Gli iPod del futuro potrebbero essere alimentati tramite il battito cardiaco

screen capture 3 Gli iPod del futuro potrebbero essere alimentati tramite il battito cardiaco

Sembra fantascienza, ma non lo è: la base di questa teoria è un chip, capace di generare energia da movimenti quasi impercettibili del corpo umano, come il battito di un cuore o il pizzico di due dita. Il nuovo chip progettato è migliaia di volte più potente rispetto ad un prototipo creato in passato, e si basa su nanogenerators.

Secondo gli scienziati, prima o poi questa tecnologia consentirà la produzione di dispositivi portatili che non richiederanno batteria, perché genereranno energia dal movimento del nostro stesso corpo.
Il progetto è stato presentato presso il National Meeting & Exposition of the American Chemical Society, e nei test il chip è riuscito ad alimentare correttamente sia diodi che display, e a trasmettere un segnale radio una volta che l’energia generata era stata accumulata.
Immaginate cosa vorrebbe dire l’applicazione di una simile tecnologia ai dispositivi portatili di Apple: potrebbe essere abbinata all’inserimento di piccoli pannelli solari (esiste già un brevetto in merito che ne prevede il posizionamento appena sotto il display), in modo da creare iPod e iPhone che assorbano i raggi del sole e utilizzino i movimenti del nostro corpo per generare energia. Inoltre, essendo privi di batteria, i dispositivi peserebbero meno, sarebbero più sottili e soprattutto le batterie non sarebbero soggette, come ora accade, all’esaurimento dei cicli di carica con conseguente diminuzione delle prestazioni in termini di durata. Un bel passo avanti davvero: speriamo che gli studi su questa tecnologia procedano senza intoppi.

Fonte: 9to5mac







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Elisa Furio

x

Check Also

WiPry 5x guarda cosa succede sul tuo wifi

WiPry 5X di Oscium è un analizzatore dello spettro che permette di vedere gli spettri di entrambe le bande wifi (2.4 GHz e 5 GHz).  WiPry 5X scansiona tutto il traffico sulle frequenze che vengono utilizzate per il wifi mostrando immediatamente sia gli ssid (i nomi delle reti wifi) che il canale che occupano, mostra anche il traffico su tutte le frequenze: questo permette di trovare la frequenza migliore e di scoprire le varie interferenze che possono esserci (e talvolta di identificare la sorgente del problema). ...