Vai al contenuto





ilgemello

Radiazioni: peggio ipad o notebook?

Recommended Posts

Ciao ragazzi, per un secondo consideriamo il fattore "radiazioni". 

 

Secondo voi emette piu' radiazioni un ipad durante la navigazione (che sia wi-fi o con la sim) o un qualsiasi notebook (o mac...) durante la navigazione con una chiavetta installata?

 Avete mai pensato a questo fattore?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


all'inizio l'elmetto in piombo mi dava fastidio,peró ora non ci faccio più caso 😃


"Rem tene, verba sequentur"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
all'inizio l'elmetto in piombo mi dava fastidio,peró ora non ci faccio più caso 😃

Ahahahahahaahahahhaahba straquoto

inviato dal mio Nokia 3310 usando Tapatalk


macbook pro 13" mid 2012  -  ipad 4 3g 16gb  -  iphone 5 16gb

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io l'iPad lo tengo In una specie di teca di vetro con due fori in cui infilare le braccia negli appositi guanti è scomodo mai vuoi mettere la sicurezza

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io l'iPad lo tengo In una specie di teca di vetro con due fori in cui infilare le braccia negli appositi guanti è scomodo mai vuoi mettere la sicurezza

ma il vetro non ti protegge a sufficienza, dovresti rivestirlo di piombo ;-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ma il vetro non ti protegge a sufficienza, dovresti rivestirlo di piombo ;-)

 

 

è cristallo al piombo ........... l'ignoranza è una brutta bestia :ghghgh:


"I tawt I taw a puddy tat" :preoccupato:(cit.)

ma il triangolo delle bermuda è vicino all'atollo dei bikini ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il bello è che chi parla di "radiazioni" spesso non distingue le vere radiazioni (quelle ionizzanti come i raggi X) dall'elettromagnetismo.

Modificato da Carolus73

X

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

voi ridere ma 12 anni fa una collega incinta si rifiutava di rispondere alle telefonate sul cellulare dell'ufficio per paura di non si è mai capito cosa....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
voi ridere ma 12 anni fa una collega incinta si rifiutava di rispondere alle telefonate sul cellulare dell'ufficio per paura di non si è mai capito cosa....

Hahahahahahhahahaahhahaahhahahhahahah

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

è cristallo al piombo ........... l'ignoranza è una brutta bestia :ghghgh:

azzo quanto sei colto ed istruito, non sapevo che esistesse... beh ti ringrazio, mi potresti PF indicare a quale corso serale l'hai apprenduto :-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nessun corso SERiALE ho leggiuto le etichette sui bicchieri di cristallo che ho nel mio corredo matrimoniale :ghghgh:

 

davvero lo so per quello, avevo un porta cioccolatini di cristallo con la sua bella peccetta adesiva con su scritto "cristallo al piombo" :ghghgh:


"I tawt I taw a puddy tat" :preoccupato:(cit.)

ma il triangolo delle bermuda è vicino all'atollo dei bikini ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quando fai una scoreggia la chiami attacco batteriologico?  :facepalm:

 

Questo lo avevo letto sul giornale, ora l'ho cercato apposta per l'utente del 3d. A me spaventa un po' l'immagine che hanno come logo, ma a voi la scelta!  :ninja:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tutti facciamo le battutine e scherziamo, e va bene. Però parlando seriamente, quando navigo in wifi dal mio ipad tutto bene, ma quando sono fuori o anche a casa e utilizzo il 4G per fare più in fretta, dopo 15 minuti di 4G mi scoppia la testa, cosa che non succede con il wifi.

Sarà un problema psicologico? No perché se é così prendo una pillola di zucchero a effetto placebo contro le radiazioni del 4G

Inviato da mio iPad Air usando Tapatalk


MacBook Pro 2,9 i7 16GB iBook G3 12" 500 iPad Air Wifi+Cell. 16GB Apple iSight Rev.C

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il bello è che chi parla di "radiazioni" spesso non distingue le vere radiazioni (quelle ionizzanti come i raggi X) dall'elettromagnetismo.

 

Sono d'accordo. Comunque non hanno accertato che l'elettromagnetismo non sia esente da rischi. Ovviamente con tutto quello che ci circonda dovremmo davvero girare con un contatore geiger (o come si scrive) per la casa, per cui caro ilgemello non credo che sia un problema da porsi. Anche perché se tu dovessi fare una scelta eco-compatibile c'è comunque da considerare il tuo vicino di casa che installa una parabola con cui viaggia in wi-fi con la NASA  :confused:

Modificato da nikbook

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Pepomac

Secondo me si.

Io lavoro da 8 anni sotto un nodeB urban che propaga un segnale umts/hsdpa e ora LTE.

Manco a farlo apposta ci vivo anche vicino.

Mai minimanente avuto questi problemi .

Mi ricordo invece che si diceva la stessa cosa con il diffondersi del wi-fi tanti anni fa...

Poi magari saró diventato una mini antenna anche io 😜

Modificato da wiseboy

"Rem tene, verba sequentur"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bhè dagli ultimi corsi aziendali fatti sulla sicurezza (che palle) i tecnici supermegalaureati dicevano che dal 2015 entreranno in vigore in tutta europa le regolamentazioni per costringere i produttori a costruire apparecchi wi-fi a norma che rispettino dei limiti di emissioni. in Germania si fa da anni ormai credo, o forse addirittura qualche dispositivo è bandito avevo letto... certo che in italia questi discorsi sono pura utopia, ora c'è bisogno di uscire dalla crisi e di parlare di quanto nevica a studio aperto (e magari fare vedere qualche gnocca alla fine del telegiornale) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tutti facciamo le battutine e scherziamo, e va bene. Però parlando seriamente, quando navigo in wifi dal mio ipad tutto bene, ma quando sono fuori o anche a casa e utilizzo il 4G per fare più in fretta, dopo 15 minuti di 4G mi scoppia la testa, cosa che non succede con il wifi.

Sarà un problema psicologico? No perché se é così prendo una pillola di zucchero a effetto placebo contro le radiazioni del 4G

Inviato da mio iPad Air usando Tapatalk

Io non faccio battutine ma prendo ad esempio per esporre la mia contradditoria il TRSM, cioè il tecnico radiologo, ed il personale che lavora in radiologia. Sono soggetti a radiazioni e rischio di radiazioni. Ne conosco alcuni, andati in pensione 20 anni fa e stanno ancora benissimo, altri sono morti per cause che nulla hanno a che vedere con le radiazioni. Quelli che vengono a lavorare, tutti i giorni, non hanno problemi. Ciò che probabilmente causa il mal di testa è l'infiammazione del nervo cocleare. Non capita a tutti, ma in medicina 2+2 non fa mai 4 .  La soluzione è comperarsi  un dispositivo bluetooth. 


nell' avatar

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

può darsi che sei molto sensibile alle onde di trasmissione (3g o wi-fi).. ma l'ipad in se non emette nulla...


 La supposizione è la madre di tutte le cazzate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rispondi e partecipa alla discusione

Puoi rispondere subito e iscriverti successivamente. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo