Vai al contenuto


MarcoMilli

Addio Apple Pro

Recommended Posts

Scusate, ma non sono pienamente d'accordo con ciò che viene detto. E' vero che Apple sta diventando più "per tutti", ma credo siate eccessivamente cattivi con il giudizio "Apple ha abbandonato i pro". Ci sono programmi veramente ottimi che garantiscono uno standard qualitativo splendido. Il discorso semmai è che gli stessi programmi o versioni più ridotte possono finire in mano a tutti. E' questo il nocciolo della questione? Ai pro da fastidio che il primo tredicenne possa trovarsi in mano una copia di Illustrator, Ps o Final Cut? A mio avviso poco importa: quello che sono in grado d fare io non potrebbe essere paragonato al lavoro di un grafico nemmeno se avessimo a disposizione lo stesso software e gli stessi materiali...

No, no e ancora no... ti ha già risposto egregiamente dr. ma volevo sottolineare che proprio non ci sei! Anzi, direi che questi software eccessivamente user friendly a discapito della completezza delle funzioni siano diseducativi per chi si avvicina al settore di produzione video e audio...voglio dire che se un giovane con una handycam e FCPX riesce ad entusiasmarsi ed appassionarsi al mondo video, troverebbe grandi difficoltà se un giorno decidesse di trasformare la passione in un lavoro perché le sue conoscenze ed esperienze sono limitate ad un utilizzo di un software totalmente diverso da quelli usati nel mondo professionale. Questo potrebbe portare ad avere qualche talentuoso in meno perché perso per strada.

PS: quali sono i software ottimi che secondo te ancora oggi Apple sviluppa per video e audio?!??! I software professionali si possono definire così quando aiutano a velocizzare processi di lavoro, sono e devono restare strumenti di lavoro, non devono lavorare al posto tuo facendoti perdere il controllo del processo perché è nel processo la vera conoscenza di un mestiere.

Penso che la vicinanza di Apple alla fascia Pro, sia figlia del primo grande periodo di assenza di Steve, ma dal 2001, con la nascita del primo grande prodotto consumer, l'iPod, Apple abbia ben fatto capire che il suo futuro era quel tipo di clientela. Tutto in un mac, ma già da anni, è rivolto ad un'esperienza di uso molto semplice, adatta ad un utente "medio": tutta la suite iLife ti permette di giocherellare a fare il musicista o a montare video, solo per fare un esempio.

E' verissimo, in definitiva, che Apple stia preferendo la fascia consumer, ma penso che questa sia sempre stata una sua volontà piuttosto esplicita. Se Apple ha cambiato il modo di intendere l'informatica e la tecnologia, e l'ha fatto, è grazie al suo inserimento nel tessuto sociale della gente, dal ragazzetto impallato con iPhone, alla persona cui semplicemente piace la tecnologia.

Tutto vero, ma una cosa non deve escludere per forza l'altra... al mondo c'è di peggio... yamaha produce bellissime moto ma non per questo ha smesso di produrre pianoforti :DD

Tartufo, ti prego non farti ingannare dalle verità propagandistiche di chi ti dice che chi lavora con un software lo vuole complicato per renderlo meno accessibile alla concorrenza.

Il problema di FCPX non è la semplificazione del software ma le possibilità di intervento che hanno eliminato per semplificarlo.

......

Insomma la cosa che da fastidio è questo atteggiamento dittatoriale che se ne infischia degli utenti, pretende di indirizzarli per la strada stabilita da qualche ingegnere imbecille senza comprendere le esigenze lavorative e nel caso di mancato adeguamento fa muso duro.

Alcune funzioni elementari e necessarie per il workflow broadcast si sono rifiutati di introdurre per principio! Non è un'azienda che può essere considerata affidabile per il mercato professionale.

:abbraccio:

In arrivo Logic Pro X… Sul serio…

ne abbiamo già parlato sopra anche se non si sa nulla per il momento

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


I software professionali si possono definire così quando aiutano a velocizzare processi di lavoro, sono e devono restare strumenti di lavoro, non devono lavorare al posto tuo facendoti perdere il controllo del processo perché è nel processo la vera conoscenza di un mestiere.

Questo è precisamente il punto, avere meno controlla limita anche le potenzialità espressive.

Altro che grazie a FCPX adesso diventeranno tutti Walter Murch

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Visto che uno dei pilastri del ragionamento del topic sarebbe la disattenzione verso le esigenze dei pro ...

... questa è la preannunciata risposta di Apple alle carenze denunciate in FCPX.

Tempo trascorso: 92 giorni (estivi) dal primo rilascio.

Un buon articolo.

La novità veramente importante per tutti è che da oggi è disponibile una versione Trial completamente funzionante per 30 giorni:

http://www.apple.com...alcutpro/trial/

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mamma mia, Mac User, sei peggio di Edward Bernays! già l'avevi scritto in un altro topic!!! Poi risulta difficile risponderti.

Comunque io credo che Apple dovrebbe premiare il tuo zelo... senza dubbio un appassionato apologeta.

A me fa piacere questa inversione di rotta, perché nel mio piccolo ho contribuito a questa battaglia, però a mio avviso resta il fatto che questa versione di Final Cut non è adeguata per un certo mercato.

L'unica speranza è che col nuovo CEO Apple possa riconsiderare il mercato professionale e che le prossime versioni di FCPX andranno in quella direzione. Non credere che la cosa mi dispiacerebbe.

Credo che tutto dipenderà dal successo che riscuoterà questo FCPX nel nuovo mercato in cui è stato riposizionato. Speriamo sia un flop!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per forza ci hanno ripensato, sul mercato "Pro" non hanno trovato milioni di bimbiminchia che comprano ad occhi chiusi ed Adobe ringrazia visto che le vendite di Premiere sono cresciute del 45% con la promo di Final Cut.

Apple comanda il mercato, apple decide e bla bla certo sui bimbiminchia e quelli che spendono 700 euro decide, sul mercato Professionale non decide una beata mazza, si siede come tutti a tavolino e ci ascolta altrimenti può anche andare a li insieme a qualsiasi azienda con questa mentalità.

  • Love 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche questo l'avrò già scritto, ma credo proprio che l'uscita di FCPX sia stata "prematura" e che il ventilato aggiornamento dell'inizio 2012 troverà la concordanza "totale" con le esigenze del mercato attuale e futuro. Se Apple continuerà a negare il supporto al nastro magnetico, lasciando la questione a terze parti come è già, credo solo sia lungimiranza .. del tipo USB nel 1998 (via i floppy) e thunderbolt nel 2011 (no USB3). Restano le problematiche della gestione di più schermi, che impone schede di terze parti che hanno poco a che fare con la logica thunderbolt, e dell'innovazione delle finestre a tutto schermo che s'adatta poco a molti software professionali.

Ribadisco che Lion, e prima ancora iOS, hanno nuovi motori grafici AV Foundation che, relativamente ai Mac, credo sia complicato armonizzare con QuickTime in questa fase di transizione. Resto convinto che il futuro dell'architettura dei Mac sia di tipo Arm e che quindi gli "scossoni" non siano ancora finiti. Aspettiamo l'audio e Logic Pro X ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche questo l'avrò già scritto, ma credo proprio che l'uscita di FCPX sia stata "prematura" e che il ventilato aggiornamento dell'inizio 2012 troverà la concordanza "totale" con le esigenze del mercato attuale e futuro. Se Apple continuerà a negare il supporto al nastro magnetico, lasciando la questione a terze parti come è già, credo solo sia lungimiranza .. del tipo USB nel 1998 (via i floppy) e thunderbolt nel 2011 (no USB3). Restano le problematiche della gestione di più schermi, che impone schede di terze parti che hanno poco a che fare con la logica thunderbolt, e dell'innovazione delle finestre a tutto schermo che s'adatta poco a molti software professionali.

Ribadisco che Lion, e prima ancora iOS, hanno nuovi motori grafici AV Foundation che, relativamente ai Mac, credo sia complicato armonizzare con QuickTime in questa fase di transizione. Resto convinto che il futuro dell'architettura dei Mac sia di tipo Arm e che quindi gli "scossoni" non siano ancora finiti. Aspettiamo l'audio e Logic Pro X ...

Ed io ti ribadisco che non è il framework AV Foundation il problema, ma che è basato su iMovie questo software non ci credi? fai un pò di reverse engineer e controlla tu stesso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo che tutto dipenderà dal successo che riscuoterà questo FCPX nel nuovo mercato in cui è stato riposizionato. Speriamo sia un flop!

Quoto

...e aggiungo che questo aggiornamento tenta di tappare un buco troppo grande. L'approccio nuovo di FCPX è comunque lontano dal mondo dei montatori pro...bellissima tecnologia e facilità d'uso dell'interfaccia ma pur sempre lontano dal software che gli utenti chiedono...perlomeno a mio avviso

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ed io ti ribadisco che non è il framework AV Foundation il problema, ma che è basato su iMovie questo software non ci credi? fai un pò di reverse engineer e controlla tu stesso.

Non capisco cosa tu intenda. AV FoundationCF.framework è uno dei 211 Framework che in Lion si trovano in: ~ > Sistema > libreria > Private Frameworks. In SnowLeopard ci sono solo 150 Framework e quello di AV Foundatione prima dell'aggiornamento 10.6.8 non c'era. Me lo dice con estrema precisione il mio backup dei 2 sitemi (2 partizioni) in Time Machine.

