O paghi il “pizzo” o ti attaccano il sito

hacker O paghi il pizzo o ti attaccano il sito

Il “pizzo” adesso si sposta anche su Internet e potrebbe colpire qualsiasi sito presente sulla Rete. Se i pirati informatici non ricevono una certa somma di denaro, il proprietario del Web può dire addio al suo lavoro, perché sferreranno un attacco ai server che ospita il dominio della vittima.

Gli attacchi sono studiati alla perfezione, per mettere in ginocchio un server in pochissimo tempo, inviando un’infinità di richieste (es. Denial Of Service), in modo da occupare la banda di navigazione del server che ospita il sito, facendo esaurire le risorse disponibili per la visualizzazione del portale.

Paolo Geymonat, proprietario del portale Bakeca.it, durante una recente intervista, ha dimostrato quanto il fenomeno sia in costante crescita…..





0