Vai al contenuto


MarcoMilli

Addio Apple Pro

Recommended Posts

Domanda: se sia Lion, che FCP X, che Logic si sposteranno sulla piattaforma API Open Source, lo dovranno fare anche tutti i plug-in relativi a questi software e anche quindi Avid e simili che gireranno su Lion?

Ci sono comunque dei paradossi nel mercato PRO...

Il primo è che ora un utente PRO non utilizza quasi più sistemi differenti da un utente consumer-amatoriale. Così Logic, come ProTools, come FCP 7 o X che sia, un MBP pro, un Mac Pro, schede audio da 1000 euro, sono piratati o comprati da molti utenti anche non PRO che li usano per i loro progetti e nel tempo libero. Cos'è che fa quindi la differenza? Semplice, il PRO ci lavora sopra, ci fa i soldi. Questo vuol dire che conosce quel determinato programma a menadito, sa quel che deve fare e come farlo in maniera efficace ed efficiente, senza un intoppo, senza uno sbaglio. La differenza quindi non sta più molto nella differenza di programmi o di hardware...Questo abbassamento dei costi ha portato molti amatori ad avvicinarsi a settori una volta solo dominio di utenti PRO che ci investivano fior di quattrini: per questo molti settori PRO (come fotografia, ma anche musica...) sono andati in crisi. A mio avviso giustamente in crisi, perché se la possibilità di raggiungere certi obiettivi è data "democraticamente" a tutti, non vedo cosa ci sia di male. E anche perché molti utenti PRO prima di questo avicinamento da parte degli amatori, non avevano particolari meriti, se non quelli di aver investito su attrezzature costose. Quelli che sono sopravvissuti a questo cambiamento sono quelli, sia prima che dopo, veramente in gamba.

In seguito non capisco quale sia l'esigenza di aggiornarsi, sia a livello hardware che software, in continuazione. In ambito PRO da quanto ho capito, è molto più importate avere sistemi affidabili in cui sapere bene come fare una determinata cosa, piuttosto che avere sempre l'ultima novità sul mercato, per questo ho sempre visto molti utenti PRO aggiornare i propri sistemi solo dopo anni dall'uscita di un nuovo standard o software. Un esempio: una volta il workflow di dati era memorizzato su nastro e la registrazione era comunque fluida e di qualità. Successivamente sono usciti diversi modi di memorizzazzione dati: protocolli di trasmissione USB, FireWire eSATA e nuovi formati di disco: prima per fare veloce si usava lo SCSI, ora c'è il SATA 1, 2 e 3, scrittura su più dischi con il RAID, prestazioni elevate e sicurezza con il RAID 5....Mi chiedo quindi che ragione ci sia per uno studio di registrazione comprare un sistema RAID 5 tramite thunderbolt con dischi SAS, qual'è? Non sono più affidabili (per compatibilità) ed economici dei dischi SATA3 in RAID su eSATA? Oppure addirittura su Firewire? Lo stream di dati non è sufficientemente veloce?

Uno si compra un sistema hardware, del software che in quel momento gli serve, quello con cui è in grado di lavorare bene, e in sicurezza e va avanti con quello finché può. Che male c'è a continuare a lavoare con un Mac Pro G5, con plugin dell'epoca, con Logic 7 e con una scheda audio adatta? Al nuovo aggiornamento dell'hardware poi si ragionerà su cosa, in quel momento, sia più adatto per le proprie esigenze.

Un mio amico nel 2008, a distanza di poco dal passaggio PPC - Intel, ha comprato un Mac Pro G5 perché non esistevano ancora plugin compatibili con Intel, usa Logic 7 e continua a lavorarci sopra tutt'ora. Ne ha fatto la sua professione, a tempo pieno, per qualche anno ed è riuscito a produrre qualcosa di vendibili....perché non si può fare così?

E' vero che c'è stata una certa democratizzazione, e questo è un aspetto che io guardo positivamente, ma FCP X non va in questa direzione, che era quella di FCP7. FCP X ha semplicemente fatto un prodotto che al momento può accontentare SOLO degli amatori, evoluti o meno.

Può al massimo accontentare persone che lavorano per il Web o che devono gestire piccoli lavori indipendenti senza la necessità di interfacciarsi con altri professionisti.

Non è assolutamente vero che le persone che fanno il mio mestiere possono sperare di non doversi aggiornare, siamo tenuti a lavorare video 4:4:4 a 10 bit, magari in 4k e secondo te non abbiamo bisogno di sistemi prestanti?

Ormai la norma anche per i lavori più a basso budget sono video HD in formati terrificanti Long Gop che richiedono un lungo lavoro di rielaborazione e in questo lavoro è essenziale essere veloci.

Ma queste vostre idee che ve le mette in testa? è sempre la statistica dello zio grafico di quell'utente del forum?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


A parte che le API e il framework AV Foundation non sono Open Source da quello che mi risulta. E il problema non è mica il cambio (Anche se non saprei ora se AVFoundation è pari a QTKit ma ho dei piccoli dubbi).

Anche Premiere con la CS5 è stato riscritto core media è pure non fa cosi schifo.

Sostenere? magari 20 anni fa quando per Apple 2% del mercato valeva "Oro" oggi siamo sostituibili con dei bimbiminchia e dei poveri ragazzini che credono di essere fighi perché hanno il Mac, iPhone e pure non capiscono esattamente una beata mazza.

  • Love 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@ WinAndMac43

non so se il framework AV Foundation è o meno Open Source, così ho letto fra il pochissimo che si trova in riferimento a OSX. C'è parecchio di più rispetto ad iOS in cui costituisce una componete di base. Sulle differenze fra QT ed AV Foundation so altrettanto poco, ho trovato questa interessante slideshow: http://www.slideshar...o-av-foundation

Comunque, in generale, sullo stimolo di Data Port ho inserito un errore nel mio intervento. Evidentemente non m'importa nulla di prendermi delle male parole su un forum, ma il fatto che nessuno l'abbia trovato mi fa dubitare parecchio del tipo d'approccio a questa discussione. In particolare ora "so" che nessuno è un utilizzatore di FCPX e che gli altri poco si preoccupano d'informarsi nel dettaglio. Se qualche operatore professionista è passato di qua non ha ritenuto di intervenire (escluso ovviamente dr. che è un utente Avid).

Delle ragioni di Valdo77, riguardo Logic Pro, continua a sembrare poco importi a chiunque.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io non sono un utente Avid, io sono attualmente un utente Avid e FCP7, forse è poco chiaro il concetto secondo il quale bisogna essere preparati su ambo le piattaforme, visto che io lavoro in studio e non da casa mia.

Tra le altre cose privatamente uso FCP7 e non Avid Media Composer.

Ritengo però ridicolo questo tuo tentativo di farmi apparire come uno di parte, cioé tu sei quello che dice che bisognerebbe "fregiarsi del merito di aver sostenuto l'azienda"

L'emblema stesso dell'obiettività che mi scade nel più becero campanilismo.

Questi discorsi inverosimili li può fare un hobbysta non uno che deve mettere insieme il pranzo con la cena. Non si può permettere il lusso di pensare al benessere di Apple, deve pensare al benessere suo e della sua famiglia.

no dico, questo ha scritto: fregiarsi del merito di aver sostenuto l'azienda!!!

Ma sposare una causa più nobile della difesa di una multinazionale piuttosto in salute no?

ripeto: fregiarsi del merito di aver sostenuto l'azienda

A questo è arrivato la voce dell'obiettività.

che tristezza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guarda dr. che questa ricorrenza di appiccicarsi ad una frase, interpretarla come si "crede" che sia stata scritta, riportarla ossessivamente e persino amputarla per avallare una propria illazione, ha qualcosa di patologico. Vedi di affrontare il problema perché trascurarlo non è il modo migliore per risolvere.

MacUser not Used:

Se i settori dell'utenza Pro dei software Apple vorranno fregiarsi del merito di aver sostenuto l'azienda, penso dovrebbero interessarsi da subito di questi aspetti invece di perdersi in piagnistei.

Valdo77 nell'intervento d'apertura:

Scelte dure da digerire in un ambiente professionale perchè continuavano a dover cambiare macchine, softwares e soprattutto il flusso di lavoro per far fronte a incompatibilità di vario genere.

Il mondo della grafica, della produzione musicale e dell’editing video è restato fedele al Mac e gli sforzi richiesti da Steve Jobs sono stati ripagati...ma intanto qualcosa stava succedendo ad Apple.

...

Apple ha smesso di “ascoltare†gli utenti pro e cerca di reinventare software per allargare l’utenza a semiprofessionisti e amatori. I numeri danno sicuramente ragione a Cupertino ma i fedeli non si sentono appagati dei loro numerosi sforzi richiesti da Steve Jobs durante le varie transizioni.

Valdo77

Ma capisci il mio disappunto e rammarico...è come se Avid ...

...

... ma dico io, non ti verrebbe da piangere?

Forse meno in questa discussione, ma in molte altre anche qui e in altri forum ed pure in altre lingue, è ribadito il concetto che l'utenza del software Pro Apple sarebbe (sintetizzo) lo "zoccolo duro" che ha sostenuto l'azienda in un'imprecisata epoca problematica o ne ha fatto le fortune.

Persino tu hai scritto:

Io ho inteso "provocare" questo concetto con quella frase ed ho pure allegato dati che indicano precisamente l'epoca "critica" di Apple che è di molto antecedente all'avvento dei software Pro.

Se tu non capisci, o fingi di ..., dovresti almeno porti il problema che altri invece capiscono e tu ci fai la figura che a me pare evidente tu abbia fatto. Hai voluto additarmi come fossi un "dipendente" di Apple che "fomenta i credenti e stigmatizza gli eretici"? Sei poco abile nel realizzare trucchetti del genere, proprio poco ... oppure (vedi inizio) hai bisogno dello psicologo.

  • Love 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guarda dr. che questa ricorrenza di appiccicarsi ad una frase, interpretarla come si "crede" che sia stata scritta, riportarla ossessivamente e persino amputarla per avallare una propria illazione, ha qualcosa di patologico. Vedi di affrontare il problema perché trascurarlo non è il modo migliore per risolvere.

MacUser not Used:

Valdo77 nell'intervento d'apertura:

Valdo77

Forse meno in questa discussione, ma in molte altre anche qui e in altri forum ed pure in altre lingue, è ribadito il concetto che l'utenza del software Pro Apple sarebbe (sintetizzo) lo "zoccolo duro" che ha sostenuto l'azienda in un'imprecisata epoca problematica o ne ha fatto le fortune.

Persino tu hai scritto:

Io ho inteso "provocare" questo concetto con quella frase ed ho pure allegato dati che indicano precisamente l'epoca "critica" di Apple che è di molto antecedente all'avvento dei software Pro.

Se tu non capisci, o fingi di ..., dovresti almeno porti il problema che altri invece capiscono e tu ci fai la figura che a me pare evidente tu abbia fatto. Hai voluto additarmi come fossi un "dipendente" di Apple che "fomenta i credenti e stigmatizza gli eretici"? Sei poco abile nel realizzare trucchetti del genere, proprio poco ... oppure (vedi inizio) hai bisogno dello psicologo.

Mac User, sei straordinario oltre che obiettivo! Sei stato tu il primo a sostenere le mie critiche interessate per qualche rapporto occulto con Avid che hai voluto anche sottolineare nel tuo ultimo post. Illazione semplicemente imbecille. E adesso mi accusi di fare quello che hai appena fatto tu? Straordinario!

Nessun giochetto o trucco, non intendo smascherare niente, perché sei stato fin troppo esplicito, e non mi interessa nemmeno ridicolizzare la tua passione per Apple, tengo solo a precisare che in questa conversazione la tua ipotetica che vado nuovamente a citare con tanto di grassetto

"Se i settori dell'utenza Pro dei software Apple vorranno fregiarsi del merito di aver sostenuto l'azienda, penso dovrebbero interessarsi da subito di questi aspetti invece di perdersi in piagnistei."

Resta insensata

E ribadisco la mia risposta con rinnovata convinzione, nonostante il grassetto, ma cosa gliene frega ai settori dell'utenza pro di fregiarsi del merito di aver sostenuto Apple?! Ma di che parli? Ma cosa c'entra?

Ma davvero vuoi ingaggiare un confronto su queste premesse?

Gli utenti professionali cercano strumenti funzionali e convenienti, figurati cosa gliene frega di fregiarsi di queste cretinate! Ma siamo seri!

Ipotetica che non sta in piedi perché non c'è nessuna ragione per cui questa ipotesi debba verificarsi. Comunque visto che non colgo la provocazione che ritieni di avermi rivolto con questo sibillino periodo ipotetico accetto il tuo consiglio mi rivolgo allo specialista!

Anzi guarda facciamo una cosa io ho una psicologa in famiglia, ci fa un prezzo di favore, facciamo qualche seduta tandem, così io le parlo delle mie patologie, e tu della tua ossessione per Apple che ti costringe a farti avvocato di cause perse. Che dici?

Comunque prenderò ad ignorarti perché i nostri battibecchi rovinano soltanto il procedere di un confronto serio, io non sopporto i professorini in cattedra di materie che non conoscono, tu non sopporti i non devoti al culto di Apple che non si vogliono fregiare del merito di aver sostenuto l'azienda.

  • Love 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cmq un professionista,qualsiasi ambito lavori,per ritenersi tale,deve poter aver a disposizione tutto quello che il mercato offre dal semplice programma consumer a quello con funzioni particolari e sofisticate proprio perchè l'utenza con cui deve o si ipotizza aver a che fare deve avere una copertura a 360 gradi. In campo musicale funziona cosi oltre a protools hd devi saper utilizzare e districarti con cubase,live ableton logic etc etc e devi avere tutti i principali plug in che il mercato offre in commercio sempre per la possibilità di non lasciare nulla al caso.Quindi si presume che anche in ambito video oltre ad avere macchinari di ogni specie a livello hw devi avere tutti i sw inerente il tuo settore di competenza,altrimenti rimani nell'orbita dei professionisti a metà.In sintesi devi possedere sia apple che avid e prodotti adobe e anche a compatibilità di macchinari se hai programmi che ti girano su g5 ppc devi cercare di non farti mancare manco quelli altrimenti diventa tutto molto approssimativo nel settore audio/video come quello della grafica o di qualunque altro settore creativo che necessiti di una strumentazione ampia.Questo vuol dire che gli aggiornamenti hanno un valore relativo rispetto all'uso poi effettivo che si fa di tutto il sw su macchine appropriate

  • Love 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cmq un professionista,qualsiasi ambito lavori,per ritenersi tale,deve poter aver a disposizione tutto quello che il mercato offre dal semplice programma consumer a quello con funzioni particolari e sofisticate proprio perchè l'utenza con cui deve o si ipotizza aver a che fare deve avere una copertura a 360 gradi. In campo musicale funziona cosi oltre a protools hd devi saper utilizzare e districarti con cubase,live ableton logic etc etc e devi avere tutti i principali plug in che il mercato offre in commercio sempre per la possibilità di non lasciare nulla al caso.Quindi si presume che anche in ambito video oltre ad avere macchinari di ogni specie a livello hw devi avere tutti i sw inerente il tuo settore di competenza,altrimenti rimani nell'orbita dei professionisti a metà.In sintesi devi possedere sia apple che avid e prodotti adobe e anche a compatibilità di macchinari se hai programmi che ti girano su g5 ppc devi cercare di non farti mancare manco quelli altrimenti diventa tutto molto approssimativo nel settore audio/video come quello della grafica o di qualunque altro settore creativo che necessiti di una strumentazione ampia.Questo vuol dire che gli aggiornamenti hanno un valore relativo rispetto all'uso poi effettivo che si fa di tutto il sw su macchine appropriate

Non sono d'accordo, ma comunque non replico perché non ho capito coa intendi con l'ultima frase, perché gli aggiornamenti hanno un valore relativo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non sono d'accordo, ma comunque non replico perché non ho capito coa intendi con l'ultima frase, perché gli aggiornamenti hanno un valore relativo?

Dico che gli agg.ti hanno un valore relativo rispetto al complesso delle macchine hw e sw che uno studio dovrebbe possedere proprio per il fatto che questa cosa non può precludere il lavoro che uno studio fa e che certamente non se ne importa minimamente dell'ultimo agg.to di un software se per il suo lavoro utilizza macchinari che non necessitano di tali agg.ti ( almeno cosi mi è parso spesso di leggere su siti specializzati nei settori audio/video)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dico che gli agg.ti hanno un valore relativo rispetto al complesso delle macchine hw e sw che uno studio dovrebbe possedere proprio per il fatto che questa cosa non può precludere il lavoro che uno studio fa e che certamente non se ne importa minimamente dell'ultimo agg.to di un software se per il suo lavoro utilizza macchinari che non necessitano di tali agg.ti ( almeno cosi mi è parso spesso di leggere su siti specializzati nei settori audio/video)

Sicuramente non si aggiorna con frequenza anche a fronte di investimenti di decine di migliaia di euro. Però investire su una piattaforma che non verrà più sviluppata ha messo nel panico molti.

Sono stato recentemente in alcuni studi a Milano che usano Apple, sono decisamente incazzati, perdonate il francesismo.

Soprattutto in questo momento storico poi, la necessità di stare dietro al rapidissimo sviluppo digitale è alta. E' semplicemente falsa l'idea che ci si possa accontentare di Final Cut Pro 7 per gli anni a venire.

So che adesso Adobe e Avid si stanno preparando a nuove versioni che consentiranno l'importazione di progetti FCP7. L'azienda che a mio avviso può davvero sottrarre clienti a Apple è Adobe almeno nel mercato professionale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guarda dr. che questa ricorrenza di appiccicarsi ad una frase, interpretarla come si "crede" che sia stata scritta, riportarla ossessivamente e persino amputarla per avallare una propria illazione, ha qualcosa di patologico. Vedi di affrontare il problema perché trascurarlo non è il modo migliore per risolvere.MacUser not Used:

Citazione

Se i settori dell'utenza Pro dei software Apple vorranno fregiarsi del merito di aver sostenuto l'azienda, penso dovrebbero interessarsi da subito di questi aspetti invece di perdersi in piagnistei.

Valdo77 nell'intervento d'apertura:

Citazione

Scelte dure da digerire in un ambiente professionale perchè continuavano a dover cambiare macchine, softwares e soprattutto il flusso di lavoro per far fronte a incompatibilità di vario genere.

Il mondo della grafica, della produzione musicale e dell’editing video è restato fedele al Mac e gli sforzi richiesti da Steve Jobs sono stati ripagati...ma intanto qualcosa stava succedendo ad Apple.

...

Apple ha smesso di “ascoltare†gli utenti pro e cerca di reinventare software per allargare l’utenza a semiprofessionisti e amatori. I numeri danno sicuramente ragione a Cupertino ma i fedeli non si sentono appagati dei loro numerosi sforzi richiesti da Steve Jobs durante le varie transizioni.

Valdo77

Citazione

Ma capisci il mio disappunto e rammarico...è come se Avid ...

...

... ma dico io, non ti verrebbe da piangere?

Forse meno in questa discussione, ma in molte altre anche qui e in altri forum ed pure in altre lingue, è ribadito il concetto che l'utenza del software Pro Apple sarebbe (sintetizzo) lo "zoccolo duro" che ha sostenuto l'azienda in un'imprecisata epoca problematica o ne ha fatto le fortune.Persino tu hai scritto: Io ho inteso "provocare" questo concetto con quella frase ed ho pure allegato dati che indicano precisamente l'epoca "critica" di Apple che è di molto antecedente all'avvento dei software Pro. Se tu non capisci, o fingi di ..., dovresti almeno porti il problema che altri invece capiscono e tu ci fai la figura che a me pare evidente tu abbia fatto. Hai voluto additarmi come fossi un "dipendente" di Apple che "fomenta i credenti e stigmatizza gli eretici"? Sei poco abile nel realizzare trucchetti del genere, proprio poco ... oppure (vedi inizio) hai bisogno dello psicologo.

Visto che sono stato chiamato in causa vorrei precisare che mi sembra che ne io ne nessun altro in questo tread si stiano fregiando per aver sostenuto apple "negli anni bui". Il fatto di aver affrontato continui cambiamenti di tecnologie dei prodotti e software Apple, di aver giustamente sperato in migliorie che in linea di massima si sono concretizzate e quindi restando "fedeli" ad Apple, non significa fregiarsi dell'accaduto ma solo riportare quella che è stata la mia esperienza e di molti miei colleghi. E' un dato di fatto, oggettivo E per finire, che l'utenza pro sia stata o meno lo zoccolo duro nel periodo difficile per apple non mi sembra così da mettere in dubbio. Sarebbe bello valutare con i numeri.

