Vai al contenuto





minozzo

Veg per salvare il pianeta!

Recommended Posts

Conoscete Umberto Veronesi? Oncologo? Anche lui dice che un alimentazione sana DEVE far almeno della carne (parole sue). Non mangiare anche uova e latte non fa male ma è difficile trovare prodotti che non li contengano.





Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


Conoscete Umberto Veronesi? Oncologo? Anche lui dice che un alimentazione sana DEVE far almeno della carne (parole sue). Non mangiare anche uova e latte non fa male ma è difficile trovare prodotti che non li contengano.

Veronesi.... SI: quello che ha detto che le centrali nucleari sono auspicabili, tanto non fanno male all'uomo...

....la vita......... con quattro parole spazzi via la credibilità che ti sei fatto in 60 anni di professione :cold:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Veronesi non avrebbe mai detto che il nucleare e' auspicabile, cosi' come avrebbe detto che e' necessario mangiar la carne se il macellaio di sotto e' un tizio a buon prezzo! ;)

:mhh: ..che vuoi dire?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Adrix, avevo scritto ben altro, poi involontariamente ho cancellato qualcosa. Perdonami, non credevo fossi cosi' lesto da citare la mia risposta ehehe!

Adesso riscrivo il tutto, pardon !


...e meno male che i Bersaglieri sono entrati a Porta Pia!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Veronesi.... SI: quello che ha detto che le centrali nucleari sono auspicabili, tanto non fanno male all'uomo...

....la vita......... con quattro parole spazzi via la credibilità che ti sei fatto in 60 anni di professione :cold:

Veronesi non avrebbe mai detto che il nucleare e' auspicabile cosi' come avrebbe detto che e' necessario mangiar la carne se il macellaio di sotto casa glielo avesse chiesto!

E' un peccato che persone del genere si vendano per cosi' poco... attendiamo solo che qualche centrale a carbone gli faccia da sponsor e leggeremo qualche suo libro pro-carbone! ;)


...e meno male che i Bersaglieri sono entrati a Porta Pia!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Veronesi non avrebbe mai detto che il nucleare e' auspicabile cosi' come avrebbe detto che e' necessario mangiar la carne se il macellaio di sotto casa glielo avesse chiesto!

E' un peccato che persone del genere si vendano per cosi' poco... attendiamo solo che qualche centrale a carbone gli faccia da sponsor e leggeremo qualche suo libro pro-carbone! ;)

....mi sambrava che "la fochina" scrivesse una cosa simile :ghghgh::gira:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

....mi sambrava che "la fochina" scrivesse una cosa simile :ghghgh::gira:

:ghghgh:


...e meno male che i Bersaglieri sono entrati a Porta Pia!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per quanto mi riguarda, se leggete bene i miei messaggi, sono tristemente consapevole di queste cose, ma se diventassimo veg soprattutto per salvaguardare il diritto alla vita di questi animali la situazione non migliorerebbe. Per me è un sacrificio inutile.


 iMac Aluminum 20" 2.4 GHz, 4 GB RAM (2007) OS X Yosemite 10.10.5
Sei pianista o tastierista? VIENI QUI

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per quanto mi riguarda, se leggete bene i miei messaggi, sono tristemente consapevole di queste cose, ma se diventassimo veg soprattutto per salvaguardare il diritto alla vita di questi animali la situazione non migliorerebbe. Per me è un sacrificio inutile.

Quoto.

E aggiungo: non potete fare di casi particolari il caso generale. Se noi ammettessimo mai che la carne ci piace, voi replichereste che per un nostro ""vizio"" permettiamo un massacro. Mi guardo bene dal dire che mi piace e ti porto prove del contrario. Poi naturale che un oncologo sia nutrizionista. Come se un idraulico facesse l'elettricista (sembrerà strano, ma sono affini come concetto).

E poi voi che perpetuate? Devastazione di terreni ed ecatombe di insetti? O forse fate riferimento ad un tipo di agricoltura biologica? Non sono le stesse facce di una medaglia? Oppure gli insetti non essendo mammiferi, non avendo un cervello sviluppato, non soffrono e vene fregate? Da qualche parte ho fatto una domanda e nessuno ha risposto: se tornassimo alla caccia (per necessità) ed eliminassimo l'allevamento sareste d'accordo?

Ho anche chiesto: chi di voi ha realizzato una petizione/legge da proporre per imporre regole più rigide, controlli più accurati ed evitare queste sofferenze?

Un commento finale sui video. Io credo ai numeri. Se un tizio mi dice che è stato rapito da un alieno e mi porta pure delle foto non lo prenderei molto sul serio. Anche se è un dottore, se non mi da dati numerici da confrontare io continuo a fare le mie supposizioni. Quelle sono opinioni, non prove. Io non a caso parlo per se e ma.


«Solo se si è pronti a considerare possibile l'impossibile si è in grado di scoprire qualcosa di nuovo» Johann Wolfgang von Goethe

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Veronesi.... SI: quello che ha detto che le centrali nucleari sono auspicabili, tanto non fanno male all'uomo...

....la vita......... con quattro parole spazzi via la credibilità che ti sei fatto in 60 anni di professione :cold:

Veronesi ha detto che le centrali nucleari fanno MENO MALE di quelle a carbone e petrolio, unica vera alternativa al nucleare in questo momento. Se discutiamo pure sul fatto che uno dei più importanti medici al mondo dica bugie per favorire i macellai siamo al colmo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Veronesi ha detto che le centrali nucleari fanno MENO MALE di quelle a carbone e petrolio, unica vera alternativa al nucleare in questo momento. Se discutiamo pure sul fatto che uno dei più importanti medici al mondo dica bugie per favorire i macellai siamo al colmo...

adesso nn prendiamoci in giro mescolando le carte in tavola.... queste cose si possono dire davanti a gente disinformata, avrà pure detto che fanno MENO male, ma se lo dici durante un dibattito politico, prima di un referendum dove si discute la riattivazione di reattori nucleari in italia, capisci che non è un parlare a scopo informativo, ma politico.... a mio avviso ha perso tutta la sua credibilità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In verità credo che il vegetarianismo si spiega solamente nel voler far diminuire la sofferenza nel mondo, che nella nostra società fondata sul piacere e divertimento, credo sia normale. Nessuno vuol soffrire, anche il parto se si potesse si farebbe in maniera indolore, chi sacrifica la propria vita per un ideale è visto come perdente, la vita va goduta tutta....aleeee...più sciambola fai, più sei un "tipo giusto" :).

Forse esagero ma sicuramente il vegetarianismo è un voler limitare la sofferenza, se delle piante o degli animali conta poco....e nella nostra società credo sia "tipico"


Week end? Gita? Vacanza? Leggi la nostra esperienza: Go2Go.eu

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ho aperto il filmato che parla di mucche... appena ho sentito che si forzano le mucche a produrre CENTOVENTI LITRI AL GIORNO di latte, mi sono messo a ridere e ho chiuso li...

Ragazzi, ma credete a tutto quello che passa su Internet? centoventi litri??? ma quando mai?

E' scientificamente impossibile!

Ovvio che non bisogna trascendere e ognuno deve essere libero di nutrirsi come più gli aggrada, senza offendere chi la pensa diversamente, ma credere a certe "bombe" è come dire che gli asini volano...

  • Love 1

Chi beve solo acqua, ha un segreto da nascondere. (C. Baudelaire)

Meno internet, più cabernet!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ho aperto il filmato che parla di mucche... appena ho sentito che si forzano le mucche a produrre CENTOVENTI LITRI AL GIORNO di latte, mi sono messo a ridere e ho chiuso li...

Ragazzi, ma credete a tutto quello che passa su Internet? centoventi litri??? ma quando mai?

E' scientificamente impossibile!

Ovvio che non bisogna trascendere e ognuno deve essere libero di nutrirsi come più gli aggrada, senza offendere chi la pensa diversamente, ma credere a certe "bombe" è come dire che gli asini volano...

fonte: http://www.laleva.cc/ambiente/dossier_monsanto.html

All'inizio Monsanto fu una delle quattro aziende che volevano porre sul mercato un ormone sintetico dell'accrescimento bovino, prodotta da un batterio geneticamente manipolato per produrre proteine bovine. Un'altra impresa fu la Cyanamid, oggi proprietaria di American Home Products (si fonderà con Monsanto). Come descrive Jennifer Ferrara, lo sforzo di Monsanto, che durò 14 anni, per ottenere la approvazione della FDA alla commercializzazione del BGH ricombinante, era pieno di controversie, arrivando ad uno sforzo coordinato per sopprimere le informazioni sugli effetti dell'ormone..

Un veterinario FDA, Richard Burroughs, fu licenziato dopo avere accusato le imprese e l'agenzia di sopprimere e manipolare dati per occultare gli effetti dell' rBGH sulla salute delle vacche da latte.

Nel 1990, quando sembrava imminente l'approvazione del rBGH da parte dell' FDA, un patologo veterinario del laboratorio di analisi agraria dell'Università del Vermont, propose a due deputati dello stato vari dati prima soppressi, che descrivevano un aumento significativo dei tassi di infezione mammaria in vacche trattate con l'ormone di Monsanto, inoltre un'incidenza anormale nei difetti alla nascita consistenti in gravi deformazioni nei vitelli figli di vacche trattate con rBGH. Una revisione indipendente dei dati dell'Università realizzata da un gruppo regionale di difesa degli agricoltori, denunciò nuovi problemi di salute nelle vacche dovuti all'ormone, come lesioni agli zoccoli e alle zampe, difficoltà riproduttive e metaboliche, infezioni uterine. La GAO (US Congress's General Accounting Office), tentò di investigare sul caso, ma non poté ottenere i documenti necessari di Monsanto e dell'Università che permettevano di concludere l'inchiesta, in concreto rispetto agli effetti teratogeni ed embriotossici che si sospettavano. La GAO concluse che le vacche trattate con rBGH avevano tassi di infezione mammaria superiori di un terzo alle vacche non trattate e raccomandò di indagare ancora sul rischio di livelli elevati di antibiotici nel latte prodotto usando rBGH.

L'ormone Monsanto fu approvato dall'FDA per la vendita commerciale nel 1994. L'anno seguente, Mark Kastel dell'unione agricoltori del Wisconsin, rese pubblico uno studio uno studio delle esperienze degli agricoltori del Wisconsin con la droga. Le sue scoperte eccedettero dai 21 problemi potenziali di salute che Monsanto fu obbligata ad includere nell'etichetta di avvertenze del Polisca (nome commerciale del rBGH). Kastel trovò moti casi di morte spontanea, alta incidenza di infezioni mammarie, gravi difficoltà metaboliche e problemi nel parto e in alcuni casi impossibilità di muoversi. Molti agricoltori che usarono rBGH dovettero rimpiazzare alla svelta buona parte delle loro mandrie. Invece di rispondere alle domande degli agricoltori sull'rBGH, Monsanto iniziò l'offensiva, minacciando querele contro le piccole imprese produttrici di latte che annunciavano i suoi prodotti come liberi ad ormoni artificiali e partecipando ad una richiesta delle varie associazioni industriali contro la prima (e unica negli USA) legge che obbliga ad etichettare l'ormone rBGH.

Tutto ciò mentre aumentavano le prove degli effetti nocivi dell'rBGH sulla salute delle vacche e delle persone.

altra fonte: http://www.ilconsapevole.it/articolo.php?id=8557

ne trovi a centinaia in italiano per non parlare di quelle in inglese... oltre ai documentari, in un documentario da me visto (food inc.), dicevano che quadruplicavano la produzione del latte, magari non sono 120 litri, in ogni caso è uno schifo. animali ruminanti ulcerati perché nutriti senza rumine per farli ingrassare e produrre, è questa la realtà... ci stavano fior di professori universitari al livello di Veronesi ad incentivare il prodotto, nel documentario da me citato fanno vedere le pubblicità fatte dai veterinari e dottori.

io sarò anche un complottista, però quando sento che le aziende farmaceutiche finanziano le università, quando le multinazionali finanziano i ricercatori universitari, per me la faccenda puzza ed è ormai troppo radicata per farla comprendere...

PS

non bisogna a credere a tutto ciò che sta su internet, ma qui si parla di avvenimenti ben documentati, ci sono stati morti e sentenze, credere o non credere quindi non cambia la realtà dei fatti, l'unica domanda che c'è da porsi è se si vuole credere o far finta di niente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tutti fatti accaduti qui in Italia immagino :angioletto:

Se volgiamo poi parlare di case farmaceutiche, il discorso diverge incredibilmente visto che giocano non solo con la vita degli animali, ma anche con le nostre. Scommetto sarai contrario alla sperimentazione sugli animali. Chi è contrario a quello è contrario alla medicina. Ci vogliono certo norme etiche e dei limiti ben precisi, ma senza la prova diretta, la medicina non campa. O vogliamo tornare ai campi di concentramento dove oltre allo sterminio puro e semplice si facevano esperimenti poco ortodossi sulle persone? Siamo comunque OT.


«Solo se si è pronti a considerare possibile l'impossibile si è in grado di scoprire qualcosa di nuovo» Johann Wolfgang von Goethe

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il fatto che accadano negli stati uniti non è che cambi molto il succo del discorso, dato che si diceva "è impossibile", il prodotto da me citato è la prova che tanto impossibile non è, visto poi che arriva carne di importazione dagli usa o comunque sottoprodotti che verranno poi lavorati in italia.

in tutto il mondo (globalizzato) c'è il problema di troppa produzione latte e la monsanto cosa fa? ovvio, mette sul mercato un prodotto per quadruplicarlo.

il discorso sulle case farmaceutiche non lo hai afferrato.... il prodotto della monsanto per esempio, fu verificato dalle università sovvenzionate dalla monsanto, secondo te avevano più interessi a farlo passare o a bocciarlo? non bisogna essere complottasti per sentire la puzza, quanto meno un conflitto di interessi palese!

tu credi che le università italiane siano sostenute da benefattori anonimi? non ti sto parlando della facoltà di lettere, ma dove si investono soldi nelle ricerche, dove si investono soldi nell'informazione su questi prodotti, sono sovvenzionate da azienducole a conduzione familiare come la bayer (a proposito di campi di concentramento), la sanofi, davvero non ti suona un campanello d'allarme?? siamo arrivati al punto che chi deve essere controllato si autocontrolla e alla gente va bene così....

se pensi che siano cavolate guarda qui, se leggi bene, gli illustri professori citati, diranno che l'80% della ricerca universitaria in italia è finanziata dalle aziende farmaceutiche, tutto normale no?

http://www.bayer.it/ebbsc/cms/it/Responsabilitx_Sociale/msms/Contributi.html

mi hai parlato di etica.... l'etica è per gli individui, non vale per le corporazioni, per le multinazionali, come possono avere un'etica se sono governate da consigli di amministrazione di centinaia di persone, ma legalmente essere una unica persona giuridica? è un controsenso bello e buono, non può esistere una etica a questi livelli, l'unica vera etica di una corporazione, è il rendiconto ai soci investitori, ne più, ne meno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

continuate pure a scannarvi...

in un allevamento moderno e funzionale, ti assicuro che ad oggi, in ITALIA (ma penso in tutta la UE) le vacche da latte non devono temere di essere dopate con la Somatotropina Bovina.

Stessa discorso per il fatto che abbiamo già latte a sufficienza per lavarci i piedi, per cui non si importa latte dagli USA o dal Messico.

buon proseguimento.


Chi beve solo acqua, ha un segreto da nascondere. (C. Baudelaire)

Meno internet, più cabernet!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il fatto che accadano negli stati uniti non è che cambi molto il succo del discorso, dato che si diceva "è impossibile", il prodotto da me citato è la prova che tanto impossibile non è, visto poi che arriva carne di importazione dagli usa o comunque sottoprodotti che verranno poi lavorati in italia.

in tutto il mondo (globalizzato) c'è il problema di troppa produzione latte e la monsanto cosa fa? ovvio, mette sul mercato un prodotto per quadruplicarlo.

il discorso sulle case farmaceutiche non lo hai afferrato.... il prodotto della monsanto per esempio, fu verificato dalle università sovvenzionate dalla monsanto, secondo te avevano più interessi a farlo passare o a bocciarlo? non bisogna essere complottasti per sentire la puzza, quanto meno un conflitto di interessi palese!

tu credi che le università italiane siano sostenute da benefattori anonimi? non ti sto parlando della facoltà di lettere, ma dove si investono soldi nelle ricerche, dove si investono soldi nell'informazione su questi prodotti, sono sovvenzionate da azienducole a conduzione familiare come la bayer (a proposito di campi di concentramento), la sanofi, davvero non ti suona un campanello d'allarme?? siamo arrivati al punto che chi deve essere controllato si autocontrolla e alla gente va bene così....

se pensi che siano cavolate guarda qui, se leggi bene, gli illustri professori citati, diranno che l'80% della ricerca universitaria in italia è finanziata dalle aziende farmaceutiche, tutto normale no?

http://www.bayer.it/...Contributi.html

mi hai parlato di etica.... l'etica è per gli individui, non vale per le corporazioni, per le multinazionali, come possono avere un'etica se sono governate da consigli di amministrazione di centinaia di persone, ma legalmente essere una unica persona giuridica? è un controsenso bello e buono, non può esistere una etica a questi livelli, l'unica vera etica di una corporazione, è il rendiconto ai soci investitori, ne più, ne meno.

Non credo di aver mai detto la parola "impossibile". Dico solo che se uno che vive in Italia e compra prodotti italiani, non si "macchia" di nessun "crimine". Chi sostiene che io sono un assassino perché contribuisco ad un massacro è del tutto fuori strada. Così come io cerco di comprare carne di cui conosco la provenienza e spero (perché non sono mai andato di persona dall'allevatore) le bestie vengono trattate bene, penso che i veg cerchino di comprare prodotti biologici non derivanti da colture intensive, dove si impoveriscono e inaridiscono ettari di terreno, si usano pesticidi dannosi per l'ambiente e l'ecosistema. Così come un consumatore responsabile che ha bisogno di scarpe, se può non le compra da quelle multinazionali che sfruttano lavoro minorile. Se vogliamo fare i sofisti c'è meno necessità di scarpe che di carne. Perché allora non giriamo tutti scalzi? Chi produce calzature sono tutti vili sfruttatori. Se parliamo per assoluti vedi che si cade sempre in paradossi? Io questo non comprendo, questo assolutismo.

Sul fatto che le università siano sovvenzionate da case farmaceutiche io sono molto a favore, altrimenti chi le finanzierebbe? Lo Stato? Sarebbe sicuramente più corretto, ma non avrebbe mai i fondi per finanziarle tutte allo stesso modo e dando quello di cui davvero necessitano. Siamo realisti.

Le università poi sono autonome. Vero è che ci sono pressioni molto forti, non sono così illuso che tutto funzioni come dovrebbe. Vero è che per mantenere i lori finanziamenti a volte forzano la mano, ma credo che proprio per il conflitto di interessi che dici, le università finanziate dall'azienda promotrice di un prodotto non possa approvare il suddetto. Deve essere un'università estranea. A parte che io credo che prima di poter produrre qualcosa si debbano pubblicare gli studi, però non lo so come funziona di preciso quindi non mi vado ad incastrare in discorsi di cui sono poso informato. Ad ogni modo se questo non è così bisogna intervenire alla fonte. Non è possibile fermare tutto alla foce. Se voglio prosciugare un fiume non posso pretendere di scendere con un secchio e svuotarne il letto; sembra più logico andare alla fonte e deviarla, canalizzarla altrove, e se le fonti sono più d'una lo faccio con ognuna. Costerà molta fatica ma si può ambire ad un risultato, a differenza del primo caso che è senza speranza.

Infine l'etica esiste se viene imposta da uno Stato. Basta vedere i casini che capitano ancora oggi per l'aborto. Alla fine è lo Stato che lo ha permesso, ma se lo Stato non lo permettesse non si potrebbe praticare, legalmente. Parlo di norme etiche, non di etica personale. L'etica non è solo delle persone. La fonte primaria dovrebbe essere quella personale (sono d'accordissimo), ma se c'è chi quest'etica non la applica (perché non ce l'ha, povero lui) e se è un luogo comune, la impongo dall'alto. Naturalmente ci sono casi e casi. L'aborto per esempio: io sono favorevole, altri no. Però è una scelta personale, non mi si può imporre di fare qualcosa che non voglio. Qui si crea un contrasto tra due etiche: libero arbitrio e rispetto per la vita. Maltrattare qualcuno non ha nessun contrasto, è sbagliato punto e fine. (Non mettiamoci il libero arbitrio di voler maltrattare qualcuno perché è ridicolo :P Un conto è decidere di se stessi*, un conto della vita altrui, uomo o animale che sia. Se no dovremmo permettere gli omicidi...ecco un altro caso dove un estremismo porta ad una contraddizione!)

*Qui giungerà l'obiezione: ma tu tratti anche con la vita di un altro. Vi prego non discutiamo di questo perché non se ne esce. Al più apriamo un altro thread.


«Solo se si è pronti a considerare possibile l'impossibile si è in grado di scoprire qualcosa di nuovo» Johann Wolfgang von Goethe

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

continuate pure a scannarvi...

in un allevamento moderno e funzionale, ti assicuro che ad oggi, in ITALIA (ma penso in tutta la UE) le vacche da latte non devono temere di essere dopate con la Somatotropina Bovina.

Stessa discorso per il fatto che abbiamo già latte a sufficienza per lavarci i piedi, per cui non si importa latte dagli USA o dal Messico.

buon proseguimento.

già non usi più la parola "impossibile" e questa è una buona cosa, perché dicendola, o ammetti che ti sei sbagliato o ammetti che hai detto una cosa non veritiera.

ora leggi qui, direttamente da una rivista di veterinaria, http://www.ordiniveterinaripiemonte.it/rivista/02n08/03.htm

in special modo questa parte:

In Europa il divieto di commercializzazione pone per il momento spazio tra i consumatori ed il latte rBST ma come riferisce Ballarini “molti dei paesi nei quali il BST è stato autorizzato hanno una zootecnia avanzata, alla quale gran parte degli allevatori italiani fa riferimento ed un altrettanto numero elevato di paesi nei quali la rBST è disponibile sono vicini all ’Italia o con questa hanno stretti rapporti commerciali â€. Ciò significa che probabilmente in Italia si fa già uso del prodotto ed è quindi auspicabile che il sistema veterinario di sorveglianza sia in grado di individuare e riconoscere l ’uso illecito del farmaco.

poi se si vuole continuare a vivere con le favolate, prego.... accomodatevi... o credete che non esistono fior di veterinari e medici in italia, che prescrivono farmaci di questo tipo, prendendo fior di quattrini da aziende come la monsanto, per dichiarare che non esiste o che non è dannoso x la salute, accettiamo tutto senza porci domande, ma dove siamo finiti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

in special modo questa parte:

In Europa il divieto di commercializzazione pone per il momento spazio tra i consumatori ed il latte rBST ma come riferisce Ballarini “molti dei paesi nei quali il BST è stato autorizzato hanno una zootecnia avanzata, alla quale gran parte degli allevatori italiani fa riferimento ed un altrettanto numero elevato di paesi nei quali la rBST è disponibile sono vicini all ’Italia o con questa hanno stretti rapporti commerciali â€. Ciò significa che probabilmente in Italia si fa già uso del prodotto ed è quindi auspicabile che il sistema veterinario di sorveglianza sia in grado di individuare e riconoscere l ’uso illecito del farmaco.

poi se si vuole continuare a vivere con le favolate, prego.... accomodatevi... o credete che non esistono fior di veterinari e medici in italia, che prescrivono farmaci di questo tipo, prendendo fior di quattrini da aziende come la monsanto, per dichiarare che non esiste o che non è dannoso x la salute, accettiamo tutto senza porci domande, ma dove siamo finiti.

Si ma è illecito. Chi lo fa è un trasgressore. Non è la prassi.

Più che vietarlo non saprei che si possa fare...fucilare i trasgressori? Potrei anche essere d'accordo ma mi pare un po' eccessivo. Forse la pena è blanda ma la direzione è quella ed è già intrapresa, basta perpetuarla.


«Solo se si è pronti a considerare possibile l'impossibile si è in grado di scoprire qualcosa di nuovo» Johann Wolfgang von Goethe

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ah cavolo!!!! è un illecito!!!! questo fa di loro dei cattivoni vero? scusa l'ironia, ma una volta che bevo qualcosa di infetto e mi ammalo, sinceramente mi interessa ben poco se è stato commesso un illecito. il latte poi viene raccolto in grandi container e messo tutto insieme, quindi che lo faccia 1 o lo facciano in 10, poco cambia, anzi non cambia una emerita pipa.

l'articolo se è stato fatto, evidentemente non riguardava 1 o 2 allevatori, poi come dicevo sopra, se si vuole continuare a credere alle favolette si può continuare a farlo, qui non si fa altro che negare l'evidenza su fatti incontrovertibili.

stanno giocando con la tua di pelle, ed è assurdo che la gente non si incazzi ed accetti tutto ad occhi chiusi, tanto se una cosa viene pubblicizzata, male non farà vero? e se farà male tranquilli, perché sarà stato commesso un illecito! mio dio... e non sono per nulla credente, ma credo sia più plausibile l'esistenza dell'omino invisibile che in 7 giorni ha creato la terra, che alla buona fede dei consigli di amministrazione di aziende come la nestlè (a proposito di latte che non viene importato eh? ci nutrono i neonati santa polenta!!!!)

tranquilli va tutto bene, consumate, guardate la tv e non ponetevi domande, fate che siano altri a porsele per conto vostro dandovi poi le risposte

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quoto.

E aggiungo: non potete fare di casi particolari il caso generale. Se noi ammettessimo mai che la carne ci piace, voi replichereste che per un nostro ""vizio"" permettiamo un massacro. Mi guardo bene dal dire che mi piace e ti porto prove del contrario. Poi naturale che un oncologo sia nutrizionista. Come se un idraulico facesse l'elettricista (sembrerà strano, ma sono affini come concetto).

E poi voi che perpetuate? Devastazione di terreni ed ecatombe di insetti? O forse fate riferimento ad un tipo di agricoltura biologica? Non sono le stesse facce di una medaglia? Oppure gli insetti non essendo mammiferi, non avendo un cervello sviluppato, non soffrono e vene fregate? Da qualche parte ho fatto una domanda e nessuno ha risposto: se tornassimo alla caccia (per necessità) ed eliminassimo l'allevamento sareste d'accordo?

Ho anche chiesto: chi di voi ha realizzato una petizione/legge da proporre per imporre regole più rigide, controlli più accurati ed evitare queste sofferenze?

Un commento finale sui video. Io credo ai numeri. Se un tizio mi dice che è stato rapito da un alieno e mi porta pure delle foto non lo prenderei molto sul serio. Anche se è un dottore, se non mi da dati numerici da confrontare io continuo a fare le mie supposizioni. Quelle sono opinioni, non prove. Io non a caso parlo per se e ma.

un oncologo magari non si intenderà di nutrizione, però conosce bene la relazione tra consumo di carne e cancro :gira:

come già ho detto altrove, una vita è una vita, ma non si possono negare le differenze tra specie, e che una mucca soffra più di un moscerino mi pare evidente. di qualche cosa dovremo anche campare. non sono contraria al consumo di carne, tornerei volentieri alla "caccia", in quanto sistema più indolore, naturale, meno dannoso per tutti. ovviamente ad oggi è un'utopia perché c'è un'industria alimentare intera che si regge sull'allevamento intensivo..

le petizioni per chiedere controlli, riduzione delle ore di trasporto, migliore trattamento ne esistono a bizzeffe, non è che se ne parli solo e poi nessuno faccia niente(vedi sito Lav).

certe leggi esistono pure, poi è questione di farle rispettare, come sempre.


MacBook Pro 13" 2017
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ah cavolo!!!! è un illecito!!!! questo fa di loro dei cattivoni vero? scusa l'ironia, ma una volta che bevo qualcosa di infetto e mi ammalo, sinceramente mi interessa ben poco se è stato commesso un illecito. il latte poi viene raccolto in grandi container e messo tutto insieme, quindi che lo faccia 1 o lo facciano in 10, poco cambia, anzi non cambia una emerita pipa.

l'articolo se è stato fatto, evidentemente non riguardava 1 o 2 allevatori, poi come dicevo sopra, se si vuole continuare a credere alle favolette si può continuare a farlo, qui non si fa altro che negare l'evidenza su fatti incontrovertibili.

stanno giocando con la tua di pelle, ed è assurdo che la gente non si incazzi ed accetti tutto ad occhi chiusi, tanto se una cosa viene pubblicizzata, male non farà vero? e se farà male tranquilli, perché sarà stato commesso un illecito! mio dio... e non sono per nulla credente, ma credo sia più plausibile l'esistenza dell'omino invisibile che in 7 giorni ha creato la terra, che alla buona fede dei consigli di amministrazione di aziende come la nestlè (a proposito di latte che non viene importato eh? ci nutrono i neonati santa polenta!!!!)

tranquilli va tutto bene, consumate, guardate la tv e non ponetevi domande, fate che siano altri a porsele per conto vostro dandovi poi le risposte

Infatti siamo tutti morti per assunzione di latte! Non dico non sia vero ma la state facendo grossa come l'intera galassia!

L'ironia serve a poco. Se è illecito li fanno chiudere. Fuori uno. E via tanti altri, perché poi funziona così: scoperto uno ne saltano fuori tanti altri. Non bevi nulla di infetto tranquillo. I controlli si fanno e si fanno a campione quindi non sai mai a chi capita. E una determinata casa non mischia il suo latte con un'altra! Se compro Granarolo il latte viene prodotto SOLO negli stabilimenti che indicano. Mai sentito parlare di tracciabilità?

State andando tutti per assolutismi! Non si va da nessuna parte! Sono tutti criminali. Giocano tutti con la vita altrui. Tutto il latte è "infetto". Tutta la carne deriva da allevamenti intensivi. Tutto, tutto, tutto... ma così come mi dite di credere alle favole, voi vedete davvero il complotto. Faccio presente che non l'ho mai detto, ve lo siete detto da soli...

Non tutto è uno schifo!


«Solo se si è pronti a considerare possibile l'impossibile si è in grado di scoprire qualcosa di nuovo» Johann Wolfgang von Goethe

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Infatti siamo tutti morti per assunzione di latte! Non dico non sia vero ma la state facendo grossa come l'intera galassia!

L'ironia serve a poco. Se è illecito li fanno chiudere. Fuori uno. E via tanti altri, perché poi funziona così: scoperto uno ne saltano fuori tanti altri. Non bevi nulla di infetto tranquillo. I controlli si fanno e si fanno a campione quindi non sai mai a chi capita. E una determinata casa non mischia il suo latte con un'altra! Se compro Granarolo il latte viene prodotto SOLO negli stabilimenti che indicano. Mai sentito parlare di tracciabilità?

State andando tutti per assolutismi! Non si va da nessuna parte! Sono tutti criminali. Giocano tutti con la vita altrui. Tutto il latte è "infetto". Tutta la carne deriva da allevamenti intensivi. Tutto, tutto, tutto... ma così come mi dite di credere alle favole, voi vedete davvero il complotto. Faccio presente che non l'ho mai detto, ve lo siete detto da soli...

Non tutto è uno schifo!

veramente il latte usato dalla granarolo viene in parte anche da altri paesi..poi non dico che uccida, io lo bevo sempre :gira: <---e fu così che je89 ci rimase..


MacBook Pro 13" 2017
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

veramente il latte usato dalla granarolo viene in parte anche da altri paesi..poi non dico che uccida, io lo bevo sempre :gira: <---e fu così che je89 ci rimase..

Lo bevo anche io e non per ora sono vivo :P Dico però che sulla confezione c'è scritto dove viene prodotto. L'origine è rintracciabile e hanno un sistema di controllo certificato. Quindi o hanno pagato per farselo approvare o cavolo il controllo c'è stato. In Piemonte per esempio compriamo latte di una piccola azienda locale ed il latte è buonissimo.

Comprendo che esistano realtà tutt'altro che piacevoli, ma bisogna anche ammettere che esistono casi virtuosi. Rinunciare in toto per me è stupido. Tra tutti ci sarà qualcuno che fa le cose come si deve. Bisogna prestare attenzione. Da questa immensa discussione ho imparato molto e presterò più attenzione, ma non mi si potrà mai convincere di rinunciare ad un certo di alimentazione, per di più se non posso seguirla :fiorellino:

Chiedo scusa se ogni tanto mi scaldo, ma gli assolutismi mi irritano tanto :oops:


«Solo se si è pronti a considerare possibile l'impossibile si è in grado di scoprire qualcosa di nuovo» Johann Wolfgang von Goethe

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

già non usi più la parola "impossibile" e questa è una buona cosa, perché dicendola, o ammetti che ti sei sbagliato o ammetti che hai detto una cosa non veritiera.

ora leggi qui, direttamente da una rivista di veterinaria, http://www.ordiniveterinaripiemonte.it/rivista/02n08/03.htm

in special modo questa parte:

In Europa il divieto di commercializzazione pone per il momento spazio tra i consumatori ed il latte rBST ma come riferisce Ballarini “molti dei paesi nei quali il BST è stato autorizzato hanno una zootecnia avanzata, alla quale gran parte degli allevatori italiani fa riferimento ed un altrettanto numero elevato di paesi nei quali la rBST è disponibile sono vicini all ’Italia o con questa hanno stretti rapporti commerciali â€. Ciò significa che probabilmente in Italia si fa già uso del prodotto ed è quindi auspicabile che il sistema veterinario di sorveglianza sia in grado di individuare e riconoscere l ’uso illecito del farmaco.

poi se si vuole continuare a vivere con le favolate, prego.... accomodatevi... o credete che non esistono fior di veterinari e medici in italia, che prescrivono farmaci di questo tipo, prendendo fior di quattrini da aziende come la monsanto, per dichiarare che non esiste o che non è dannoso x la salute, accettiamo tutto senza porci domande, ma dove siamo finiti.

anche in tutto l'articolo da te linkato, non si parla di raddoppiare o quadruplicare la produzione di latte, ma di un timido +10/12%... per arrivare a 120 litri al giorno ste povere bestie dovrebbero stare su dei cavalletti co la mungitrice attaccata 24/7... lasciamo perdere, chiunque con un po' di buon senso, che tenga alla salute dei propri animali non può usare quella robaccia, tutt'al più illegale.

Io per lavoro produco Frutta.

Ci sono molti modi di produrre.

Senza arivare agli eccessi di alcuni produttori miei colleghi, ho aderito giocoforza a dei programmi di produzione controllata, che contemplano solo e soltanto determinati mezzi di difesa, e dove non posso arrivare alla raccolta con più di 4 Principi Attivi come residui ammessi, sottoscrivendo pure che tali residui devono essere il 30/40% più bassi del limite di legge.

Tutto questo per soddisfare le richieste di prodotto sano e non contaminato che le catene distributive ci fanno per dare a loro clienti una certa tutela di salubrità del prodotto "ortofrutta".

Accanto a me vi è una azienda che non adotta minimamente tali accorgimenti, ti posso garantire che le pesche dell'appezzamento adiacente a questa azienda non sono assolutamente confluite nel prodotto "4 residui" ma sono andate commercializzate per i canali di vendita "convenzionali" e non avranno certamente la tutela di un marchio.

Io devo rispettare dei disciplinari che mi impongono di usare solo certe molecole per difendere le mie colture, con i moderni mezzi di indagine, se qualcuno usasse ancora prodotti oramai illegali, sarebbe sgamato all'istante (le regole della tracciabilità sono molto ferree, con grave pregiudizio per la struttura che si azzardasse a commercializzare prodotto contaminato da agrofarmaci illegali o non più autorizzati.

Il rischio maggiore lo so corre in questo caso proprio acquistando dai "bagarini" che senza uno straccio di garanzia vendono o svendono prodotto di dubbia provenienza (e a volte di dubbia qualità mi viene da aggiungere).

Le regole ci sono, sull'agroalimentare non si scherza: i furbini hanno le gambine corte e non vanno lontano.

PS: il latte lo prendo da un produttore a poche centinai di metri da casa, che ha due mucche che munge a mano mattina e sera: le alimenta con cereali e fieno e non sa nemmeno dove sta di casa la somatotropina bovina sintetica ;)


Chi beve solo acqua, ha un segreto da nascondere. (C. Baudelaire)

Meno internet, più cabernet!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

un oncologo magari non si intenderà di nutrizione, però conosce bene la relazione tra consumo di carne e cancro :gira:

Scusa eh, ma ... mi ha colpito questa frase.

Potresti spiegarmela?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusa eh, ma ... mi ha colpito questa frase.

Potresti spiegarmela?

dagli il tempo.... ora te la spiega :DD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

No, perchè ... da come è scritta sembrerebbe che il consumo di carne porti al cancro.

:libro: ..io leveri il sembrerebbe... anche se questo brutto male viene, ovviamente, anche a chi decide di non uccidere animali.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rispondi e partecipa alla discusione

Puoi rispondere subito e iscriverti successivamente. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo