Vai al contenuto

Benvenuto nella community di Italiamac Forum

Guest Image

Benvenuto su Italiamac, la più grande comunità AMUG italiana riconosciuta da Apple. La consultazione è libera. Se vuoi anche partecipare attivamente alle discussioni pubblicando post e messaggi puoi iscriverti gratuitamente, avrai molti vantaggi:

  • Pubblicare post, messaggi e richieste di aiuto
  • Fare amicizia e usare i messaggi privati fra utenti
  • Pubblicare annunci di vendita di usato
  • Usare tutte le funzioni della community

ISCRIVITI GRATIS


Change Mode






Progettazione 3d


d31

Recommended Posts

Tutto corretto.

Concordo al 90% con ZdR, se non fosse che esiste anche il mercato del lavoro.

Se sai usare SOLAMENTE Vectorworks o altro, ti tagli fuori Da moltissimi studi che non usano quel programma.

Inutile riepilogare aspetti positivi o negativi di Autocad o altri, parlo solamente di mercato del lavoro e di quanto sia gia difficile trovare lavoro. La stragrande maggioranza di studi di Architettira usano Autocad. Almeno questa e` stata la mia esperienza, saro` stato "sfortunato".

Ho conosciuto anche uno studio che usava solo powercad e sketchup, ma e` stata un'eccezione unica.

Quindi la mia conclusione e` che imparare un solo software al 100% piottosto che 1000 software al 30% e` piu` che saggio, pero` bisogna anche saper maneggiare un poco Autocad etc.. altrimenti si rischia di essere tagliati fuori.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 81
  • Created
  • Ultima Risposta

Se si capisce questo si capirá meglio che fare il render strafico conta quasi nulla nella stragrande maggioranza dei casi. Ovviamente c'è chi sarà il picasso dei render, ma credo davvero che chi non è picasso senza computer non arriverá lontano.

qui mi piacerebbe spendere due parole... e mi rivolgo a chi vuole fare della grafica 3d la sua professione a chi vuole vendersi come professionista ai vari studi di architettura o alle aziende:

"Tecnici" fenomenali ne esistono tantissimi, troppi direi, maghi del tal software superveloci, che conoscono ogni singolo comando...

fenomeni veri invece (son quelli che poi lavorano e guadagnano bene) ne esistono invece pochissimi... la differenza?

Non è la bravura tecnica a produrre una buona immagine o un buon video, ma un insieme di fotografia, composizione artistica, studio del colore e della luce, oggettistica, ambientazione e forse alla fine la base tecnica che ovviamente ci deve essere.

Questo per dire che chi ha la pretesa di vendersi in questo campo deve avere molti alti interessi e studiare tantissimo non solo nel campo software.

Concludendo, tornassi indietro eviterei di (come ho fatto) imparare questi programmi da studente

Archicad

Ps

Ai

Indesign

sul resto posso anche essere concorde ma a mio personalissimo avviso la facilità e la velocità che archicad da per raggiungere un risultato 3d efficace in tempi ridotti è impareggiabile.

Certo non si possono avere grandi pretese nella qualità dell'immagine ma è una questione di produttività, lavorando in parametrico con le librerie già pronte in pochi attimi si può tirar fuori un prodotto adeguato alle esigenze... poi certo se ti chiami Peter Eisenman forse archicad non va bene.

Anche la suite Adobe per chi vuole fare grafica 2d in modo serio, operando sulle proprie immagini o producendo brochures, pieghevoli o altro è fondamentale, ma certo può essere sostituita da altri softwares meno costosi.

Facendo cosí poi e scegliendo si capirá che autocad fa SCHIFO e quindi, appunto perchè è il programma più diffuso,

no dai non essere così cattivo.. (o beh sarei anche d'accordo;) ) io sono stato più delicato... potresti trascinare in questa discussione tutti gli appassionati utilizzatori di Autocad...

diciamo che per come la vedo io Autocad è per gli ingegneri e Vector per gli architetti ;)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tutto corretto.

Se sai usare SOLAMENTE Vectorworks o altro, ti tagli fuori Da moltissimi studi che non usano quel programma.

se ti faccio l'elenco di dwg che apro esporto e che metto in ordine meglio di gente che usa autocad da secoli in studi tecnici ti ricredi di quello che pensi erroneamente? io non so chi vi ha messo in testa sta idea che se non usi autocad non scambi file in dwg. La non inteoperabilità è definita dall'incapacità di creare un elaborato pulito e gestibile da terzi, e il formato dipende molto poco per certi tipi di problemi. Nel 2d nessun tipo problema. ingegneri periti geometri tecnici che tagliano a laser... persino dwg corrotti passano per vector e si riescono ad aprire in autocad una volta riaperti. vorrei che questa cosa fosse chiara

Più bello e più divino è il bene di un popolo, di intere città

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non è la bravura tecnica a produrre una buona immagine o un buon video, ma un insieme di fotografia, composizione artistica, studio del colore e della luce, oggettistica, ambientazione e forse alla fine la base tecnica che ovviamente ci deve essere.

pienamente d'accordo

potresti trascinare in questa discussione tutti gli appassionati utilizzatori di Autocad...

li trascino uno per uno e li faccio vedere la luce :ghghgh:

diciamo che per come la vedo io Autocad è per gli ingegneri e Vector per gli architetti ;)

diciamo che per come la vedo io Autocad è per win e Vector per mac :-)

Più bello e più divino è il bene di un popolo, di intere città

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

se ti faccio l'elenco di dwg che apro esporto e che metto in ordine meglio di gente che usa autocad da secoli in studi tecnici ti ricredi di quello che pensi erroneamente? io non so chi vi ha messo in testa sta idea che se non usi autocad non scambi file in dwg. La non inteoperabilità è definita dall'incapacità di creare un elaborato pulito e gestibile da terzi, e il formato dipende molto poco per certi tipi di problemi. Nel 2d nessun tipo problema. ingegneri periti geometri tecnici che tagliano a laser... persino dwg corrotti passano per vector e si riescono ad aprire in autocad una volta riaperti. vorrei che questa cosa fosse chiara

no, occhio, non sto parlando dell'efficienza di vectorW.

Ci ho fatto la tesi con vw e non mi ha mai dato problemi, anzi! il lavorare in scala come dici te e` fenomenale.

Parlo del presentarsi in uno studio di architettura per cercare lavoro e non avere autocad nel CV puo` (e ripeto PUO`) essere penalizzante.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quindi la mia conclusione e` che imparare un solo software al 100% piottosto che 1000 software al 30% e` piu` che saggio, pero` bisogna anche saper maneggiare un poco Autocad etc.. altrimenti si rischia di essere tagliati fuori.

male non fa, anche perché sapere i limiti di autocad aiuta a capire cosa esportare e cosa no

Più bello e più divino è il bene di un popolo, di intere città

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi piace questa discussione!

Mi piace anche il modo di pensare di ztr, e sono molto aperto a provare software che semplifichino alcuni passaggi molto macchinosi in CAD.

Mi trovo quotidianamente a dover metter mano a disegni altrui e spesso è un vero e proprio dramma (sopratutto i disegni degli architetti...).

O che bello, finalmente una discussione che si riempie di un po' di pareri e non solo su consigli di come devastare il proprio hard disk.

Dunque, quello che volevo dire fondalmentalmente è: dire che autocad è come vectorworks è qualcosa di profondamente errato. Si potrebbe scrivere una bibbia, ma io uso un esempio che forse comincia a far capire perchè vectorworks per l'architettura è differente. Autocad usa unitá in cui intrisecamente l'utente sa a cosa corrispondono, ma che non viene mai comunicato al programma. Questo, oltre a generare profonde turbe psichiche agli studenti che per primi di fronte al dialogo nel far corrispondere unitá e mm stampati sentono la voglia di terminare la propria vita :ghghgh: determina un fatto di scalare e riscalare il disegno per poi capire da soli alla fine del lavoro quanto diventerá grande l'elaborato. Ma scusate, vi sembra tanto stupido lavorare con un programma che sa che lavoro in cm e in che scala, e automaticamente in tempo reale mi adatta la RAPPRESENTAZIONE mantenendo le DIMENSIONI intrinseche invariate? No, qui sembra abbia più senso dire "allora questo marciapiede è largo 150 cm perchè lo so io, ma qui mi dice 3000 unitá quindi è un disegno in mm grande il doppio quindi è in scala 2:1 "hey ma io disegno subito al cento e quel marciapiede in realtá è giá pronto per la stampa " " beh ma insomma si sa che tutti quelli che usano autocad per non fare casino lavorano in 1:1 e poi esplodono tutto perche sennó i blocchi non si stampano con gli spessori giusti"

Voglio solo far notare, però, che i problemi di Autocad sono in gran parte dovuti al cattivo uso che se ne fa.

Non è vero che si debbano scalare i disegni... basta usare lo spazio modello attribuendo convenzionalmente il valore di un cm a un'unità di disegno

(questo in campo architettonico di solito è la prassi). Il programma in realtà "lo sa" che stiamo lavorando in cm

(infatti nelle proprietà del disegno si può impostare l'unità di misura). Fatto questo, nello spazio layout c'è immediatamente rispondenza esatta

tra disegno e scala di stampa. Basta impostare il formato del foglio.

Per gli spessori basta usare correttamente i CTB e tutto è a posto

Vorrei capire (ma capire davvero) in cosa Vector Works funzioni meglio (intendo come principio e metodo, non come stabilità del software)

FOTOGRAFIA         www.yourstory.it

ARCHITETTURA    www.lorenzomorandi.com

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vector works, parlo del 2d che conosco bene, è molto piu intuitivo (conosco autocad per lavoro) prima cosa.

secondo punto vector ha una gestione piu pratica della scala del disegno:

si imposta il layer con la scala desiderata e ci si lavora dentro.

Per gli spessori di linea si puo assegnare spessore a una linea, o alla classe (questo funge esattamente come i layer di autocad).

Terzo punto: i retini di vector, sia rtini sia hatch sono legati al poligono e sono molto piu pratici specie nelle sovrapposizioni. (se si vuol fare pero' un disegno compatibile con autocad meglio usare hatch e dimenticarsi questo vantaggio).

Quarto punto:

I gruppi, vW ha i gruppi, non solo i blocchi, che rendono piu agile la gestione di un disegno con molti elementi.

Ultima cosa che mi viene in mente: i comandi offset, trim sono piu intuitivi e rapidi, poi si puo rimensionare i gruppi senza deformazioni strane tipiche dello strech di autocad.

non voglio fare pubblicita a vw, pero' ti semplifica la vita.

ps

se lo si sa usare bene si puo mettere a cv tranquillamente anche autocad, perche dopo le prime 3 4 ore di santi tirati giu dal calendario ci si adatta senza problemi grandi (se si è un pelo flessibili mentalmente)

i miei viaggi in moto: http://www.facebook.com/InMotoconVale

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

pienamente d'accordo

li trascino uno per uno e li faccio vedere la luce :ghghgh:

diciamo che per come la vedo io Autocad è per win e Vector per mac :-)

Si io sono abbastanza d'accordo con te, nel senso che intendo dividere la bravura tecnica di un buon renderista da un architetto che sa fare i render, nel senso che odio autocad, lo trovo macchinoso e terribile dal punto di vista grafico.

Pochi sanno che vW c'è anche per win, e funziona pari pari a quello per mac, non come autoSHIT (cit da un mio compagno erasmus) per mac.

Altrettanto sono d'accordo che è meglio conoscere al 100% 1 programma piuttosto che al 30% 100 programmi....

Poi sono ancora piu strano perche io per tutta l univerista non ho mai aperto autocad e adesso lo uso al lavoro, faccio l architetto d'interni e renderista adesso e uso sketchup, non 3ds perche quello che conta è il risultato, ma anche il tempo d'esecuzione e la flessibiltà.

i miei viaggi in moto: http://www.facebook.com/InMotoconVale

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie della risposta!

Ti assicuro che se insisto non lo faccio perché sia un fan di Autocad. Purtroppo a lavoro sono costretto ad usarlo ogni giorno.

Ma nell'ottica di fare presto il libero professionista passo al vaglio ogni possibile agevolazione e alternativa.

In che modo i comandi offset, trim... sono più intuitivi? Riesci a farmi un esempio?

Io conosco bene i pregi che la gestione di riempimenti simile ad illustrator può semplificare la vita. Ma l'associazione

polilinea-retino esiste anche in Autocad.

Ma parlando di progetti a scala urbana, mi trovo a dover ottimizzare notevolmente i disegni con riferimenti esterni,

finestre di layout a differenti scale, ognuna delle quali fa riferimento allo stesso disegno nel modello ora nascondendo, ora mostrando

layer e relative informazioni. A volte è difficile trovare il modo migliore di organizzare il lavoro, ma non è un limite del software.

In che modo funziona la gestione di gruppi e layer?

La mia paura è solo quella che, come dimostra la tendenza a storpiare malamente il nome del software, sia più una questione di tifo.

Dire che Autocad sia terribile dal punto di vista grafico, non ha alcun senso? L'ambiente di lavoro è brutto? I disegni prodotti?

Il fatto di lavorare con colori che non sono quelli che poi compariranno in stampa?

Vorrei pareri oggettivi e esempi concreti

FOTOGRAFIA         www.yourstory.it

ARCHITETTURA    www.lorenzomorandi.com

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi è venuta voglia di provare vectorworks a fondo :ghghgh: comunque sia, dal mio punto di vista: se si è troppo abituati alle semplificazioni è ovvio che con autocad non ci si ritrovi. Ovvio che è il più diffuso grazie alla pirateria e al marketing imposto dall'autodesk con la stragrande maggioranza dei suoi software, e al file proprietario DWG.

Credo che non bisogna prendere sottogamba autocad anche per chi lo conosce bene e dice che fa schifo. Perché è un software che ti consente di fare tutto indipendentemente da qualche sia il tuo mesterie, e che poi sta alle proprie abilità a capirlo e lavorarci. Una cosa è vera: la gestione della stampa fa schifo dal lato delle unità di misura. Il gestire l'unità di misura, centimetri, metri e via dicendo, serve solo in fase di export. Perché il programma lavora in Unità sue, che traduce una volta in stampa, in millimetri. E lì vanno gli smadonnamenti impostando le scale 5:1 per avere un 1:100 :gira: (non ricordo bene se era 5:1 o 2:1). Sta di fatto che la gestione dello spazio carta è fenomenale.. cosa fondamentale a mio avviso.

Poi eh, non che voglio difendere autocad, avessi delle royalty sul software mica :P , ma per dire che un programma è buono, uno schifoso, uno mediocre, uno inutile serve la conoscenza e l'uso che se ne fa. Se io passo 10 anni su un programma è ovvio che questo mi risulterà ottimo e gli altri scandalosi, per forza di abitudine non per altro. Può essere che con vw per fare un determinato passaggio ci vogliono due comandi, con autocad 20... ma la forza d'abitudine fa tanto, e ti fa passare la voglia di studiarti altri programmi. (torniamo al discorso di conoscere bene un programma al 100%) anche se quest'ultima frase, messa tra parentesi, io la prenderei con le pinze. A me, personalmente, conoscere quei 3, 4 programmi di grafica 3D (t'oh mettiamoci 5 con zBrush) è servito per aumentare le mie abilità in questo campo -in generale-. Ovvio che non ho fatto uno studio approssimato del 30% del programma. Questo è scontato altrimenti sarebbe veramente tempo perso.

Poi, penso sia normale, arrivata una certa ora bisogna concentrarsi su quei pochi software che ti fanno avanzare alla svelta, e lì che bisogna fare oro del bagaglio culturale appreso negli anni di studio (io son fortunato essendo "nato" nell'era dei computer, infatti da subito ho iniziato a conoscerli... e smontarli).

Quindi penso che questo argomento non vada a discapito del lavoro che uno intraprenderà e come lo intraprenderà. Le aziende si adeguano, tu di adegui quindi la mia idea rimane: scoprire il più possibile da tutto (software, in questo caso, ma anche tutto il resto) :DD :DD

 29/07/2010 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dico che per fare un disegno pronto per la stampa, che sia gradevole anche a chi non è un tecnico del mestiere con vw è molto piu veloce/efficiente.

io nn tifo particolarmente per nessun programma, che me ne frega :)

si lo so che l associazione poli-retino c'è a autoad, ma se usassi vw per i retini, campiture ecc, ti accorgeresti che al cosa è gestita in modo piu pratico, è tutta questione di uso, io li uso entrambi, ormai piu autocad perche il ufficio mi han dato questo :(, e certe cose fatte 100 volte con uno 100 volte con l altro risultano piu comode con vw. Piu che dirti di provare non so.

provo a spiegarti i retini, il trim/offset non riesco.

se fai un rettangolo o un poligono qualsiasi, tra le proprietà c'è la sua campitura, se lo mofidifichi la capitura resta sua... se ne metti 100 uno sull altro restano nell ordine di visualizz che vuoi senza bug strani come avessi impilato dei post-it.

(si puo anche decidere l'opacità, ma quello rallenta molto il disegno).

Per i gruppi funziona cosi:

se selezioni 3 4 oggetti e fai mela-g ne fa un gruppo, non un blocco, sono entita singole.

se lo vuoi lo trasformi in un blocco.

se fai doppio click oscura quello che sta intorno di grigio e lo puoi editare.

Per i layer:

crea degli spazi di lavoro nella scala che vuoi tu uno sull altro che puoi rendere visibili o meno. E' un po come lavorare direttametne dal layout di autocad, ma in modo piu pratico...

i miei viaggi in moto: http://www.facebook.com/InMotoconVale

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi è venuta voglia di provare vectorworks a fondo :ghghgh: comunque sia, dal mio punto di vista: se si è troppo abituati alle semplificazioni è ovvio che con autocad non ci si ritrovi. Ovvio che è il più diffuso grazie alla pirateria e al marketing imposto dall'autodesk con la stragrande maggioranza dei suoi software, e al file proprietario DWG.

Credo che non bisogna prendere sottogamba autocad anche per chi lo conosce bene e dice che fa schifo. Perché è un software che ti consente di fare tutto indipendentemente da qualche sia il tuo mesterie, e che poi sta alle proprie abilità a capirlo e lavorarci. Una cosa è vera: la gestione della stampa fa schifo dal lato delle unità di misura. Il gestire l'unità di misura, centimetri, metri e via dicendo, serve solo in fase di export. Perché il programma lavora in Unità sue, che traduce una volta in stampa, in millimetri. E lì vanno gli smadonnamenti impostando le scale 5:1 per avere un 1:100 :gira: (non ricordo bene se era 5:1 o 2:1). Sta di fatto che la gestione dello spazio carta è fenomenale.. cosa fondamentale a mio avviso.

Poi eh, non che voglio difendere autocad, avessi delle royalty sul software mica :P , ma per dire che un programma è buono, uno schifoso, uno mediocre, uno inutile serve la conoscenza e l'uso che se ne fa. Se io passo 10 anni su un programma è ovvio che questo mi risulterà ottimo e gli altri scandalosi, per forza di abitudine non per altro. Può essere che con vw per fare un determinato passaggio ci vogliono due comandi, con autocad 20... ma la forza d'abitudine fa tanto, e ti fa passare la voglia di studiarti altri programmi. (torniamo al discorso di conoscere bene un programma al 100%) anche se quest'ultima frase, messa tra parentesi, io la prenderei con le pinze. A me, personalmente, conoscere quei 3, 4 programmi di grafica 3D (t'oh mettiamoci 5 con zBrush) è servito per aumentare le mie abilità in questo campo -in generale-. Ovvio che non ho fatto uno studio approssimato del 30% del programma. Questo è scontato altrimenti sarebbe veramente tempo perso.

Poi, penso sia normale, arrivata una certa ora bisogna concentrarsi su quei pochi software che ti fanno avanzare alla svelta, e lì che bisogna fare oro del bagaglio culturale appreso negli anni di studio (io son fortunato essendo "nato" nell'era dei computer, infatti da subito ho iniziato a conoscerli... e smontarli).

Quindi penso che questo argomento non vada a discapito del lavoro che uno intraprenderà e come lo intraprenderà. Le aziende si adeguano, tu di adegui quindi la mia idea rimane: scoprire il più possibile da tutto (software, in questo caso, ma anche tutto il resto) :DD :DD

Io invece adoro le semplificazioni,credo che i software servano a quello... apple in primis ne ha fatto un must, c'è a chi piace e a chi no. tant'è che uso skp per 3d professionali :)

Parto dal presupposto che autocad e vw fanno ESATTAMENTE le stesse cose con interfaccia e comandi diversi... se usi vector per un po autocad ti sembra preistoria, come archicad supera vector, ma lo conosco troppo poco purtoppo (qui in svizzera usano quello quasi tutti)

i miei viaggi in moto: http://www.facebook.com/InMotoconVale

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una cosa è vera: la gestione della stampa fa schifo dal lato delle unità di misura. Il gestire l'unità di misura, centimetri, metri e via dicendo, serve solo in fase di export. Perché il programma lavora in Unità sue, che traduce una volta in stampa, in millimetri. E lì vanno gli smadonnamenti impostando le scale 5:1 per avere un 1:100 :gira: (non ricordo bene se era 5:1 o 2:1).

Non lo stai usando nel modo più corretto. Anche a me in università avevano solo confuso le idee...

disegna in cm o in mm o in m... poi nelle proprietà del disegno digli che sono QUELLE unità. Vedrai che nei layout ti basta usare le scale già presenti in Autocad (1:100 - 1:200 - 1:500....).

C'è un però, mentre in WIN riesco a farlo in Autocad per Mac non trovo questa possibilità nei menù

FOTOGRAFIA         www.yourstory.it

ARCHITETTURA    www.lorenzomorandi.com

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io invece adoro le semplificazioni,credo che i software servano a quello... apple in primis ne ha fatto un must, c'è a chi piace e a chi no. tant'è che uso skp per 3d professionali :)

Parto dal presupposto che autocad e vw fanno ESATTAMENTE le stesse cose con interfaccia e comandi diversi... se usi vector per un po autocad ti sembra preistoria, come archicad supera vector, ma lo conosco troppo poco purtoppo (qui in svizzera usano quello quasi tutti)

Si si la semplificazione è sempre ben accetta: il miglior risultato con il meno sforzo possibile! minimo! Ci sono sempre dei però, che non continuo ad approfondire, che sono soggettivi :)

Non lo stai usando nel modo più corretto. Anche a me in università avevano solo confuso le idee...

disegna in cm o in mm o in m... poi nelle proprietà del disegno digli che sono QUELLE unità. Vedrai che nei layout ti basta usare le scale già presenti in Autocad (1:100 - 1:200 - 1:500....).

Come devo fare? non ti seguo :confused:

 29/07/2010 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Solo provando più programmi riuscirai a capire quelli più adatti a te.

L'unico mio consiglio è di imparare molto bene i programmi più utilizzati nel mondo del lavoro.

Conoscere sw che utilizzano soltanto pochi studi di settore equivale a ridurre le possibilità di trovare lavoro.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

poi si puo rimensionare i gruppi senza deformazioni strane tipiche dello strech di autocad.

probabilmente la mia mente è stata nel tempo deformata dall'approccio autocad ma è proprio nello "stira" che personalmente trovo l'unico limite di vector. Probabilmente sarà solo questione di abitudine ma in questo specifico ambito io trovo autocad più efficace, preciso e veloce.

Giusto per spezzare una lancia.. anzi una lancetta ;)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mi si è presentato in questi giorni un bel problema!

non ho mai modellato superfici curve e con archicad è un po' macchinoso (mi riferisco alla creazione del 3D).

Che programma di modellazione mi converrebbe usare secondo voi? Rhino (ci avevo già smanettato un po' di tempo fa) o Cinema (usato poco e solo per renderizzare) ?

http://www.flickr.com/photos/frankrava/ Canon 450D

 MacBook 13" bianco 2.1 GHz Intel Core 2 Duo, Ram 4 GB  MacBookPro 15" Intel Core i7 quad-core a 2,2GHz

 iPhone 4  iPad 2 - 32GB WiFi

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mi si è presentato in questi giorni un bel problema!

non ho mai modellato superfici curve e con archicad è un po' macchinoso (mi riferisco alla creazione del 3D).

Che programma di modellazione mi converrebbe usare secondo voi? Rhino (ci avevo già smanettato un po' di tempo fa) o Cinema (usato poco e solo per renderizzare) ?

Dipende da cosa devi fare. Per modellare io uso Rhino. Secondo me Cinema non è un modellatore adatto per l'architettura.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mi si è presentato in questi giorni un bel problema!

non ho mai modellato superfici curve e con archicad è un po' macchinoso (mi riferisco alla creazione del 3D).

Che programma di modellazione mi converrebbe usare secondo voi? Rhino (ci avevo già smanettato un po' di tempo fa) o Cinema (usato poco e solo per renderizzare) ?

Non conoscendo Rhino ti consiglierei Cinema 4D, poi dipende da che tipo di modellazione devi fare. Se solo superficiale o piena di dettagli. Comunque in Cinema 4D è molto semplice. Realizzi una spline curva (come in illustrator) e gli applichi il trasformatore "estrusione" che te la estrude secondo i 3 assi che preferisci

 29/07/2010 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dipende da cosa devi fare. Per modellare io uso Rhino. Secondo me Cinema non è un modellatore adatto per l'architettura.

Non conoscendo Rhino ti consiglierei Cinema 4D, poi dipende da che tipo di modellazione devi fare. Se solo superficiale o piena di dettagli. Comunque in Cinema 4D è molto semplice. Realizzi una spline curva (come in illustrator) e gli applichi il trasformatore "estrusione" che te la estrude secondo i 3 assi che preferisci

vi allego un'immagine nella quale sono rappresentati edifici simili a quelli che dovrò fare!

81449651.png

grazie!!

http://www.flickr.com/photos/frankrava/ Canon 450D

 MacBook 13" bianco 2.1 GHz Intel Core 2 Duo, Ram 4 GB  MacBookPro 15" Intel Core i7 quad-core a 2,2GHz

 iPhone 4  iPad 2 - 32GB WiFi

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hai postato un progetto di Bjarke Ingels, e per questo hai la mia ammirazione ;-). È uno degli studi più innovativi degli ultimi anni...

In studio usano Autocad e Rhino principalmente, su Win

FOTOGRAFIA         www.yourstory.it

ARCHITETTURA    www.lorenzomorandi.com

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hai postato un progetto di Bjarke Ingels, e per questo hai la mia ammirazione ;-). È uno degli studi più innovativi degli ultimi anni...

In studio usano Autocad e Rhino principalmente, su Win

:angioletto:

Ti consiglio di comprare il libro/fumetto di Big nel caso tu non l'abbia già fatto :ghghgh:

con Cinema non vedo problemi, stesso discorso con Rhino.

In generale qualsiasi modellatore che sia in grado di lavorare degnamente con le nurbs

Ok! visto che ho la necessità di approfondire uno di questi due software volevo un consiglio su quale scegliere!

Rhino per Mac è ancora Beta e non ha il motore render di cinema; in compenso l'interfaccia di cinema mi sembra più complessa mentre rhino più intuitivo...

sto cercando qualche guida o video per chiarirmi le idee ma non trovo molto!

http://www.flickr.com/photos/frankrava/ Canon 450D

 MacBook 13" bianco 2.1 GHz Intel Core 2 Duo, Ram 4 GB  MacBookPro 15" Intel Core i7 quad-core a 2,2GHz

 iPhone 4  iPad 2 - 32GB WiFi

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono due programmi molto diversi e per usi diversi.

Rhino è un cad e un modellatore nurbs. C4d è un modellatore poligonale.

Il primo è più adatto per la progettazione di oggetti "reali" e prototipi.

Cinema è più adatto per la visualizzazione e animazione.

In linea di massima la stessa cosa si può realizzare con tutti e due i programmi, però con strumenti e metodi diversi.

Io userei rhino per modellare e c4d per renderizzare e fare animazioni.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Archived

Questa discussione è archiviata e chiusa a future risposte.


×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego e dichiari di aver letto e di accettare: Privacy Policy Termini di utilizzo