Ad ogni modo, nulla di personale, è bello discuterne portando la propria esperienza a confronto di quella degli altri senza tirarsi pesci in faccia con frasi sarcastiche che possono essere interprette come offensive.

Mac User, sei straordinario oltre che obiettivo! Sei stato tu il primo a sostenere le mie critiche interessate per qualche rapporto occulto con Avid che hai voluto anche sottolineare nel tuo ultimo post. Illazione semplicemente imbecille. E adesso mi accusi di fare quello che hai appena fatto tu? Straordinario!Nessun giochetto o trucco, non intendo smascherare niente, perché sei stato fin troppo esplicito, e non mi interessa nemmeno ridicolizzare la tua passione per Apple, tengo solo a precisare che in questa conversazione la tua ipotetica che vado nuovamente a citare con tanto di grassetto"Se i settori dell'utenza Pro dei software Apple vorranno fregiarsi del merito di aver sostenuto l'azienda, penso dovrebbero interessarsi da subito di questi aspetti invece di perdersi in piagnistei."Resta insensataE ribadisco la mia risposta con rinnovata convinzione, nonostante il grassetto, ma cosa gliene frega ai settori dell'utenza pro di fregiarsi del merito di aver sostenuto Apple?! Ma di che parli? Ma cosa c'entra?Ma davvero vuoi ingaggiare un confronto su queste premesse?Gli utenti professionali cercano strumenti funzionali e convenienti, figurati cosa gliene frega di fregiarsi di queste cretinate! Ma siamo seri!Ipotetica che non sta in piedi perché non c'è nessuna ragione per cui questa ipotesi debba verificarsi. Comunque visto che non colgo la provocazione che ritieni di avermi rivolto con questo sibillino periodo ipotetico accetto il tuo consiglio mi rivolgo allo specialista! Anzi guarda facciamo una cosa io ho una psicologa in famiglia, ci fa un prezzo di favore, facciamo qualche seduta tandem, così io le parlo delle mie patologie, e tu della tua ossessione per Apple che ti costringe a farti avvocato di cause perse. Che dici?Comunque prenderò ad ignorarti perché i nostri battibecchi rovinano soltanto il procedere di un confronto serio, io non sopporto i professorini in cattedra di materie che non conoscono, tu non sopporti i non devoti al culto di Apple che non si vogliono fregiare del merito di aver sostenuto l'azienda.

:shock: Sono d'accordo ma restiamo calmi che è più costruttivo!

Cmq un professionista,qualsiasi ambito lavori,per ritenersi tale,deve poter aver a disposizione tutto quello che il mercato offre dal semplice programma consumer a quello con funzioni particolari e sofisticate proprio perchè l'utenza con cui deve o si ipotizza aver a che fare deve avere una copertura a 360 gradi. In campo musicale funziona cosi oltre a protools hd devi saper utilizzare e districarti con cubase,live ableton logic etc etc e devi avere tutti i principali plug in che il mercato offre in commercio sempre per la possibilità di non lasciare nulla al caso.Quindi si presume che anche in ambito video oltre ad avere macchinari di ogni specie a livello hw devi avere tutti i sw inerente il tuo settore di competenza,altrimenti rimani nell'orbita dei professionisti a metà.In sintesi devi possedere sia apple che avid e prodotti adobe e anche a compatibilità di macchinari se hai programmi che ti girano su g5 ppc devi cercare di non farti mancare manco quelli altrimenti diventa tutto molto approssimativo nel settore audio/video come quello della grafica o di qualunque altro settore creativo che necessiti di una strumentazione ampia.Questo vuol dire che gli aggiornamenti hanno un valore relativo rispetto all'uso poi effettivo che si fa di tutto il sw su macchine appropriate

E' quello che faccio in linea di massima ma il mio sequencer di lavoro è e deve essere uno (non posso conoscerli tutti a menadito ne tantomeno comprare tutto quello che offre il mercato), tutto il resto serve per aiutare il cliente nella realizzazione dei progetti utilizzando i loro software fino all'esportazione, da qui in poi lavoro io e con i miei strumenti. Se mi viene portato un progetto realizzato con Nuendo, ad esempio, e io fossi incaricato di fare il mix, e mi accorgessi che la batteria registrata ha bisogno di essere editata, cercherò di farlo con la massima velocità con i miei software per non pesare sulle tasche dei clienti che dovrebbero pagare ore o giorni supplementari per la mia conoscenza non approfondita dei workflow di editing di Nuendo. Quindi sì visione a 360 gradi ma quando si lavora si guarda solo avanti cercando di dare il massimo eliminando distrazioni e complicazioni. Quando però è il tuo software a dare complicazioni e conseguenti distrazioni ci si sente un po frustrati. Ti porto un esempio tecnico a te che utilizzi Logic. Credo che ti sarà capitato di editare il timing una batteria multi traccia e saprai benissimo che nonostante bug e difficoltà della funzione Flex, questa velocizza molto tutto il lavoro. Ovviamente di massima importanza è la coerenza di fase per non distruggere il suono della batteria o di qualsiasi materiale multitraccia. Ok, questa funzione è stata aggiunta qualche versione fa e funziona abbastanza bene. Ok, FlexTime: dopo qualche incazzatura alla fine hai le tue 12 o più traccie finalmente a tempo. Peccato tutto il lavoro fatto pesi sulla macchina visto che viene tutto ricalcolato in tempo reale e spesso può addirittura capitare che uno o più colpi suonino diversamente ad ogni volta che si preme play. Questo non dovrebbe succedere perchè è sintomo di instabilità degli algoritmi ti stretch già per altro di bassa qualità. Quindi come è buono fare in questi casi si fa un rendering....e bene, che si faccia un bounce delle tracce o un vero export, la fase fra le stesse va a putt..ne e il suono degenera. Insomma, non esiste modo di renderizzare il lavoro in modo corretto mantenendo la coerenza di fase NECESSARIA IN OGNI STRUMENTO REGISTRATO IN MULTI TRACCIA.

L'unico workaround è di patchare le tracce su più bus e creare altrettante tracce audio con gli stessi bus come input e riregistrare il risultato ...come si faceva negli anni '60. Ecco, ti dico che è stato imbarazzante incontrare questo problema davanti al cliente. Questo è solo un esempio ma ce ne sono altri anche di più gravi.

La soluzione è quindi quella di abbandonare la funzione flex ed editare a mano mettendoci circa 4 ore per la batteria di un brano oppure usare protools per l'editing finendo il lavoro in 15 minuti con risultati qualitativi impensabili per gli algoritmi di logic. Considera che il cliente deve pagare! Se questo viene moltiplicato per 9-10 brani di un disco si arriva a 40 ore di lavoro utilizzando Logic (praticamente una settimana lavorativa) contro 2,5 utilizzando ProTools.

L'aggiornamento non sarebbe certo relativo ma di importanza vitale per l'utilizzo di logic in studio di registrazione, non per correre dietro le novità ma proprio per lavorare senza intoppi!

Dico che gli agg.ti hanno un valore relativo rispetto al complesso delle macchine hw e sw che uno studio dovrebbe possedere proprio per il fatto che questa cosa non può precludere il lavoro che uno studio fa e che certamente non se ne importa minimamente dell'ultimo agg.to di un software se per il suo lavoro utilizza macchinari che non necessitano di tali agg.ti ( almeno cosi mi è parso spesso di leggere su siti specializzati nei settori audio/video)

Ripeto: L'aggiornamento non sarebbe certo relativo ma di importanza vitale per l'utilizzo di logic in studio di registrazione, non per correre dietro le novità ma proprio per lavorare senza intoppi!

E. aggiungo che prima di aggiornare con major update o di cambiare macchine faccio passare molto tempo, quando sono passato al MacPro intel è rimasto in test per quasi un anno prima di prendere il posto del G5 nella regia principale...come fanno tutti gli studi e tecnici del settore che conosco. Per me Lion sarà installato sul portatile per curiosità ma in studio arriverà sicuramente tra più di un anno o quando per qualche motivo tecnico e di compatibilità sarà necessario.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Visto che sono stato chiamato in causa vorrei precisare che mi sembra che ne io ne nessun altro in questo tread si stiano fregiando per aver sostenuto apple "negli anni bui". Il fatto di aver affrontato continui cambiamenti di tecnologie dei prodotti e software Apple, di aver giustamente sperato in migliorie che in linea di massima si sono concretizzate e quindi restando "fedeli" ad Apple, non significa fregiarsi dell'accaduto ma solo riportare quella che è stata la mia esperienza e di molti miei colleghi. E' un dato di fatto, oggettivo E per finire, che l'utenza pro sia stata o meno lo zoccolo duro nel periodo difficile per apple non mi sembra così da mettere in dubbio. Sarebbe bello valutare con i numeri.

Ad ogni modo, nulla di personale, è bello discuterne portando la propria esperienza a confronto di quella degli altri senza tirarsi pesci in faccia con frasi sarcastiche che possono essere interprette come offensive.

:shock: Sono d'accordo ma restiamo calmi che è più costruttivo!

E' quello che faccio in linea di massima ma il mio sequencer di lavoro è e deve essere uno (non posso conoscerli tutti a menadito ne tantomeno comprare tutto quello che offre il mercato), tutto il resto serve per aiutare il cliente nella realizzazione dei progetti utilizzando i loro software fino all'esportazione, da qui in poi lavoro io e con i miei strumenti. Se mi viene portato un progetto realizzato con Nuendo, ad esempio, e io fossi incaricato di fare il mix, e mi accorgessi che la batteria registrata ha bisogno di essere editata, cercherò di farlo con la massima velocità con i miei software per non pesare sulle tasche dei clienti che dovrebbero pagare ore o giorni supplementari per la mia conoscenza non approfondita dei workflow di editing di Nuendo. Quindi sì visione a 360 gradi ma quando si lavora si guarda solo avanti cercando di dare il massimo eliminando distrazioni e complicazioni. Quando però è il tuo software a dare complicazioni e conseguenti distrazioni ci si sente un po frustrati. Ti porto un esempio tecnico a te che utilizzi Logic. Credo che ti sarà capitato di editare il timing una batteria multi traccia e saprai benissimo che nonostante bug e difficoltà della funzione Flex, questa velocizza molto tutto il lavoro. Ovviamente di massima importanza è la coerenza di fase per non distruggere il suono della batteria o di qualsiasi materiale multitraccia. Ok, questa funzione è stata aggiunta qualche versione fa e funziona abbastanza bene. Ok, FlexTime: dopo qualche incazzatura alla fine hai le tue 12 o più traccie finalmente a tempo. Peccato tutto il lavoro fatto pesi sulla macchina visto che viene tutto ricalcolato in tempo reale e spesso può addirittura capitare che uno o più colpi suonino diversamente ad ogni volta che si preme play. Questo non dovrebbe succedere perchè è sintomo di instabilità degli algoritmi ti stretch già per altro di bassa qualità. Quindi come è buono fare in questi casi si fa un rendering....e bene, che si faccia un bounce delle tracce o un vero export, la fase fra le stesse va a putt..ne e il suono degenera. Insomma, non esiste modo di renderizzare il lavoro in modo corretto mantenendo la coerenza di fase NECESSARIA IN OGNI STRUMENTO REGISTRATO IN MULTI TRACCIA.

L'unico workaround è di patchare le tracce su più bus e creare altrettante tracce audio con gli stessi bus come input e riregistrare il risultato ...come si faceva negli anni '60. Ecco, ti dico che è stato imbarazzante incontrare questo problema davanti al cliente. Questo è solo un esempio ma ce ne sono altri anche di più gravi.

La soluzione è quindi quella di abbandonare la funzione flex ed editare a mano mettendoci circa 4 ore per la batteria di un brano oppure usare protools per l'editing finendo il lavoro in 15 minuti con risultati qualitativi impensabili per gli algoritmi di logic. Considera che il cliente deve pagare! Se questo viene moltiplicato per 9-10 brani di un disco si arriva a 40 ore di lavoro utilizzando Logic (praticamente una settimana lavorativa) contro 2,5 utilizzando ProTools.

L'aggiornamento non sarebbe certo relativo ma di importanza vitale per l'utilizzo di logic in studio di registrazione, non per correre dietro le novità ma proprio per lavorare senza intoppi!

Ripeto: L'aggiornamento non sarebbe certo relativo ma di importanza vitale per l'utilizzo di logic in studio di registrazione, non per correre dietro le novità ma proprio per lavorare senza intoppi!

E. aggiungo che prima di aggiornare con major update o di cambiare macchine faccio passare molto tempo, quando sono passato al MacPro intel è rimasto in test per quasi un anno prima di prendere il posto del G5 nella regia principale...come fanno tutti gli studi e tecnici del settore che conosco. Per me Lion sarà installato sul portatile per curiosità ma in studio arriverà sicuramente tra più di un anno o quando per qualche motivo tecnico e di compatibilità sarà necessario.

Concordo in tutto con la tua esposizone..... resta il fatto che hai brillantemente risolto avendo a disposizione altro sw come in questo caso protools e quindi se rifletti in sintesi vieni al mio discorso circa la cosa di avere sia hw che sw per tutte le esigenze lavorative/professionalmente parlando al fine anche di ottimizzare i costi di lavorazione che poi andrebbero inevitabilmente a ricadere sul cliente finale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Concordo in tutto con la tua esposizone..... resta il fatto che hai brillantemente risolto avendo a disposizione altro sw come in questo caso protools e quindi se rifletti in sintesi vieni al mio discorso circa la cosa di avere sia hw che sw per tutte le esigenze lavorative/professionalmente parlando al fine anche di ottimizzare i costi di lavorazione che poi andrebbero inevitabilmente a ricadere sul cliente finale

In effetti è vero...solo che non avrei voluto lavorare con due sequencer. Ora è l'unica opzione. Con solo PT mi troverei male per arrangiare e comporre, solo Logic tecnicamente non posso più farlo.

