Il Lato Oscuro di iCloud.

icloud home Il Lato Oscuro di iCloud.

All’ultima conferenza di Apple, Tim Cook ha parlato di 100 Milioni di utenti che utilizzano iCloud. Il numero è veramente incredibile se pensiamo che questo servizio è apparso con iOS 5 quindi 1 anno fa. Oggi, ad analizzare la “nuvola” dell’azienda di Cupertino, sono gli esperti di Ars Technica [link] e stando a quello che dicono, sembra che i dati su iCloud potrebbero essere utilizzati dalla stessa Apple.

Già in passato Ars Technica ha parlato della possibilità che ha Apple di decriptare il contenuto di iCloud e quindi mettere in chiaro tutti i dati [link]. Oggi veniamo a conoscenza che questa sottile possibilità è nascosta perfino nei “Termini e Condizioni” di iCloud che, noi tutti “accettiamo” senza leggere per bene il contratto [articolo ArsTechnica]. Il sistema di sicurezza che Apple adotta per la sua “nuvola” è molto elevato, su questo tutti i tecnici concordano che: gli strumenti utilizzati da Apple per criptare i dati su iCloud sono di notevole garanzia ma non sono i migliori e lasciano una “porta sul retro” al quanto scomoda soprattutto per chi vorrebbe utilizzare il Servizio per il suo lavoro che gestisce anche dati sensibili.

whatis icloud devices 580x265 Il Lato Oscuro di iCloud.

Apple afferma che i dati partono dai nostri dispositivi al server iCloud tramite certificato SSL (verissimo) e non appena si memorizzano sul server vengono garantiti da una chiave di cifratura a 128bit (di elevata sicurezza). Il problema risiede sulla creazione della chiave di cifratura. Stando alle ricerche di Ars Technica sembrerebbe che la realizzazione della chiave di sicurezza venga fatta in un sistema “simmetrico” e questo lascerebbe la possibilità ad Apple stessa, in quanto detiene una chiave di cifratura inversa, di utilizzare la “porta sul retro” per rendere chiari tutti i dati. Come dicevo poc’anzi, nei “Termini e Condizioni ” di iCloud c’è questa dicitura:

Termini e Condizioni iCloud 580x116 Il Lato Oscuro di iCloud.

Capite subito che se Apple gestisse questi contenuti con chiavi criptate “sicure” e, come dicono gli esperti di ArsTechica “asimmetrica PKI“, non potrebbero decifrarli e quindi non potrebbero rimuoverli in quanto non saprebbero i contenuti. Accettando i “Termini e Condizioni” Apple può, in ogni momento, controllare i dati e ritenerli non conformi al servizio o, come è sempre descritto nel documento, darli alle autorità che garantiscono la legge nel paese di residenza del firmatario.

Gli esperti concordano comunque che il servizio iCloud sia molto sicuro e che i sistemi adottati da Apple siano molto elevati ma non eccelsi. Ars Technica consiglia, a chi utilizza i dispositivi made in Cupertino, di non usufruire di iCloud in ambito aziendale in quanto molti dati sono sensibili e quindi soggetti a leggi sulla Privacy che verrebbero violate nel momento in cui utilizziamo la “nuvola” di Apple. Questo ci riporta alla diatriba che negli ultimi anni è apparsa sulla scena del Cloud Computing e che riguarda la sicurezza dei dati. Insomma, c’è ancora molto da lavorare per garantire un servizio trasparente e sicuro per affidarsi totalmente alle “nuvole” che siano iCloud, Dropbox, box.net ecc…







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Andrea Parisi

Andrea Parisi è utente Apple da oltre 8 anni e ama l'affidabilità dei dispositivi made in Cupertino. Utilizza giornalmente il suo MacBook Pro e lo sfrutta fino al limite assieme ad iPhone e iPad. E' orgoglioso del suo iPod 2G che ancora oggi funziona perfettamente: una delle "magie" della casa della mela "morsicata". E' affascinato dal Mondo Google e infatti lo preferisce ad iCloud di Apple reputandolo più produttivo e professionale Si occupa di "Comunicazione Web e Marketing" ed è appassionato di tecnologia a 360°.
x

Check Also

Apple Market: felice di iPhone 8, ma sarà all-in con iPhone X!

La presentazione di iPhone 8 ed iPhone X è avvenuta in contemporanea, mentre non è stata la stessa storia per quanto riguarda l’immissione sul mercato e le relative vendite. I due iPhone 8 ed 8 Plus non hanno venduto come i precedenti modelli, anche se sembra che questo non debba essere motivo di preoccupazione per i guadagni della Apple Inc. Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum Correlati

Loading...