Cosa ci azzecca un componete di sistema con un'applicazione? ... nel tuo ragionamento, perché ovviamente il sistema c'entra ... eccome.

E poi quale sarebbe "il problema" di FCPX? ... lasciando perdere quelli di chi non lo usa e non l'ha mai nemmeno visto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo che winandmac43 intenda dire che il cambio estremo di FCP non dipende dal nuovo framework.

Che il cambio di framework non sia indolore nessuno lo mette in dubbio ma non è una giustificazione al cambio di rotta. Potevano tranquillamente sviluppare un successore senza stravolgere l'interfaccia e le funzioni indipendentemente da AV Foundation.

Che FCPX è un'evoluzione di iMovie non credo sia da mettere in discussione e al di là delle funzioni, è proprio questo che non piace e non convice perché, anche se verrà aggiornato con tutte le caratteristiche mancanti e richieste, obbliga a cambiare metodologie di lavoro.

  • Love 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ti hanno già risposto sotto, non è AV Foundation il framework che è giovane a dare problemi, ma la base della riscrittura di FCX che è iMovie, non mi puoi riscrivere un software "Pro" e ti basi su iMovie, non mi puoi mettere come "import" iMovie e tutto il resto.

La loro intenzione è di dedicarsi solo al mercato Consumer, era molto meglio chiamarlo iMovie Pro o FCX Express.

P.S. Dei problemi di FCX ne abbiamo discusso già abbastanza, quindi direi basta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

... la base della riscrittura di FCX che è iMovie, non mi puoi riscrivere un software "Pro" e ti basi su iMovie ...

Cosa posso dire? Che dubito che tu abbia provato seriamente ad utilizzare FCPX? Che nella migliore delle ipotesi penso che tu giudichi col preconcetto conservatore dell'abitudine a priori? Che di alcune performance qualitative e velocistiche nemmeno ti curi? Che se c'è qualcosa da rilevare è che serve una macchina adeguata per usarlo e 32 GB di memoria per reggere sul serio il Rendering in tempo reale? Ma ... fai un po' tu.

Aggiungo per gli interessati: adesso Color si può utilizzare ... e servisse, questo è il link all'Aiuto on line.

Tutti i professionisti che hanno continuato negli ultimi 3 mesi ad usare FCP7, senza patemi d'animo, credo che al prossimo aggiornamento potranno migrare senza alcuna remora.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cosa posso dire? Che dubito che tu abbia provato seriamente ad utilizzare FCPX? Che nella migliore delle ipotesi penso che tu giudichi col preconcetto conservatore dell'abitudine a priori? Che di alcune performance qualitative e velocistiche nemmeno ti curi? Che se c'è qualcosa da rilevare è che serve una macchina adeguata per usarlo e 32 GB di memoria per reggere sul serio il Rendering in tempo reale? Ma ... fai un po' tu.

Aggiungo per gli interessati: adesso Color si può utilizzare ... e servisse, questo è il link all'Aiuto on line.

Tutti i professionisti che hanno continuato negli ultimi 3 mesi ad usare FCP7, senza patemi d'animo, credo che al prossimo aggiornamento potranno migrare senza alcuna remora.

Dubito che tu oltre che portare la bandiera, non hai provato FCX e il 45% in più di vendite di Premiere mi sono da testimonie.

La base di FCX è iMovie, non ci credi? fai reverse engineer e controlla tu stesso.

P.S. Che diavolo c'entra che il software adesso sfrutta tutto hardware con la base da dove è partita la scrittura del software?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche questo l'avrò già scritto, ma credo proprio che l'uscita di FCPX sia stata "prematura" e che il ventilato aggiornamento dell'inizio 2012 troverà la concordanza "totale" con le esigenze del mercato attuale e futuro.

...

Ribadisco che Lion, e prima ancora iOS, hanno nuovi motori grafici AV Foundation che, relativamente ai Mac, credo sia complicato armonizzare con QuickTime in questa fase di transizione. Resto convinto che il futuro dell'architettura dei Mac sia di tipo Arm e che quindi gli "scossoni" non siano ancora finiti. Aspettiamo l'audio e Logic Pro X ...

Ed io ti ribadisco che non è il framework AV Foundation il problema, ma che è basato su iMovie questo software non ci credi? fai un pò di reverse engineer e controlla tu stesso.

Mi fa piacere ritornare su queste pagine scritte "a caldo" e più con le viscere che con la logica.

Ora è uscita la terza versione di FCPX e, a soli 7 mesi dal "putiferio" tutto quest'abbandono del settore Pro sembra proprio una lamentazione che, se italica, sarebbe stata pure comprensibile vista l'arretratezza culturale e tecnologica in cui ci dibattiamo come "popolo", ma che a livello mondiale non può che essere stata altro che una grossa operazione propagandistica anti Apple e "pro domo loro" dei diretti concorrenti. Propaganda in cui parecchi "polli" nostrani si sono industriati a fare l'eco del peggior allarmismo.

Resta ancora da chiarire che ne è di Logic Pro (il suo aggiornamento a che punto sta Marmilli?) mentre ormai mancano solo poche settimane al rilascio dei nuovi Xeon da parte di Intel, e quindi vedremo quante ragioni avessero coloro che ritenevano che Apple avesse deciso d'abbandonare la linea ammiraglia dei MacPro.

Non mi va di rileggere tutti i post e di controllare se era questo il thread su cui si discuteva di capacità multimonitor. Allora già esisteva la scheda Kona ed i driver (in beta) di AJA , le periferiche di BlackMagic e di Matrox, ora c'è pure il supporto ufficiale Apple ...

… ora che naturalmente il televisore a tubo catodico e con risoluzione 720 x 576 è quasi definitivamente superato in quella parte del mondo civilizzato che fruisce di trasmissioni digitali (terrestri e satellitari) ovviamente in risoluzione HD tendente al FullHD generalizzato e su apparecchi a schermo piatto.

… mah ...

update_monitoring.jpg

Dimenticavo: ora si può pure proseguire con FCPX un progetto iniziato in FCP7. Serve un'applicazione di terze parti che costa, pensate un po', $ 9,99 !!!

… Apple Reinvents Multicam Editing in Final Cut Pro X v10.0.3 Update | Studio Daily ...

One such App, a $9.99 XML translator from Intelligent Assistance called 7toX, will be a godsend to editors with existing FCP7 projects. Developed by Philip Hodgetts and also available today in the Mac App Store, the tool converts FCP 7 XML to the new flavor of XML in Final Cut Pro X—itself updated to version 1.1 in this release—letting you bring projects forward from Final Cut Pro 7 directly into Final Cut Pro X

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io non ho capito quali sono le tue referenze nel settore video.

Avessi parlato con un professionista che vede in iCoso Pro un sw degno di esser considerato uno strumento di lavoro.

E i professionisti con cui ogni tanto ho il piacere di parlare (e lavorare) si guadagnano il pane in RAI, Mediaset, Sky e Disney, da diversi anni.

Ora io non credo che tutti questi siano una massa di pecoroni e uno che viene a propinarmi un iMac, un TB Display e iMovie Pro come soluzione lavorativa un genio venuto dal futuro, permettimi.

Quindi vorrei capire: esattamente che esperienza hai nel settore?

Conosci le varie soluzioni Apple, Avid, Adobe?

Le usi quotidianamente per prodotti broadcasting?

Per capire, altrimenti mi risulta un po' ostico come credere ai fanboys che vedono in iMovie per iPad il Futuroâ„¢, quella vaccata tanto grossa chiamata l'era PostPc.

:hihihehe:

  • Love 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A mo parere, SE Apple sta effettivamente abbandonando l'utenza pro a se stessa si sta dando una grossa zappata sui piedi. Si può benissimo sviluppare software per lavoro e sia software per common-users senza perderci niente, non mi sembra che a cupertino manchino risorse o personale. Direi più che siamo di fronte all'ennesima contraddizione stile Apple, una delle tante che ha fatto nel corso degli anni.

Per quanto mi riguarda, utilizzandolo principalmente per lo sviluppo di grafica bidimensionale a livello amatorialprofessionistico (nuovo termine TM), non ho nulla da ricriminare. Ma potrei fare cmq tutto quello che faccio oggi pure su un buon pc, i software sono gli stessi. Il perchè Apple era per me solo una questione di "piacere" e di robustezza hardware/osx lungo lo scorrere del tempo. (ergo sono più belli, danno meno grattacapi e durano mediamente di più). Poi ovvio che se dovessi perdere alcuni software a causa di qualche politica aziendale alternativa da Cupertino (vedi litigio al limite dell'infantile con Adobe riguardo flash, la quale minacciò di ritirare i suoi software dal bacino utenza osx....) tornerei a Winzozz, con tutti gli svantaggi che ciò porta (anche se la versione 7 non mi pare poi tanto malaccio, rispetto alle prime versioni di vista sono molti passi avanti), ma daltraparte il pc resta una macchina, uno strumento per fare quello che devi fare.

L'affetto e l'estetica entrano in secondo piano difronte alla pagnotta quotidiana !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io con la produzione di corti per aziende guadagno una non indifferente parte del mio pane e del mio companatico quotidiano. Quindi penso di poter parlare in quanto "utente Pro". Appena uscito il nuovo FCP ero incaxxiato come un toro incaxxiato. Non ci capivo niente, aveva una serie di notevoli limitazioni (di cui si è abbondantemente parlato e non ci torno quindi sopra) e -last but not least- non importava i progetti fatti con la versione precedente ma quelli di iMovie!!! :mad: Costava poco, è vero, e lo potevi legalmente installare su 5 macchine ma non me ne fregava niente di aver risparmiato se poi l'applicazione non andava.

Confesso che anch'io sono stato tentato dalle offerte Premiere e Avid, ma poi un po' per assenza di lavoro urgente un po' per pigrizia -del resto non conoscevo nemmeno i software di Adobe e Avid- ho lasciato perdere. Poco dopo il primo aggiornamento di FCP X ho ricevuto una commessa da liquidare a brevissimo. Potevo scegliere se montare con il FCP 7 a 32 bit o con il nuovo a 64 bit. Ho deciso di fare un tentativo serio, francamente il primo, di capire come caxxio funzionasse FCP X abbandonando completamente qualsiasi ricordo del 7 e trattandolo come fosse un software completamente nuovo di pacca. Beh, ci ho messo un paio di ore a capire come funziona e devo dire che è molto meno ostico di quanto mi fosse apparso in un primo tempo. Ammetto che il problema era che mi ostinavo a ragionare con le vecchie logiche e sillogismi e quindi mi trovavo in braghe di tela. Approcciato come un nuovo software devo dire che non mi è sembrato niente male. Ha fatto il suo lavoro, sfruttato la potenza del mio Mac e alla fine sono riuscito a confezionare un bel prodotto che ha soddisfatto in toto il committente. Ieri ho fatto il terzo aggiornamento, beh devo dire che sono ancora più soddisfatto di non essere passato a Premiere o, peggio ancora in termini economici, ad Avid. Editing multicam più che soddisfacente, ottima gestione del chroma key, soddisfatto del miglior supporto all'XML e ai plugin. Penso che con un ulteriore sforzo dovremmo essere a posto.

Quello che non riesco a comprendere perché Apple non abbia rilasciato direttamente questa versione. Forse qualche critica se la sarebbe attirata lo stesso ma non tutto questo casino. Decisione resa ancor più incomprensibile dal fatto che non hanno ancora rilasciato i nuovi MacPro con il nuovo processore Intel. Avrebbero potuto fare tutto insieme nella prossima primavera e saremmo stati tutti (o quasi) felici e contenti. :ok:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusami Pan, davvero non voglio screditare il tuo lavoro né la tua professionalità... ma tu fai dei video istituzionali per conto tuo, davvero potresti usare qualsiasi software.

Il problema non è che FCPX non sia un buon software di per se... Io trovo alcune sue semplificazioni scomode, ma sarà anche questione di abitudine...

Il problema è che non si presta a specifici (e predeterminati) workflow - soprattutto in ambito broadcasting/pubblicitario - che non si possono cambiare dall'oggi al domani.

Non so se la questione è chiara?

La lungimiranza di cui parlava l'avvocato di FCPX, è tale da non consentire una migrazione verso questa soluzione.

Nel futuro FCPX tornerà a essere una soluzione professionale?! Possibile, io però devo preoccuparmi del presente.

A XandeRob dico di non interrogare troppo il nostro amico notused sulle sue competenze in ambito video, ha ammesso candidamente di non averne. Lui è un evangelizzatore!

io con la produzione di corti per aziende guadagno una non indifferente parte del mio pane e del mio companatico quotidiano. Quindi penso di poter parlare in quanto "utente Pro". Appena uscito il nuovo FCP ero incaxxiato come un toro incaxxiato. Non ci capivo niente, aveva una serie di notevoli limitazioni (di cui si è abbondantemente parlato e non ci torno quindi sopra) e -last but not least- non importava i progetti fatti con la versione precedente ma quelli di iMovie!!! :mad: Costava poco, è vero, e lo potevi legalmente installare su 5 macchine ma non me ne fregava niente di aver risparmiato se poi l'applicazione non andava.

Confesso che anch'io sono stato tentato dalle offerte Premiere e Avid, ma poi un po' per assenza di lavoro urgente un po' per pigrizia -del resto non conoscevo nemmeno i software di Adobe e Avid- ho lasciato perdere. Poco dopo il primo aggiornamento di FCP X ho ricevuto una commessa da liquidare a brevissimo. Potevo scegliere se montare con il FCP 7 a 32 bit o con il nuovo a 64 bit. Ho deciso di fare un tentativo serio, francamente il primo, di capire come caxxio funzionasse FCP X abbandonando completamente qualsiasi ricordo del 7 e trattandolo come fosse un software completamente nuovo di pacca. Beh, ci ho messo un paio di ore a capire come funziona e devo dire che è molto meno ostico di quanto mi fosse apparso in un primo tempo. Ammetto che il problema era che mi ostinavo a ragionare con le vecchie logiche e sillogismi e quindi mi trovavo in braghe di tela. Approcciato come un nuovo software devo dire che non mi è sembrato niente male. Ha fatto il suo lavoro, sfruttato la potenza del mio Mac e alla fine sono riuscito a confezionare un bel prodotto che ha soddisfatto in toto il committente. Ieri ho fatto il terzo aggiornamento, beh devo dire che sono ancora più soddisfatto di non essere passato a Premiere o, peggio ancora in termini economici, ad Avid. Editing multicam più che soddisfacente, ottima gestione del chroma key, soddisfatto del miglior supporto all'XML e ai plugin. Penso che con un ulteriore sforzo dovremmo essere a posto.

Quello che non riesco a comprendere perché Apple non abbia rilasciato direttamente questa versione. Forse qualche critica se la sarebbe attirata lo stesso ma non tutto questo casino. Decisione resa ancor più incomprensibile dal fatto che non hanno ancora rilasciato i nuovi MacPro con il nuovo processore Intel. Avrebbero potuto fare tutto insieme nella prossima primavera e saremmo stati tutti (o quasi) felici e contenti. :ok:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Leggere il tuo post con Every breath you take dei Police ha un certo fascino.

Credo che Apple abbia intrapreso questa strada dal 2007, data d'uscita dell'iPhone. Bene o male fino a quella data i vari prodotti seguivano più o meno sempre la stessa filosofia.

Purtroppo sono giovane e ho un iMac da appena un anno e mezzo ( si mi sono deciso tardi a comprarlo ) e avrei tanto voluto essere utente Apple da più tempo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ci siamo, i nuovi mac pro sono all'orizzonte, logic pro X sembra sia in uscita... dopo lunghe (4 anni dal rilascio di Logic 9!!!) mi sono chiesto perché non riesumare questo vecchio post?

Magari avremo l'occasione di tirare le somme e avere solide conferme o qualche smentita.

Lunedì prossimo dovremmo sapere qualcosa dal WWDC. I rumors su mac pro in stile mac mini modulari (?) sono sconcertanti. C'è chi la vede in negativo e chi in positivo... dipende tutto dall'interpretazione che si da a queste vaghe notizie. Come già noto a tutti, io la speranza l'ho persa da tempo ma ...mai dire mai!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

[Caro Marco Milli (o Valdo77), ci racconti qualcosa di più del tuo lavoro a cui devi "ricominciare a pensare", per il quale ti devi "reinventare", il cui "vecchio amato software" ti è stato proditoriamente ... annichilito?]

 

Quattro parole...

Non cito i professionisti del "video", né quelli che elaborano foto e neppure di quelli che utilizzano il Mac con altre applicazioni, sempre cosiddette, professionali, ma voglio considerare solo quelli che si interessano di "Audio". Qualsiasi persona, a meno che non sia un "bimbomichia", avrà notato di certo che la stragrande maggioranza di CD prodotti attualmente sono inascoltabili sotto il profilo strettamente tecnico, ovviamente non utilizzando l'iPod ma un decente impianto HiFi, anche se questa parola è divenuta sconosciuta. Suoni e voci distorte. Dinamica di registrazione inesistente (piatta) talmente esagerata che la forma d'onda è in clipping in maniera generale. Confusione d'ascolto che diventa estremamente sgradevole ed irritante per tutta la durata del CD. Tanti altri difetti che ometto. Per dirla brevemente, una vera "merdaccia". Per fortuna esistono ancora, da cercarli col l'anternino, CD di qualità per intenditori della buona musica sia di contenuto che di tecnica di registrazione. Allora mi chiedo, come mai sia possibile mettere in commercio simile robaccia dopo aver utilizzato HW e SW di ultima generazione strettamente professionali? Quando digitalizzo un mio LP tenuto in perfette condizioni con un vecchio Mac PPC a 500 MHz, Spark XL Professional e scheda interna Waveterminal 2496, il risultato è ottimo nonostante il computer, scheda e SW siano praticamente  obsoleti. Si badi bene, ho parlato di estrarre tracce da LP e non da nastri Master che rappresenterebbero il massimo. Il risultato è ottimo già a 16 e 44.100 ma, volendo strafare, un 24 ed 88.200 sarebbe il massimo. Lascio a chi ci crede i files a 96, a 192 ed oltre. Allora, questi "professionisti" che sfornano tali immondizie utilizzando computer superpotenti "professionali", attrezzature d'avanguardia, ultimissime applicazioni "professionali" per detti computer, non hanno certo bisogno di un Mac Pro nuovo ma di un bel calcio ne c..... . Che andassero alle scuole serali, altro che mondo Apple Pro.

 

Ciao.

René

Modificato da Renè

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
 
 

[Caro Marco Milli (o Valdo77), ci racconti qualcosa di più del tuo lavoro a cui devi "ricominciare a pensare", per il quale ti devi "reinventare", il cui "vecchio amato software" ti è stato proditoriamente ... annichilito?]

 

Quattro parole...

Non cito i professionisti del "video", né quelli che elaborano foto e neppure di quelli che utilizzano il Mac con altre applicazioni, sempre cosiddette, professionali, ma voglio considerare solo quelli che si interessano di "Audio". Qualsiasi persona, a meno che non sia un "bimbomichia", avrà notato di certo che la stragrande maggioranza di CD prodotti attualmente sono inascoltabili sotto il profilo strettamente tecnico, ovviamente non utilizzando l'iPod ma un decente impianto HiFi, anche se questa parola è divenuta sconosciuta. Suoni e voci distorte. Dinamica di registrazione inesistente (piatta) talmente esagerata che la forma d'onda è in clipping in maniera generale. Confusione d'ascolto che diventa estremamente sgradevole ed irritante per tutta la durata del CD. Tanti altri difetti che ometto. Per dirla brevemente, una vera "merdaccia". Per fortuna esistono ancora, da cercarli col l'anternino, CD di qualità per intenditori della buona musica sia di contenuto che di tecnica di registrazione. Allora mi chiedo, come mai sia possibile mettere in commercio simile robaccia dopo aver utilizzato HW e SW di ultima generazione strettamente professionali? Quando digitalizzo un mio LP tenuto in perfette condizioni con un vecchio Mac PPC a 500 MHz, Spark XL Professional e scheda interna Waveterminal 2496, il risultato è ottimo nonostante il computer, scheda e SW siano praticamente  obsoleti. Si badi bene, ho parlato di estrarre tracce da LP e non da nastri Master che rappresenterebbero il massimo. Il risultato è ottimo già ha 16 e 44.100 ma, volendo strafare, un 24 ed 88.200 sarebbe il massimo. Lascio a chi ci crede i files a 96, a 192 ed oltre. Allora, questi "professionisti" che sfornano tali immondizie utilizzando computer superpotenti "professionali", attrezzature d'avanguardia, ultimissime applicazioni "professionali" per detti computer, non hanno certo bisogno di un Mac Pro nuovo ma di un bel calcio ne c..... . Che andassero alle scuole serali, altro che mondo Apple Pro.

 

Ciao.

René

questo è dato dal fatto che viene aumentata all esagerazione l'amplitudine dell' onda sonora (banalmente, il volume) già in fase di mastering, ergo dato che tutto l'eccedenza di un picco sonoro che supera i limiti del supporto viene semplicemente appiattito, clipping appunto, si ottiene una dinamica ridotta.

Tutto cioè è 'giustificato' dal fatto che, psicologicamente, siamo portati a favorire un suono dal volume più alto, e dalla scarsa cultura musicale di oggi... prova a chiedere a un ragazzotto di 15  anni cos'è la dinamica.....+

La tecnologia qui c'entra poco


 
 
Modificato da shelby67

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

da semplice utente dico solo che se al prossimo WWDC 2013 non si vedono uscire i prossimi Mac Pro, Apple non solo si è data la zappa sui piedi ma credo proprio si sia avviata sul viale della propria fine ...non dico che il settore pro sia essenziale, ma per ricerca e sviluppo credo sia essenziale....vedremo, spero solo si sveglino dal torpore che li contraddistingue dalla morte di Steve!

Modificato da Vladimir74

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'abbandono del settore Pro è iniziato con Steve e pervicacemente perseguito negli anni della sua amministrazione, ancor prima del lascito a Cook.

Poi che il settore Pro si sia comunque adeguato, in qualche modo, agli abbandoni dell'azienda, è più per una continuità sugli investimenti che non perché Jobs o chi per lui meritassero fiducia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nel frattempo come hai continuato a lavorare?

Col Mac Pro o ti sei dato a Piastrelle?

Ancora MacPro ma solo rarissime volte con Logic.

 

[Caro Marco Milli (o Valdo77), ci racconti qualcosa di più del tuo lavoro a cui devi "ricominciare a pensare", per il quale ti devi "reinventare", il cui "vecchio amato software" ti è stato proditoriamente ... annichilito?]

 

Quattro parole...

Non cito i professionisti del "video", né quelli che elaborano foto e neppure di quelli che utilizzano il Mac con altre applicazioni, sempre cosiddette, professionali, ma voglio considerare solo quelli che si interessano di "Audio". Qualsiasi persona, a meno che non sia un "bimbomichia", avrà notato di certo che la stragrande maggioranza di CD prodotti attualmente sono inascoltabili sotto il profilo strettamente tecnico, ovviamente non utilizzando l'iPod ma un decente impianto HiFi, anche se questa parola è divenuta sconosciuta. Suoni e voci distorte. Dinamica di registrazione inesistente (piatta) talmente esagerata che la forma d'onda è in clipping in maniera generale. Confusione d'ascolto che diventa estremamente sgradevole ed irritante per tutta la durata del CD. Tanti altri difetti che ometto. Per dirla brevemente, una vera "merdaccia". Per fortuna esistono ancora, da cercarli col l'anternino, CD di qualità per intenditori della buona musica sia di contenuto che di tecnica di registrazione. Allora mi chiedo, come mai sia possibile mettere in commercio simile robaccia dopo aver utilizzato HW e SW di ultima generazione strettamente professionali? Quando digitalizzo un mio LP tenuto in perfette condizioni con un vecchio Mac PPC a 500 MHz, Spark XL Professional e scheda interna Waveterminal 2496, il risultato è ottimo nonostante il computer, scheda e SW siano praticamente  obsoleti. Si badi bene, ho parlato di estrarre tracce da LP e non da nastri Master che rappresenterebbero il massimo. Il risultato è ottimo già a 16 e 44.100 ma, volendo strafare, un 24 ed 88.200 sarebbe il massimo. Lascio a chi ci crede i files a 96, a 192 ed oltre. Allora, questi "professionisti" che sfornano tali immondizie utilizzando computer superpotenti "professionali", attrezzature d'avanguardia, ultimissime applicazioni "professionali" per detti computer, non hanno certo bisogno di un Mac Pro nuovo ma di un bel calcio ne c..... . Che andassero alle scuole serali, altro che mondo Apple Pro.

 

Ciao.

René

Condivido buona parte di quello che dici ma non c'entra niente l'hardware, il software o qualsiasi altro strumento. Il risultato dei brani "senza dinamica" sono dovuti ad un modo di fare mastering decisamente troppo spinto che purtroppo piace agli ascoltatori meno esigenti ma che castra la musica delle sue più belle caratteristiche. Sono ormai pochi i lavori fatti con gusto ma tieni presente che tanti brani esageratamente compressi con livelli di dbu pazzeschi non sono un errore ma il risultato di scelte fatte non da "bimbiminchia" ma da tecnici che sanno perfettamente quello che fanno anche se non da tutti condivisibile. Spero proprio che questa moda finisca ridando il giusto spazio alla dinamica... ma ad essere sincero non sembra che il mondo si muova in questa direzione!!!  :ghghgh:

 

 
 

questo è dato dal fatto che viene aumentata all esagerazione l'amplitudine dell' onda sonora (banalmente, il volume) già in fase di mastering, ergo dato che tutto l'eccedenza di un picco sonoro che supera i limiti del supporto viene semplicemente appiattito, clipping appunto, si ottiene una dinamica ridotta.

Tutto cioè è 'giustificato' dal fatto che, psicologicamente, siamo portati a favorire un suono dal volume più alto, e dalla scarsa cultura musicale di oggi... prova a chiedere a un ragazzotto di 15  anni cos'è la dinamica.....+

La tecnologia qui c'entra poco

 

 

esatto... non entriamo nel dettaglio tecnico perché andremmo non solo OT ma anche OutForum!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Felicissimo di sapere che i Mac Pro non sono stati abbandonati...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La Morte Nera... :ninja:

Fico eh? Magari poco Pro in alcune scelte ma decisamente potente.

E poi puoi asciugarti i capelli direttamente in postazione, che non è mica roba da poco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La Morte Nera... :ninja:

Fico eh? Magari poco Pro in alcune scelte ma decisamente potente.

E poi puoi asciugarti i capelli direttamente in postazione, che non è mica roba da poco.

Anche io sinceramente ho pensato subito di usarlo come phoon :-D :-D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Crea un nuovo account

Accedi

Sei già iscritto? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Statistiche forum

    529121
    Discussioni Totali
    6333429
    Risposte Totali
  • Statistiche Utenti

    122116
    Utenti totali
    14120
    Record utenti online
    alice909
    Nuovo iscritto
    alice909
    Iscritto
  • Statistiche annunci

    119
    Annunci attivi
    18
    Domande
    0
    Recensioni
    0
    Offerte
    Ultimi Annunci
    By angillo
    29 giorni e 9 ore
×