Shopping da mobile? Chi ha un iPad fa acquisti dopo il lavoro e la domenica

ipad mini 08 580x373 Shopping da mobile? Chi ha un iPad fa acquisti dopo il lavoro e la domenica

Naviga più a lungo, guarda più TV online e utilizza maggiormente i giochi promozionali – chi ha un iPad si comporta diversamente dall’utilizzatore medio di Internet. Ciò e dimostrato da diversi studi, tra i quali quello condotto dall’Interactive Advertising Bureau Europe (IAB Europa). Ma queste non sono le uniche differenze. I dati inclusi nel “Mobile Performance Barometer 2012” realizzato da zanox  – il network di affiliazione leader in Europa nel performance advertising –  mostrano come i possessori del tablet Apple abbiano anche abitudini d’acquisto online differenti. L’iPad è la più importante fonte di acquisti da device mobili in Europa, e genera oltre il 53% delle entrate (dati riferiti a settembre 2012). E tanto è bastato a zanox per cercare di approfondire quali siano effettivamente queste differenze nelle abitudini d’acquisto.

 

iPad, ovvero “il campione d’incassi”

Per realizzare un’immagine dettagliate delle abitudini d’acquisto dei possessori di iPad, zanox ha condotto un’analisi delle transazioni completate su oltre 1000 progetti realizzati con i propri advertiser. Durante il processo, è stato possibile notare che oltre la metà (il 53%) di tutte le transazioni di m-commerce in Europa era stata completata su iPad. Gli introiti generati dagli iPhone raggiungono invece il 19% del volume totale, mentre la quota dei dispositivi Android si attesta al 25%.

 

Shopping dopo l’ufficio e nel weekend

“I possessori di iPad non hanno solo una buona disponibilità economica: le loro abitudini d’acquisto variano considerevolmente rispetto agli utenti di PC e smartphone”, spiega Michele Marzan, Managing Director SouthEast Europe zanox. Ordinare i prodotti del momento o scaricare le canzoni più recenti all’uscita dall’ufficio sono attività tipiche per i possessori di iPad. Quasi un terzo delle transazioni giornaliere (27.13%) sono eseguite tra le 6 del pomeriggio e le 9 di sera. Inoltre, l’attività è maggiore la domenica: il numero di transazioni completate è superiore rispetto alla media degli altri giorni della settimana di circa il 25%.

 

Lo scenario relativo ai possessori di altri device mobili, come anche per l’e-commerce  attraverso PC notebook e desktop, è differente: questi gruppi di consumatori in genere fanno acquisti tra lunedì e giovedì, con una leggera riduzione del numero delle transazioni durante la giornata di venerdì e nei weekend. Inoltre, non è possibile individuare un momento della giornata preferito per lo shopping online: le transazioni analizzate tra le 6 e le 22 rimangono infatti sempre su livelli simili.

 

Nei primi nove mesi del 2012, oltre il 66% degli introiti del m-commerce da iPad in Italia è stato generato da acquisti sui siti web di rivenditori al dettaglio o di prodotti di abbigliamento e moda. Comparando i numeri della crescita dei differenti settori nel periodo compreso tra gennaio e settembre 2012 con quelli dell’anno precedente, inoltre si nota che tutti i settori presi in esame – retail & shopping, servizi finanziari, telecomunicazioni & servizi, viaggi – hanno fatto registrare crescite individuali di oltre il 100% per gli acquisti effettuati da iPad, con una media di oltre il +370% e un picco del +719% per la prima categoria.

 

iPad-commerce non equivale a m-commerce

“La realizzazione di una strategia di m-commerce uguale per tutte le piattaforme non è la risposta adatta alle specificità degli utenti di piattaforme mobile differenti. L’iPad è un canale di m-commerce regolato da leggi proprie. Le aziende e i responsabili di negozi online devono ricordarlo se vogliono sfruttare al meglio il potenziale di questo canale”, ha aggiunto Marzan. “Le campagne pensate per i possessori di iPad devono essere realizzate considerando le loro specifiche abitudini d’acquisto”.

 

Infatti dal punto dei vista degli editori la scelta di adattare  la propria offerta pubblicitaria  alla navigazione tramite iPad si sta dimostrando una  strategia vincente in termini di risultati e conversioni alla vendita. Questo approccio consumer oriented si concretizza dal punto di vista strutturale  con la rinuncia dell’utilizzo di Flash o la scelta di usare formati pensati appositamente per questo device.

 

Lo “zanox Mobile Performance Barometer 2012” è la seconda analisi effettuata da zanox sulla base dei milioni di transazioni dell’e-commerce effettuate su oltre 1000 iniziative dei suoi advertiser nei principali mercati europei (Italia, Germania, Francia, Spagna, Benelux, Scandinavia e Polonia). Le transazioni sono state poi analizzate in base alla loro rilevanza per il m-commerce. È possibile trovare tutti i dati emersi dallo “zanox Mobile Performance Barometer 2012” visitando questo indirizzo.







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Redazione

Italiamac is one of Italy’s leading Mac communites, officialy recognised by Apple as an Apple User Group. Established in 1996, it has flourished into the biggest Apple-related news site in Italy. With the forum having produced over 5 million posts from nearly 100,000 members, there aren’t many places better than Italiamac to discuss and promote your Apple-related business, services, and opinions in Italy
x

Check Also

iMac Pro con chip Xeon appare nei test di Geekbench

Nonostante iMac Pro non sia ancora in commercio un possibile benchmark sarebbe apparso su Geekbench. Il risultato mostra le impressionanti performance del desktop Apple da €5.000 che verrà rilasciato a Dicembre, tra un paio di mesi circa. La cosa più interessante di questo benchmark è che il processore sarebbe uno Xeon downclocked che non sarebbe stato ancora annunciato da Intel. Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum Correlati