Vai al contenuto





Recommended Posts



piacerebbe anche a me .. mi hanno risposto (qui nel forum) che è fattibile ma non senza sbattimenti.


 La supposizione è la madre di tutte le cazzate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sto cercando la discussione ma non la trovo.... cmq OS X su disco esterno collegato con usb 2, dicono che è praticamente come avere un disco locale. per windows non saprei.

la persona che ci può aiutare è:

A.Freemason


 La supposizione è la madre di tutte le cazzate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sto cercando la discussione ma non la trovo.... cmq OS X su disco esterno collegato con usb 2, dicono che è praticamente come avere un disco locale. per windows non saprei.

la persona che ci può aiutare è:

A.Freemason

come lo troviamo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Contenuti simili

    • Da GiM
      Il mondo della tecnologia ha le sue certezze, soprattutto per chi vive connesso a Internet in continuazione e svolge la maggior parte delle sue azioni quotidiane attraverso una serie di dispositivi elettronici oppure utilizza vari device o servizi come quelli offerti da Amazon, il grande colosso dell'e-commerce mondiale. In questo contesto tecnologico così ampio, l'emisfero Apple e quello Google si dividono il mondo degli utenti principali degli smartphone, degli strumenti ormai essenziali nella nostra quotidianità.
       
      Sebbene i fan di Apple siano tantissimi nel mondo, con il 78% di loro che secondo le ultime stime non potrebbe utilizzare nessun altro dispositivo simile, nel contesto globale i fan della multinazionale statunitense non sono gli unici che spiccano per essere tra i più fedeli in assoluto. Questo perché il mercato crea sempre alternative e concorrenza, partendo da una semplice questione di prezzi a una preferenza generica per un determinato sistema operativo. In un'epoca nella quale i dispositivi mobili sono praticamente dei computer tascabili, che quindi ci permettono di realizzare una serie di operazioni, con quelle bancarie ed economiche come più utilizzate nel quotidiano, occorre analizzare le differenze tra i due mondi diversi dello stesso universo digitale.
       
       

       
       
      La fedeltà verso iOS o Android
       
      Grazie all'iPhone la Apple ha certamente rotto gli indugi sull'utilizzo di un telefono simile a un computer a tutti gli effetti, con il risultato immediato di 4 milioni di unità vendute nei soli primi 20 giorni di vendita, e da quel momento nacque automaticamente una disputa per il dominio del mondo degli smartphone, un oggetto oggi diventato praticamente indispensabile nella vita di tantissime persone. L'attuale dicotomia iOS-Android è imperante per quanto riguarda gli smartphone, creando una sorta di bipartitismo aziendale nel quale si deve scegliere quasi obbligatoriamente tra i due mondi.
       
      In questa lotta, i fedelissimi di uno dei due principali sistemi operativi sono paragonabili ai tifosi di una squadra di calcio. Chi mai infatti sognerebbe di tradire la propria squadra del cuore? Se c'è chi si tatua i colori della squadra preferita sul braccio, e chi non punta contro la propria squadra anche quando le quote delle scommesse sportive sono estremamente vantaggiose, non c'è da meravigliarsi che alcuni clienti riservino lo stesso trattamento alla marca di telefonino o qualsivoglia dispositivo mobile. Anche solo per un fatto di principio, chi si è abituato a utilizzare un iPhone non passerebbe mai a un Huawei, o viceversa, anché perché l'uomo, si sa, è una creatura abitudinaria.
       
       

       
       
      Una sfida continua sul mercato
       
      In un momento storico nel quale il confine tra il "cool" e il mainstream è molto sottile, la tecnologia Apple è diventata un simbolo a sé stante, oltre che uno strumento. Per molti utenti il fatto di poter sfoggiare la mela morsa su un dispositivo va oltre la funzionalità stessa del Mac o dell'iPhone a disposizione. L'arrivo del nuovissimo iPhone XI sta già iniziando a creare aspettative enormi nella popolazione degli adepti Apple, che periodicamente attendono l'arrivo di prodotti nuovi come se fossero indumenti.
       
      Già, perché adesso i prodotti della Apple vanno al di là dell'utilità totale degli stessi ma rivestono anche la funzione di adorno. La faciltà di utilizzo e le eccellenti prestazioni, a cambio ovviamente di un prodotto importante e molto efficiente, sono un'altra delle componenti chiave del successo degli strumenti Apple, che vivono anche di una sorta di aura di esclusività dopo che si è deciso il ritiro da molti punti di grande distribuzione. Gli Apple stores sparsi nel mondo sono sicuramente il riflesso della potenza di quest'azienda, che prepara i suoi punti vendita come fossero gioiellerie, fornendo a potenziali clienti servizi gratuiti con connessioni ad Internet attraverso i quali si dimostra comprensiva e altruista.
       
       
      La staffetta tra Samsung e Huawei
       
      Tuttavia, va ricordato che gli sforzi di Google e dei vari produttori di telefoni che usano il sistema operativo Android ha sicuramente colmato, almeno in parte, il gap tra i prodotti Apple e quelli del suo rivale storico. La pluralità di produttori di smartphone che possono utilizzare Android è sicuramente un vantaggio per il sistema operativo di Google, che riesce a rivalizzare con Apple grazie alla velocità delle sue prestazioni, che ricordano quelle di Linux, una delle principali alternative ai pc di Microsoft e agli stessi Mac. Un caso di rivalità tra produttori di smartphone che si appoggiano su Android è sicuramente quello di Samsung e Huawei.
       
      La prima, azienda sudcoreana, è stata la principale rivale di Apple all'inizio della 'guerra' dei dispositivi mobili, mentre la seconda, di matrice cinese, sta adesso guadagnando terreno nel mercato dei fedelissimi Android dopo aver proposto dei modelli più leggeri, più efficienti e anche dalle ottime prestazioni. Il crollo di Samsung, accusata anche di plagio da Apple, è stato dunque contemporaneo all'ascesa di Huawei, che adesso sta registrando vendite superiori anche ad Apple e si appresta ad esserne la concorrente ufficiale, nonostante le possibili restrizioni paventate dal governo degli Stati Uniti per discrepanze con quello cinese.
       
      In sostanza, ogni fedelissimo di un sistema operativo è solito non abbandonare il partito preso, soprattutto per quanto riguarda gli utenti Apple. Per quel che riguarda, invece, i fedelissimi di Android, al massimo potranno cambiare la marca di telefono che utilizzeranno con il sistema operativo di Google.
       
       
    • Da gom6699
      Ciao a tutti
      ho questo: 
      iMac inizio 2008
      24 inch
      OS X El Capitan versione 10.11.6
      processore 2,8 GHz Intel Core 2 Duo
      memoria 4 GB 800MHz DDR2 SDRAM
      grafica ATI Radeon HD 2600 Pro 256 MB
      Serial n VM848UKRZE7
       
      Un paio d'anni fa durante un temporale si è spento e non più acceso, siamo riusciti con un MacBook a resuscitarlo ma da li ogni tot si congelava.

      Siccome per problemi di salute cmq non ho potuto usare il computer  più di tanto non era un vero problema.

      Ultimamente riesco di nuovo a fare più cose ma noto che dopo una media di 3-4 ore di utilizzo si "congela" - nel senso che inizia a sentirsi il classico scricchiolio in sottofondo quando lavora tanto, il cursore lo muovo tranquillamente avanti e indietro ma non "aggancia" più nulla, non si riesce a cliccare nulla. Uscita forzata niente..l'unica che si riesce a fare è staccare la spina.

      Ovviamente a furia di farlo lo fa sempre più frequentemente.
       
      HO provato tutte le varie opzioni trovate e consigliate online, riparazione disco ecc, è come se ci fosse una parte danneggiata del HD che non si deframmenta piu.

      Sono senza lavoro e comprarne uno nuovo al momento non è proprio un'opzione - si riuscirebbe su un imac cosi vecchio a cambiare HD e aumentare RAM, secondo voi? Conviene? E mi conviene andare direttamente in un centro assistenza Apple a questo punto o mi cerco qualcuno fuori da apple...idee e consigli su provincia di Milano (Tra Magenta/Rho/Legnano come zona)?

      Altre idee (oltre a comprarne uno nuovo)?

      Ringrazio anticipatamente
      Leila
       
       
    • Da flea2001
      Sera a tutti,
      camminando per strada la mia attenzione è caduta su uno scatolone familiare.
      Appoggiato ars un cassonetto ho trovato un iMac 24.
      Portato a casa e acceso, lo schermo mi mostra una cartella lampeggiante con un punto interrogativo.
      Pensavo di provare a far partire il sistema operativo da un disco esterno, che mi si dice?
      Giuro che non si tratta ti Mac di dubbia provenienza, l'ho realmente trovato per strada.
       


    • Da franciarmit
      Salve a tutti ragazzi, questo è il mio primo post, però vi posso assicurare che anche io qualcosina la so.
      Vi spiego il mio problema.
      Ho un Mac Pro 3.1 con due HD, cui rispettivamente: 1°HD: Macintosh HD, 2° HD Windows.
      Fino a qualche giorno fa tutto bene...
      poi decido di formattare il sys operativo mac e ora quando seleziono tramite disco di avvio (attraverso preferenze di sistema) BOOTCAMP e riavvio, mi riporta di nuovo su mac. 
      Premetto che non posso utilizzare il boot all'accensione poichè la mia schedavideo AMD non è perfettamente compatibile. Che cosa è successo? perchè prima il disco di avvio funzionava e ora no?
  • Ora Popolare

  • Annunci casuali

×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo