Vai al contenuto

Benvenuto nella community di Italiamac Forum

Guest Image

Benvenuto su Italiamac, la più grande comunità AMUG italiana riconosciuta da Apple. La consultazione è libera. Se vuoi anche partecipare attivamente alle discussioni pubblicando post e messaggi puoi iscriverti gratuitamente, avrai molti vantaggi:

  • Pubblicare post, messaggi e richieste di aiuto
  • Fare amicizia e usare i messaggi privati fra utenti
  • Pubblicare annunci di vendita di usato
  • Usare tutte le funzioni della community

ISCRIVITI GRATIS


Light/Dark






Che film avete visto oggi?


calicabe
 Share

Recommended Posts

Per quanto mi riguarda, l'opera più intensa della lunga e non lineare carriera di Verdone resta Al lupo al lupo, sintesi suprema di risate ed emozioni.

"A te Pinocchio te fa' 'na p***a!" :fiorellino:

Invece secondo me è perfetto nel suo cinismo "Compagni di scuola"... sono molto affezionato a quel film. Anche "Al lupo al lupo" però mi è piaciuto molto! :rolleyes:

«Beelzebub has a devil put aside for me»
iPad 3 16Gb Wi-Fi / MacBook CoreDuo 2GHz , 2Gb RAM / iPod Nano 3g 4Gb / iPod Shuffle 1g 512Mb

Link al commento
Condividi su altri siti

"A te Pinocchio te fa' 'na p***a!" :fiorellino:

Invece secondo me è perfetto nel suo cinismo "Compagni di scuola"... sono molto affezionato a quel film. Anche "Al lupo al lupo" però mi è piaciuto molto! :rolleyes:

Ma quello è un titolo culto, che si ama a prescindere.

Ricordo ancora quando lo vidi all'uscita in un cinema di Perugia.

Potrebbe essere stato l'87.

Quindi sono di parte, c'è l'elemento ricordi di mezzo. :ciao:

Link al commento
Condividi su altri siti

Ben tornato FBZ. Era un po' che non ti si leggeva su queste pagine! :fiorellino:

Grazie, è un piacere anche per me ritrovarti.

Non ho rinunciato ai film, semplicemente non ho più avuto molto tempo per scriverne.

Link al commento
Condividi su altri siti

Donnie Darko rispetta le premesse di fenomeno a costo zero, peccando però di un'eccessiva stilizzazione nel raccontare le fantasie di un ragazzo che scopre il verso di rotazione della terra.

Il merito più grande è di avere riaperto un filone di onirismo poi ampiamente ripreso da registi più o meno consapevoli.

Probabilmente il metodo migliore per parlare di quanto la società sia diventata un incubo è proprio quello di usare le fantasie adolescenziali.

Qui siamo in piena regressione, specchio di una più generale discesa negli inferi e l'autore ha cassetti pieni di idee che deve solo elaborare prima di presentare al pubblico.

Link al commento
Condividi su altri siti

Donnie Darko rispetta le premesse di fenomeno a costo zero, peccando però di un'eccessiva stilizzazione nel raccontare le fantasie di un ragazzo che scopre il verso di rotazione della terra.

Il merito più grande è di avere riaperto un filone di onirismo poi ampiamente ripreso da registi più o meno consapevoli.

Probabilmente il metodo migliore per parlare di quanto la società sia diventata un incubo è proprio quello di usare le fantasie adolescenziali.

Qui siamo in piena regressione, specchio di una più generale discesa negli inferi e l'autore ha cassetti pieni di idee che deve solo elaborare prima di presentare al pubblico.

Ogni volta che nomino il coniglio di quel film, la mia ragazza mi vuol menare..lo odia proprio..

A me il film e' piaciuto, certo che per certe cose sembra incompleto, soprattutto verso la fine mi sembra fatto in fretta..

If you ever ask how to do this or that, as if you were in Windows, you do not even deserve to be called a Mac User. You're simply a Windows user who is using a Mac.

Link al commento
Condividi su altri siti

Donnie Darko rispetta le premesse di fenomeno a costo zero, peccando però di un'eccessiva stilizzazione nel raccontare le fantasie di un ragazzo che scopre il verso di rotazione della terra.

Il merito più grande è di avere riaperto un filone di onirismo poi ampiamente ripreso da registi più o meno consapevoli.

Probabilmente il metodo migliore per parlare di quanto la società sia diventata un incubo è proprio quello di usare le fantasie adolescenziali.

Qui siamo in piena regressione, specchio di una più generale discesa negli inferi e l'autore ha cassetti pieni di idee che deve solo elaborare prima di presentare al pubblico.

non l'ho mai visto, stasera me lo guardo... :)

«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Link al commento
Condividi su altri siti

Lista aggiornata ad oggi dei film visti negli ultimi due mesi.

Non pensate che rinunci a farvi sorbire le mie recensioni in un futuro prossimo. :confused:

Romanzo criminale

Salvador, 26 anni contro

Nuclear target

Appuntamento al buio

Hostel 2

Una lunga domenica di passioni

Prima dell'Apocalisse

Le regole del gioco

Io e Beethoven

Cronaca di una fuga

Quel mostro di suocera

The messengers

The final cut

Mi fido di te

I racconti di Terramare

Smokin' aces

I cento passi

Finché nozze non ci separino

Miami vice

Mare nero

Transformers

Idiocracy

Quo vadis baby

Al lupo, al lupo

La famiglia omicidi

Fearless

Pasto umano

Happy feet

Perché te lo dice mamma

La sottile linea della verità

Crank

Il colpo

Giardini in autunno

La morte corre veloce

Licenza di matrimonio

The fog

Tutte le donne della mia vita

Il velo dipinto

Il cane pompiere

L'ultimo inquisitore

I Fantastici 4 e Silver Surfer

Truman Capote - A sangue freddo

Starsky & Hutch

Agente matrimoniale

Sguardo nel vuoto

Mission impossible III

The protector

Mio fratello è figlio unico

Saw III - Enigma senza fine

Natale a New York

Profumo

In her shoes - Se fossi lei

Il principe d'Egitto

Contratto d'amore

Un'ottima annata

L'amico di famiglia

Modigliani

Le avventure galanti del giovane Moliere

Mr. & Mrs. Smith

Sapori e dissapori

The invasion

Il bandito corso

Il bacio che aspettavo

Levity

Casanova

Arrivederci amore ciao

Il buio nell'anima

Il buon pastore

Goodbye Lenin

L'ultima legione

Link al commento
Condividi su altri siti

ok ho visto donnie darko.

non ci ho capito niente. non ho nemmeno capito se ci fosse qualcosa da capire.. l'unica cosa che ho pensato, quasi verso la fine del film, è che il motore del boeing venisse dal futuro. però qual è il legame tra l'incidente dei genitori nel futuro e il motore nel passato!? e il coniglione? e la maschera? e la morte di tutti???

aiuto!

«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Link al commento
Condividi su altri siti

Ogni volta che nomino il coniglio di quel film, la mia ragazza mi vuol menare..lo odia proprio..

A me il film e' piaciuto, certo che per certe cose sembra incompleto, soprattutto verso la fine mi sembra fatto in fretta..

E pur sempre un'opera prima.

E non penso che volesse essere completo e limpido.

Link al commento
Condividi su altri siti

ok ho visto donnie darko.

non ci ho capito niente. non ho nemmeno capito se ci fosse qualcosa da capire.. l'unica cosa che ho pensato, quasi verso la fine del film, è che il motore del boeing venisse dal futuro. però qual è il legame tra l'incidente dei genitori nel futuro e il motore nel passato!? e il coniglione? e la maschera? e la morte di tutti???

aiuto!

Ti potrei dare una risposta, ma sarebbe il mio sogno e non il tuo. :gira:

Link al commento
Condividi su altri siti

ti prego spiegami donnie darko!!!

:gira:

«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Link al commento
Condividi su altri siti

Nella mia ottica li vedo come piani separati, ciò che potrebbe accadere e ciò che è accaduto.

Ma il regista non privilegia nessuna delle due versione.

Lascia allo spettatore la scelta.

Il coniglio potrebbe essere la coscienza.

La morte è un dato di fatto, ma ci si può arrivare in tanti modi, dopo avere vissuto o senza averlo fatto.

Queste sono solo sensazioni personalissimi che la visione mi ha suscitato.

Link al commento
Condividi su altri siti

ti prego spiegami donnie darko!!!

:confused:

L'interpretazione di FBZ mi piace tantissimo! Pulita, sintetica... non come certe seghe mentali che si trovano su internet circa questo film.

Richard Kelly, nel concepire questo prodotto non-lineare, suppongo tenesse in alta considerazione l'effetto catena di opinioni/spiegazioni che si sarebbe venuto a creare... furbo, mooolto furbo :P

(In un mondo dove tutto è lineare ciò che pare non esserlo viene sempre accolto con grande stupore ed interesse).

In sostanza ha sostituito la trita e ritrita teoria delle sliding doors con un intersecarsi di universi paralleli. Uno Primario (la realtà) e uno Tangente (un viaggio a ritroso nel tempo).

Il paradosso temporale che si viene a creare quando i due universi per forza di cose si incontrano genera la "novità" del film, condita lungo il percorso da vari riferimenti visivi (tecnica presa a nolo dai film di Lynch) + citazioni "retrò" per i nostalgici degli anni '80.

Certo è un buon film, perché tutto ciò che porta a spremersi un po' le meningi lo è... però, ripeto, si tratta di un modo pomposo ed artificioso di condire l'arcinota pillola delle "vie che possiamo/potremmo percorrere lungo il nostro passaggio terreno".

Ciò detto... bravo e furbo Kelly! In attesa dei suoi futuri lavori.

@ FBZ : nella tua listona leggo "The fog", ti riferisci al lavoro di Carpenter (che adoro!!) o al remake?

Se fosse quest'ultimo, che non ho ancora visto, mi piacerebbe conoscere la tua opinione in merito... ho letto critiche a dir poco pessime...

"In this place where time stands still it seems like everything is moving"

Link al commento
Condividi su altri siti

@ FBZ : nella tua listona leggo "The fog", ti riferisci al lavoro di Carpenter (che adoro!!) o al remake?

Se fosse quest'ultimo, che non ho ancora visto, mi piacerebbe conoscere la tua opinione in merito... ho letto critiche a dir poco pessime...

Li ho visti entrambi, ma in questo caso mi riferisco all'ultimo uscito.

Come è ovvio non si può minimamente paragonare.

In ogni caso non mi è dispiaciuto.

Sarà che la nebbia, come il buio e il vuoto, è un thopos fortemente evocativo e da solo basta a reggere la suspence.

In fin dei conti vedo in giro tanto entusiasmo per serie televisive americane che sono ben più ingenue della trama di questo film.

L'ho trovato onesto nel suo sviluppo rettilineo, con buona mano del regista nella scelta della prospettiva di inquadrature per le scene clou.

Basta non avere eccessive pretese e sapere che si guarda un passatempo.

Link al commento
Condividi su altri siti

grazie per i vostri pareri.. il mio è confuso! :)

oggi ho visto kill bill vol.1 e stasera probabilmente shining, oppure the wall.

«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Link al commento
Condividi su altri siti

Ho visto Il Codice da Vinci e ho scoperto che stasera c'era anche su SKY :angioletto:

Come il principe dei nembi è il Poeta che, avvezzo alla tempesta, si ride dell'arciere ma esiliato sulla terra, fra scherni, camminare non può per le sue ali di gigante.

Link al commento
Condividi su altri siti

Li ho visti entrambi, ma in questo caso mi riferisco all'ultimo uscito.

Come è ovvio non si può minimamente paragonare.

In ogni caso non mi è dispiaciuto.

Sarà che la nebbia, come il buio e il vuoto, è un thopos fortemente evocativo e da solo basta a reggere la suspence.

In fin dei conti vedo in giro tanto entusiasmo per serie televisive americane che sono ben più ingenue della trama di questo film.

L'ho trovato onesto nel suo sviluppo rettilineo, con buona mano del regista nella scelta della prospettiva di inquadrature per le scene clou.

Basta non avere eccessive pretese e sapere che si guarda un passatempo.

Grazie FBZ.

In effetti non seguo alcuna serie televisiva. Zero spaccato.

Però, già che non hai proprio "distrutto" questo nuovo "The fog" (come hanno invece fatto alcuni critici) penso che lo terrò in considerazione.

La nebbia mi tenta e mi affascina, sempre e comunque...

Attendiamo tue future recensioni ;)

Ho visto Il Codice da Vinci e ho scoperto che stasera c'era anche su SKY :shock:
Splendida colonna sonora di Zimmer !!

Cento spanne sopra tutto il "Kyrie For The Magdalene", che nulla ha da invidiare al pathos di un'opera corale classica in piena regola.

L'unico problema è che il brano viene appena accennato quando entrano in Westminster Abbey... purtroppo non viene riproposto manco nei titoli di coda.

"In this place where time stands still it seems like everything is moving"

Link al commento
Condividi su altri siti

radiofreccia, per l'ennesima volta. :shock:

«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Link al commento
Condividi su altri siti

ok ho visto donnie darko.

non ci ho capito niente. non ho nemmeno capito se ci fosse qualcosa da capire.. l'unica cosa che ho pensato, quasi verso la fine del film, è che il motore del boeing venisse dal futuro. però qual è il legame tra l'incidente dei genitori nel futuro e il motore nel passato!? e il coniglione? e la maschera? e la morte di tutti???

aiuto!

copio e incollo le mie seghe mentali scaturite dall'atto di autoerotismo cerebrale post visione postate mesi e mesi fa nel 3d sul film perto dal sempre attento Leone:

innanzitutto, è bene puntualizzare una cosa che non è quasi mai specificata da nessuna parte. la classifica dei cento film citata nelle locandine di d.darko è quella fatta dagli utenti di imdb.com. i film che ricevono alte votazioni vi finiscono automaticamente o quasi. è chiaro che un film come donnie darko ci sia finito in virtù di come è stato diffuso. tale film è quello che tecnicamente viene definito uno "sleeper", ovvero un film che parte del tutto in sordina al botteghino e che riceve una nuova linfa da internet e i suoi forum, che sono spesso in grado di resuscitare film che hanno avuto un esito disastroso nelle sale.

Destino capitato a donnie darko: il film è uscito in america nell'autunno del 2001, un periodo di certo poco fausto per parlare di....aerei assassini.

Ciò detto, il film mi è piaciuto molto. considerato che richard kelly aveva 24 anni al tempo in cui lo ha fatto, non posso non rimanere impressionato dinnanzi alle molteplici chiavi di lettura che il film mi ha offerto. la rilettura del periodo elettorale Bush Senior-Dukakis, la pletora di in-jokes cinematografici e letterari capaci di creare una perfetta atmosfera che pare mixare insieme l'america di Stephen King e David Lynch (non a caso la madre di Donnie all'inizio del film è intenta a leggere "it")...

Ma l'aspetto che mi ha fatto fare seghe mentali con più piacere è il concetto di fine del mondo: quando donnie scampa all'incidente con il reattore e frank gli comunica che fra 28 giorni il mondo finirà, intende il SUO mondo, quello di donnie darko stesso. Sfuggendo all'incidente, egli causa la morte di sua madre, della ragazza che ama, il ferimento del ragazzo che a halloween si maschera da coniglio...grazie alle teorie di roberta sparrow, che sembrano mischiare Stephen Hawkings e "back to the future" (altra citazione anni'80)egli riesce a tornare indietro nel tempo come se fosse un supereroe ( "hai un nome da supereroe" gli dice la ragazza in una sequenza chiave)e a salvare il SUO mondo.

Oppure la risata finale con cui affronta il suo destino, ci dice che in realtà lui ha visto in sogno quello che sarebbe successo.....

Oppure lui ha appunto vissuto effettivamente quei 28 giorni ed è riuscito a tornare davvero indietro nel tempo e a salvare quel "mad world" cantato dai tears for fears, rendendo TUTTI consapevoli delle loro grane esistenziali (patrick swayze si rende conto di essere un mostro, drew barrymore si abbandona all'amore, il ragazzo che si maschererà da coniglio si tocca l'occhio con fare interrogativo e la fidanzata di donnie saluta da lontano la mamma di donnie come se si fossero conosciute in qualche strana piega temporale).

insomma, l'ho trovato un film di una dolcezza e una profondità notevoli, ma questa ovviamente e una mia opinione..

:rofl::p

Link al commento
Condividi su altri siti

Ogni volta che nomino il coniglio di quel film, la mia ragazza mi vuol menare..lo odia proprio..

A me il film e' piaciuto, certo che per certe cose sembra incompleto, soprattutto verso la fine mi sembra fatto in fretta..

succede lo stesso con me! come mai poi...?

a me donnie darko è piaciuto e lei lo ha detestato...

mi è piaciuto nonostante non ci abbia capito moltissimo, anzi, forse è proprio uno di quei film il cui pregio maggiore consiste nell'alone di mistero di cui si circondano.

Dirò di più, quando ho cominciato a leggere le spiegazioni che girano sulla rete e che si rifanno tutte a quel libro che viene menzionato nel film stesso, mi è cominciato a piacere meno..

Link al commento
Condividi su altri siti

...non è che funzioni poi sempre così..: ci sono anche film che quando li ho visti non mi sono piaciuti, dai quali mi sono addirittura sentito preso in giro e che ho cominciato ad apprezzare solo dopo averne letto le interpretazioni online: Mullholland Drive

Link al commento
Condividi su altri siti

ho visto Figli di un dio minore..

che bello, che belle atmosfere, regia interessante e anche le soluzioni narrative dei dialoghi. volevo togliere l'audio e vedere se solo leggendo le labbra ed affidandomi alla mia conoscenza dell'inglese avrei capito le stesse cose..

«Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.» Tiziano Terzani

www.stefanodruetta.com

Link al commento
Condividi su altri siti

Vanilla Sky...........

Un film con Tom Cruise, Cameron Diaz e Penelope Cruz.

Il film anche se un po' confusionario e poco chiaro sulla trama, il buon caro vecchio tom riesce sempre a stupirmi. Peccato che faccia parte di quella banda di "lavaggio di cervello" di scientology.

I MIEI DIPINTI SU FLICKR.COM

Link al commento
Condividi su altri siti

Rispondi e partecipa alla discusione

Puoi rispondere subito e iscriverti successivamente. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

×
×
  • Crea Nuovo...

Info

Il forum utilizza cookie tecnici di navigazione o sessione, tecnici di funzionalità. Infine, sono presenti cookies analitici, utilizzati esclusivamente dal solo gestore del sito in forma aggregata ed anonima. Il forum utilizza il servizio Google Analytics, ma è previsto l’intervento per rendere anonimi gli IP con gli strumenti offerti da Google. Privacy Policy