Vai al contenuto





sanacc85

Dieta Mediterranea

Recommended Posts

Secondo degli studi la dieta mediterranea ha effetti protettivi sul cervello, contribuendo a prevenire il declino cognitivo; essa è molto importante per i suoi effetti benefici sulla salute. Dopo essersi rivelata protettiva nei confronti di malattie cardiovascolari, tumori e probabilmente di allergie e asma, lo studio ne segnala i potenziali effetti protettivi sul cervello. È infatti emerso che chi segue questo tipo di regime alimentare ha meno possibilità di andare incontro a un modesto declino cognitivo, uno stadio tra il normale invecchiamento e la demenza. Non solo, la dieta mediterranea ridurrebbe le possibilità di sviluppare la malattia di Alzheimer in chi già mostra segnali di difficoltà cognitive. L'aderenza ad un modello di dieta mediterranea salutare si associa ad un significativo miglioramento della salute così come dimostrato nello studio, condotto su circa 1.500.000 di persone, con follow up variabile da 3 a 18 anni, ha dimostrato una riduzione pari al 13% sia per l'Alzheimer che per il Parkinson, al 6% della mortalità da cancro, al 9% per le malattie cardiovascolari ed ancora al 9% per la mortalità totale. Recentemente gli studi di De Lorenzo e collaboratori , hanno messo in evidenza il possibile impatto positivo sulla salute della dieta mediterranea biologica (dieta italiana mediterranea di riferimento) rispetto a quella convenzionale, in termini di riduzione dello stato infiammatorio e della disfunzione endoteliale associata con l'obesità e le patologie renali. Sottolineano, inoltre, per la prima volta, che il consumo giornaliero di alimenti biologici nell'ambito della dieta mediterranea potrebbe essere collegato ad una riduzione di omocisteina, fosforo, colesterolo totale, microalbuminuria e ad un aumento della vitamina B12 nel sangue. Inoltre, la Dieta Mediterranea, articolata in un intervento sugli stili di vita più ampio in uno studio di follow-up clinico, ha migliorato la circolazione a livello di arterie renali nella ipertensione essenziale. Ciò si verifica attraverso la riduzione delle resistenze intrarenali, e non comporta una modifica dell’insulino-resistenza. Attraverso questo meccanismo vascolare la dieta mediterranea sembra in grado di modificare una componente importante della patofisiologia della ipertensione arteriosa e dell’arterosclerosi.


Da tutti questi fattori deriva una minore incidenza di patologie cardiovascolari, che risulta essere particolarmente importante per i pazienti con insufficienza renale cronica. Per tali ragioni è possibile affermare che la dieta mediterranea svolga un ruolo fondamentale nella longevità e nella qualità della vita.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


sicuramente al dieta mediterranea è fra le più salutari, il punto è che nn basta il nome del prodotto per assicurarne la sua genuinità, mentre nn credo alle statistiche del tipo -13% parkinson o -6% di cancro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questi "studi" mi han sempre fatto sorridere  :ghghgh: 

Qual'è e cos'è la dieta mediterranea? Il Marocco è inserito in lista, posso mangiare cuscus and harira tutti i giorni? 

Han preso 1 milione e mezzo di persone che mangiavano al McDonalds, li hanno costretti a mangiare in modo più sano ed hanno riscontrato miglioramenti? Gli scandinavi, che mi sembrano sani, non la mangiano frutta, verdura, pesce, e legumi?
Vabbè che c'entra, noi abbiamo i prodotti originali, genuini e 100% italiani !! Cosa? La cina è il nostro primo fornitore di legumi?  :shock:  Il pesce lo importiamo dall'Olanda e dalla Thailandia? Cosa vuol dire che stiamo importando grano dall'Ucraina??? 

:clap:

Modificato da Marcorex

Lancer Evo IX

You know you drive an Evo...when driving is no longer getting from point a to point b, but rather an recreational activity.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ok tutto, ma di certo la dieta del mcdonald nn è salutare :) ma poi è solo questione di equilibri

diciamo che scegliendo i prodotti giusti, sapendo cucinare e variando, la mediterranea è fra le più complete e salutari, ma con tanti se...

io penso che fra vegani, onnivori, chi segue una dieta mediterranea o cinese, ben pochi conducono una dieta equilibrata

PS

nn ho mai visto legumi cinesi però, sono uno che guarda la provenienza e molto preciso su queste cose (magari i legumi per lavorazioni conto terzi),  comunque questo discorso nn è certo colpa nostra, ma delle politiche estere dove costa più un tonno pescato fuori casa che farlo arrivare dalla cina, però è anche ovvio, dato che paghi la freschezza non il nome del tonno ed i supermercati nn potrebbero esistere senza quste politiche dello spreco, più roba si spreca e meno costano i prodotti

aggiungo che pure la carne di vitello è per lo più olandese, però mandano qui la prima sdcelta la seconda la tengono epr loro

PS

quella del grano ucraino è uan bufala che circolava qualche tempo fa (riguardo barilla), la pasta dei marchi maggiori proviene tutta dall'Italia, poi magari qualche marchio minore lo fa nn dico di no, per esempio le farine del pane o brioches congelate ed infornate da supermercato sono di dubbia provenienza, l'ucraina è fra le maggiori esportatrici di grano, ma va per la maggior parte in trasformazione (sciroppi derivati del mais ecc), se uno mi compra 4 salti in padella (è un esempio banale) o surgelati in pastella, ha poco da lamentarsi della provenineza del grano o sulla genuinità....

poi vabbè.... nemmeno l'italia è garanzia di qualità, vedendo quanto successo alle bufale contaminate od i campi nella terra dei fuochi, e questo è solo quello che ci è dato sapere, personalmente nn compro più nessun ortaggio dalla campania, ero un patito dei pomodori s marzano, ne consumavo a quintali, ma sono passato al mutti

Modificato da nikapple

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ok tutto, ma di certo la dieta del mcdonald nn è salutare :) ma poi è solo questione di equilibri

diciamo che scegliendo i prodotti giusti, sapendo cucinare e variando, la mediterranea è fra le più complete e salutari, ma con tanti se...

io penso che fra vegani, onnivori, chi segue una dieta mediterranea o cinese, ben pochi conducono una dieta equilibrata

 

Appunto, se prendi un milione di persone che mangiano da McDonald e li obblighi a condurre una dieta sana (come quella mediterranea) è ovvio che riscontri un miglioramento di tutte le funzioni vitali  :ghghgh: 

Mi piacerebbe vedere invece gli effetti su una persona che segue già una dieta bilanciata  :rolleyes: 

 

 

 

nn ho mai visto legumi cinesi però, sono uno che guarda la provenienza e molto preciso su queste cose (magari i legumi per lavorazioni conto terzi),  comunque questo discorso nn è certo colpa nostra, ma delle politiche estere dove costa più un tonno pescato fuori casa che farlo arrivare dalla cina, però è anche ovvio, dato che paghi la freschezza non il nome del tonno ed i supermercati nn potrebbero esistere senza quste politiche dello spreco, più roba si spreca e meno costano i prodotti

aggiungo che pure la carne di vitello è per lo più olandese, però mandano qui la prima sdcelta la seconda la tengono epr loro

PS

quella del grano ucraino è uan bufala che circolava qualche tempo fa (riguardo barilla), la pasta dei marchi maggiori proviene tutta dall'Italia, poi magari qualche marchio minore lo fa nn dico di no, per esempio le farine del pane o brioches congelate ed infornate da supermercato sono di dubbia provenienza, l'ucraina è fra le maggiori esportatrici di grano, ma va per la maggior parte in trasformazione (sciroppi derivati del mais ecc), se uno mi compra 4 salti in padella (è un esempio banale) o surgelati in pastella, ha poco da lamentarsi della provenineza del grano o sulla genuinità....

poi vabbè.... nemmeno l'italia è garanzia di qualità, vedendo quanto successo alle bufale contaminate od i campi nella terra dei fuochi, e questo è solo quello che ci è dato sapere, personalmente nn compro più nessun ortaggio dalla campania, ero un patito dei pomodori s marzano, ne consumavo a quintali, ma sono passato al mutti

 

Per la storia del grano non è una bufala, non siamo in grado di coprire il fabbisogno richiesto e pure il colosso Barilla ha ammesso che usa grano importato (seppur la maggioranza del grano utilizzato è italiano...). Questo aldilà che sia di qualità o meno dato che non ho le competenze per giudicare  :angiolettoim: 

Il punto era che secondo me non ha più senso parlare di dieta mediterranea in senso stretto perché semplicemente non esiste più; lo stile di vita è diverso, i prodotti "sani" non sono più quelli di 50 anni fa, l'ambiente non è più quello di 50 anni fa, le materie e le tecniche utilizzate non sono più quelle di 50 anni fa e le ricerche scientifiche non sono più quelle di 50 anni fa :ninja: 

Ingozzarsi di farine lavorate, carni e salumi forse non è più la soluzione ideale anche se per molti dottori/nutrizionisti italioti non sembra essere un problema...liquorino digestivo e via  :zzzzz: 

Della dieta mediterranea (che tra l'altro quella vera non la segue quasi nessuno in Italia) è rimasta solo una bella astrazione mitologica ed uno bello slogan per fare pubblicità e business  :libro:  

Se poi per dieta mediterranea intendiamo semplicemente dieta salutare da contrapporre ai fast food americani allora quella la seguono anche in Finlandia dove probabilmente sarà chiamata dieta atlantica  :segreto: 

P.S Olio EVO, quello si !!! 

Modificato da Marcorex

Lancer Evo IX

You know you drive an Evo...when driving is no longer getting from point a to point b, but rather an recreational activity.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mmmm nn è proprio così sul grano, quanto meno in italia...ok barilla, ma ti riferisci al marchio "grand italia", che è semrpe della barilla ma commercializzata all'estero (inoltre la barilla è un marchio molto commerciale, come qualità è ben al di sotto rispetto le paste nbapoletane tipo voiello o dececco o gragnano), soprattutto olanda (fermo restando che lil fatto che provenga o meno dall'italia non influisce sulla qualità o la genuinità)

 

il discorso carne, come il discorso verdure, a mio parere è del tutto relativo, se si parla di salute e nn di etica verso gli animali ovviamente, quella è una scelta.

se noi siamo quello che mangiamo, siamo a nostra volta quello che mangiano gli animali o come sono coltivati gli ortaggi, io nn credo che la carne in se faccia male, ma sono i metodi di allevamento che rendono la carne pericolosa, ma vale anche per gli ortaggi da supermercato o surgelati, che provengono dal sud america o dai paesi arabi con monocolture, dannose per l'uomo e per la terra, perchè una terra povera da monocoltura, richiede integrazioni di ogni genere od il broccolo nn cresce (ce lo insegnano alle elementari, quanto meno ai miei tempi, quando si studiano gli uomini primitivi che si accorsero che le colture vanno ruotate)

come ho già detto, nn importa se ci si mangia un panino della mc al mese, nn importa se si mangiano grassi saturi 2 volte al mese, importa che la dieta sia variegata ed equilibrata, sul fatto che nessuno o quasi utilizzi più la dieta mediterranea, aimè su questo ti do pienamente ragione, lo stesso vale per la genuinità dei prodotti attuali rispetto quelli di 50 anni fa.

sul discxorso finlandese nn ti do invece ragione, nn hanno grande varietà di cibo come in molti paesi nordici ed hanno leggi adhoc che permettono di vendere polli gonfiati fino al 60%, cosa che da noi fortunatamente nn esiste, nonostante la grande distribuzione gli ingrassi quasi a forza.

pensa che molti prosciutti od insaccati col marchio igp, provengono dalla germania, la maggior parte dei proisciutti venduti nella grande distribuzione (chiedere al salumiere per credere), arrivano con i femori rotti, cosa dovuta all'ingrassamento ultraveloce che sviluppa prima la massa delle ossa.

sulle ricerche scientifiche e le statistiche, ti do pienamente ragione, mi piacerebbe sapere come sono arrivati ad esempio alla % del -6% tumori.

in ogni caso, abbiamo ancora i prodotti migliori ed una delle cucine più ricche e certamente la più esportata (nn perchè siamo fichi, ma perchè nei secoli abbiamo subito contaminazioni di ogni genere, francese, araba, spagnola), seppur peggio di quelli di 50 anni fa, abbiamo normative molto ristrette rispetto altri paesi e siamo il primo paese in marchi DOP al mondo, staccando i secondi (francesi) di ben il doppio

il discorso comuqnue vale anche per l'olio, ti invito a guardare la maggior parte degli olii d'oliva dei supermercati, extravergini o meno, nonostante molti portino marchi italiani, carapelli, bertolli.... noterai che scritto piccolo piccolo, c'è una scritta che dice "olli di oliva comunitari", di questi olii a noi non è dato sapere la provenienza, solo dove specificato sono prodotti italiani, ma anche qui..... mi fido a prendere olii liguri, toscani o anche pugliesi, ma gli olii calabresi vengono prodotti nella regione più inquinata e devastata d'Italia, insieme alla campania (purtroppo).... stesso vale per il pesce, le famose cozze tarantine ormai sono veleno puro, benvengano dagli allevamenti veneti o friulani, benvengano pesci dalla thailandia che sicuramente sono meno inquinati dei nostri, il tonno del mediterraneo è copletamente contaminato, stesso lo spada, casualmente gli unici tonni che passano i controli sono quelli in scatola, che arrivano dall'asia, bisogna stare attenti a ciò che si mangia, per questo penso che sotto il punto di vista della salute, una persona che consuma carne da supermercato, ed un vegano che consuma ortaggi da supermercato, nn vi sia alcuna differenza, escluso ovviamente una scelta etica personale verso gli animali, ma se scaviano davvero a fondo, per permettere le monocolture disboscano foreste in sud america, i pesticidi ed i fertilizzanti x nn far morire le piante crsciute su un terreno povero, finiscono in mare, quindi gli animali muoiono sempre e comunque

Modificato da nikapple

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io credo che le migliori sono quelle asiatiche , salute ovviamente. Quella mediterranea può essere più gustosa , ma non credo migliore di altre culture asiatiche . Basta pensare che loro preferiscono riso e pesce , non aggiungo altro .

Inviato dal mio iPhone 6 utilizzando Tapatalk

Modificato da Bledi

iMAC 21" intel i3, 8 gb ram & iPhone 6 & iPad Mini 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

si ma... in Giappone muoiono meno di cancro (alcuni tipi di cancro) e più di infarto, migliore è relativo, prima o poi di qualcosa dobbiamo morire, i giapponesi inoltre utilizzano i funghi medicinali nella dieta... sembra invece strano che abbiano un alta % di cancro allo stomaco, lo studio fu fatto seguendo i giapponesi in Giappone, confronto i nippoamericani. l Asia è grande e x la maggior parte con scarse condizioni igeniche, giusto Giappone e parte di Cina si salvano, però da pensare che molte sostanze studiate negli ultimi anni, siano comunque asiatiche. curcuma, funghi medicinali, olio di pesce

Modificato da nikapple

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La dieta mediterranea in Italia si faceva nel dopoguerra, appena dopo la fame e poco prima di importare stile di vita e prodotti yankee.

Che la generazione postbellica (i padri, non i figli) sia tra le più longeve lo sanno pure i muri, millantare quella odierna come dieta mediterranea rimandando al regime alimentare dei nostri nonni o padri come elisir di lunga vita mi pare un esercizio indegno della professione medica.


 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io sono sempre del parere che nulla fa male moderatamente, e la genuinità di ogni prodotto dipende da come e dove cresce o viene allevato. (Non voglio entrare nel merito veg o non veg)

Modificato da nikapple

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mah, ho un metabolismo velocissimo e mangio molto ma non igrasso.  Cerco di mangiare pasta con vari sughi , anche semplici riso/tti.pesce, verdure, poca carne, bere del buon rosso che contiene tannini che eliminano il colesterolo. Non bevo latte, preferisco farmi una spremuta arancia/pompelmo tutte le mattine. Detesto i mcdonald e similia. Mia madre ha 87 anni è in gran forma e mangia dieta mediterranea da sempre. Mi piace lo street food di qualità.  Per me non è tanto quello che compri perchè per il 95% ci serviamo tutti al supermercato, ma come lo cucini evitando che i 4 salti in padella diventino abitudine e non eccezzionalità, eliminado grassi saturi, burro ad etti, spuntini a base di patatine fritte o merendine kinder ( assai piu' sano un panino col salame)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nn voglio far eil guasta feste, ma il cibo negli ultimi anni è stato analizzato chimicamente, quindi si può dire con assoluta certezza, che tutto il cibo cotto è potenzialmente tossico, tutte le impanature, tutti i fritti, la carne in padella, la verdura in padella, tutto ciò che è cotto a tempèerature che superano i 130° (la superficie di qualsiasi tegame sul fuoco la supera di solito) sviluppa una sostanza molto tossica per il nostro organismo, sostanza di cui si sta parlando solo negli ultimi 2 anni, questa sostanza si chiama acrilammide. quindi, se davvero si pensa alla salute, l'unica via percorribile è la bollitura o la cottura a vapore, qualsiasi cosa imbrunita, noisettata, che sia esso burro od olio vegetale, che si parli dii cucina vegana o carnivora, è tossico. se poi andiamo ad analizzar eil cibo commerciale (nn intendo materie prime come carne o verdura, ma lavorazioni, nn è davvero più finita).

inoltre spezzo una lancia a favore del burro, olte che contenere grassi saturi, contiene pure il CLA (acido linoleico coniugato), che è un anticancerogeno potentissimo studiato ultimamente contro alcuni tipi di tumore (in realtà nel burro industriale nn ce ne sta moltissimo confrontato al burro di alpeggio od in zone limitrofe), ma anche sotto il punto di vista alimentare, non affermo che faccia bene, ma sai con assoluta certezza che 3g di burro corrispèondono a 3g di grasso, ben differente ad esempèio rispetto una margarina, che oltre che contenere grasso, contiene grasso esausto nella migliore delle ipotesi (se nn contiene grassi idrogenati contiene comunque olii esausti), oppure contiene direttamente grassi idrogenati o parzialmente idrogenati.

la stessa cos avale per gli zuccheri, adesso va di moda il fruttosio od altra merda che zucchero non è, lo zucchero in se ha un rovescio della medaglia, che serve al nostro organismo per nn ingerirne eccessivamente, il vero zucchero provoca sazietà e nausea se ingerito in grandi quantità, il fruttosio (od altri dolcificanti) no, capite come mai vengono utilkizzati quesxti derivati? per ingozzarci fino alla nausea (che nn arriverà mai), quello che arriva probabilmente è l'obesità od il diabete, fino a 30-40 anni fa il diabete di tipo due era una rarità, al giorno d'oggi il 90% dei diabetici ha il tipo 2, che è provocato dall'alimentazione principalmente, il fruttosio guarda caso, provoca insulinoresistenza, io sarò uno che guarda smepre il marcio delle cose, ma quanto ho detto è tutto verificabile ed incontrovertibile purtroppo.

http://it.wikipedia.org/wiki/Acrilammide

http://www.my-personaltrainer.it/integratori/cla-acido-linoleico-coniugato.html

Modificato da nikapple
  • Love 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nn voglio far eil guasta feste, ma il cibo negli ultimi anni è stato analizzato chimicamente, quindi si può dire con assoluta certezza, che tutto il cibo cotto è potenzialmente tossico, tutte le impanature, tutti i fritti, la carne in padella, la verdura in padella, tutto ciò che è cotto a tempèerature che superano i 130° (la superficie di qualsiasi tegame sul fuoco la supera di solito) sviluppa una sostanza molto tossica per il nostro organismo, sostanza di cui si sta parlando solo negli ultimi 2 anni, questa sostanza si chiama acrilammide. quindi, se davvero si pensa alla salute, l'unica via percorribile è la bollitura o la cottura a vapore, qualsiasi cosa imbrunita, noisettata, che sia esso burro od olio vegetale, che si parli dii cucina vegana o carnivora, è tossico. se poi andiamo ad analizzar eil cibo commerciale (nn intendo materie prime come carne o verdura, ma lavorazioni, nn è davvero più finita).

inoltre spezzo una lancia a favore del burro, olte che contenere grassi saturi, contiene pure il CLA (acido linoleico coniugato), che è un anticancerogeno potentissimo studiato ultimamente contro alcuni tipi di tumore (in realtà nel burro industriale nn ce ne sta moltissimo confrontato al burro di alpeggio od in zone limitrofe), ma anche sotto il punto di vista alimentare, non affermo che faccia bene, ma sai con assoluta certezza che 3g di burro corrispèondono a 3g di grasso, ben differente ad esempèio rispetto una margarina, che oltre che contenere grasso, contiene grasso esausto nella migliore delle ipotesi (se nn contiene grassi idrogenati contiene comunque olii esausti), oppure contiene direttamente grassi idrogenati o parzialmente idrogenati.

la stessa cos avale per gli zuccheri, adesso va di moda il fruttosio od altra merda che zucchero non è, lo zucchero in se ha un rovescio della medaglia, che serve al nostro organismo per nn ingerirne eccessivamente, il vero zucchero provoca sazietà e nausea se ingerito in grandi quantità, il fruttosio (od altri dolcificanti) no, capite come mai vengono utilkizzati quesxti derivati? per ingozzarci fino alla nausea (che nn arriverà mai), quello che arriva probabilmente è l'obesità od il diabete, fino a 30-40 anni fa il diabete di tipo due era una rarità, al giorno d'oggi il 90% dei diabetici ha il tipo 2, che è provocato dall'alimentazione principalmente, il fruttosio guarda caso, provoca insulinoresistenza, io sarò uno che guarda smepre il marcio delle cose, ma quanto ho detto è tutto verificabile ed incontrovertibile purtroppo.

http://it.wikipedia.org/wiki/Acrilammide

http://www.my-personaltrainer.it/integratori/cla-acido-linoleico-coniugato.html

Vi è poca informazione ed autoinformazione per quello che mangiamo, la gente compra schifezze al supermercato: precotti, preimpanati , insaccati a josa ( carne, pesce, wurstel ) che cavolo ci vuole a prendere l'ovetto, il pan grattato meglio se naturale preparato in casa, e farsi la panatura? la fettina o il petto di pollo vengono assai piu' buoni che con la panatura industriale,  Non mi si dica che è questione di tempo è solo mancanza di volontà. Io  per esempio prendo il pomodoro peretta, ed il sabato preparo il sugo per tutta la settimana. Lo surgelo ma vuoi mettere il confronto con i sughi e le passate pronte che sono zeppe di conservanti, aromi, ecc? Guradare solo lìetichetta viene male.  La pasta barilla fa schifo, costa la metà di una Granoro ma il motivo si sente alla forchetta. La gente nei supermercati compra l'extravergine a ,3,50 euro litro. Non è olio è petrolio. Un buon olio dop costa 10 euro al litro. Ma poi fanno tanto i fighetti e vanno a comperarsi la cintura Tods da 350 euro o una felpa da 250. La gente compra carne francese o tedesca e non sa una mazza della carne spagnola che è buonissima e costa uguale. Cosa ci vuole a prendere un pollo intero, pulirlo, cospargelo di limone spremuto e metterlo in forno coperto di dale grosso? No meglio il pollo da rasticceria pieno di glutammato ed aromi che alla fine non sa manco di pollo. ecc ecc.

Modificato da Domenico Gori

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza cookies, anche di terze parti e profilazione. Utilizzando il sito acconsenti al loro impiego. Privacy Policy Termini di utilizzo