazione sopra l ho spiegato x photoshop come inserire un immagine senza perdere la scala.

per illustrator o indesign non li utilizzo quindi non ci ho mai fatto caso. penso non sia un problema irrisolvibile e credo sia piuttosto intuitivo comunque.

DOC

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
guarda il passaggio da autocad a archicad secondo me non è ottimale. o meglio son due programmi diversi secondo me. autocad è basato sul disegno puro, dove ti abitui ad utilizzare un metodo di disegno partendo dalle forme geometriche, e disegnando praticamente linea per linea. archicad invece è diverso, è tutto un po piu standardizzato, piu grossolano e basato sul concetto di 3d. tanto per capirci se io voglio disegnarmi un muro di una pianta su autocad, digito la mia linea e faccio offset dell spessore del muro ecc ecc. archicad invece ti disegna il muro stesso, gia con spessore, altezza e predisposto al 3d. di base son due concetti diversi, anche se puoi ottenere gli stessi risultati. dipende anche molto dal lavoro che devi fare. se per studio o lavoro devi presentare puramente il disegno 2d di piante prospetti e sezioni e meglio utilizzare un programma come autocad dove la qualità di disegno e dettagli è migliore da rendere, se invece devi rappresentare dei 3d, delle opere urbanistiche a grande scala non basate sui particolari allora è meglio archicad.

il programma per mac che si avvicina piu ad autocad e vectorworks o in alternativa highdesign.

se rileggi i post della discussione ognuno ha il suo metodo per le impaginazioni e vai tranquillo che ci sono tutti i modi per impaginare in scala anche con altri programmi come photoshop, illustrator ecc. va solo a scelta e gusto personale. io sono della scuola di photoshop (e i risultati di grafica e qualità di resa di impaginazione sono altissimi), altri della scuola di illustrator altri delle impaginazioni pure con autocad.

in qualsiasi libreria trovi manuali per ogni programma, ma il miglior modo per imparare è ovviamente mettersi al computer e provare ogni programma e ogni metodo.

ps: per la scala dell impaginazione sopra l ho spiegato x photoshop come inserire un immagine senza perdere la scala.

per illustrator o indesign non li utilizzo quindi non ci ho mai fatto caso. penso non sia un problema irrisolvibile e credo sia piuttosto intuitivo comunque.

Grazie della risposta. In effetti il lavoro che mediamente deve presentare la mia ragazza sono opere architettochine con bassi dettagli, per questo vorrebbe passare ad Archicad. Ci siamo gia` informati su tutto, e possiamo fare una scelta consapevole. Il problema in fondo e` solo il denaro, visto che anche se Educational, le licenze di tutti questi programmi costano care...

Ho letto gia` tutto il post, e ho visto anche il prezioso metodo che utilizzi, tuttavia per una persona che non conosce il mondo della grafica/editoria, non risulta molto comprensibile cio` che hai detto. Badabene che non e` un tuo difetto, ma quanto un nostro difetto, visto che non sappiamo proprio niente in questo campo e ci troviamo spaesati.

Infatti quello che chiedo e` un consiglio su delle letture tecniche che insegnino le basi, che ci consentano di apprendere il linguaggio tecnico del settore, e soprattutto i rudimenti per ottenere un buon risultato fin da subito.

E poi, dobbiamo ancora decidere su che programma puntare, non so voi, ma e` impensabile per noi prendere Indesign, Illustrator e Photoshop insieme, considerando che vorremmo puntare anche su Archicad....... :ghghgh:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Grazie della risposta. In effetti il lavoro che mediamente deve presentare la mia ragazza sono opere architettochine con bassi dettagli, per questo vorrebbe passare ad Archicad. Ci siamo gia` informati su tutto, e possiamo fare una scelta consapevole. Il problema in fondo e` solo il denaro, visto che anche se Educational, le licenze di tutti questi programmi costano care...

Ho letto gia` tutto il post, e ho visto anche il prezioso metodo che utilizzi, tuttavia per una persona che non conosce il mondo della grafica/editoria, non risulta molto comprensibile cio` che hai detto. Badabene che non e` un tuo difetto, ma quanto un nostro difetto, visto che non sappiamo proprio niente in questo campo e ci troviamo spaesati.

Infatti quello che chiedo e` un consiglio su delle letture tecniche che insegnino le basi, che ci consentano di apprendere il linguaggio tecnico del settore, e soprattutto i rudimenti per ottenere un buon risultato fin da subito.

E poi, dobbiamo ancora decidere su che programma puntare, non so voi, ma e` impensabile per noi prendere Indesign, Illustrator e Photoshop insieme, considerando che vorremmo puntare anche su Archicad....... :ghghgh:

si in effetti se non conosci i metodi son parole un po incomprensibili.

allora visto che sapete usare autocad cerco di spiegarti al meglio il mio procedimento, poi troverai qualcuno che ti spiega gli altri metodi.

allora:

-disegno su autocad, preparo il mio layer di stampa e metto il mio disegno in scala (suppongo sappiate farlo)

- vado nel menu, stampa, gestisci plotter, aggiungi plotter e premo praticamente sempre continua, lo scopo di questa operazione è creare una stampante virtuale.

- una volta creata la stampante torno sul layer con il mio disegno, seleziono la mia stampante e marco stampa su file. in questo modo potrai salvare il tuo disegno in scala in formato .eps. (ovvero un immagine virtuale del mio layer di stampa).controlla quando stampi il dpi che deve essere non meno di 100 e non sopra il 300(praticamente la qualità)

- apro il mio photoshop, creo un nuovo foglio delle dimensioni della tavola che devo presentare e oltre alle dimensioni metto lo stesso dpi della stampata in eps che ho fatto.

- ora mi aprira due file: basta che trascino il mio file eps sul file principale della tavola e vedrai che è rimasto in scala senza bisogno di ridimensionare o scalare l immagine.

- ora puoi lavorare tranquillamente con photoshop importando tutti i file eps che ti servono per comporre la tavola, colorare, unire foto, didascalie ecc ecc.

tutto qua.

cmq all università a noi è stato insegnato ad utilizzare photoshop per queste cose, quindi prima o poi la tua ragazza lo imparerà per forza maggiore.

per quanto riguarda le licenze ai programmi io ti consiglio di richiedere all università: credo che siano dovuti a darti gratuitamente una versione di autocad, photoshop, archicad e vectorworks se fai la richiesta al laboratorio informatico o alla segreteria. a me son stati forniti tutti da loro questi programmi,(ovviamente in versione student quindi ridotti)

DOC

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se la tua ragazza è studente può ottenere tutti i software che citi con licenze educational; alcune sono gratuite (ad esempio Vectorworks lo è, Archicad non so); altre, come i prodotti Adobe no, ma hanno un prezzo veramente abbordabile.

Io continuo ad inorridire sentendo parlare di impaginazione in photoshop... essendo eternamente in consegna si ha bisogno di ottimizzare e, in anni di lavoro, ho sperimentato un po' di tutto e ho imparato alcuni trucchi del mestiere... non tutti ovviamente, nella vita non si finisce mai di imparare.

La miglior scuola è l'esperienza su campo piuttosto che i libri. E' meglio puntare su una qualche esperienza o uno stage in qualche studio professionale.

lo

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
si in effetti se non conosci i metodi son parole un po incomprensibili.

allora visto che sapete usare autocad cerco di spiegarti al meglio il mio procedimento, poi troverai qualcuno che ti spiega gli altri metodi.

allora:

-disegno su autocad, preparo il mio layer di stampa e metto il mio disegno in scala (suppongo sappiate farlo)

- vado nel menu, stampa, gestisci plotter, aggiungi plotter e premo praticamente sempre continua, lo scopo di questa operazione è creare una stampante virtuale.

- una volta creata la stampante torno sul layer con il mio disegno, seleziono la mia stampante e marco stampa su file. in questo modo potrai salvare il tuo disegno in scala in formato .eps. (ovvero un immagine virtuale del mio layer di stampa).controlla quando stampi il dpi che deve essere non meno di 100 e non sopra il 300(praticamente la qualità)

- apro il mio photoshop, creo un nuovo foglio delle dimensioni della tavola che devo presentare e oltre alle dimensioni metto lo stesso dpi della stampata in eps che ho fatto.

- ora mi aprira due file: basta che trascino il mio file eps sul file principale della tavola e vedrai che è rimasto in scala senza bisogno di ridimensionare o scalare l immagine.

- ora puoi lavorare tranquillamente con photoshop importando tutti i file eps che ti servono per comporre la tavola, colorare, unire foto, didascalie ecc ecc.

tutto qua.

cmq all università a noi è stato insegnato ad utilizzare photoshop per queste cose, quindi prima o poi la tua ragazza lo imparerà per forza maggiore.

per quanto riguarda le licenze ai programmi io ti consiglio di richiedere all università: credo che siano dovuti a darti gratuitamente una versione di autocad, photoshop, archicad e vectorworks se fai la richiesta al laboratorio informatico o alla segreteria. a me son stati forniti tutti da loro questi programmi,(ovviamente in versione student quindi ridotti)

Grazie per la spiegazione precisa, anche troppo direi :rofl:

Il fatto è che non può provarla per ora, non disponendo di Photoshop.

E diciamo che sarebbe il software con minima priorità da testare. Capisco il tuo modo di lavorare, ma credo che per lei sia troppo complicato imparare Photoshop. Le hanno parlato bene di Illustrator, e grazie a questo thread abbiamo scoperto anche InDesign (anche se da quello che ho letto serve più per creare da zero un layer con grafica vettoriale mentre Illustrator è più incentrato sull'impaginazione, o sbaglio? :shock: ).

Poi non credo che gli insegneranno ad impaginare con Photoshop, lei fa la Magistrale e alla triennale l'unica cosa che ha fatto l'Università è stato pubblicizzare dei corsi a pagamento esterni di 3DStudio Max e Photoshop, ma visto i costi proibitivi........ :ghghgh:

Se la tua ragazza è studente può ottenere tutti i software che citi con licenze educational; alcune sono gratuite (ad esempio Vectorworks lo è, Archicad non so); altre, come i prodotti Adobe no, ma hanno un prezzo veramente abbordabile.

Io continuo ad inorridire sentendo parlare di impaginazione in photoshop... essendo eternamente in consegna si ha bisogno di ottimizzare e, in anni di lavoro, ho sperimentato un po' di tutto e ho imparato alcuni trucchi del mestiere... non tutti ovviamente, nella vita non si finisce mai di imparare.

La miglior scuola è l'esperienza su campo piuttosto che i libri. E' meglio puntare su una qualche esperienza o uno stage in qualche studio professionale.

lo

Grazie anche a te della risposta. Purtroppo la sua (nostra) Università ci mette a disposizione "solamente" i prodotti Autodesk (quindi Autocad & Co.), obbligandoci a reperire tutto il software a nostre spese.

Purtroppo però, per degli studenti, 800€ per Illustrator o Indesign non è affatto un prezzo abbordabile.

Non sono riuscito a capire quanto costi una licenza education per Archicad, ma non credo sia inferiore ai 500€.

Comunque, hai completamente ragione sul fatto che l'esperienza conta più di un qualsiasi libro, ma in questo periodo di studio intenso per via della imminente sessione d'esame, il tempo impiegato nello studio e nel lavoro sulle tavole, conta più di ogni altra cosa! :rofl:

Per questo chiedevamo un supporto "per iniziare a carburare"...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per questo chiedevamo un supporto "per iniziare a carburare"...

Se posso permettermi di darti un cosiglio, io ho lavorato su programmi nuovi sia studiando da manuali sia facendomi spiegare da altri miei colleghi come funzionavano, sia facendo dei corsi. L'ultima opzione è senz'altro la migliore, ma solo se hai già qualche infarinatura, perchè costa veramente un occhio della testa e rischi di non ricavarne i benefici che trovi.

Il mio consiglio è quello di pensare di dover imparare a far la pasta alla carbonara. Se non la sai fare e hai qualcuno vicino quello ti fa vedere: taglia la pancetta, sbatte l'uovo, ci mette il grana, pepe e stop. Poi quando è fatta la pasta mescola tutto e mangia. Un manuale ti spiega che l'uovo è composto dal tuorlo, dall'albume, che viene dalla gallina, che si forma in determinate maniere, poi la pancetta è il risultato della lavorazione di carne di maiale allevata e poi lavorata in una certa maniera e poi... ti sei rotto le balle dopo 6 ore e non hai capito un kaiser.

Devi affrontare da 0 un programma con un testo solo se veramente nessuno che conosci lo sa usare (non è il caso di ps, illustrator, autocad, vector, archicad, artlantis, rhino 3d studio e bla bla bla perchè all'uni di gente la trova per forza). Ma non occorre trovare un guru che ti accompagna fino all'olimpo delle modellazioni, basta qualcuno che ti dia 2 dritte, e poi pratica. Errori, perdite di tempo, obiettivi, lo rifai e fine. Se devi far leggere un libro alla tua ragazza regalale un bel romanzo! Almeno quando stacca gli occhi dal coputer stacca anche la testa. :ghghgh:

Più bello e più divino è il bene di un popolo, di intere città

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo però, per degli studenti, 800€ per Illustrator o Indesign non è affatto un prezzo abbordabile.

La Creative Suite (photoshop, indesign, illustrator, Acrobat) per studenti costa 199 euro

https://store2.adobe.com/cfusion/store/index.cfm?store=OLS-EDU-EU&view=ols_cat&catType=STUDENTS#store=OLS-EDU-EU&catID=STUDENTS&loc=en_xeu&view=ols_cat

Archicad mi risulta gratuito

lo

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ottime notizie allora!!! Grazie a tutti per i consigli...

Ammetto di aver fatto una ricerca marginale per i prodotti Adobe, ma a 199 Euro si puo` fare! :consolare:

Per Archicad che e` gratuito meglio ancora! :dance:

Comunque scusate, l'OT e` finito...

Tornando in topic, insomma, voi mi consigliate di lasciar perdere i libri. Stage o corsi non se ne possono fare a breve, se ne riparlerebbe dopo l'estate, dunque ancora esami di laboratorio impaginati male.

Consigliatemi come dovrebbe iniziare ad imparare. Io sono per lo "smanettare" davanti al software, ma quando si hanno 30gg a disposizione e poco tempo da dedicarci, sarebbe bene avere un piccolo bagaglio di tecniche e informazioni sul lavoro da compiere con il software... quindi la storia e` complicata :dance:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Archived

Questa discussione è archiviata e chiusa a future risposte.


×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego e dichiari di aver letto e di accettare: Privacy Policy Termini di utilizzo