Vai al contenuto

Dark Mode

Benvenuto nella community di Italiamac Forum

Guest Image

Benvenuto su Italiamac, la più grande comunità AMUG italiana riconosciuta da Apple. La consultazione è libera. Se vuoi anche partecipare attivamente alle discussioni pubblicando post e messaggi puoi iscriverti gratuitamente, avrai molti vantaggi:

  • Pubblicare post, messaggi e richieste di aiuto
  • Fare amicizia e usare i messaggi privati fra utenti
  • Pubblicare annunci di vendita di usato
  • Usare tutte le funzioni della community

ISCRIVITI GRATIS







Centrali nucleari, nelle loro vicinanze nascono meno femmine


Maghetto

Recommended Posts

Mia nonna ha un PHON di 8 anni fa, consuma 200Kw, proprio come quelli di oggi... Strano he?

ah però.....chissà quanto paga di bolletta.............

:rolleyes:

An  a tuesday keeps the doctor away.

proud member of < noi finti professionisti > club - tessera 044

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 229
  • Created
  • Ultima Risposta
quoto, perchè sicuramente va istruita la gente al consumo consapevole, un po' come avviene per l'acqua potabile in molte zone d'Italia.

qualcosa si sta facendo dal punto di vista dell'efficienza energetica delle case, i benefici (apprezzabili) però si vedranno solo fra 5/10 anni come minimo.

idem per le lampadine a risparmio. Costando circa 10 euro l'una (quelle decenti) vengono acquistate solo quando si fulmina la vecchia lampadina ad incandescenza, quindi prima di eliminarle davvero ci vorrà ancora del tempo.

non va però dimenticato che la maggior parte dell'energia elettrica consumata in Italia va nelle industrie.

ci sono aziende che hanno bisogno di così tanta energia per la produzione che devono andare a comprarla direttamente in svizzera o in francia (gli conviene sicuramente di più, oltre al fatto che i distributori italiani farebbero fatica a gestire la loro richiesta).

perciò anche ottimizzare la produzione industriale (da un punto di vista energetico) ha ugualmente importanza, e forse ne ha anche di più.

riguardo al solare fotovoltaico, già da diversi anni sono in via di studio e perfezionamento pannelli ad alto rendimento (in Italia).

avevo visto un prototipo di uno che a parità di energia convertita necessitava di 1/10 della superficie esposta, e se tutto va bene si dovrebbe vederlo applicato nei prossimi anni.

sicuramente se ci fossero più fondi la ricerca procederebbe più spedita, ma dire che l'investimento è zero corrisponde al falso (anche perchè se non erro abbiamo sottoscritto l'impegno a destinare fondi per le energie rinnovabili).

tornando all'argomento principale del topic: non so se sia vero il discorso nucleare=meno femmine, ma di sicuro penso che fare centrali in Italia richiederebbe d vigilare molto ma molto bene su cosa si fa, come lo si fa e chi lo fa.

Riquoto. Hai ragione e la pensi proprio come me.:rolleyes:

iMac 27' i7, iPod Touch 1g, iPhone 3GS 16 GB White, iPod nano 3g, iPad 32 Gb 3G

Seguimi su Twitter http://twitter.com/OpinioniMusica

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non siamo proprio i numeri uno nella gestione dei rifiuti.

Il nucleare mi potrebbe stare anche bene in un altro paese, non nel nostro.

É una scelta consapevole, difficile e senza dubbio deve avere uno strato socio-culturale pronto ad accoglierlo.

Io personalmente in Italia in questo momento il nucleare non lo fare perchè non ho la certezza di chi lo gestirà e il fatto che si stia tutta questa propaganda, mi fa pensare che qualcuno ha molta fretta di piazzare gli appalti.

Non sono totalmente contro il nucleare: sono contro il nucleare in Italia perchè non mi fido.

Il discorso delle nascite potrebbe essere di natura semplicemente statistica e potrebbe dipendere anche dalla condizione "psicologica" che si vive intorno alle centrali rispetto alla reale sicurezza dell'impianto.

