Quando macOS Mojave sarà rilasciato a fine Ottobre, il nuovo aggiornamento introdurrà tantissime nuove funzionalità ma al contempo rimuoverà il supporto a “Torna al mio Mac”. La feature permette di connettersi ad altri Mac in remoto. 

Apple come alternativa consiglia l’utilizzo di iCloud Drive, condividi schermo e Apple Remote Desktop.

Ci auguravamo che Torna al mio Mac fosse stato rimosso solo nel periodo delle beta ma questo mese Apple ha rilasciato un documento pubblico in cui riporta l’eliminazione del servizio. Stando a Brian Stucki, Apple ha iniziato ad avvisare gli utenti che utilizzano Torna al mio Mac con un avviso su macOS. Stucki fa inoltre notare che il servizio Apple Remote Desktop che tanto consigliano non viene aggiornato da Febbraio del 2017, il che ci fa mal pensare.

Ecco come Apple presenta Torna al mio Mac:

Torna al mio Mac è una funzione di iCloud che permette di configurare una rete di computer Mac a cui accedere in remoto. Torna al mio Mac consente di eseguire le operazioni seguenti:

Condivisione di file: una volta selezionati file e cartelle sul Mac in remoto puoi trascinarli sul Mac in locale.

Condivisione dello schermo: puoi usare il Mac in remoto come se lavorassi in locale e aprire applicazioni o modificare documenti tramite il mouse e la tastiera locali.

Da macOS Mojave l’azienda di Cupertino consiglia l’utilizzo di iCloud Drive per la sincronizzazione dei file tra Mac, condivisione schermo per l’accesso remoto o Apple Remote Desktop.

Oltre all’eliminazione della suddetta feature, macOS Mojave rimuoverà il supporto alle app a 32-bit.

E voi, utilizzate o avete utilizzato in passato Torna al mio Mac? Fatecelo sapere tramite i commenti.

Advertise