A dire il vero l'avevo scaricato illegalmente PT, poi con l'uscita del 9 (grazie al cielo nativo!) ho fatto la spesa!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In effetti è vero...solo che non avrei voluto lavorare con due sequencer. Ora è l'unica opzione. Con solo PT mi troverei male per arrangiare e comporre, solo Logic tecnicamente non posso più farlo.

A dire il vero l'avevo scaricato illegalmente PT, poi con l'uscita del 9 (grazie al cielo nativo!) ho fatto la spesa!

Mi sembra che questo discorso sia più o meno lo stesso anche riguardo chi lavora nel settore video :cold:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

a Valdo rassicuro che sono calmissimo, e che avendo deciso di ignorare Mac User Not Used, non ci sarà il rischio di scadere in nuove bagarre, per me era anche divertente battibeccare con mr. obiettività, ma capisco che si sta ammazzando il topic che merita al contrario approfondimenti.

a gennargiu dico che continuo a non capire cosa voglia implicitamente sostenere, che nel video gli utenti saranno ancora tenuti ad usare FCP X? In cosa tornerebbe utile?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

a Valdo rassicuro che sono calmissimo, e che avendo deciso di ignorare Mac User Not Used, non ci sarà il rischio di scadere in nuove bagarre, per me era anche divertente battibeccare con mr. obiettività, ma capisco che si sta ammazzando il topic che merita al contrario approfondimenti.

a gennargiu dico che continuo a non capire cosa voglia implicitamente sostenere, che nel video gli utenti saranno ancora tenuti ad usare FCP X? In cosa tornerebbe utile?

Se un cliente fa un progetto con tale programma e poi lo salva e te lo invia,oppure si trova a fare una lavorazione con tale programma e vuole che ti interscambi attraverso il medesimo che fai ???? :ciao:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se un cliente fa un progetto con tale programma e poi lo salva e te lo invia,oppure si trova a fare una lavorazione con tale programma e vuole che ti interscambi attraverso il medesimo che fai ???? :ciao:

Nella mia esperienza non è una situazione tanto comune.

C'è anche da dire che io lavoro in studio. Chiaramente in questi contesti problemi di questo genere non esistono. Alcuni studi usano nesting di sequenze con dei server centralizzati.

Forse per l'audio è diverso perché c'è maggiore concorrenza, ma nell'editing video (non parlo di motion graphics o di compositing) gli standard sono solo due. magari sarebbe da dire erano solo due?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

...

:shock: Sono d'accordo ma restiamo calmi che è più costruttivo!

...

Ripeto: L'aggiornamento non sarebbe certo relativo ma di importanza vitale per l'utilizzo di logic in studio di registrazione, non per correre dietro le novità ma proprio per lavorare senza intoppi!

E. aggiungo che prima di aggiornare con major update o di cambiare macchine faccio passare molto tempo, quando sono passato al MacPro intel è rimasto in test per quasi un anno prima di prendere il posto del G5 nella regia principale...come fanno tutti gli studi e tecnici del settore che conosco. Per me Lion sarà installato sul portatile per curiosità ma in studio arriverà sicuramente tra più di un anno o quando per qualche motivo tecnico e di compatibilità sarà necessario.

La calma sembra aver ammazzato il thread più del "battibeccare" rolleyes.gif

Rialziamolo con la notizia che "sembra" in cantiere un aggiornamento di Logic Pro sullo stile di FinalCutPro X.

Magari dovevo scrivere Riattizziamolo ... italiamac_biggrin.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non vorrei sembrare polemico: sono di Milano e da quasi 20 anni bazzico nel mondo della pubblicità (in senso lato) e recentemente anche in quello della "Produzione audio". Ho frequentato un corso presso una delle scuole per "Audio engineers" (detti volgarmente fonici nell'italico idioma) più famose ed importanti del mondo. Apple dominava in questi settori 20 anni fa così come oggi, anche se la "concorrenza" ormai è agguerrita, tanto che è facile incontrare ANCHE Windows....

Beh, se devo essere onesto AVID era uno "standard" 20 anni fa e lo è oggi. Il numero di "fonici" che usa "Logic" lo conti sulle dita di una mano, mentre quelli che usano PT (indipendentemente se su Mac o PC) sarà del 90%.

ProTools continua ad essere uno standard e (Imho) è abissalmente migliore di Logic, se si esce dal puro e semplice "Editing". Più completo, più facile, più intuitivo, Graficamente molto più elegante ed appagante....

Nella scuola che ho frequentato, molto "Apple oriented" (della serie i Pc là non entrano neanche dalla porta di servizio) ho lavorato con fiere di Mac collegati a "banchi regia" Neve da mezzo milione di euretti per l'acquisizione ed altrettanti nelle varie "Postazioni" per il successivo Mixing/Mastering... Logic ci è stato "spiegato", sono previsti due esami di Logic, ma durante tutto l'arco dell'anno si è usato quasi ESCLUSIVAMENTE PROTOOLS. Perché, a detta dei nostri stessi docenti, PT ormai è lo "Standard de facto", come lo sono Autocad o Photoshop nei rispettivi ambiti....

Final Cut l'ho visto di sfuggita nella sezione dell' Istituto dedicata al "Filmaking" e mi sembrava la versione "video" di Logic...italiamac_biggrin.gif

In quel settore quindi non so esattamente oggi cosa si usi, ma anni fa (mi sono girato TUTTE le case di produzione di Milano e i più importanti studi di montaggio video e/o registrazione) AVID era lo Standard anche lì (quando ancora la SH non aveva acquisito la digidesign, se non erro).

Quindi, onestamente non vedo dove sia il problema. Apple davanti a sé aveva una scelta: o continuare a "nutrire" una nicchia irrilevante del mercato (se metti insieme tutti i MacPro, Logic, FC Pro, e chi li utilizza non hai nemmeno un millesimo dell' income che hai sviluppando Appz per iOS...) oppure fare il grande salto ed aggredire l'utente comune...

Lo ha fatto, dal 1998 (circa) in avanti, con scelte spesso coraggiose, passaggi OBBLIGATI, dettati dai vari step tecnologici (OS9 paragonato a Windows 98 o meglio ancora NT/2000 era...impresentabileitaliamac_biggrin.gif) e "invenzioni" che hanno cambiato per sempre il corso della storia...della "nostra" piccola storia di Tech Lovers, di Nerds, di smanettoni, perlomeno...

Prima di iPhone c'erano gli smartphone...i mattonino Nokia, con quella baracca di symbian...Il Touch si poteva fare, ma a nessuno è mai venuto in mente di metterlo su un cellulare, in quel modo soprattutto....Apple lo ha fatto. Ha creato il market, iPod/iTunes e tutto il resto...

Da utente non posso che essere contento...Da professionista o ex tale dico: se per una "mancanza" come il nuovo FCX devo tornare a Windows, ai suoi [email protected] e ai suoi mazzi, all'instabilità, ai virus, al consumo esagerato di risorse...Beh....Preferisco scrivermi io un nuovo Software Audio...(magari coi Developer Tools). Mi sbatterei senza dubbio di meno e mi divertirei di più...

Salutiitaliamac_angioletto.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho letto tutto, chiedo perdono se la mia risposta laconica non potrà essere all'altezza dei contenuti del messaggio a cui, per l'appunto, rispondo, ma è vero che Pro Tools è lo standard assoluto, ma è anche vero che Logic, ancora oggi che non è piú eMagic, non è proprio da buttar via, anzi! Purtroppo non ho ancora avuto modo di utilizzare PT, ma di programmi ridicoli ne ho utilizzati, e passare a Logic è stata cosa mica da poco, non sarei proprio cosí sicuro di demolirlo in questo modo…

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

esempio di queste altre categorie di professionisti?

scarterei la fascia di programmazione, dba e BI e anche chi lavora nelle tlc e reti ;)

Scienziati...ma usano tutti Win/Linux associati agli strumenti più costosi

Ingegneri...ma anche loro usano tutti Win

Se per PRO intendiamo avvocati o analisti finanziari, che più di tabelle e pdf non usano stiamo freschi.... :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non vorrei sembrare polemico: sono di Milano e da quasi 20 anni bazzico nel mondo della pubblicità (in senso lato) e recentemente anche in quello della "Produzione audio". Ho frequentato un corso presso una delle scuole per "Audio engineers" (detti volgarmente fonici nell'italico idioma) più famose ed importanti del mondo. Apple dominava in questi settori 20 anni fa così come oggi, anche se la "concorrenza" ormai è agguerrita, tanto che è facile incontrare ANCHE Windows....

Beh, se devo essere onesto AVID era uno "standard" 20 anni fa e lo è oggi. Il numero di "fonici" che usa "Logic" lo conti sulle dita di una mano, mentre quelli che usano PT (indipendentemente se su Mac o PC) sarà del 90%.

ProTools continua ad essere uno standard e (Imho) è abissalmente migliore di Logic, se si esce dal puro e semplice "Editing". Più completo, più facile, più intuitivo, Graficamente molto più elegante ed appagante....

Nella scuola che ho frequentato, molto "Apple oriented" (della serie i Pc là non entrano neanche dalla porta di servizio) ho lavorato con fiere di Mac collegati a "banchi regia" Neve da mezzo milione di euretti per l'acquisizione ed altrettanti nelle varie "Postazioni" per il successivo Mixing/Mastering... Logic ci è stato "spiegato", sono previsti due esami di Logic, ma durante tutto l'arco dell'anno si è usato quasi ESCLUSIVAMENTE PROTOOLS. Perché, a detta dei nostri stessi docenti, PT ormai è lo "Standard de facto", come lo sono Autocad o Photoshop nei rispettivi ambiti....

Final Cut l'ho visto di sfuggita nella sezione dell' Istituto dedicata al "Filmaking" e mi sembrava la versione "video" di Logic...italiamac_biggrin.gif

In quel settore quindi non so esattamente oggi cosa si usi, ma anni fa (mi sono girato TUTTE le case di produzione di Milano e i più importanti studi di montaggio video e/o registrazione) AVID era lo Standard anche lì (quando ancora la SH non aveva acquisito la digidesign, se non erro).

Quindi, onestamente non vedo dove sia il problema. Apple davanti a sé aveva una scelta: o continuare a "nutrire" una nicchia irrilevante del mercato (se metti insieme tutti i MacPro, Logic, FC Pro, e chi li utilizza non hai nemmeno un millesimo dell' income che hai sviluppando Appz per iOS...) oppure fare il grande salto ed aggredire l'utente comune...

Lo ha fatto, dal 1998 (circa) in avanti, con scelte spesso coraggiose, passaggi OBBLIGATI, dettati dai vari step tecnologici (OS9 paragonato a Windows 98 o meglio ancora NT/2000 era...impresentabileitaliamac_biggrin.gif) e "invenzioni" che hanno cambiato per sempre il corso della storia...della "nostra" piccola storia di Tech Lovers, di Nerds, di smanettoni, perlomeno...

Prima di iPhone c'erano gli smartphone...i mattonino Nokia, con quella baracca di symbian...Il Touch si poteva fare, ma a nessuno è mai venuto in mente di metterlo su un cellulare, in quel modo soprattutto....Apple lo ha fatto. Ha creato il market, iPod/iTunes e tutto il resto...

Da utente non posso che essere contento...Da professionista o ex tale dico: se per una "mancanza" come il nuovo FCX devo tornare a Windows, ai suoi [email protected] e ai suoi mazzi, all'instabilità, ai virus, al consumo esagerato di risorse...Beh....Preferisco scrivermi io un nuovo Software Audio...(magari coi Developer Tools). Mi sbatterei senza dubbio di meno e mi divertirei di più...

Salutiitaliamac_angioletto.gif

Mah non sono del tutto d'accordo, soprattutto nel televisivo final cut si usa tanto, senza considerare tutte le salette offline o le varie piattaforme per i producer.

Ne ho visti tanti in questi mesi di disperati per FCP e a giudicare dai risultati di Adobe per la sui suite video dopo l'offerta "per gli insoddisfatti di final cut X" Ho capito chi sta cercando di prendere il posto di Apple.

Per non parlare poi delle piccole produzioni... Per me è quasi più di nicchia Avid...

Per Logic il discorso è diverso è usato meno in ambito professionale e credo che se dovesse avere una svolta alla FCX la gente si potrebbe anche adattare con meno traumi.

E' comunque evidente, torno a ripeterlo, che Apple non è più interessata al suo vecchio core business, il mercato professionale "di contenuti creativi" bisogna farsene una ragione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La calma sembra aver ammazzato il thread più del "battibeccare" rolleyes.gif

Rialziamolo con la notizia che "sembra" in cantiere un aggiornamento di Logic Pro sullo stile di FinalCutPro X.

Magari dovevo scrivere Riattizziamolo ... italiamac_biggrin.gif

eheheh.... non credo che il nuovo Logic cambierà la sostanza del software come è stato per FCP, potrebbero inglobare programmi esterni come wave burner o cambiare interfaccia (anche se non credo) ma rimarrebbe sempre un software pieno di pregi e di altrettanti difetti.

iMovie ha trasformato FinalCut mentre da Logic si è creato Garageband, la storia è decisamente diversa.

Anche se l'interfaccia lo fa sembrare un programma totalmente nuovo, Garageband è di fatto una versione ultra semplificata di Logic.

PS. avete letto l'articolo dove si parla del pazzesco incremento di vendite di Premiere a causa del passaggio di utenti FCX al software Adobe?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate, ma non sono pienamente d'accordo con ciò che viene detto. E' vero che Apple sta diventando più "per tutti", ma credo siate eccessivamente cattivi con il giudizio "Apple ha abbandonato i pro". Ci sono programmi veramente ottimi che garantiscono uno standard qualitativo splendido. Il discorso semmai è che gli stessi programmi o versioni più ridotte possono finire in mano a tutti. E' questo il nocciolo della questione? Ai pro da fastidio che il primo tredicenne possa trovarsi in mano una copia di Illustrator, Ps o Final Cut? A mio avviso poco importa: quello che sono in grado d fare io non potrebbe essere paragonato al lavoro di un grafico nemmeno se avessimo a disposizione lo stesso software e gli stessi materiali.

Capisco volere più aggiornamenti, più contenuti, ma è anche vero che qualsiasi cosa deve per forza arrivare alla saturazione e sviluppare un software completamente nuovo per un bacino di utenti immenso affezionati al prodotto - che comunque garantisce ottime performance - sarebbe una mossa economicamente molto rischiosa.

:fiorellino:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho visto questa discussione solo oggi, e purtroppo non ho veramente il tempo di leggere tutte le pagine, ma volevo lo stesso dire la mia.

Ultimamente ho letto "Steve Jobs, l'uomo che ha inventato il futuro", di William Simon, per tanti anni braccio destro di Jobs. Libro interessantissimo, che mi ha fatto capire quello che Jobs ha sempre voluto: arrivare dritto alla fascia consumer. Se ci fate caso, anche l'Apple I voleva essere un prodotto "per le masse", prendendo le distanze dal Lisa.

Penso che la vicinanza di Apple alla fascia Pro, sia figlia del primo grande periodo di assenza di Steve, ma dal 2001, con la nascita del primo grande prodotto consumer, l'iPod, Apple abbia ben fatto capire che il suo futuro era quel tipo di clientela. Tutto in un mac, ma già da anni, è rivolto ad un'esperienza di uso molto semplice, adatta ad un utente "medio": tutta la suite iLife ti permette di giocherellare a fare il musicista o a montare video, solo per fare un esempio.

E' verissimo, in definitiva, che Apple stia preferendo la fascia consumer, ma penso che questa sia sempre stata una sua volontà piuttosto esplicita. Se Apple ha cambiato il modo di intendere l'informatica e la tecnologia, e l'ha fatto, è grazie al suo inserimento nel tessuto sociale della gente, dal ragazzetto impallato con iPhone, alla persona cui semplicemente piace la tecnologia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eheheh.... non credo che il nuovo Logic cambierà la sostanza del software come è stato per FCP, potrebbero inglobare programmi esterni come wave burner o cambiare interfaccia (anche se non credo) ma rimarrebbe sempre un software pieno di pregi e di altrettanti difetti.

iMovie ha trasformato FinalCut mentre da Logic si è creato Garageband, la storia è decisamente diversa.

Anche se l'interfaccia lo fa sembrare un programma totalmente nuovo, Garageband è di fatto una versione ultra semplificata di Logic.

PS. avete letto l'articolo dove si parla del pazzesco incremento di vendite di Premiere a causa del passaggio di utenti FCX al software Adobe?

Eccoti servito

Adobe ringrazia Apple.

http://www.macitynet.it/macity/articolo/Adobe-ringrazia-Apple-dal-lancio-di-Final-Cut-X-Premiere-cresce-del-45/aA53930

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate, ma non sono pienamente d'accordo con ciò che viene detto. E' vero che Apple sta diventando più "per tutti", ma credo siate eccessivamente cattivi con il giudizio "Apple ha abbandonato i pro". Ci sono programmi veramente ottimi che garantiscono uno standard qualitativo splendido. Il discorso semmai è che gli stessi programmi o versioni più ridotte possono finire in mano a tutti. E' questo il nocciolo della questione? Ai pro da fastidio che il primo tredicenne possa trovarsi in mano una copia di Illustrator, Ps o Final Cut? A mio avviso poco importa: quello che sono in grado d fare io non potrebbe essere paragonato al lavoro di un grafico nemmeno se avessimo a disposizione lo stesso software e gli stessi materiali.

Capisco volere più aggiornamenti, più contenuti, ma è anche vero che qualsiasi cosa deve per forza arrivare alla saturazione e sviluppare un software completamente nuovo per un bacino di utenti immenso affezionati al prodotto - che comunque garantisce ottime performance - sarebbe una mossa economicamente molto rischiosa.

:fiorellino:

Tartufo, ti prego non farti ingannare dalle verità propagandistiche di chi ti dice che chi lavora con un software lo vuole complicato per renderlo meno accessibile alla concorrenza.

Il problema di FCPX non è la semplificazione del software ma le possibilità di intervento che hanno eliminato per semplificarlo.

Senza contare tutte le limitazioni che adesso non lo rendono più idoneo per il lavoro broadcast.

FCP 7 era già un programma alla portata di un bambino... che però consentiva anche un intervento più un profondità, questa possibilità non esiste più.

Per Cesto,

ne sono convinto anche io, Apple punta alla fascia consumer (almeno la massa con quattrini da spendere) e questa si può considerare una strategia aziendale legittima. Facile riscontrarlo.

La mancanza di correttezza è stata nei confronti di alcuni utenti che avevano adottato certe soluzioni professionali di Apple e che si sono trovati improvvisamente non supportati e abbandonati.

Io ho acquistato regolarmente una copia di Final Cut Studio 3, e pre le esigenze casalinghe che ho, non è una grossa disgrazia, ma ti assicuro che in alcuni studi e network televisivi del milanese si stanno strappando i capelli.

Detto questo capisco l'esigenza di non investire in un settore che non rende tanto, alla Apple non fanno beneficenza e tutte le storie della filosofia sono favole per gli stolti, l'unica filosofia della Apple è quella del dollaro, come per tutte le grandi multinazionali.

ma perché rassicurare continuamente i professionisti del broadcast che questa versione sarebbe venuta incontro alle loro esigenze quando chiaramente li avrebbe scontentati?

Perché non favorire una migrazione meno drammatica verso altre piattaforme della concorrenza, magari rendendo ancora disponibile il supporto per le vecchie versioni di FCP?

Insomma la cosa che da fastidio è questo atteggiamento dittatoriale che se ne infischia degli utenti, pretende di indirizzarli per la strada stabilita da qualche ingegnere imbecille senza comprendere le esigenze lavorative e nel caso di mancato adeguamento fa muso duro.

Alcune funzioni elementari e necessarie per il workflow broadcast si sono rifiutati di introdurre per principio! Non è un'azienda che può essere considerata affidabile per il mercato professionale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Crea un nuovo account

Accedi

Sei già iscritto? Accedi qui.

Accedi Ora

×