Anche durante le guerre mondiali il tasso di maschi vs femmine è cambiato! Se non ricordo male (nel senso che l'ho letto, non che c'ero :ciao:) , nascevano più femmine.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Non siamo proprio i numeri uno nella gestione dei rifiuti.

Il nucleare mi potrebbe stare anche bene in un altro paese, non nel nostro.

É una scelta consapevole, difficile e senza dubbio deve avere uno strato socio-culturale pronto ad accoglierlo.

Io personalmente in Italia in questo momento il nucleare non lo fare perchè non ho la certezza di chi lo gestirà e il fatto che si stia tutta questa propaganda, mi fa pensare che qualcuno ha molta fretta di piazzare gli appalti.

Non sono totalmente contro il nucleare: sono contro il nucleare in Italia perchè non mi fido.

Il discorso delle nascite potrebbe essere di natura semplicemente statistica e potrebbe dipendere anche dalla condizione "psicologica" che si vive intorno alle centrali rispetto alla reale sicurezza dell'impianto.

Anche durante le guerre mondiali il tasso di maschi vs femmine è cambiato! Se non ricordo male (nel senso che l'ho letto, non che c'ero :ciao:) , nascevano più femmine.

Aveno paura della guerra i maschi, ecco perchè non nascevano...:(:ghghgh:

Forum di videogiochi:

http://tuttovideogiochi.newgoo.net/forum.htm

iPod Touch 2G 16GB

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Admin
Propongo un altra questione:

Molti dicono che il nucleare ai giorni nostri sia sicuro, allora come mai non c'è nessuna assicurazione al mondo che assicuri le centrali in caso di disastro?

:ciao:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Propongo un altra questione:

Molti dicono che il nucleare ai giorni nostri sia sicuro, allora come mai non c'è nessuna assicurazione al mondo che assicuri le centrali in caso di disastro?

Niente è sicuro al giorno d'oggi.

Una centrale nucleare può essere anche la più sicura al mondo, ma sono le DISATTENZIONI dell'UOMO che rendono tutto ciò pericoloso.

iMac 20''(2007) Mac Book Pro 15''(2007) iPhone 3G(2008) iPhone 3Gs(2009) iPhone 4(2010)

iPad 64GB Wifi 3G(2010) iPhone 4S Bianco(2011)

iPod Video 80Gb(2005) iPod Nano 4G(2004)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Francamente, tu se avresti l'opportunità, apriresti un' assicurazione di qursto tipo?

perchè no?

io stavo per creare un'azienda a livello di Apple che fattura miliardi ogni anno dal nulla :DD

..poi mi sono fermato perchè facendo i conti, non sarei riuscito a pagare il guardiano ed il giardiniere.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Propongo un altra questione:

Molti dicono che il nucleare ai giorni nostri sia sicuro, allora come mai non c'è nessuna assicurazione al mondo che assicuri le centrali in caso di disastro?

Questa domanda mi ha fatto riflettere.

Perché non conta solamente quanta probabilità ci sia che accada un incidente, ma bisogna considerare le proporzioni delle conseguenze.

Week end? Gita? Vacanza? Leggi la nostra esperienza: Go2Go.eu

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Questa domanda mi ha fatto riflettere.

Perché non conta solamente quanta probabilità ci sia che accada un incidente, ma bisogna considerare le proporzioni delle conseguenze.

mi fa piacere vedere che ci sia qualcuno che rifletta e non difenda la sua posizione a tutti i costi




Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest monsterflying

Le assicurazioni guadagnano con i premi, ovvero la cifra che tu paghi affinchè, in caso di sinistro, l'assicurazione risarcisca quanto pattuito. I premi sono tanto più alti ed i massimali tanto più bassi, quanto più alto è il rischio che il sinistro si verifichi.

Ora, secondo te, che massimale dovrebbe avere un'assicurazione che copra un incidente nucleare? Svariati miliardi di euro? Primo, non esiste una società di assicurazione capace di avere una liquidità sufficiente per coprire un incidente del genere. Secondo, i premi richiesti sarebbero talmente alti, da non rendere conveniente la stipula di un simile contratto assicurativo.

Se leggi le clausule contrattuali di qualsiasi polizza assicurativa, ogni compagnia esclude la liquidazione di premi in caso di "gravi calamità naturali, sommosse popolari, guerre, esplosioni nucleari".

Ora è più chiaro perchè le assicurazioni non coprano le centrali?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Propongo un altra questione:

Molti dicono che il nucleare ai giorni nostri sia sicuro, allora come mai non c'è nessuna assicurazione al mondo che assicuri le centrali in caso di disastro?

perchè in tal caso fallirebbe :)
Le assicurazioni guadagnano con i premi, ovvero la cifra che tu paghi affinchè, in caso di sinistro, l'assicurazione risarcisca quanto pattuito. I premi sono tanto più alti ed i massimali tanto più bassi, quanto più alto è il rischio che il sinistro si verifichi.

Ora, secondo te, che massimale dovrebbe avere un'assicurazione che copra un incidente nucleare? Svariati miliardi di euro? Primo, non esiste una società di assicurazione capace di avere una liquidità sufficiente per coprire un incidente del genere. Secondo, i premi richiesti sarebbero talmente alti, da non rendere conveniente la stipula di un simile contratto assicurativo.

Se leggi le clausule contrattuali di qualsiasi polizza assicurativa, ogni compagnia esclude la liquidazione di premi in caso di "gravi calamità naturali, sommosse popolari, guerre, esplosioni nucleari".

Ora è più chiaro perchè le assicurazioni non coprano le centrali?

;)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Le assicurazioni guadagnano con i premi, ovvero la cifra che tu paghi affinchè, in caso di sinistro, l'assicurazione risarcisca quanto pattuito. I premi sono tanto più alti ed i massimali tanto più bassi, quanto più alto è il rischio che il sinistro si verifichi.

Ora, secondo te, che massimale dovrebbe avere un'assicurazione che copra un incidente nucleare? Svariati miliardi di euro? Primo, non esiste una società di assicurazione capace di avere una liquidità sufficiente per coprire un incidente del genere. Secondo, i premi richiesti sarebbero talmente alti, da non rendere conveniente la stipula di un simile contratto assicurativo.

Se leggi le clausule contrattuali di qualsiasi polizza assicurativa, ogni compagnia esclude la liquidazione di premi in caso di "gravi calamità naturali, sommosse popolari, guerre, esplosioni nucleari".

Ora è più chiaro perchè le assicurazioni non coprano le centrali?

Ciao monsterfly,

credo che tu abbia dato a iRoberto proprio la risposta che cercava,

per l'appunto, dato che, e vista l'enorme entita' dei danni provocati da un eventuale incidente (ma anche di piu'),

le assicurazioni si rifiutano di stipulare una polizza del genere,

non mi sembra il caso di prendere in considerazione il nucleare,

visto che poi i danni dovremmo pagarceli da soli ;)

...e meno male che i Bersaglieri sono entrati a Porta Pia!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest monsterflying
Ciao monsterfly,

credo che tu abbia dato a iRoberto proprio la risposta che cercava,

per l'appunto, dato che, e vista l'enorme entita' dei danni provocati da un eventuale incidente (ma anche di piu'),

le assicurazioni si rifiutano di stipulare una polizza del genere,

non mi sembra il caso di prendere in considerazione il nucleare,

visto che poi i danni dovremmo pagarceli da soli :ghghgh:

Credi che anche se esistesse una compagnia capace di risarcire miliardi di danni, dopo la morte di migliaia di persone e la contaminazione per migliaia di anni di una zona, il risarcimento possa essere sufficiente?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
L'assicurazione potrebbe coprire una parte dei danni, e cioè "fino a tot euro", ma forse si guarda bene dal correre anche questo rischio...

Infatti. Teoricamente queste attività estremamente pericolose dovrebbero avere una sorta di "fondo di garanzia" apposta per risarcire in caso di danni, sia che questi danni dipendano da qualche problema loro o meno (mettiamo in caso di terremoto). Poi nella pratica le vie sono infinite e può accadere di tutto tranne ciò che è giusto...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Archived

Questa discussione è archiviata e chiusa a future risposte.


×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo