Gestione della sicurezza password con policy di dominio

Quando si gestisce un sistema informativo, bisogna fare in modo che questo sia protetto da attacchi più o meno subdoli. Una delle precauzioni principali da prendere riguarda la gestione delle credenziali d’accesso al sistema, che devono rispondere a specifici criteri di sicurezza che prevengano accessi non autorizzati, in ottemperanza alle elementari regole di sicurezza informatica ed al D. Lgs. 196 del 2003 conosciuto anche come “Testo Unico sulla Privacy“. Pur esistendo dispositivi che permettono di fornire le proprie credenziali in modo sicuro, come ad esempio smart card e dispositivi biometrici, in realtà il metodo più usato consiste ancora nel fornire un’accoppiata Nome Utente – Password come credenziali d’accesso al sistema informativo.

In particolare, è centrale il problema di come gestire le password associate ad ogni account, che rappresentano il punto debole e maggiormente attaccabile da parte di un malintenzionato, per cui è necessario prendere alcuni accorgimenti nella scelta e gestione delle password:

  • segretezza della password: la password deve essere segreta, e nota solamente al legittimo utilizzatore di quelle determinate credenziali d’accesso ed al responsabile delle password, inoltre, l’utente non deve lasciare in giro appunti o post-it con in bella mostra la propria password, come troppo spesso succede;
  • lunghezza della password: se un ipotetico “attaccante” cerca di scoprire la password di un utente tramite “tentativi” automatizzati (il cosidetto attacco a forza bruta), l’attacco avrà maggior successo se la password attaccata è breve, a differenza di una password lunga che, ovviamente, per essere indovinata necessita di un maggior numero di tentativi;
  • complessità della password: l’utente, scegliendo una password, dovrà fare in modo che questa non contenga riferimenti a sé stesso o all’ambito familiare, infatti un malintenzionato, utilizzando eventualmente tecniche di ingegneria sociale, potrà scoprire riferimenti della vita privata dell’utente che riutilizzerà immediatamente come tentativo di accesso non autorizzato, se poi l’attaccante è un nostro collega di lavoro (cosa possibile anche se non frequente) non dovrà sforzarsi molto per conoscere particolari che ci riguardano; altro accorgimento in questo senso può essere quello di utilizzare caratteri non standard (come segni di interpunzione o spazi) nella composizione della password, misura utile anche nei casi di attacchi “brute force”;
  • durata della password: una password, per essere considerata sicura, dev’essere cambiata entro un periodo di tempo ragionevole, ciò rende la vita più difficile ad un malintenzionato che intende “rubare” la password, inoltre consente di “richiudere fuori” un attaccante venuto in possesso delle nostre credenziali, anche se in questo caso probabilmente il danno è già stato fatto


Considerata l’importanza di queste politiche di protezione, non si può delegarne l’osservanza alla buona volontà dell’utente finale, dev’essere l’amministratore di sistema ad imporre queste policy a livello centralizzato, in modo tale che l’utente possa solamente trovarsi a scegliere se autenticarsi sul sistema informativo secondo le regole impostate dal sysadmin o se mollare tutto e passare la giornata al bar.
Per quanto concerne una piattaforma Windows Server, in un dominio Active Directory è possibile definire e imporre una policy delle password valida a livello dell’intero dominio. Per definire i criteri relativi alle password, aprire la console “Active Directory Users and Computers”, portarsi alla radice del dominio e quindi cliccare col tasto destro e scegliere la voce Properties, quindi andare sulla scheda “Group Policy”, comparirà una finestra simile a quella mostrata nella figura sottostante (i passaggi saranno diversi se si utilizza lo snap-in di Group Policy Management, ma il punto d’arrivo è il medesimo):

grouppolicy 269x300 Gestione della sicurezza password con policy di dominio

Finestra delle proprietà del dominio AD con aperta la scheda Group Policy
Si può vedere che esiste già un criterio di gruppo per il dominio (Default Domain Policy), che però non sarà quello che andremo a modificare, poiché Microsoft consiglia di non utilizzare il criterio predifinito per queste operazioni, ma di creare un nuovo criterio di gruppo e modificare quello, per cui, tramite il pulsante New, creare un nuovo criterio di gruppo a cui assegnare il nome “Password Policy”, quindi modificare il criterio appena creato cliccando il tasto Edit, che farà comparire l’editor del criterio di gruppo prescelto; i parametri che ci interessano sono quelli definiti in “Computer Configuration” – “Windows Settings”, come mostrato nella seguente immagine:

windowssettings 300x187 Gestione della sicurezza password con policy di dominio
Editor dei criteri di gruppo riferito al criterio Password Policy
In particolare, dovremo far riferimento, inizialmente, alla sezione “Security Settings” – “Account Policies”, e lì scegliere la voce “Password Policy”, in cui andranno impostate le seguenti opzioni:

  • Enforce password history: serve per definire il numero di password “ricordate” dal server, ciò significa che prima di poter riutilizzare una password bisogna cambiare password (la quale ovviamente sarà sempre diversa) almeno x volte, dove per x si intende il valore impostato per questo parametro, che nella maggior parte dei casi secondo me può essere uguale a 10
  • Maximum password age: indica il numero di giorni di validità della password, passato questo periodo, verrà imposto il cambio di password, pena l’impedimento all’accesso sul client da parte dell’utente finale; il valore consigliato non deve superare i 90 giorni, che è il limite massimo consentito dal Testo unico sulla privacy in caso di trattamento di dati sensibili, mentre Microsoft consiglia di non superare i 42 giorni di validità della password, che è anche l’impostazione predefinita in caso di attivazione di questa password policy
  • Minimum password age: questa policy viene automaticamente attivata quando si attiva l’impostazione “Maximum password age” mettendo come impostazione predefinita 30 giorni; in realtà, questo settaggio consente di specificare la validità minima della password, cioé il numero minimo di giorni in cui non è consentito un cambio della password a partire dalla data di creazione della stessa, quindi è bene specificare un valore più basso per consentire un più tempestivo cambio della password che si può rendere necessario per diversi motivi, infatti Microsoft consiglia di impostare questo valore a 2
  • Minimum password length: definisce la lunghezza minima della password intesa come numero di caratteri; secondo il Testo Unico sulla Privacy la lunghezza minima della password deve essere di otto caratteri, per cui ci possiamo attenere a questa prescrizione, in modo tale che l’utente non possa utilizzare password più corte di otto caratteri, ovviamente nessuno vieta di utilizzare password composte da più di 8 caratteri
  • Password must meet complexity requirements: impostazione che obbliga l’utente ad immettere password utilizzando criteri di complessità in grado di rendere una password “sicura”: in particolare, la password deve essere lunga almeno sei caratteri (precauzione superata dagli 8 caratteri specificati nel parametro “Minimum password length”), non deve contenere tre o più caratteri che fanno parte del nome utente, e deve includere almeno tre di cinque categorie di caratteri:- lettere dalla A alla Z maiuscole
    – lettere dalla a alla z minuscole
    – cifre comprese tra 0 e 9
    – segni di interpunzione e caratteri non alfanumerici (virgola, punto e virgola, $, %, ecc…)
    – caratteri unicode (simboli)

L’impostazione di queste opzioni consente di definire dei criteri di protezione validi per tutto il dominio, per cui, ogni utente che si autentica sul dominio, sarà “costretto” a seguire queste regole, ciò fa sì che, almeno da questo punto di vista, non ci siano utenti che mettono a rischio la sicurezza del sistema informativo semplicemente facendosi da sé le regole di accesso al sistema. Di importanza fondamentale rimane però la sensibilizzazione degli utenti riguardo queste tematiche, troppo spesso accade che l’utente finale comunichi le proprie credenziali ai colleghi con motivazioni del tipo “non ho nulla da nascondere”, così come altrettanto spesso si vedono post-it appiccicati al monitor con in bella evidenza la propria password; ciò accade perché gli utenti non hanno ben chiaro che vanno protette non (solo) le informazioni personali, ma i dati personali o sensibili di terzi che si trattano col lavoro di tutti i giorni.





0