Sottotitoli veloci come un Kolibri

Kolibri.175x175 75 Sottotitoli veloci come un Kolibri

Di programmi per sottotitolare un video, in giro per il web, ce ne sono diversi e, la maggior parte di essi sono gratuiti ma scarni di opzioni. Kolibri, software prodotto da Kallysta, punta ad affermarsi come software professionale capace di offrire una marcia in più rispetto a quello che il mercato offre.

mzl.glbxnzpu.800x500 75 580x362 Sottotitoli veloci come un Kolibri

Sicuramente, l’interfaccia di Kolibri è ben ordinata: video in bella vista, timeline con la traccia audio e le poche opzioni per impostare i sottotitoli. In realtà, però, c’è poco da impostare dal momento che l’unica cosa che potremo impostare sarà la dimensione del testo. Purtroppo non è possibile cambiare il font predefinito ma, d’altra parte, il carattere impostato da Kallysta è elegante e ben leggibile.
Sulla timeline è possibile aggiungere i sottotitoli semplicemente con un doppio clic oppure cliccando sull’apposito tasto posto in basso a sinistra, accanto ai comandi relativi alla riproduzione del video. Non è prevista alcuna combinazione di tasti per l’aggiunta di sottotitoli che, senz’altro, avrebbe reso il lavoro molto più fluido.

A parte questo, Kolibri offre interessanti opzioni. Oltre a poter esportare i sottotitoli come semplice file SRT, con il software di Kallysta è possibile esportare l’intero video con sottotitoli “burned” o, per italianizzare, bruciati così da poter utilizzare il video senza la necessità di avere anche il file con i sottotitoli. Certo esistono altri programmi per “bruciare” sottotitoli ma, in genere, i programmi con cui scrivere non “bruciano” e viceversa.

Kolibri è sicuramente un software valido ma ha ancora bisogno di essere migliorato per poter essere considerato realmente un programma professionale. Per ora, il prezzo di €34,99 risulta un po’ alto, ma aspettiamo speranzosi nuovi aggiornamenti.







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Pietro Scaramuzzo

Appassionato di musica e tecnologia, ha già collaborato con diversi magazine online tra cui Extra! e Jazzitalia. “Brasiliofilo” convinto, cura il portale Nabocadopovo, in cui racconta la musica e la cultura brasiliana attraverso video interviste. Collabora con Italiamac da diverso tempo, focalizzando le proprie attenzioni sull’eccellente connubio tra Apple e musica.