Da un articolo pubblicato sul portale americano “Appleinsider” sembra che Apple si unisca alla rivoluzione 5G nel 2020, quando l’azienda introdurrà presumibilmente un iPhone in grado di sfruttare la tecnologia cellulare di prossima generazione.

La notizia arriva da una fonte familiare con le anticipazioni di Apple, Fast Company che appunto riporta che l’azienda prevede di utilizzare il modem 8161 Intel 5G nell’ iPhone nel 2020. Lo smartphone sarà il primo prodotto di Apple a supportare lo standard 5G.

Intel sta sviluppando la 8161 con un chip di transizione chiamato 8060, il silicio che verrà utilizzato per prototipare e testare 5G in iPhone. Di nota, l’8161 verrà fabbricato utilizzando il processo Intel da 10 nanometri, tecnologia di fabbricazione che promette aumenti di velocità ed efficienza.

Originariamente previsto per essere pronto per la produzione di massa nel 2016, il processo di Intel 10nm ha trovato numerosi ostacoli e diversi problemi di produzione. Alla fine del mese scorso, il CEO ad interim Bob Swan ha dichiarato che si stanno facendo progressi verso la produzione di massa, ma è improbabile che la tecnologia dei chip sia pronta fino al 2019.

I dettagli non sono stati menzionati, anche se Fast Company ipotizza che Intel resterà l’ unico fornitore di chip di Apple quando il 5G arriverà su iPhone.

Proprio come 4G LTE è l’attuale portabandiera nella tecnologia delle comunicazioni, così 5G vedrà una rapida adozione da parte dei produttori di cellulari nei prossimi anni. Qualcomm sta aumentando la produzione dei suoi chipset con capacità 5G in previsione delle prime major release per smartphone nel 2019.

Apple è abitualmente lenta ad adottare gli standard cellulari più veloci nella linea iPhone. Il primo modello, ad esempio, è stato lanciato senza supporto per lo standard 3G di ultima generazione, mentre l’integrazione 4G LTE è arrivata un po in ritardo, rispetto alla concorrenza, con iPhone 5 nel 2012.

I gestori sono solo nelle primissime fasi della distribuzione delle rispettive reti con stazioni base compatibili e la proliferazione verso una disponibilità diffusa sarà lenta. Ad esempio, Verizon ha lanciato questo mese “5G Home”, un servizio a banda larga a domicilio propagandato come prima distribuzione commerciale 5G al mondo.

Advertise