Zefyr 2 di Moshi tiene il tuo mac al fresco

13113193471187 Zefyr 2 di Moshi tiene il tuo mac al fresco

 

Particolari software che richiedono elevate prestazioni ad arte del nostro mac possono alzare la temperatura del processore fino anche a 80°C.  Durante una videochiamata con Skype i 70°C sono la norma per un macbook pro. Per quanto queste temperature siano ritenute normali è senz’altro fastidioso dover lavorare con un computer in ebollizione. Zefyr 2 di Moshi è lo strumento ideale per mantenere il nostro macbook sempre al fresco.

Rispetto ad altri prodotti della stessa categoria, Zefyr 2 ha il vantaggio di essere abbastanza piccolo e, di conseguenza, facilmente trasportabile. Tra l’altro, la possibilità di piegarlo a metà fanno si che il Macbook cooler si possa facilmente riporre in una tasca della borsa porta computer. Zefyr si collega al computer tramite la porta usb, senza però impedire ad altri devices l’utilizzo della porta: sul retro della usb , infatti, è presente una fessura capace di accogliere qualsiasi altro connettore usb, che sia una chiave o un hd. Per quel che riguarda invece la potenza di raffreddamento, il prodotto Moshi è regolabile con tre livelli di velocità delle ventole per meglio adattare le prestazioni del cooler alle esigenze del mac.

zefyr2 4 580x478 Zefyr 2 di Moshi tiene il tuo mac al fresco

Studi mirati hanno di mostrato che l’utilizzo di Zefyr è in grado di abbassare la temperatura di quasi 10°C

Schermata 11 2455880 alle 11.48.41 580x362 Zefyr 2 di Moshi tiene il tuo mac al fresco

Size:

12.99″ x 1.97″ x 0.98″ (33 x 5 x2.5 cm)
Prezzo
$80






Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Pietro Scaramuzzo

Appassionato di musica e tecnologia, ha già collaborato con diversi magazine online tra cui Extra! e Jazzitalia. “Brasiliofilo” convinto, cura il portale Nabocadopovo, in cui racconta la musica e la cultura brasiliana attraverso video interviste. Collabora con Italiamac da diverso tempo, focalizzando le proprie attenzioni sull’eccellente connubio tra Apple e musica.
x

Check Also

Le soluzioni assurde di Apple per pulire la tastiera dei nuovi MacBook Pro

Un paio di settimane fa sono stato obbligato a contattare il supporto Apple per fissare un appuntamento presso il primo Reseller vicino casa mia per far controllare la barra spaziatrice del mio MacBook Pro 2017 e morale della favola essi sono stati obbligati a sostituire tutto il top-case (ovvero tutta la tastiera, chassis di sotto e batteria inclusa) per la sola sostituzione di un tasto ma pare che io non sia l’unico.  Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum Correlati