mavericks secret desktop 620x387 Come scovare gli sfondi segreti in OS X Mavericks (anche del National Geographic)

 

Difficile immaginare come mai Apple abbia inserito all’interno di OSX Mavericks contenuti prestigiosi, senza che poi non siano praticamente utilizzabili direttamente dall’utente se non con lo screensaver – una strategia che non è stata dedicata solo a Mavericks, ma era già stata adottata anche in versioni precedenti dei sistemi operativi Apple – però a volte è bello andare alla ricerca e scovare contenuti “nascosti” nel nostro OSX.

Parliamo di sfondi, per la precisione di sfondi ad altissima risoluzione (3000×2000 in formato JPG del peso di circa 3-5MB la foto) firmati anche National Geographic (17 foto), che sono nascosti in una cartella dedicata allo screensaver all’interno del nostro amato OS X.

In tutto parliamo di 43 fotografie suddivise in quattro cartelle ( National Geographic – Aerial – Cosmos – Nature Patterns) che sono situate in una cartella denominata Default Collection, per accedere a questa cartella, basta aprire il nostro Finder (in qualunque posizione siate va bene) premere la sequenza di tasti: “Cmd + Schift + G”, apparirà la finestra di “vai alla cartella” (come mostrato in figura)

 

come trovare sfondi segreti mavericks 620x335 Come scovare gli sfondi segreti in OS X Mavericks (anche del National Geographic)

 

e nella barra dell’indirizzo inserire il seguente indirizzo:

/Library/Screen Savers/Default Collections“ a questo punto basta premere “Vai”, per accedere alla cartella Default Collection come mostrato in figura.

 

sfondi mavericks segreti istruzioni 620x335 Come scovare gli sfondi segreti in OS X Mavericks (anche del National Geographic)

 

Non resta che sfogliare le cartelle e goderci le bellissime fotografie contenute al suo interno e anche utilizzarle come sfondo, visto che avremo accesso diretto ai files.

Da notare infine che alcune delle immagini (per essere precisi, parti di esse..) sono effettivamente presenti nelle immagini di default usate da Mavericks come sfondi, ma inspiegabilmente nessuna di quelle del National Geographic.

Advertise