KGI: Apple venderà più di 25 milioni di AirPods nel 2018

KGI è molto positiva sulle spedizioni delle cuffie wireless di Apple. In un report pubblicato oggi e condiviso da Ming-Chi Kuo si legge che le vendite delle AirPods nel 2018 raggiungerebbero le 26-28 milioni di unità, il doppio rispetto al 2017.

Dal Dicembre 2016 l’azienda impegnata nella produzione delle cuffie ha sofferto la forte domanda di questo nuovo prodotto e nelle ultime settimane la disponibilità risulta essere migliorata e sull’Apple Store Online risultano disponibili alla consegna in 1-3 giorni lavorativi.

Nel report, la KGI chiama le AirPods come “l’accessorio più importante di Apple”.

Le cuffie di Apple sono un concentrato di innovazione e vera e propria tecnologia wireless, offrono lunga durata della batteria e portabilità del prodotto stesso.

L’azienda di Cupertino, per spingere le vendite, ha rilasciato un nuovo spot pubblicitario disponibile anche nella Home Page del sito internet nel quale vengono presente le cuffie come il perfetto regalo di Natale insieme ad Apple Watch Serie 3.

L’analista ha inoltre affermato che per far fronte alle richieste Apple avrebbe aggiunto una nuova azienda partner, la Luxshare, che si occuperebbe di una parte della manifattura delle stesse. Prima d’ora solo Inventec aveva l’esclusiva.

Inventec sarà inoltre l’azienda produttrice dell’HomePod, prodotto il quale lancio è stato slittato ai primi del 2018. KGI afferma inoltre che Luxshare potrebbe accaparrarsi una parte degli ordini futuri dell’HomePod.

Apple ha già annunciato un minor update per il case delle AirPods che verrà rilasciato non si sa quando il prossimo anno, il nuovo case supporterà la carica a induzione (ovvero la ricarica wireless).

Immagini tratte da 9to5mac







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Pietro Messineo

Studente in Informatica presso l’Università di Palermo è sempre stato, fin da piccolo, appassionato al mondo tecnologico e soprattutto alla programmazione. Amante dei prodotti Apple, li conosce da cima a fondo, partendo dal software per finire all’hardware.

Loading...