Vai al contenuto


MarcoMilli

Addio Apple Pro

Recommended Posts

io penso una cosa..

la Apple prima faceva software professionali, e adesso sta abbandonando lentamente quel campo, giusto?

beh ma non è che sta abbandonando gli utenti PRO, secondo voi è meglio fare software proprietario, e cercare di battere la concorrenza in quel campo? o cercare di far aumentare notevolmente l'utenza in modo tale che altre case sono interessate a sviluppare software professionale per MAC invece che solo per Win?

un utente professionale, non solo in ambito creativo (come lo intendete voi) , necessità oltre che del SW serio professionale, anche di un sistema serio che non si blocchi, vada veloce, niente virus e tutto il resto (penso che sapete i pregi e i difetti :fiorellino: ).

quindi io uso computer Mac, anche se si avvicinerà a iOS con Lion, perché mi ci trovo bene nell'utilizzo normale, e anche professionale..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


Oh, ma 'sta boiata la Apple ve l'ha venduta per bene, ne? :D

a meno che non lavorino "in silenzio" non sembrerebbero esserci a parte pochi casi...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Oh, ma 'sta boiata la Apple ve l'ha venduta per bene, ne? :D

beh ci sono dei Trojan o cose del genere.. ma Virus cazzuti come per windows no..

per esempio worms e cose varie.. ad un mio amico mentre lavoravamo, gli si sono iniziate ad aprire all'infinito (fino alla fine della RAM) finestre di un programma -> virus..

queste cavolate, non capitano su sistemi Unix..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

beh ci sono dei Trojan o cose del genere.. ma Virus cazzuti come per windows no..

per esempio worms e cose varie.. ad un mio amico mentre lavoravamo, gli si sono iniziate ad aprire all'infinito (fino alla fine della RAM) finestre di un programma -> virus..

queste cavolate, non capitano su sistemi Unix..

Non capitano perché sono ancora poco diffusi. Voi dite che Apple si rivolge a un'utenza sempre più consumer, le vendite aumentano. Tempo fa non c'erano nemmeno i "pochi casi", adesso ci sono pochi casi, domani... chissà? :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

beh ma è un sistema più chiuso.. e meno vulnerabile..

con tutto gli hacker che ci sono secondo voi, non c'è un 10% che non ha provato a fare qualche virus per mac?

certo la possibilità c'è sempre che qualcuno ci riesca.. ma almeno meno vulnerabile.. e per adesso niente virus..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

beh ma è un sistema più chiuso.. e meno vulnerabile..

con tutto gli hacker che ci sono secondo voi, non c'è un 10% che non ha provato a fare qualche virus per mac?

certo la possibilità c'è sempre che qualcuno ci riesca.. ma almeno meno vulnerabile.. e per adesso niente virus..

un virus per mac non pensare si stia tanto a farlo eh :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
...Quindi cosa sta accadendo ad Apple? E’ semplice, ha cambiato il target dei suoi clienti e crescendo lascia indietro i progetti che ormai sono solo un peso.

quoto e in parte avevo espresso considerazioni simili: http://www.italiamac.it/forum/topic/443570-apple-ma-che-ti-succede/page__st__30

COMPLIMENTI per la sintesi ed analisi!

Però una riflessione o meglio una domanda: tu vedi l'abbandono del settore pro (io forse no)... Chi/cosa ne prenderà il posto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Usare i software Avid e Adobe e passa la paura... capisco che è un po' un casino cambiare tutto, però se Apple ha fatto un passo falso e sentite la necessità di abbandonare i software Apple la strada è questa.

Io utilizzo Pro Tools, se la Apple farà una cavolata con Logic Studio X non mi passerà nemmeno per l'anticamera del cervello...

Il problema se ho ben capito non sono tanto i mac, anche come sistema operativo, sono gli applicativi, se li stanno rendendo consumer cambiate applicativi. Capisco che dopo 10 anni di lavoro con un software è dura, bisogna seguire dei corsi per il nuovo software, ecc... però mi sembra l'unica strada.

Non è che Apple facesse 20mila software considerati pro, 2 erano uno audio e uno video tutto qui.. se 2 software diventano consumer non finisce il mondo, ci sono altre case, vedi Avid, vedi Adobe, che fanno software di livello anche superiore nello stesso campo...

Io tutta questa tragedia non la vedo, basta lavorare con il vecchio final cut finche si può e frattanto vedere un po di passare ad Avid ad esempio.

Ma io la vedo da utente apple che non usa software apple ma avid, se avid iniziasse a fare un pro tools da bimbiminchia mi girerebbero, ma poi guarderei cosa mi offre il mercato come possibilità e cambierei, il software, non il mac, perchè le caratteristiche che mi offre un mac, di stabilità e sistema operativo non me le offrono altri.

E comunque come aveva detto qualcuno, chi non usa software apple di questo tutto casino, nemmeno se n'è accorto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si ragazzi ma voi ragionate da utenti privati, cambiare piattaforma per un'azienda non è mica così semplice...

Soprattutto molti che non hanno nessuna avversione per Windows, dovendo usare programmi che non sono esclusiva di Apple, potrebbero ben decidere di abbandonare questo mondo del tutto.

Io compro Apple per Final Cut Pro. Mai avuto problemi con Windows. E se devo usare Avid, compro workstation più performanti ed economiche su piattaforme non Apple.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io compro Apple per Final Cut Pro. Mai avuto problemi con Windows. E se devo usare Avid, compro workstation più performanti ed economiche su piattaforme non Apple.

Non vedo dove sta la tragedia insomma. Cioè capire io tutto questo casino internazionale non ce l'ho vedo, semplicemente perchè se una cosa non è più buona non si compra più e se ne compra un'altra. Non è che c'è l'obbligo di comprare Final Cut Pro, e con i super sconti che sta facendo Avid, sentivo parlare di oltre il 60% non c'è nemmeno poi l'enorme problema di fare il cambio.

Dovevate spendere 700 euro per il nuovo Final Cut X ma fatto in modo decente? Spendeteli per il sistema Avid, se tutti gli insoddisfatti cambiassero non vedo dove sarebbe il problema visto che userebbero tutti un'altra cosa.

Il problema è che gli utenti sono Utonti! Vogliono che l'azienda faccia come dicono loro, ma l'azienda fa come dice lei, e degli utenti con le palle se questa azienda non è più all'altezza la lasciano perdere e vanno altrove.

Un'azienda che aspettava per comprare 20 licenze del nuovo software apple, si compra 20 licenze del nuovo software Avid con il 60% di sconto, ma dove sta questa tragedia.

L'uni problema di tutte questo è che ci sta gente che ci ha messo una vita per imparare ad usare un software e che non ha la minima intenzione di impararne ad usare un altro. E' ma il mondo mica può girare appresso a loro.

Uno che si lamenta perchè una cosa non gli va più bene cambia! Uno che si lamenta e basta non lo considero proprio... anche perchè le alternative ci sono e sono buone.

Quindi se una cosa non ti sta bene, ti lamenti e te e ne vai altrove, e se non fai così vuol dire che ti sta bene, e quindi ti stai zitto e non rompi l'anima al prossimo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

INIZIO OT

Faccio un esempio banale che non c'entra ma per dare l'idea.

Apple caccia Iphone 4 lo pubblicizza come il telefono con la migliore ricezione ecc. mi sono salvato i manifesti :ghghgh:

Succede lo scandalo antenna, tutti a dire guarda che il vostro telefono non funziona, perde la linea ecc.. Apple a dire no che non è vero, che qui, che li, che pure gli altri lo fanno ecc..

Io, che ho avuto sia il 3G, sia il 3GS compro l'Iphone 4, mi inizia a cadere la linea dove prima non mi cadeva, lo prendo in mano per fare una chiamata e non prende, ecc (l'unico modo per risolvere è metterci quell'affare di plastica attorno, ed effettivamente con quello diventa usabile

Io prendo e visto che Apple non soddisfa più le mie esigenze perchè io telefono lo devo usare e non lo devo tenerlo su una scrivania a come un imbecille a dirmi quando è bello, prendo e lo vendo. Lo vendo perchè Apple non soddisfa più le mie esigenze. Ho fatto una tragedia? No.

Il prodotto non era più consono alle mie esigenze e quindi non ero più interessato.

FINE OT

..

..

Se Final Cup non è più adatto alle vostre esigente invece di comprarlo ne comprare un'altro, tutto qui.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Innanzitutto complimenti per l'eloquenza, di seguito qualche mia opinione..L'utente pro non è sempre quello che usa i programmi per la grafica o per la musica.Un utente pro è anche quello che utilizza tutto il giorno il mac spremendolo al massimo, che ha bisogno di poter fare tutto con estrema facilità e semplicità e che possa "smanettare" a livello di terminale e codice quando serve. Questo si poteva fare con Leopard, si può fare con Snow Leopard e si potrà fare con Lion.Finché sarà garantito questo per me apple è la migliore scelta, come penso lo sia per molti altri, e la direzione che sta prendendo (integrazione con dispositivi mobile/cloud) la vedo solo un ulteriore punto a favore per il presente ma soprattutto per il futuro..

Grazie Junior, il tuo discorso non fa una piega e non ho nulla in contrario...io parlavo di applicazioni Pro di casa Apple, nello specifico delle suite FCP e Logic Studio.

Ciao Marco!ho letto con interesse il tuo post. Beh, che dire....complimenti innanzitutto per la cura dei dettagli e per il tempo che hai dedicato al forum per esporre le tue opinioni. Io purtroppo, da nuovo utente consumer di casa Apple, non posso fare molte considerazioni.Ho lavorato in una azienda della mia zona che faceva assistenza di prodotti Apple circa una decina d'anni fa ma poi, una volta licenziato da quell'azienda, ho sempre lavorato su piattaforme Microsoft. Ora, avendo modo di usare un S.O. Apple, beh...che dire.... sicuramente più user frendly rispetto a dieci anni fa, ma sicuramente, come dico sempre, la qualità viene soppiantata dalla quantità di vendite.....Credo che il nostro caro Steve abbia fatto opportune valutazioni su quale direzione far prendere all'Azienda, a quali prodotti apportare maggior dispendio di risorse, per avere poi, a fine anno, un fatturato maggiore. E qui la cosa è orientata verso il mercato consumer più che produttivo. Non so se mi sono spiegato...

Grazie drumex, non credo che le scelte di Apple e di Steve Jobs siano completamente dipendenti dal fatturato. L'ottica di essere rivoluzionari e rendere il mondo dei computer adatto a tutte le persone che ha sempre distinto Apple dal resto del mercato continua. Gli iCosi, come li chiamo io, oltre ad essere un successo senza precedenti hanno veramente portato internet e musica in tasca di chiunque e a prezzi tutto sommato non esagerati. Basti pensare che fino a qualche anno fa se con il vecchio nokia schiacciavo il tasto sbagliato mi salassavano per l'accesso all'inutile wap. Ora ce la caviamo con poco, fra contratti con traffico compreso e opzioni da 8 euro al mese per i ricaricabili, possiamo serenamente fare di tutto anche senza computer. Certamente la Apple sta mirando al mondo consumer ora più che mai ma credo che sia sempre stata l'intenzione di Steve Jobs e di chi ha guidato Apple durante la sua assenza...il fatto è che a differenza di prima ora ci riescono!

Nulla in contrario su questa ottica, peccato però che si è scelto di smantellare i due team di sviluppo che funzionavano bene per lo sviluppo di applicazioni Pro, anche se applaudo a Garage Band e iMovie avrei preferito una diversificazione non solo nei nomi ma anche nel modo di affrontarne lo sviluppo, cioè senza togliere risorse umane a Logic e FCP.

Purtroppo il riferimento alla mia obiettività era puro sarcasmo da parte di dr. Dovresti leggerti questa discussione per capire, ma non ne vale la pena.Sono anche io un professionista che usa Mac, ma non i programmi professionali della mela (salvo QT) anche se uso ed ho pienamente utilizzato quasi tutto il suo software.Lo sono da molto prima di te ed a livello personale ed economico tra il '90 ed il '91 ho cominciato investendo per macchine e programmi oltre 30 milioni di lire (oltre la metà ad Apple). Quindi per pura anzianità avrei alcune lamentele in più con cui rincarare le tue. Ad esempio mi par di capire che tu del passaggio da Motorola a PPC (senza alcuna compatibilità dei software) non hai patito.Ma è patire cambiar Mac nei ritmi dell'evoluzione delle tecnologie?Per il mio impiego no. Indicativamente si possono far durare sia desktop che laptop circa 4 anni, sfalsati di due, quindi per le mie esperienze è stato molto poco lo stress lato hardware. Non le spesa, ma queste vanno messe correttamente nei bilanci e nel lasso di tempo che inquadri tu la piattaforma Wind non credo che sarebbe stata più economica. Per quanto riguarda me "sicuramente" nell'arco della mia esperienza avrei avuto il fegato maciullato.Lato software lo stress consiste nel pagare per aggiornamenti ogni anno il 10% del costo della licenza nuova. Quando questo raggiunse per ognuna oltre il milione e mezzo annuo ti assicuro che la tentazione di ricorrere alla pirateria si fece forte. Ovviamente Apple non c'entra nulla con ciò, i suoi programmi come costi sono sempre stati equilibrati. Il tuo poi s'è persino liberato del dongle che invece affligge ed affliggerà ancora me.Venendo quindi alla tua lettera d'addio, un tantino esagerata nella forma ... che è sostanza, l'ho trovata un compendio di quel che da anni si legge negli articoli di quei giornalisti che "prima" non parlavano di Apple ed "ora", con quel passato silente, sembrano sempre come "doverlo fare" controvoglia. In particolare mi sono abituato ad informarmi dalle pubblicazioni in inglese e, per i problemi, a frequentare quella che oggi è la Community sul sito Apple. Mi perdonerai se trovo alquanto provinciale (italico) il ricorrere ad amicizie per comunicare problematiche agli sviluppatori. Ogni App Apple dispone di un comando diretto per inviare feed back, ed appunto le discussioni sul sito di Cupertino sono il luogo deputato per trattare problemi, scambiarsi soluzioni e quindi evidenziare disfunzioni.Mi spiace se Logic Pro soffre di uno sviluppo lento e non soddisfacente per le tue esigenze. Da questo a generalizzare ce ne passa. Da questo a considerare fra gli Utenti Pro (che hanno tenuto a galla Apple negli anni bui: '92-'98 secondo me) solo quelli che utilizzano software professionale Apple ... ce ne passa ancora di più.Ad esempio la diatriba che s'è scatenata su FCPX (in 18 giorni fino ad ora !!!) ha portato in evidenza il conservatorismo insito in ogni professione. Poco importa se non ci si prende il tempo d'imparare il modo nuovo e diverso di eseguire una procedura, prima si urla alla mancanza, alla soppressione, al furto .... Non sarebbe il caso di dilungarsi in questa discussione, ma le problematiche di FCPX, la cui soluzione in buona parte è già in dirittura d'arrivo, si condensano in queste poche note (non recentissime) che riassumo/incollo:

FCP-X non è più basato su QuickTime (architettura che compie giusto vent'anni) ma su nuove API,
Probabile che la presenza di pochi codec derivi da questo.
Detto questo FCP-X non è un enorme flop; almeno dal punto di vista tecnico e mi auguro anche da quello commerciale.
Ha tutto quello che serve per l'editing a livello corporate e dista da quello professionale quattro cose, tre delle quali surrogabili: la mancanza di un preview broadcast attendibile, problema in parte aggirabile con monitor multi spazio tipo l'HP DreamColor LP2480zx; nessun I/O XML, funzione che è già fornita da terze parti come Automatic Duck; niente multicamera, anche se c'è un rimedio e di output su nastro nemmeno l'ombra.

In sostanza Apple ha sì decretato la fine del supporto per il nastro (spazio a terze parti) ma per il resto nell'attuare un'autentica rivoluzione è un po' in ritardo su cose che "inequivocabilmente" avrebbe dovuto e dovrà sviluppare. Comunque la vecchia versione funzione e coprirà la transizione bene almeno come fino a 20 giorni fa!Non so come concludere se non che ricordando che Apple principalmente costruisce computer e sviluppa i loro sistemi operativi. Molto bene direi.Fra non più di un paio d'anni potremmo ritrovarci qui e verificare se le scelte, il tuo lasciare ed il mio restare, saranno state oculate od azzardi ed in questo caso se fortunati o meno.Ciao e buon lavoro.

Tanto per chiarire, io non ho mai scritto che avrei abbandonato Apple ma solo che a malincuore sono costretto ad imparare e acquistare un software nuovo perchè con Logic non riesco a fare tutto e soprattutto a farlo senza intoppi.

Detto questo, non siamo in competizione sul tempo di appartenenza al mondo Mac ne tantomeno sulle opinioni, è uno scambio di pareri tutt'altro che personali.

A riguardo dei feedback delle applicazioni Apple devo però controbattere informandoti che per un lunghissimo periodo la pagina Feedback di Logic era non funzionante al punto che il browser dava errore al momento dell'invio. Durante il periodo di normale funzionamento ho spedito un numero sconsiderato di feedback con una cura maniacale che potesse aiutare gli sviluppatori nel comprendere i vari bug. E' stato un po umiliante non ricevere nemmeno una mail di risposta. Con la emagic. software house originale di Logic, ho parlato spesso sia via email che per telefono e molti dei problemi sollevati sono stati risolti. Ora il supporto telefonico di Logic neanche esiste.

L'amico che ho contattato e a cui mi sono rivolto per mandare la lista dei problemi di Logic è stato un gesto per cercare di migliorare un loro software a cui tenevo particolarmente (per ovvie ragioni!), non ho chiesto un iPhone in regalo... non ci trovo nulla di male ne di provinciale "italico" in questo, sbaglio?

Per concludere come non parlare di FCP X! Non raccontiamoci novelle, per quanto rivoluzionario non è lontanamente sufficiente a quei utenti che lavoravano con FCP 7. Per molti di loro acquistare FCP X è stato come comprare una macchina digitale reflex e aprire la scatola e trovarci una compatta della sony. Per tutti quelli che sono stati felici del nuovo software probabilmente FCP 7 era un software un tantino esagerato. In pratica, se io devo fare una post produzione audio di un video aziendale (per esempio) e il montatore non può esportarmelo nel formato standard di scambio, il lavoro rallenta e a volte diventa impossibile al punto che FCP X non è utilizzabile negli studi della sua società video. Purtroppo questo già mi è successo.

Comunque io lascio, tu resta, ne riparleremo quando esce FCP X 2. Intanto io cerco di lavorare. Poi magari ritorno.

io di logic cmq non mi sono mai lamentato..... anzi ne sono contentissimo :cold::ghghgh: Mi spiace per fcp x pro per il fatto che non sia compatibile con la mia scheda video ati h 2600,ma da buon professionista :cold::ghghgh: posso anche continuare con imovie 11 tanto il miglior film è sempre quello che hai girato per ultimo. Per la grafica mi affido a Pixelmator ( franco di vozzole e cappellette) :ghghgh::shock: e con questo......... ho detto tutto :DD ( citazione dal film Totò,Peppino e la Malafemmina)

Se usi Logic per creare musica e arrangiare non ce n'è per nessuno!

Credo che il termine PRO si possa benissimo eliminare sia da hardware che software apple,i PRO sono gl utenti che utilizzano il software in maniera PRO.

I software o hardware Pro sono sviluppati per gli utenti che li utilizzano in maniera pro. Per ora sarebbe il caso di eliminare la dicitura Pro da FCP X e Logic Pro. Questo non vuol dire che sono software da buttare! Ma semplicemente chiamiamo le cose con il loro nome.

Campo medico(ricerca) o bioingegneristico i Mac sono molto apprezzati ed utilizzati a livello pro. Questo te lo posso dire sulla mia personale se pur minima esperienza.

Vero, ma parliamo di un altra cosa!

Ah ecco quale discussione era quella a cui volevo rispondere. Ma è pieno di discussioni semi-uguali? :confused: Vabbè: -V:Io non sono d'accordo proprio su nulla :ghghgh: Il mondo si sta espandendo, 15-20 anni fa Apple produceva computer e software PRO (per professionisti) perchè il divario tra chi usava professionalmente il PC e chi lo usava per cazzeggiare era enorme. Ora il mondo PRO è troppo elevato per Apple e ci sono altri produttori, tanto più che come ricordi, tra iPod e iPhone si è inserita in un mercato consumer hi-end… Quindi per Apple o si toglieva da questo mercato producendo solo robe costosissime e professionali oppure portava la sua esperienza nel mondo PRO anche ad utenti medio-alti. E cosi sta facendo: sta trasportando le potenzialità software e hardware riservate al mondo dei PRO fino a pochi anni fa, alle medie utenze. Basta pensare che un iMac è veloce quasi quanto un Mac Pro ormai… o che il nuovo OS X Server (su Lion) sarà integrato in OS X "normale". Tutte semplificazioni per il target di utenti medio-alti ma non professionali (che comunque userebbero altro perchè Apple è anni che non li segue più come una volta)E poi non è Apple che lo sta facendo, è il mondo che si sta evolvendo e per un'azienda devi fare le tue scelte, fatte 5-6 anni fa con il passaggio ad Intel secondo me, queste sono le conseguenze di precedenti operazioni.Potrebbe anche essere che fra qualche annetto Apple ritorni nell'ambito professional (vedi i nuovi Mac Pro che dai rumors avranno design da rack, proprio per differenziarsi nell'utilizzo dagli iMac, che ormai come potenze li hanno quasi raggiunti gli attuali Mac Pro), però scordati di avere i prezzi Apple normali, saranno prezzi di fascia altissima come i prodotti che offriranno. A me interessa molto di più che seguano il mondo consumer (di fascia alta), piuttosto che il mondo professional… cioè se ti offrissero un Final Cut Pro a 2500-3000€, te lo compreresti? Io no. Molto meglio avere a 300€ un Final Cut Pro X semplificato per tutti, per chi vuole fare editing a livello professionale è pieno di altri software… Di sicuro sono molti di più gli utenti che potranno utilizzare, anzi beneficiare, del minor prezzo e miglior software (grazie alla competenza maturata da Apple megli anni).:ciao:

Non ho capito in quale punto non sei "proprio d'accordo su nulla". Mi sembra che hai ripetuto i miei concetti. Ad ogni modo i MacPro montabili a rack di cui i rumors parlano è un contentino per chi sta piangendo per l'uscita degli x-serve dalla produzione Apple. OSX Lion Server anche se sarà molto semplice da installare e configurare sarà venduto separatamente e non integrato in Lion "normale".

E per concludere, sì, se fossi un montatore e dovessi comprare un software per il mio lavoro pagherei tranquillamente 3000 euro... cosa che ho fatto ma con Logic quando ancora era marchiato Emagic e devo rifare per passare a ProTools!

A me sembra che sulla questione del termine Pro si stia facendo un pò di sofismo.E' chiaro che si sta parlando di utenti che usano programmi professionali "Apple", non di utenti professionisti che usano Apple.Se si critica l'azienda nella gestione della sua utenza PRO, è chiaro che lo si fa sulla base degli applicativi dell'azienda specificatamente rivolti a questi PRO.Cosa me ne frega se un medico usa Apple, Linux, Windows o Amiga???I programmi per professionisti di Apple riguardano principalmente i creativi.Qui si parla di quegli utenti vincolati alla piattaforma Apple, perché per esempio usano FCP X, scontenti dello sviluppo di questi software.Se poi un astrofisico usa il suo mac con grande soddisfazione, non può che farmi piacere, ma torno a ripetere cosa c'entra???Non è nemmeno una questione qualitativa, essere un utente professionale non significa sapere usare bene un programma, significa usarlo a fini professionali.Questo implica in larghi campi del mondo professionale essere costretti a dei workflow standard, che non possono cambiare dall'oggi al domani.A contrario di certi utenti (ogni riferimento a Mac User è puramente casuale) io evito di parlare di argomenti che non conosco. Non so quale sia la situazione di Logic, mi fido di quanto dice Marco. Quello che so è che sono giunto a conclusioni simili facendo le stesse analisi su FCP X, Apple sta progressivamente abbandonando il mercato professionale.Conosco il settore del broadcasting televisivo e cinematografico, e posso dire che allo stato attuale FCP X non ne soddisfa le esigenze.In un altro Topic ho riscontrato che ultimamente da parte dell'azienda ci sono stati timidi passi indietro. Alcune feature giudicate "arcaiche e demodé" verrano implementate in futuro. Segno che per una volta si sono un pò spaventati. Ma io onestamente di Apple non mi fido più e per quanto riguarda applicativi professionali mi rivolgerò ad aziende più del settore.Poi se a Cupertino dovessero riprendere la retta via, felice di poter tornare ad avere un'alternativa, non può che far bene a me come consumatore.Come ti rispondevo nell'altro topic i prossimi a capitolare saranno gli utenti consumer avanzati. Questo in virtù della semplificazione, che io considero più regresso.

Esatto! Quoto tutto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma i Mac non vendono sempre di più?Che gli eventi siano più che altro dedicati ai consumer è chiaro.. Ai pro non serve il keynote e i 'wow' di chi li fa..È un business complesso, sia l'iPod che l'iPhone che l'iPad hanno quella che viene definita 'halo' e questo molto spesso significa che il cliente anche giovanissimo fidelizzato poi continua a comprare prodotti di fascia diversa etc. Sappiamo tutti quanto conti Apple come brand

Ai pro serve eccome il keynote dedicato (come succedeva una volta) e i wow fanno sempre piacere, siamo utenti pro, non siamo mica macchine!

... dopo le ferie?

touchè! :zzz:

parlo da utente "consumer" dato che uso prodotti apple più per lo svago che per il lavoro.. (anche perchè oltretutto studio.. :-) )...secondo me sono discorsi un po' troppo "amplificati"... personalmente non credo che la apple stia pensando di abbandonare l' utenza pro.. secondo me si è presa solo un periodo di "pausa". Con l' iphone e l' ipad sta cercando di aprire orizzonti per l' informatica, la portabilità e la comunicazione sconosciuti fino ad oggi..Anche perchè per il momento non credo ci siano "strumenti rivoluzionari" per le utenze professionali (parlo alla stragrande maggioranza di grafici..), quindi non vedo tutta queste stranezza nelle ultime strategie di mercato dell' azienda..mio zio per esempio è un grafico , ovviamente ha un imac che risale a qualche annetto fa e continua a usarlo per il lavoro, insieme al caro photoshop (anche qui qualche versione indietro) e ad un os che di sicuro non è snow leopard e forse neanche leopard.. ...e si trova bene! QUINDI, PER CHI NON L' AVESSE CAPITO, IN SINTESI LA MIA TEORIA è CHE APPLE, IN QUESTO MOMENTO DICIAMO "STORICO" STIA PREFERENDO ESPLORARE ALTRI ORIZZONTI RISPETTO A QUELLI DI CUI SI è OCCUPATA FINO A POCO TEMPO FA, SEMPLICEMENTE PERCHè IN QUEI SETTORI NON C'è TUTTO QUESTO BISOGNO DI CAMBIAMENTO... PER ORA OVVIAMENTE.

Non sono amplificati fidati. Sono contento per tuo zio...beato lui che non ha bisogno di continue cose nuove!

Io per abbassare una base di un tono in modo che risulti ancora ascoltabile non posso farlo con Logic neanche con l'acquisto del plugin Radius perchè la base si trasforma in una scatola di cartone sbranata da un cane randagio. Devo per forza farlo con protools 9 che utilizza lo stesso algoritmo Radius perfezionato dagli sviluppatori Avid e chiamato Radius-X già compreso sul sequencer per avere una base audio degna di uscire dal mio studio o da qualunque persona che ci mette la faccia! Esempio del cavolo ma rende l'idea della realtà.

Sta di fatto che finché Apple praticava una politica che a voi stava bene era un'azienda che produceva costosi computers.Adesso è una delle più importanti, potenti e ricche aziende dell'IT sulla faccia della terra.Tutto perché hanno deciso di puntare sugli iCosi. Chiamali scemi, dico io. Poi si può parlare di "bimbiminkia" di moda, di utenti lasciati a loro stessi. Ma quanti utenti Mac utilizzano software Apple? E quanti invece usano già software di terze parti (penso alla suite Adobe, per esempio). Siamo sicuri che ad Apple non convenga investire nello sviluppo di altro anche perdendo qualche cliente che usava i loro software? Chi usa software di terze parti su Mac già da qualche anno scommetto che di tutta 'sta storia non ne sa niente.

Sono orgoglioso degli iCosi come ho già scritto, non sono contento della condotta del settore Pro (FCP e Logic) da parte di Apple.

Logic nel moneto dell'acquisizione contava 140.000 utenti mac e 70.000 win (paganti!) e costava un bel po di soldini. Ora credo che sia il software di sequencing più diffuso fra i musicisti e il meno usato in studio di registrazione ma non ho idea di quanti sono utenti paganti ma di sicuro i profitti sono aumentati moltissimo da quando Logic è Apple. Sicuramente se fossi già passato a ProTools anni fa mi sarei passato la mano sulla fronte e mi sarei detto "l'ho scampata!".

io penso una cosa..la Apple prima faceva software professionali, e adesso sta abbandonando lentamente quel campo, giusto?beh ma non è che sta abbandonando gli utenti PRO, secondo voi è meglio fare software proprietario, e cercare di battere la concorrenza in quel campo? o cercare di far aumentare notevolmente l'utenza in modo tale che altre case sono interessate a sviluppare software professionale per MAC invece che solo per Win?un utente professionale, non solo in ambito creativo (come lo intendete voi) , necessità oltre che del SW serio professionale, anche di un sistema serio che non si blocchi, vada veloce, niente virus e tutto il resto (penso che sapete i pregi e i difetti :fiorellino: ).quindi io uso computer Mac, anche se si avvicinerà a iOS con Lion, perché mi ci trovo bene nell'utilizzo normale, e anche professionale..

Teoria interessante che non avevo preso in considerazione....in effetti Avid ha reso un po più accessibile ProTools rendendolo finalmente nativo senza bisogno di hardware dedicato proprio nel momento in cui Apple allenta la presa sugli utenti professionali (intendo veri studi di registrazione). Quindi Apple si focalizzerebbe sugli utenti non professionali garantendo facilità e risultati paragonabili senza essere esperti ma solo affidandosi alla creatività e allo stesso tempo spianerebbe la strada ad altre software house come Avid per allargare il numero di clienti su piattaforma Mac. Potrebbe essere così.

quoto e in parte avevo espresso considerazioni simili: http://www.italiamac.it/forum/topic/443570-apple-ma-che-ti-succede/page__st__30COMPLIMENTI per la sintesi ed analisi!Però una riflessione o meglio una domanda: tu vedi l'abbandono del settore pro (io forse no)... Chi/cosa ne prenderà il posto?

Grazie CentauroRosso, io vedo l'abbandono del mondo pro, è una cosa tangibile perlomeno per come questo mondo viene al momento trascurato da Apple.

Quello che prenderà il posto del mondo pro credo siano applicazioni facili, veloci e intuitive che possano dare a qualsiasi utente la possibilità di creare materiale di ottimo livello anche se non è un professionista. Questo sarebbe perfettamente in linea con l'idea di Steve Jobs di migliorare l'esperienza degli utenti portando la tecnologia ad una semplificazione tale da renderla universale... o almeno questa è l'idea che mi sono fatto di Steve Jobs.

Usare i software Avid e Adobe e passa la paura... capisco che è un po' un casino cambiare tutto, però se Apple ha fatto un passo falso e sentite la necessità di abbandonare i software Apple la strada è questa.Io utilizzo Pro Tools, se la Apple farà una cavolata con Logic Studio X non mi passerà nemmeno per l'anticamera del cervello...Il problema se ho ben capito non sono tanto i mac, anche come sistema operativo, sono gli applicativi, se li stanno rendendo consumer cambiate applicativi. Capisco che dopo 10 anni di lavoro con un software è dura, bisogna seguire dei corsi per il nuovo software, ecc... però mi sembra l'unica strada.Non è che Apple facesse 20mila software considerati pro, 2 erano uno audio e uno video tutto qui.. se 2 software diventano consumer non finisce il mondo, ci sono altre case, vedi Avid, vedi Adobe, che fanno software di livello anche superiore nello stesso campo...Io tutta questa tragedia non la vedo, basta lavorare con il vecchio final cut finche si può e frattanto vedere un po di passare ad Avid ad esempio.Ma io la vedo da utente apple che non usa software apple ma avid, se avid iniziasse a fare un pro tools da bimbiminchia mi girerebbero, ma poi guarderei cosa mi offre il mercato come possibilità e cambierei, il software, non il mac, perchè le caratteristiche che mi offre un mac, di stabilità e sistema operativo non me le offrono altri.E comunque come aveva detto qualcuno, chi non usa software apple di questo tutto casino, nemmeno se n'è accorto.

Hai perfettamente ragione anche se ti chiamano Folle! Ma capisci il mio disappunto e rammarico...è come se Avid acquistasse Ableton e, che presa dall'euforia del nuovo modo di fare musica che la software house ha reinventato, integrasse nuove funzioni prese da protools per poi rinominarlo ProTools PRO X! A tutto questo aggiungi che al di la del nome il normale ProTools per come lo conosciamo venga dismesso... ma dico io, non ti verrebbe da piangere?

Quando comprai Logic non avevo idea di quello che sarebbe successo negli anni a seguire, pensa un po che all'inizio l'usavo su win98!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hai perfettamente ragione anche se ti chiamano Folle!

Lo so, è da un po che ho capito di essere il detentore delle verità assolute dell'universo :ghghgh: :ghghgh: :ghghgh:

Comunque tu nemmeno scherzi è, cavolo che pazienza... ti sei messo a quotare mezzo forum! Mi ritorna in mente un dizionario di italiano da 5 kili :shock:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque tu nemmeno scherzi è, cavolo che pazienza... ti sei messo a quotare mezzo forum! Mi ritorna in mente un dizionario di italiano da 5 kili :shock:

Mi piace essere preciso e non frainteso! :ghghgh:

Dai quando ho una giornata libera leggo il primo post :ghghgh:

Dai che non ti fa male leggere 5 minuti! :colazione:

Oppure installi Lion e te lo fai leggere dal Mac! :sbav:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

una cosa che fa anche capire l'abbandono di apple degli ambienti professionali è il rilascio di Lion....nn sta ne in cielo ne in terra che nn si sappia la data di uscita.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
... Ora il supporto telefonico di Logic neanche esiste.

L'amico che ho contattato e a cui mi sono rivolto per mandare la lista dei problemi di Logic è stato un gesto per cercare di migliorare un loro software a cui tenevo particolarmente (per ovvie ragioni!), non ho chiesto un iPhone in regalo... non ci trovo nulla di male ne di provinciale "italico" in questo, sbaglio?

Per concludere come non parlare di FCP X! Non raccontiamoci novelle, per quanto rivoluzionario non è lontanamente sufficiente a quei utenti che lavoravano con FCP 7. Per molti di loro acquistare FCP X è stato come comprare una macchina digitale reflex e aprire la scatola e trovarci una compatta della sony. Per tutti quelli che sono stati felici del nuovo software probabilmente FCP 7 era un software un tantino esagerato. In pratica, se io devo fare una post produzione audio di un video aziendale (per esempio) e il montatore non può esportarmelo nel formato standard di scambio, il lavoro rallenta e a volte diventa impossibile al punto che FCP X non è utilizzabile negli studi della sua società video. Purtroppo questo già mi è successo.

Comunque io lascio, tu resta, ne riparleremo quando esce FCP X 2. Intanto io cerco di lavorare. Poi magari ritorno.

...

I software o hardware Pro sono sviluppati per gli utenti che li utilizzano in maniera pro. Per ora sarebbe il caso di eliminare la dicitura Pro da FCP X e Logic Pro. Questo non vuol dire che sono software da buttare! Ma semplicemente chiamiamo le cose con il loro nome.

...

Come ho già detto mi spiace per i tuoi problemi di lavoro (uno schifo l'aggiornamento di maggio?). Mi spiace anche leggere che il supporto per Logic non esiste e mi incacchierei pure io. Se ricorrere alle amicizie è stato l'estremo tentativo, beh, hai fatto bene.

Nello specifico della situazione Logic-FCPX-Lion c'è un aspetto di cui praticamente nessuno discute e questo dipende dal fatto che altrettanto praticamente quasi nessuno informa, per ora, ma inevitabilmente Cupertino e la stampa professionale dovranno farlo a breve ed ampiamente.

Per spiegarmi uso una metafora attinente alla mia professione: Apple ora sta risanando e consolidando le fondamenta (lavoro brutto sporco e poco appariscente) e sebbene la casa appaia ancora malandata, e forse un po' peggio di prima, senza questo lavoro preparatorio gli abbellimenti chiaramente visibili sarebbero solo una stuccatura posticcia su una struttura in decadenza. Fuor di metafora: tutti gli aspetti multimediali dei sistemi operativi e delle applicazioni Pro sviluppate da (anche da) Apple si sono fondati per vent'anni sull'architettura di QuickTime. Questo a Cupertino è stato ritenuto superato ed alla soglia dell'obsolescenza. Apple, dopo aver consolidato il passaggio all'architettura Intel ed in questa all'architettura a 64 bit, ora ha cambiato il motore multimediale di tutto il suo software.

Da Lion invece che su QuickTime tutto l'AudioVideo si basa sulle API Open Source di AV Foundation. (richiami) About the AV Foundation Framework

frameworksBlockDiagram.jpg

Non ho la competenza per entrare nel merito, quindi mi attengo a quel pochissimo che ho letto e credo che non si sia trattato di una passeggiata, sia come impegno aziendale che come lavoro vero e proprio per gli sviluppatori. La vera convergenza fra iOS e OSX si sta realizzando a questi livelli, e solo secondariamente negli aspetti estetici e d'interfaccia.

A giorni vedremo finalmente tutti come funziona Lion, vedremo anche come funziona FCPX su Lion e nel giro di qualche mese vedremo come si concretizzeranno le annunciate (sin da subito) implementazioni di quasi tutte le, poche numericamente, funzionalità mancanti in quel software. (ad es. agg.,agg.,agg.)

Se tanto mi da tanto anche Logic Pro subirà una rivoluzione del genere.

Di sicuro nel giro di un anno o due sapremo se questo ennesimo sbaragliamento delle carte a Cupertino sarà stato un azzardo od invece sarà stata lungimiranza ed innovazione. Secondo il mio parere un simile profondo ribaltamento dell'impianto di base A/V non può assolutamente essere stato un colpo di testa valutato pressapochisticamente. La sua portata esclude a priori una simile ipotesi.

Se i settori dell'utenza Pro dei software Apple vorranno fregiarsi del merito di aver sostenuto l'azienda, penso dovrebbero interessarsi da subito di questi aspetti invece di perdersi in piagnistei. Software per il loro lavoro e macchine per svolgerlo ci sono, come è già stato efficacemente fatto rilevare. Se devono personalmente cambiare abitudini o riqualificarsi si diano una mossa, noi professionisti di altri settori questo lo facciamo regolarmente, senza clamore, da sempre ... ed in parecchi abbiamo sostenuto Apple nei suoi anni bui (*), metà '90, anni "difficili" (**) ben prima dell'avvento di Logic e FC.

(*)

Dalle dimissioni di Steve Jobs fino alla seconda metà degli anni '90 la

società entra in una fase di declino progressivo caratterizzato da prodotti

non convincenti e strategie sbagliate.

Nel 1994 Apple era davvero in una grave crisi finanziaria, in quanto

vendeva prodotti solo per uso professionale, dedicati soprattutto alle

aziende, e non era disponibile nessuna macchina “consumerâ€.

Apple, disperata, decide di concedere in licenza il proprio sistema

operativo, sperando di riprendersi provando a guadagnare come

faceva Microsoft. Il tentativo fu però un insuccesso.

(**)
Oggetto di
sarà proprio un ripasso veloce di gran parte

delle attività marketing e promozionali, Seminari e Incontri, che Data Port
ha promosso

negli
anni “difficiliâ€
per Apple, gli anni al centro dell’ultimo decennio del secolo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non vedo dove sta la tragedia insomma. Cioè capire io tutto questo casino internazionale non ce l'ho vedo, semplicemente perchè se una cosa non è più buona non si compra più e se ne compra un'altra. Non è che c'è l'obbligo di comprare Final Cut Pro, e con i super sconti che sta facendo Avid, sentivo parlare di oltre il 60% non c'è nemmeno poi l'enorme problema di fare il cambio.

Dovevate spendere 700 euro per il nuovo Final Cut X ma fatto in modo decente? Spendeteli per il sistema Avid, se tutti gli insoddisfatti cambiassero non vedo dove sarebbe il problema visto che userebbero tutti un'altra cosa.

Il problema è che gli utenti sono Utonti! Vogliono che l'azienda faccia come dicono loro, ma l'azienda fa come dice lei, e degli utenti con le palle se questa azienda non è più all'altezza la lasciano perdere e vanno altrove.

Un'azienda che aspettava per comprare 20 licenze del nuovo software apple, si compra 20 licenze del nuovo software Avid con il 60% di sconto, ma dove sta questa tragedia.

L'uni problema di tutte questo è che ci sta gente che ci ha messo una vita per imparare ad usare un software e che non ha la minima intenzione di impararne ad usare un altro. E' ma il mondo mica può girare appresso a loro.

Uno che si lamenta perchè una cosa non gli va più bene cambia! Uno che si lamenta e basta non lo considero proprio... anche perchè le alternative ci sono e sono buone.

Quindi se una cosa non ti sta bene, ti lamenti e te e ne vai altrove, e se non fai così vuol dire che ti sta bene, e quindi ti stai zitto e non rompi l'anima al prossimo.

Torno a ripetere è una considerazione che non tiene conto dell'investimento di svariate decine di migliaia di euro o di milioni "nel caso di network televisivi" su una piattaforma hardware e software, come puoi credere che questo passaggio sia indolore? sono cazzi amari, altro che "ma che problema c'è passa ad Avid"

Cosa critico ad Apple, la mancanza di chiarezza, per me anche fatta in malafede, a contrario di quanto si possa ponsare ci sono rapporti tra il mondo professionale e Apple, ed erano state date assicurazioni che sono state a mio avviso disattese.

Da un punto di vista strettamente commerciale invece sono convinto che la scelta sarà vincente.

Chiedevo solo un pò più di correttezza verso una parte sempre stata abbastanza fedele della sua utenza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Come ho già detto mi spiace per i tuoi problemi di lavoro (uno schifo l'aggiornamento di maggio?). Mi spiace anche leggere che il supporto per Logic non esiste e mi incacchierei pure io. Se ricorrere alle amicizie è stato l'estremo tentativo, beh, hai fatto bene.

Nello specifico della situazione Logic-FCPX-Lion c'è un aspetto di cui praticamente nessuno discute e questo dipende dal fatto che altrettanto praticamente quasi nessuno informa, per ora, ma inevitabilmente Cupertino e la stampa professionale dovranno farlo a breve ed ampiamente.

Per spiegarmi uso una metafora attinente alla mia professione: Apple ora sta risanando e consolidando le fondamenta (lavoro brutto sporco e poco appariscente) e sebbene la casa appaia ancora malandata, e forse un po' peggio di prima, senza questo lavoro preparatorio gli abbellimenti chiaramente visibili sarebbero solo una stuccatura posticcia su una struttura in decadenza. Fuor di metafora: tutti gli aspetti multimediali dei sistemi operativi e delle applicazioni Pro sviluppate da (anche da) Apple si sono fondati per vent'anni sull'architettura di QuickTime. Questo a Cupertino è stato ritenuto superato ed alla soglia dell'obsolescenza. Apple, dopo aver consolidato il passaggio all'architettura Intel ed in questa all'architettura a 64 bit, ora ha cambiato il motore multimediale di tutto il suo software.

Da Lion invece che su QuickTime tutto l'AudioVideo si basa sulle API Open Source di AV Foundation. (richiami) About the AV Foundation Framework

frameworksBlockDiagram.jpg

Non ho la competenza per entrare nel merito, quindi mi attengo a quel pochissimo che ho letto e credo che non si sia trattato di una passeggiata, sia come impegno aziendale che come lavoro vero e proprio per gli sviluppatori. La vera convergenza fra iOS e OSX si sta realizzando a questi livelli, e solo secondariamente negli aspetti estetici e d'interfaccia.

A giorni vedremo finalmente tutti come funziona Lion, vedremo anche come funziona FCPX su Lion e nel giro di qualche mese vedremo come si concretizzeranno le annunciate (sin da subito) implementazioni di quasi tutte le, poche numericamente, funzionalità mancanti in quel software. (ad es. agg.,agg.,agg.)

Se tanto mi da tanto anche Logic Pro subirà una rivoluzione del genere.

Di sicuro nel giro di un anno o due sapremo se questo ennesimo sbaragliamento delle carte a Cupertino sarà stato un azzardo od invece sarà stata lungimiranza ed innovazione. Secondo il mio parere un simile profondo ribaltamento dell'impianto di base A/V non può assolutamente essere stato un colpo di testa valutato pressapochisticamente. La sua portata esclude a priori una simile ipotesi.

Se i settori dell'utenza Pro dei software Apple vorranno fregiarsi del merito di aver sostenuto l'azienda, penso dovrebbero interessarsi da subito di questi aspetti invece di perdersi in piagnistei. Software per il loro lavoro e macchine per svolgerlo ci sono, come è già stato efficacemente fatto rilevare. Se devono personalmente cambiare abitudini o riqualificarsi si diano una mossa, noi professionisti di altri settori questo lo facciamo regolarmente, senza clamore, da sempre ... ed in parecchi abbiamo sostenuto Apple nei suoi anni bui (*), metà '90, anni "difficili" (**) ben prima dell'avvento di Logic e FC.

(*)

Dalle dimissioni di Steve Jobs fino alla seconda metà degli anni '90 la

società entra in una fase di declino progressivo caratterizzato da prodotti

non convincenti e strategie sbagliate.

Nel 1994 Apple era davvero in una grave crisi finanziaria, in quanto

vendeva prodotti solo per uso professionale, dedicati soprattutto alle

aziende, e non era disponibile nessuna macchina “consumerâ€.

Apple, disperata, decide di concedere in licenza il proprio sistema

operativo, sperando di riprendersi provando a guadagnare come

faceva Microsoft. Il tentativo fu però un insuccesso.

(**)
Oggetto di
sarà proprio un ripasso veloce di gran parte

delle attività marketing e promozionali, Seminari e Incontri, che Data Port
ha promosso

negli
anni “difficiliâ€
per Apple, gli anni al centro dell’ultimo decennio del secolo.

fregiarsi del merito di aver sostenuto l'azienda? Ma stai scherzando? ma cos'è una setta?

Questi sono strumenti di lavoro e devono essere funzionali, non sono io a dover sostenere Apple o Avid o Adobe, sono queste aziende che devono impegnarsi a rendere gli strumenti a mia disposizione sempre migliori... che non significa esclusivamente più semplici

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Come ho già detto mi spiace per i tuoi problemi di lavoro (uno schifo l'aggiornamento di maggio?). Mi spiace anche leggere che il supporto per Logic non esiste e mi incacchierei pure io.

L'aggiornamento purtroppo non ha risolto nulla riguardo ai gravi problemi su editing, comp e multi track editing, in compenso è stata aggiunta la possibilità di aprire progetti di garageband per ipad!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Domanda: se sia Lion, che FCP X, che Logic si sposteranno sulla piattaforma API Open Source, lo dovranno fare anche tutti i plug-in relativi a questi software e anche quindi Avid e simili che gireranno su Lion?

Ci sono comunque dei paradossi nel mercato PRO...

Il primo è che ora un utente PRO non utilizza quasi più sistemi differenti da un utente consumer-amatoriale. Così Logic, come ProTools, come FCP 7 o X che sia, un MBP pro, un Mac Pro, schede audio da 1000 euro, sono piratati o comprati da molti utenti anche non PRO che li usano per i loro progetti e nel tempo libero. Cos'è che fa quindi la differenza? Semplice, il PRO ci lavora sopra, ci fa i soldi. Questo vuol dire che conosce quel determinato programma a menadito, sa quel che deve fare e come farlo in maniera efficace ed efficiente, senza un intoppo, senza uno sbaglio. La differenza quindi non sta più molto nella differenza di programmi o di hardware...Questo abbassamento dei costi ha portato molti amatori ad avvicinarsi a settori una volta solo dominio di utenti PRO che ci investivano fior di quattrini: per questo molti settori PRO (come fotografia, ma anche musica...) sono andati in crisi. A mio avviso giustamente in crisi, perché se la possibilità di raggiungere certi obiettivi è data "democraticamente" a tutti, non vedo cosa ci sia di male. E anche perché molti utenti PRO prima di questo avicinamento da parte degli amatori, non avevano particolari meriti, se non quelli di aver investito su attrezzature costose. Quelli che sono sopravvissuti a questo cambiamento sono quelli, sia prima che dopo, veramente in gamba.

In seguito non capisco quale sia l'esigenza di aggiornarsi, sia a livello hardware che software, in continuazione. In ambito PRO da quanto ho capito, è molto più importate avere sistemi affidabili in cui sapere bene come fare una determinata cosa, piuttosto che avere sempre l'ultima novità sul mercato, per questo ho sempre visto molti utenti PRO aggiornare i propri sistemi solo dopo anni dall'uscita di un nuovo standard o software. Un esempio: una volta il workflow di dati era memorizzato su nastro e la registrazione era comunque fluida e di qualità. Successivamente sono usciti diversi modi di memorizzazzione dati: protocolli di trasmissione USB, FireWire eSATA e nuovi formati di disco: prima per fare veloce si usava lo SCSI, ora c'è il SATA 1, 2 e 3, scrittura su più dischi con il RAID, prestazioni elevate e sicurezza con il RAID 5....Mi chiedo quindi che ragione ci sia per uno studio di registrazione comprare un sistema RAID 5 tramite thunderbolt con dischi SAS, qual'è? Non sono più affidabili (per compatibilità) ed economici dei dischi SATA3 in RAID su eSATA? Oppure addirittura su Firewire? Lo stream di dati non è sufficientemente veloce?

Uno si compra un sistema hardware, del software che in quel momento gli serve, quello con cui è in grado di lavorare bene, e in sicurezza e va avanti con quello finché può. Che male c'è a continuare a lavoare con un Mac Pro G5, con plugin dell'epoca, con Logic 7 e con una scheda audio adatta? Al nuovo aggiornamento dell'hardware poi si ragionerà su cosa, in quel momento, sia più adatto per le proprie esigenze.

Un mio amico nel 2008, a distanza di poco dal passaggio PPC - Intel, ha comprato un Mac Pro G5 perché non esistevano ancora plugin compatibili con Intel, usa Logic 7 e continua a lavorarci sopra tutt'ora. Ne ha fatto la sua professione, a tempo pieno, per qualche anno ed è riuscito a produrre qualcosa di vendibili....perché non si può fare così?

  • Love 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Domanda: se sia Lion, che FCP X, che Logic si sposteranno sulla piattaforma API Open Source, lo dovranno fare anche tutti i plug-in relativi a questi software e anche quindi Avid e simili che gireranno su Lion?

Ci sono comunque dei paradossi nel mercato PRO...

Il primo è che ora un utente PRO non utilizza quasi più sistemi differenti da un utente consumer-amatoriale. Così Logic, come ProTools, come FCP 7 o X che sia, un MBP pro, un Mac Pro, schede audio da 1000 euro, sono piratati o comprati da molti utenti anche non PRO che li usano per i loro progetti e nel tempo libero. Cos'è che fa quindi la differenza? Semplice, il PRO ci lavora sopra, ci fa i soldi. Questo vuol dire che conosce quel determinato programma a menadito, sa quel che deve fare e come farlo in maniera efficace ed efficiente, senza un intoppo, senza uno sbaglio. La differenza quindi non sta più molto nella differenza di programmi o di hardware...Questo abbassamento dei costi ha portato molti amatori ad avvicinarsi a settori una volta solo dominio di utenti PRO che ci investivano fior di quattrini: per questo molti settori PRO (come fotografia, ma anche musica...) sono andati in crisi. A mio avviso giustamente in crisi, perché se la possibilità di raggiungere certi obiettivi è data "democraticamente" a tutti, non vedo cosa ci sia di male. E anche perché molti utenti PRO prima di questo avicinamento da parte degli amatori, non avevano particolari meriti, se non quelli di aver investito su attrezzature costose. Quelli che sono sopravvissuti a questo cambiamento sono quelli, sia prima che dopo, veramente in gamba.

In seguito non capisco quale sia l'esigenza di aggiornarsi, sia a livello hardware che software, in continuazione. In ambito PRO da quanto ho capito, è molto più importate avere sistemi affidabili in cui sapere bene come fare una determinata cosa, piuttosto che avere sempre l'ultima novità sul mercato, per questo ho sempre visto molti utenti PRO aggiornare i propri sistemi solo dopo anni dall'uscita di un nuovo standard o software. Un esempio: una volta il workflow di dati era memorizzato su nastro e la registrazione era comunque fluida e di qualità. Successivamente sono usciti diversi modi di memorizzazzione dati: protocolli di trasmissione USB, FireWire eSATA e nuovi formati di disco: prima per fare veloce si usava lo SCSI, ora c'è il SATA 1, 2 e 3, scrittura su più dischi con il RAID, prestazioni elevate e sicurezza con il RAID 5....Mi chiedo quindi che ragione ci sia per uno studio di registrazione comprare un sistema RAID 5 tramite thunderbolt con dischi SAS, qual'è? Non sono più affidabili (per compatibilità) ed economici dei dischi SATA3 in RAID su eSATA? Oppure addirittura su Firewire? Lo stream di dati non è sufficientemente veloce?

Uno si compra un sistema hardware, del software che in quel momento gli serve, quello con cui è in grado di lavorare bene, e in sicurezza e va avanti con quello finché può. Che male c'è a continuare a lavoare con un Mac Pro G5, con plugin dell'epoca, con Logic 7 e con una scheda audio adatta? Al nuovo aggiornamento dell'hardware poi si ragionerà su cosa, in quel momento, sia più adatto per le proprie esigenze.

Un mio amico nel 2008, a distanza di poco dal passaggio PPC - Intel, ha comprato un Mac Pro G5 perché non esistevano ancora plugin compatibili con Intel, usa Logic 7 e continua a lavorarci sopra tutt'ora. Ne ha fatto la sua professione, a tempo pieno, per qualche anno ed è riuscito a produrre qualcosa di vendibili....perché non si può fare così?

A dire il vero i professionisti che conosci io così fanno... hanno lo studio di registrazione, e se gli chiedi di Lion o degli i7 ecc. non sanno nemmeno di cosa stai parlando. Loro hanno il loro sistema Apple con Avid e Pro Tools TDM, funziona e quella è l'unica cosa che gli interessa.

  • Love 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Crea un nuovo account

Accedi

Sei già iscritto? Accedi qui.

Accedi Ora

×