Come recuperare dati da un hard disk con settori danneggiati formattato in ntfs

La prima cosa da fare è individuare con il comando fdisk il dispositivo associato al nostro Hard disk esterno. E’ anche visibile dal Gestore dischi. Da terminale:

sudo fdisk -l

Il nostro dispositivo è /dev/sdb1, questo articolo si baserà su di esso. Voi dovrete cambiarlo se vi verrà assegnato un’altro dispositivo. Se non dovesse essere rilevata la partizione dovrebbe andare bene anche /dev/sdb.

E’ possibile che il processo di mount automatico di Ubuntu potrebbe richiedere molto tempo. In questo caso utilizzeremo il comando fuser, che ci permette di individuare il numero di pid del processo che sta utilizzando il nostro dispositivo. Da terminale:

sudo fuser /dev/sdb1
Con sudo kill -9 Pid uccidiamo il processo.

Ora verifichiamo che il nostro hard disk sia smontato, se non lo è, smontiamolo noi con il comando:

sudo umount /dev/sdb1

Ora utilizzeremo GNU ddrescue, un comodo programma che ci permetterà di fare un immagine del nostro disco saltando i settori danneggiati. Per prima cosa installiamo gddrescue da terminale:

sudo apt-get install gddrescue

La sintassi è molto semplice, ddrescue opzione /dev/sdb1 file_immagine.img log_file.log per maggiori dettagli vi rimando all’help del programma.

Il comando che ho utilizzato per creare l’immagine dell’hard disk è:

sudo ddrescue /dev/sdb1 immagine_hd.img LogFile.log

Una volta generata l’immagine bisogna fixare la partizione. Un ottimo software su Ubuntu è Ntfsprogs, reperibile dei repository ufficiali e installabile tramite il comando:

sudo apt-get install ntfsprogs

Tra le varie funzioni di Ntfsprogs noi utilizzeremo solo Ntfsfix, la sintassi da utilizzare per risolvere problemi con le partizioni Ntfs del nostro file immagine è la seguente:

sudo ntfsfix immagine_hhd.img

Ora non ci resta che montare il nostro file immagine, privo dei settori danneggiati:

mkdir ~/mnt_img
sudo mount -o loop /media/Dati/Amule/iso/1/1.img ~/mnt_img

A questo punto dovrebbe avere a disposizione i dati all’interno della cartella mnt_img.





3