Sappiamo come la Apple Inc. misura le sue assunzioni guardando non solo il curriculum ma anche il carattere della persona e valuta soprattutto le sue potenzialità. Abbiamo più volte speso articoli che trattavano la difficoltà per entrare nello staff dell’Azienda di Cupertino anche solo come “Specialist” negli Apple Store; di riflesso possiamo solo pensare a quanto sia difficile entrare come Leader o in settori importanti e magari dirigerli. In queste ore Apple ha assunto 2 persone che nel loro settore rappresentano, certamente, dei punti di riferimento: John Browett e Robin Burrowes.

John Browett è stato scelto da Tim Cook per ricoprire il ruolo di Responsabile Apple Retail, quello che fu dell’amato Ron Johnson. La scelta è stata seguita da moltissime critiche mosse, sia dagli addetti ai lavori che dagli utenti. Il nuovo assunto viene dalla catena Dixons Retail e ricopriva il ruolo di CEO. Questa catena in Inghilterra è simbolo della pessima esperienza d’acquisto da parte degli utenti e la scelta di Browett ha lasciato non pochi commenti anche sui social network più importanti. Ci ha pensato Tim Cook a difendere la decisione di Apple definendo John come “la migliore”; ecco la mail di risposta del CEO di Apple a Tony Hart, semplice utente.

C’è da sottolineare che John Browett ha diretto Dixons dal 2007 fino ad oggi e, in questi anni la catena è colata a picco più velocemente del previsto. Moltissime sono le perdite economiche ma, altrettanto importante è la perdita di fiducia da parte della clientela che si allontana ogni giorno dalla Dixons Retail.

Più felice invece è la nuova assunzione di Robin Burrowes, ex Responsabile Microsoft per la promozione di XBox Live. Robin affiancherà il team Europeo di iTunes e si occuperà di Marketing. Questa scelta è importante in quanto sappiamo come i prodotti legati alla Console di Microsoft vanno molto bene e sono molto affermati nel settore video ludico. Burrowes dovrebbe incrementare l’inserimento dei grossi sviluppatori di giochi all’interno dell’App Store. Grazie alla sua esperienza potremmo vedere a breve altre case produttrici di videogiochi affiancare Electronic Arts, Gameloft, Capcom e Chillingo, in un settore che è sempre in continuo ampliamento.

Advertise