Vai al contenuto





Archived

Questa discussione è archiviata e chiusa a future risposte.

Maghetto

Centrali nucleari, nelle loro vicinanze nascono meno femmine

Recommended Posts

[...] Non solo: sono stati conteggiati 20mila aborti spontanei, gravidanze a rischio, malformazioni e tumori infantili. Le analisi sono state condotte su una popolazione residente a 35 Km dalle centrali nucleari, di cui 27 in Germania e 4 in Svizzera [...]

http://www.ecoblog.it/post/11730/centrali-nucleari-nelle-loro-vicinanze-nascono-meno-femmine

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


Io capisco lo scetticismo rispetto alle centrali nucleari...ma allora vi chiedo...quale sarebbe l'alternativa possibile?

Non ditemi solare, geotermico, eolico ecc ecc perchè dal punto di vista fuzionale proprio per la loro natura non potrebbero fornire una qualità ed una stabilità di servizo paragonabile ad un impianto a carbone o nucleare o comunque di base.

Chiaramente NON SONO ASSOLUTAMENTE CONTRARIO alle energie alternative che DEVONO contribuire il più possibile alla produzione totale di energia elettrica..


Ho concluso ottimi affari con:

jamespd, Untitled, brozz87, lelepro, beed_me, Ginolab, Azna, Skaternik, MacLo, giuppit, Pippotag, lonewolf, capacaronte, Gualo, Firelord, StefanoMD, Alecxx, Nellolo, Plenilunioblu, Mikiresty,Danilo666,sesshoumaru, Pelato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Difficile rispondere, attualmente però in Italia non abbiamo centrali nucleari (anche se non mancano oltre confine)... forse una buona fonte di energia potrebbe essere rappresentata dalla ottimizzazione dei consumi industriali e la coibentazione termica degli edifici... chissà...

Dove abito io c'è una vera esplosione di lavori in corso per mettere il cappotto nelle case e i pannelli solari sul tetto, forse è una strada valida per ridurre i consumi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Difficile rispondere, attualmente però in Italia non abbiamo centrali nucleari (anche se non mancano oltre confine)... forse una buona fonte di energia potrebbe essere rappresentata dalla ottimizzazione dei consumi industriali e la coibentazione termica degli edifici... chissà...

Dove abito io c'è una vera esplosione di lavori in corso per mettere il cappotto nelle case e i pannelli solari sul tetto, forse è una strada valida per ridurre i consumi.

Beh una migliore efficeinza energetica è sicuramnte da ricercarsi, e molto spesso sono gli stessi industriali a ricercarla, dato che le nuove apparecchiature permettono un risparmio in termini economici veramente rilevanti.

Anche qui in veneto i cappotti lo hanno quasi tutte le abitazioni, la mia pure e le nuove costruzioni vengono fatte sicuramente con un occhio di riguardo all'efficienza energetica. Quello che dico io è che con le rinnovabili non si può avere, al momento almeno, ma dubito anche in futuro, una produzione di energia con le stesse qualità di impianti tradizionali con combustibile fossile/nucleare.

Non vedo molte alternative se non la fusione nucleare sinceraemnte..tutto contribuisce alla totalità, per quanto possibile.

Una grossa diatriba all'università consisteva nel determinare se fosse più corretto considerare l'energia elettrica come un bene o un servizio, di fatto è un po tutti e due, un bene, perchè lo acquisti, ma anche un servizio perchè non puoi scegliere tu quando utilizzarlo, in qunato l'energia elettrica viene utilizzata nell'istante stesso in cui viene prodotta e non è accumulabile in quantità apprezzabili, che non vuol dire che non è accumulabile di per sé, ma non in quantita tali da poter soddisfare i bisogni attuali con tutte le problematiche ed i disturbi che si immetterebbero in rete.


Ho concluso ottimi affari con:

jamespd, Untitled, brozz87, lelepro, beed_me, Ginolab, Azna, Skaternik, MacLo, giuppit, Pippotag, lonewolf, capacaronte, Gualo, Firelord, StefanoMD, Alecxx, Nellolo, Plenilunioblu, Mikiresty,Danilo666,sesshoumaru, Pelato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Correlazioni scientifiche che spieghino una nascita inferiore di femmine?

non ha alcun senso... la "scelta" del sesso è assolutamente casuale e dipende solo dal fatto che il gameta maschile che feconda porti il cromosoma X e non Y...


OOOOOOOOOOOOOOOOOO

OOOOOOOOOOOOOOO

OOOOOOOOOOOOOOO

OOOOOOOOOOOOOOOOOO#

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Correlazioni scientifiche che spieghino una nascita inferiore di femmine?

non ha alcun senso... la "scelta" del sesso è assolutamente casuale e dipende solo dal fatto che il gameta maschile che feconda porti il cromosoma X e non Y...

Sulla correlazione scientifica non dev'esserci per forza. O meglio...se la statistica è fatta come dev'essere fatta! Accuratamente e non a casaccio, selezionando bene il campione possono scoprirsi delle cose cui la "scienza" (n.b. anche la statistica è una scienza) ancora non è arrivata.

Un esempio è l'infarto. La causa precisa che scatena l'infarto al cuore non è ancora conosciuta. Ma le statistiche dicono che i soggetti a rischio sono di sesso maschile, sopra i 50 anni, con il colesterolo e fumatori.

Io ho conosciuto fumatori con il colesterolo, sopra i 50 anni e maschi, tuttavia non hanno mai avuto nulla.

"Ho provato a fare un salto" nel reparto di cardiologia e noti che la maggioranza ha più di 50 anni, molti sono fumatori e molti sono grassi.

Magari queste statistiche le ha fatte topolino e sono d'accordo con voi che son tirate là...ma anche la statistica è una scienza. Dev'essere utilizzata e interpretata nella maniera corretta. Se poi accompagnata da studi di altre materie, magari mirati sulle scoperte della statistica si può fare ancora di più!

p.s.

Non mi sembra questo il caso in cui lo studio è di alto livello, per cui concordo con voi sull'approssimazione esagerata dell'articolo.


Week end? Gita? Vacanza? Leggi la nostra esperienza: Go2Go.eu

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Fuma
Difficile rispondere, attualmente però in Italia non abbiamo centrali nucleari (anche se non mancano oltre confine)... forse una buona fonte di energia potrebbe essere rappresentata dalla ottimizzazione dei consumi industriali e la coibentazione termica degli edifici... chissà...

Dove abito io c'è una vera esplosione di lavori in corso per mettere il cappotto nelle case e i pannelli solari sul tetto, forse è una strada valida per ridurre i consumi.

Parlate di rinnovabili, geotermico, eolico etc come se fossero la soluzione al problema. Peccato che non è così...

Innanzitutto per quanto riguarda il residenziale il panorama italiano è veramente triste. Almeno l'80% degli edifici sono dei groviera energetici. E non pensate che con un cappotto o dei pannelli fotovoltaici sul tetto si risolve il problema. Tenete conto che il 48% delle dispersioni energetiche di un edificio è legato alle chiusure trasparenti (serramenti).

Poi parliamoci chiaro, caldaie a condensazione, pompe geotermiche etc funzionano ottimamente con soluzioni che sfruttano acqua a bassa temperatura (pannelli radianti etc) e non con i sistemi canonici (termosifoni per interderci). Ste benedette caldaie a condensazione sembrano il dio sceso in terra.... Montate con classici sistemi di erogazione se vi danno un risparmio del 4% è già buono...

Panorama cappotto... in Italia stiamo cappottando tutto... e lasciatemelo dire: molte volte sono messi in opera alla caxxo...con spessori di isolante esiguo e con attenzione alla presenza di ponti termici ridicola...

A volte creano addirittura dei problemi condense superficiali ed interstiziali?Capita anche che In estate avete che la temperatura all'interno dei locali raggiunge il picco massimo ( di notte) perchè si da poca importanza allo sfasamento termico che questa tecnologia produce...

Con questo non voglio dire che non si debba procedere nel senso del risparmio e della ricerca dell'efficienza energetica ( ma dire come molti di voi si ostinano a scrivere su questo forum, che basta mettere una sonda geotermica, un cappotto, una parete ventialata, una caldaia a condensazione etc per risolvere il problema mi sembra troppo semplicistico)

Questo per quanto riguarda il settore residenziale.

Per quanto riguarda quello industriale mi spiegate come tali tecnologie possono soddisfare l'immensa richiesta di energia richiesta appunto da questo settore?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Capisco bene il tuo ragionamento (anche se a casa mia la coibentazione è fatta a regola d'arte), e si capisce che sei del settore quindi parli per conoscenza diretta, ma proprio per i problemi che sollevi mi chiedo: se in Italia non si sa fare nemmeno un cappotto, o cambiare in modo ottimale dei serramenti, te la immagini come sarebbe fatta la costruzione di una intera serie di centrali nucleari? PAURA! ;)

PS

Abbiamo ancora quelle chiuse (o mai entrate a regime) decenni fa da mettere in sicurezza... (vedi servizi giornalistici vari)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Fuma
Capisco bene il tuo ragionamento (anche se a casa mia la coibentazione è fatta a regola d'arte), e si capisce che sei del settore quindi parli per conoscenza diretta, ma proprio per i problemi che sollevi mi chiedo: se in Italia non si sa fare nemmeno un cappotto, o cambiare in modo ottimale dei serramenti, te la immagini come sarebbe fatta la costruzione di una intera serie di centrali nucleari? PAURA! ;)

PS

Abbiamo ancora quelle chiuse (o mai partite) anni decenni fa da mettere in sicurezza... (vedi servizi giornalistici vari)

Io sono per il risparmio energetico e a favore dell'uso delle nuove tecnologie laddove il loro impiego può dare veramente un contributo positivo per quanto riguarda la diminuizione dell'utilizzo di energia e dell'emissione di co2 e altri gas serra.

Un utilizzo ragionato insomma.

Nell'equazione del risparmio sarebbe però interessante inserire anche il costo energetico e la quantità di co2, inquinanti etc legato alla produzione del componente o del materiale in questione e al loro smaltimento.

Guarda se in Italia funzionassero le cose non regalerebbero incentivi statali per persone che cambiano la caldaia mettendone una a condensazione senza cambiare il sistema di distribuzione e di erogazione ( discorso di prima).

Da questo punto possiamo partire a parlare del nucleare. In Italia è pericoloso perchè sappiamo come funzionano le cose nel nostro bel Paese. Mancano sempre i controlli ovunque... fondamentalmente è per questo che sono contrario al nucleare in Italia.

Ho avuto diverse discussioni con un paio di amici ing nucleari e ti posso dire che è demonizzato perchè c'è cattiva informazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Fuma

Per concludere...

Dobbiamo cambiare la mentalità a questo paese per vecchi... con le rinnovabili non si può far tutto, ma l'alternativa primaria (nucleare) nel nostro Paese è troppo pericoloso...

E' questione di mentalità, non c'è altro....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Capisco bene il tuo ragionamento (anche se a casa mia la coibentazione è fatta a regola d'arte), e si capisce che sei del settore quindi parli per conoscenza diretta, ma proprio per i problemi che sollevi mi chiedo: se in Italia non si sa fare nemmeno un cappotto, o cambiare in modo ottimale dei serramenti, te la immagini come sarebbe fatta la costruzione di una intera serie di centrali nucleari? PAURA! ;)

PS

Abbiamo ancora quelle chiuse (o mai entrate a regime) decenni fa da mettere in sicurezza... (vedi servizi giornalistici vari)

Beh, all'epoca Arturo era la centrale nucleare più sicura e tecnologicamente avanzata d'Europa.


"Noi finti professionisti" Club • Tessera n° 007

CEO of Aston Martin Club

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'ultimo convoglio su rotaia spostato in Francia è stato monitorato con videocamere e apparecchi di rilievo termico che ne ha rivelato l'altissimo rilascio di radiazioni.

Comunque ci sono dati di acque inquinate da radiazioni sia in Inghilterra che nei paesi ai confini Svizzeri che utilizzano fiumi che fuoriescono dal loro territorio verso Italia e Germania, x esempio.

Ci sono i dati di queste acque che negli anni, in Inghilterra, hanno regalato il più alto numero di bambini con cancro o leucemia...

I dati ci sono basta andare a leggerli e a non mettere la testa sotto la sabbia come gli struzzi, senza tirare in ballo Topolino e Paperino.

Il nucleare è una fonte di energia con tutte le sue pericolosità e i suoi altissimi costi di gestione. Prima di riprendere in mano la cosa ricordiamoci che siamo in un paese da ripulire "dalla testa ai piedi", dentro e fuori dalle istituzioni, poi si potrà parlare di cose serie. E il nucleare è una cosa seria e non una cosa da prendere alla leggera.

Poi per i patiti del nucleare e non è informato sappia che c'è la possibilità di un nucleare a consumo di materiale radioattivo di dimensione ridottissima, di produzione minima di scorie.... ma non va bene a chi "mangia" sulla costruzioni di nuove centrali di "nuova generazione" già vecchia... Questo tipo di nucleare sarebbe utilizzabile anche a livello di territoriale ma.... nooooo, va contro gli "interessi" di........... ....... ....

Si può far tutto ma solo se si fa bene e COME SI DEVE. Ma in Italia... meglio lasciar perdere!

Negli USA smantellano una centrale in 5 anni, guardate Caorso da quanto tempo ha ancora fuori i cartelli di "Lavori in corso" :loveitaliamac:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao. Questo tema del nucleare mi interessa particolarmente.

M chiedo una cosa ora che l'italia vuole passare al nucleare: l'Italia va ancora con internet 649kbit e pensa di avere la tecnologia adatta per costruire, ma soprattutto mantenere in sicurezza delle centrali nucleari? :confused:

Io non sono affatto a favore. Troppo pericoloso! :dance:


iMac 21,5": Core i3 3,2Ghz, HD5670, 1TB, 4GB RAM

iPod Touch 2g/3g/4g 32GB + Universal Dock

iPad 16GB Wi-Fi + Dock

Magic Trackpad, Magic Mouse, Wireless Keyboard, cuffie con microfono

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ciao. Questo tema del nucleare mi interessa particolarmente.

M chiedo una cosa ora che l'italia vuole passare al nucleare: l'Italia va ancora con internet 649kbit e pensa di avere la tecnologia adatta per costruire, ma soprattutto mantenere in sicurezza delle centrali nucleari? :confused:

Io non sono affatto a favore. Troppo pericoloso! :dance:

Ma va la!!! Internet e il nucleare sono 2 cose completamente diverse!!! Poi siamo pieni di centrali nucleari intorno all'Italia, quindi moriremo comunque!


Forum di videogiochi:

http://tuttovideogiochi.newgoo.net/forum.htm

iPod Touch 2G 16GB

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ma va la!!! Internet e il nucleare sono 2 cose completamente diverse!!! Poi siamo pieni di centrali nucleari intorno all'Italia, quindi moriremo comunque!

E quest'altro..:confused:

Non moriremo, dopo Chernobyl, l'uomo ha adottato sistemi di sicurezza per evitare che riaccada un altro episodio del genere..


iMac 20''(2007) Mac Book Pro 15''(2007) iPhone 3G(2008) iPhone 3Gs(2009) iPhone 4(2010)

iPad 64GB Wifi 3G(2010) iPhone 4S Bianco(2011)

iPod Video 80Gb(2005) iPod Nano 4G(2004)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ma va la!!! Internet e il nucleare sono 2 cose completamente diverse!!! Poi siamo pieni di centrali nucleari intorno all'Italia, quindi moriremo comunque!

Chiedi a chi abitava a 400 km da chernobyl se gli sarebbe piaciuto abitare a 40 :confused:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Chiedi a chi abitava a 400 km da chernobyl se gli sarebbe piaciuto abitare a 40 :confused:

Chiesto, abbiamo adottato x un mese un bambino russo, da un paese vicinissimo alla centrale nucleare. Non stava malissimo. Certo quando è tornato stava meglio...

E tu chiedigli in che anni erano.


Forum di videogiochi:

http://tuttovideogiochi.newgoo.net/forum.htm

iPod Touch 2G 16GB

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
E quest'altro..:confused:

Non moriremo, dopo Chernobyl, l'uomo ha adottato sistemi di sicurezza per evitare che riaccada un altro episodio del genere..

Quello che penso io!! Non faranno lo stesso errore! Siamo nel 2011 (da domani)!!!

Per i pessimisti, anche se in Italia non costruiranno una centrale nucleare, se esplodono in Francia e in altri Paesi moriremo comunque!

Quindi costruiamola sta centrale.


Forum di videogiochi:

http://tuttovideogiochi.newgoo.net/forum.htm

iPod Touch 2G 16GB

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo