Vai al contenuto

Dark Mode

Benvenuto nella community di Italiamac Forum

Guest Image

Benvenuto su Italiamac, la più grande comunità AMUG italiana riconosciuta da Apple. La consultazione è libera. Se vuoi anche partecipare attivamente alle discussioni pubblicando post e messaggi puoi iscriverti gratuitamente, avrai molti vantaggi:

  • Pubblicare post, messaggi e richieste di aiuto
  • Fare amicizia e usare i messaggi privati fra utenti
  • Pubblicare annunci di vendita di usato
  • Usare tutte le funzioni della community

ISCRIVITI GRATIS







Scattare in Analogico


Recommended Posts

[...] E poi....non c'è nessuna differenza fra analogico e digitale.

Non sono proprio d'accordo. Se ti riferisci alla tecnica generale, alla gestione della luce, alla composizione, si. Ma la pellicola ha caratteristiche assolutamente diverse dal sensore e ogni pellicola si differenzia dall'altra non solo in sensibilità, ovviamente, ma in resa cromatica e latitudine di posa. Queste differenze si notano ancora di più se hai la possibilità di gestire autonomamente tutto il processo di sviluppo (ma allora sei un super professionista :rolleyes: ).

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 194
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Non sono proprio d'accordo. Se ti riferisci alla tecnica generale, alla gestione della luce, alla composizione, si. Ma la pellicola ha caratteristiche assolutamente diverse dal sensore e ogni pellicola si differenzia dall'altra non solo in sensibilità, ovviamente, ma in resa cromatica e latitudine di posa. Queste differenze si notano ancora di più se hai la possibilità di gestire autonomamente tutto il processo di sviluppo (ma allora sei un super professionista :rolleyes: ).

Alludevo alla tecnica di base, ma non solo. Per dirne una: il "sistema zonale" del b/b si applica anche nel digitale se sai utilizzare gli strumenti che ti offre il software.

Se dovessimo pure specificare che ogni pellicola è diversa dall'altra (ed in misura minore anche i sensori)...bene, allora chiudiamo baracca e parliamo di Qui Quo Qua che è meglio.....

post scriptum: se sai gestirti tutto il processo dallo scatto alla stampa (almeno in b/n) sei "solo" un fotografo. In caso contrario il digitale ti viene incontro.

Photoshop e Lightroom hanno dei preset validissimi!

Modificato da orfeo soldati
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
[...] parliamo di Qui Quo Qua che è meglio..... [...]In caso contrario il digitale ti viene incontro.

Ma Paperoga lo lasciamo fuori? :D

Per tornare IT e aiutare Bacchinif, parere personale ovvio, credo che conoscere l'analogico aiuti molto il fotografo digitale, specie, appunto, in post produzione. Essere "padroni" di tutto il processo in B/N era "abbordabile", molto meno la gestione del Cibachrome, per esempio, da parte dei "fotoamatori". Il passaggio al digitale ha reso tutto l'iter controllabile: pensi, inquadri, scatti, sviluppi senza "intermediari". Inoltre ha aiutato lo sviluppo di una fotografia, storceranno il naso i "puristi", più grafica. Ma conoscere le "radici", averle assimilate, porta alla consapevolezza che PS non trasformerà mai un'immagine in fotografia, pur riconoscendole l'aspetto intimo, personale.

Tutto quanto sopra, naturalmente, a mio modesto parere.

Modificato da albertoerre
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma conoscere le "radici", averle assimilate, porta alla consapevolezza che PS non trasformerà mai un'immagine in fotografia, pur riconoscendole l'aspetto intimo, personale.

Tutto quanto sopra, naturalmente, a mio modesto parere.

Sono d'accordo con quanto hai detto. Infatti voglio iniziare a scattare un pò in analogico sia per imparare sia per togliermi diciamo uno "sfizio" che non ho mai avuto il piacere di togliermi.

< La "maggior parte" delle persone pensava che la Terra fosse piatta. >

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se fotografi un volto, in controluce, non c'è bisogno di sovraesporre lo sfondo, sarebbe un errore (o forse sono io che non ho inteso correttamente). Puoi usare il flash di riempimento oppure, nel caso di paesaggio, puoi montare un filtro degradante.

Forse mi sono spiegato male...

Intendevo, quando si deve fotografare una persona dove lo sfondo presenta una situazione di maggior luminosità rispetto al primo piano. Se non volessi usare il flash ( anche perchè nel corredo non mi pare di averne trovato uno ) dovrei di norma sovraesporre lo sfondo per avere un primo piano esposto correttamente. Ora mi chiedevo come fare, ma Orfeo mi è già venuto incontro

< La "maggior parte" delle persone pensava che la Terra fosse piatta. >

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono certo che ti divertirai molto. Presta attenzione alla pellicola che monti e alla sua sensibilità, informati sulle sue caratteristiche. Se affidi tutto ad un laboratorio, molte delle prove che effettuerai verranno corrette in automatico e, parere personale, perdi quella che definirei "informazione didattica" (molto meglio il digitale da questo punto di vista). Stai attento alla pellicola diapositiva, molto più critica nell'esposizione ma con una resa cromatica e contrasto bellissimi. Quando sarai più padrone dell'esposizione, prova a sperimentare il "cross processing", non esistono software che si avvicinino alla sua resa.

PS: ottimo corredo analogico il tuo.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono certo che ti divertirai molto. Presta attenzione alla pellicola che monti e alla sua sensibilità, informati sulle sue caratteristiche. Se affidi tutto ad un laboratorio, molte delle prove che effettuerai verranno corrette in automatico e, parere personale, perdi quella che definirei "informazione didattica" (molto meglio il digitale da questo punto di vista). Stai attento alla pellicola diapositiva, molto più critica nell'esposizione ma con una resa cromatica e contrasto bellissimi. Quando sarai più padrone dell'esposizione, prova a sperimentare il "cross processing", non esistono software che si avvicinino alla sua resa.

PS: ottimo corredo analogico il tuo.

Si infatti, mi devo informare bene sulle pellicole. Anche vedere chi ancora le vende in città. ( proprio prima facevo un giro sul sito della kodak per capire modelli e caratteristiche e ho notato subito che ci sono pellicole pro e pellicole amatoriali... ma devo ancora capire bene la differenza ).

Per il resto spero di divertirmi, sì.

Ovviamente, non sviluppando io, si perde tutta quella parte della fotografia legata alla post produzione. Suppongo che il laboratorio, centro stampa o quel che sia si occuperà di sviluppare le mie fotografie nel modo più oggettivo possibile.

< La "maggior parte" delle persone pensava che la Terra fosse piatta. >

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In effetti si, il laboratorio alimenta i suoi macchinari con i negativi e restituisce stampe "corrette". Ai "miei" tempi chiedevo al laboratorio di fiducia di processarle in coda, a fine giornata, per eliminare correzioni e lasciare le dominanti (filtri colorati, bi-degradanti) che avevo inserito consapevolmente. Molto soddisfacente, invece, il B/N che con minima spesa (allora esistevano circoli fotografici con camera oscura disponibile, ora non so) permettevano il "controllo totale" e potevi sperimentare sia pellicole che carte, viraggi, mascherature. Al di la dell'emozione nel veder "nascere" l'immagine sull'emulsione, il digitale ti permette un controllo più personalizzato. Insomma, entrambi i metodi hanno pro e contro e sanno essere entrambi coinvolgenti.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ne approfitto per accettare l'invito di mio "suocero" ad usare la sua 500CM, devo dire che il motivo principale è il tempo di sync molto basso

Come tempo di synch basso??!! Ma se con l'otturatore centrale nell'obiettivo sincronizza fino ad 1/500s!!!

M.

Mac Mini Quad i7 2.3ghz Double Drive Kit SSD MX100 512gb + HD 1tb, 16gb Ram ## MacBook White Unibody 13" C2D 2.26ghz ## iPhone 5c Yellow ## iPod Nano (Product)RED

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lascia perdere le pellicole Pro: essendo l'emulsione al massimo della "maturazione" hanno tempi di scadenza molto stretti, devi conservarle in frigo , devi essere sicuro che la "catena del freddo" non si sia interrotta dal produttore al frigo di casa tua , sono molto sensibili agli sbalzi di umidità e temperatura, anche se ti offrono il top delle qualità della pellicola. E' il motivo per cui in Yemen o Nicaragua viaggiavo con la Velvia e la Tri X standard : per non gettare soldi dalla finestra,semplicemente.

Off Topic : conoscevo un fotografo "pro", uno che faceva anche 4 o 5 matrimoni al mese , che utilizzava pellicole Pro conservandole in studio dove non aveva manco ....il condizionatore!

Tornando seri, le diapositive sono un'ottima palestra : ti costringono a ricercare lo scatto tecnicamente perfetto. Ovviamente,poi, se le fai scannerizare e le guardi su schermo perdi molto della magia dei colori e tridimensionalità

Come tempo di synch basso??!! Ma se con l'otturatore centrale nell'obiettivo sincronizza fino ad 1/500s!!!

M.

Molto probabilmente intendeva dire proprio questo...

Modificato da orfeo soldati
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Molto probabilmente intendeva dire proprio questo...

Hai ragione, sto vendendo troppi frigoriferi, e la capoccia fa brutti scherzi :(

M.

Mac Mini Quad i7 2.3ghz Double Drive Kit SSD MX100 512gb + HD 1tb, 16gb Ram ## MacBook White Unibody 13" C2D 2.26ghz ## iPhone 5c Yellow ## iPod Nano (Product)RED

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lascia perdere le pellicole Pro: essendo l'emulsione al massimo della "maturazione" hanno tempi di scadenza molto stretti, devi conservarle in frigo , devi essere sicuro che la "catena del freddo" non si sia interrotta dal produttore al frigo di casa tua , sono molto sensibili agli sbalzi di umidità e temperatura, anche se ti offrono il top delle qualità della pellicola. E' il motivo per cui in Yemen o Nicaragua viaggiavo con la Velvia e la Tri X standard : per non gettare soldi dalla finestra,semplicemente.

Off Topic : conoscevo un fotografo "pro", uno che faceva anche 4 o 5 matrimoni al mese , che utilizzava pellicole Pro conservandole in studio dove non aveva manco ....il condizionatore!

Tornando seri, le diapositive sono un'ottima palestra : ti costringono a ricercare lo scatto tecnicamente perfetto. Ovviamente,poi, se le fai scannerizare e le guardi su schermo perdi molto della magia dei colori e tridimensionalità

Ok, non mi è chiarissimo tutto il discorso del frigorifero... Ad ogni modo inizierò acquistando una di queste ( credo siano solo queste quelle da stampa e di livello amatoriale )

http://shop.kodak.it/store/ekconseu/it_IT/ContentTheme/pbPage.35mm_print_film

Se no per cos'altro potrei optare ?

A dire il vero pensavo di prenderne due una 400(versatile) e una bianco e nero.

Poi ho intravisto il concetto di "tirare la pellicola" ( che fino a pochi giorni fa mi era sconosciuto ). Se ho capito bene si tratta di impostare un valore iso superiore ( ad esempio se la pellicola è 400 metto 800 ) a quello limite della pellicola. Questo per poter scattare con tempi più brevi senza essere costretti a variare il diaframma. Ovviamente la foto uscirà sottoesposta, e sarà poi compito mio chiedere in fase di stampare di stampare +1 ?

< La "maggior parte" delle persone pensava che la Terra fosse piatta. >

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

..........................

Poi ho intravisto il concetto di "tirare la pellicola" ( che fino a pochi giorni fa mi era sconosciuto ). Se ho capito bene si tratta di impostare un valore iso superiore ( ad esempio se la pellicola è 400 metto 800 ) a quello limite della pellicola. Questo per poter scattare con tempi più brevi senza essere costretti a variare il diaframma. Ovviamente la foto uscirà sottoesposta, e sarà poi compito mio chiedere in fase di stampare di stampare +1 ?

No, il "salvataggio" va fatto in sede di sviluppo aumentandone la durata ( l'aumento va fatto in funzione dello sviluppo utilizzato e della pellicola). Sul b/n sottoesporre di 1 stop è quasi impercettibile, ma puoi andare anche a 1600 ASA mettendo in conto un aumento della grana e del contrasto. Nelle color print i risultati sono spesso deludenti ( ho sempre utilizzato nel colore la sensibilità nominale: esistono pure i flash o i cavalletti,no?). Magari qualche volta nelle foto di teatro, 1 stop me lo sono "rubato", pur utilizzando un robustissimo cavalletto.....

http://www.flickr.co.../in/photostream

Modificato da orfeo soldati
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Avrei una Nikon FM3A con annesso 45mm 2.8P "like new" se a qualcuno interessa... ;)

“Creare forse significa sbagliare quel passo nella danza. Significa dare di traverso quel colpo di scalpello nella pietraâ€. Antoine de Saint-Exupery

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

No, il "salvataggio" va fatto in sede di sviluppo aumentandone la durata ( l'aumento va fatto in funzione dello sviluppo utilizzato e della pellicola). Sul b/n sottoesporre di 1 stop è quasi impercettibile, ma puoi andare anche a 1600 ASA mettendo in conto un aumento della grana e del contrasto. Nelle color print i risultati sono spesso deludenti ( ho sempre utilizzato nel colore la sensibilità nominale: esistono pure i flash o i cavalletti,no?). Magari qualche volta nelle foto di teatro, 1 stop me lo sono "rubato", pur utilizzando un robustissimo cavalletto.....

http://www.flickr.co.../in/photostream

Mmm, non un pò confuso per ora. Mi si sta aprendo un mondo pressoché sconosciuto ( sul quale c'è spesso anche poca chiarezza in rete ). La cosa migliore da fare ora è iniziare a scattare e vedere come va.

Sono passato oggi dai gemelli e ho dato da sviluppare un rullino ( vecchio che avevo trovato in casa con il quale avevo fatto delle prove qualche giorno fa, constatando che effettivamente l'esposimetro è andato... ). Poi mi hanno detto che non fanno revisioni di corredi analogici, quindi credo che non potrò portargli la Pentax. Proverò con De Cesare in Galleria.

< La "maggior parte" delle persone pensava che la Terra fosse piatta. >

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Napoli menufreccia2.gif R.M.F. di Romano - Via Nuova Pizzofalcone, 43 - CAP 80132 - Tel. 081 7644910(Tutte le marche - Assistenza: Bencini) NAPOLI Napoli menufreccia2.gif Revas - Via Aldo Moro, 1 Portici - CAP 80144 - Tel. 081 6129670 (Tutte le marche - Specializzato: Pentax) NAPOLI Napoli menufreccia2.gif Rosati di A. Ricciardi - Via Chiaia, 59 - CAP 80122Tel. e Fax 081 421619(Tutte le marche - Specializato in: Bronica, Hasselblad, Rollei e Nikon)

Questi sono i riparatori "storici" di Napoli. Il più famoso è il primo. Fai un giro di telefonate: qualcuno .forse, avrà chiuso bottega

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Napoli menufreccia2.gif R.M.F. di Romano - Via Nuova Pizzofalcone, 43 - CAP 80132 - Tel. 081 7644910(Tutte le marche - Assistenza: Bencini) NAPOLI Napoli menufreccia2.gif Revas - Via Aldo Moro, 1 Portici - CAP 80144 - Tel. 081 6129670 (Tutte le marche - Specializzato: Pentax) NAPOLI Napoli menufreccia2.gif Rosati di A. Ricciardi - Via Chiaia, 59 - CAP 80122Tel. e Fax 081 421619(Tutte le marche - Specializato in: Bronica, Hasselblad, Rollei e Nikon)

Questi sono i riparatori "storici" di Napoli. Il più famoso è il primo. Fai un giro di telefonate: qualcuno .forse, avrà chiuso bottega

Grazie per le informazioni, come sempre distribuisci pillole di saggezza :)

< La "maggior parte" delle persone pensava che la Terra fosse piatta. >

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Come tempo di synch basso??!! Ma se con l'otturatore centrale nell'obiettivo sincronizza fino ad 1/500s!!!

M.

appunto, è un tempo molto basso-corto-rapido.. ;)

«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hai ragione, sto vendendo troppi frigoriferi, e la capoccia fa brutti scherzi :(

M.

Mac Mini Quad i7 2.3ghz Double Drive Kit SSD MX100 512gb + HD 1tb, 16gb Ram ## MacBook White Unibody 13" C2D 2.26ghz ## iPhone 5c Yellow ## iPod Nano (Product)RED

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

LASSIE.jpg

[chi la capisce sta messo peggio di me :cold: ]

«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rispondi e partecipa alla discusione

Puoi rispondere subito e iscriverti successivamente. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo