G DATA: il curioso caso della app (Android) che sottoscrive servizi “premium” a tua insaputa

Nelle scorse settimane gli analisti dei G DATA Security Labs hanno esaminato nei dettagli una app che sottoscriveva abbonamenti a servizi premium senza interazione alcuna da parte dell’utente. Presente sul Google Play Store dal 3 novembre scorso, la app è stata rimossa tre giorni dopo l’avviso di G DATA al colosso di Mountain View. Di seguito con piacere diamo spazio al comunicato dell’azienda che lo ha scoperto.

 

%name G DATA: il curioso caso della app (Android) che sottoscrive servizi “premium” a tua insaputaNoti circa sei anni fa come la prima vera minaccia per gli utenti di Android, SMS che dirottavano gli utenti su servizi “premium” rappresentavano ai tempi il pericolo numero 1. Da allora il panorama del malware per dispositivi mobili ha subito notevoli trasformazioni, proprio per questo è curioso che un nuovo tipo di trappola spillasoldi con iscrizione nascosta a servizi „premium“ possa mantenersi per numerose settimane nel Google Play Store e cagionare indisturbata danni economici agli utenti. I G DATA Security Labs ne presentano un esempio in tutti i dettagli.

 

L’esca

Quando gli utenti si avvalgono di app che offrono servizi premium tramite acquisto in-app o come “ricompensa” per lo svolgimento di “compiti”, non trattandosi di ostacoli troppo gravosi, gli utenti preferiscono fruire di tali proposte “gratuite” senza pensarci due volte. Il produttore della app legittima guadagna ovviamente soldi (provvigioni, introiti pubblicitari e similari) con questo metodo. Ogni azione condotta dagli utenti desiderosi di accedere “gratuitamente” ai propri servizi gli porta profitti. Solo in pochi si chiedono „cosa può mai succedere?“ scambiando „lavoro“ (scaricare, installare, avviare la app proposta) con tempo utile per la fruizione dei servizi premium.

 

45362930 m 620x413 G DATA: il curioso caso della app (Android) che sottoscrive servizi “premium” a tua insaputa

 

In questo quadro, una particolare app “trappola” (Blend Color Puzzle) ha attirato l’attenzione dei G DATA Security Labs. Proposta da una nota dating app per Android come “strumento” per “guadagnarsi” ore di fruizione dei servizi della app legittima, il gioco gratuito, graficamente simile a Blendoku,registrava a due mesi dalla pubblicazione circa 100.000 download. Un numero stupefacente per il probabile primo lavoro dello sviluppatore ([email protected]) o dell’azienda (GHR Corp) –nominati nella pagina informativa della app e di cui non sono presenti altre app sullo Store. Dalle analisi è emerso che la dating app in questione non era la sola a proporre il gioco, nei commenti (circa mille di cui oltre il 25% negativi e contenenti avvisi sulla trappola spillasoldi) vengono menzionati almeno altri due programmi, tramite i quali gli utenti sono stati indirizzati verso il gioco. In questo modo la app si è assicurata un numero di download elevato in poco tempo.

 

La trappola

Dopo l’avvio del gioco l’utente riceve due SMS con la notifica di sottoscrizione a ben due abbonamenti del valore di € 4,99 / settimana, senza alcuna precedente interazione. In tutto la app di gioco mostra un congruo numero di variabili e azioni dipendenti l’una dall’altra. Ad esempio, 60 secondi dopo aver tagliato la connessione al wifi domestico con passaggio dal wifi alla rete mobile, la app lancia una cosiddetta Webview, quindi una pagina web, che però non viene mostrata all’utente. Le analisi dei G DATA Security Labs evidenziano che questa sia la connessione al server utilizzata per la trasmissione dei dati per la fatturazione tramite WAP-Billing dell’abbonamento mai sottoscritto. Tale attività è stata identificata dalle soluzioni di sicurezza G DATA e resa innocua.

 

Un abuso da denunciare

“Sono molti gli utenti che si rivolgono a centri per la tutela dei consumatori a posteriori di spiacevoli situazioni sperimentate in rete. Abbonamenti sottoscritti tramite app perché l’utente non ha letto cautamente termini e condizioni accettandole frettolosamente, sono all’ordine del giorno, ma questo trucco per spillare soldi senza interazione dell’utente è un nuovo fenomeno“ spiega Ralf Benzmüller, Direttore dei G DATA Security Labs. „Quello che stiamo osservando é un espediente tecnico realizzato con forti investimenti, messo in atto per colpire un’ampia massa di utenti. La app viene presentata agli utenti tramite applicazioni legittime, raccoglie dati personali, interviene sui canali di trasmissione mobile e viene pubblicizzata con commenti positivi postati ad hoc. A prescindere dal nostro interesse deontologico nella app trappola, la sottoscrizione di un abbonamento senza esplicita approvazione dell’utente presenta numerose ombre anche dal punto di vista legale. Gli utenti colpiti dovrebbero assolutamente richiedere assistenza e procedere contro tale abuso.“

 

La rimozione della app

La app truffa è stata rimossa dal Play Store tre giorni dopo che i G DATA Security Labs hanno inviato a Google un avviso dettagliato, corredato di tutte le prove del caso. Non ci è dato sapere se effettivamente il nostro contributo ha determinato la rimozione della app dallo Store, ma alla luce del fatto che la App fosse online da quasi tre mesi e che la sua rimozione ha avuto luogo poco dopo il nostro intervento, ci piace pensare di aver avuto un ruolo attivo nel processo di tutela degli utenti.

Il tutto conferma una certezza: il “gratuito” non é sempre la scelta più economica, considerando il danno (€ 4,99 / settimana x 2) rispetto alla “ricompensa” promessa dalla app legittima e il tempo che l’utente ha investito e dovrà investire nel recesso e per la richiesta di risarcimento.

 

 

* Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno fornito dall’azienda produttrice. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto da Italiamac.

 







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Redazione

Italiamac is one of Italy’s leading Mac communites, officialy recognised by Apple as an Apple User Group. Established in 1996, it has flourished into the biggest Apple-related news site in Italy. With the forum having produced over 5 million posts from nearly 100,000 members, there aren’t many places better than Italiamac to discuss and promote your Apple-related business, services, and opinions in Italy
x

Check Also

Rivestimento anti-riflesso danneggiato? Apple lo ripara gratuitamente su MacBook Pro 2013-15

Apple ha esteso la garanzia sul rivestimento anti-riflesso dei modelli di MacBook Pro con display Retina acquistati tra il 2013 e il 2015. Pare che l’azienda di Cupertino abbia informato i centri riparazione che i MacBook Pro acquistati da quattro anni fa a questa parte potrebbero essere difettosi e che a tal proposito offriranno il ripristino del rivestimento anti-riflesso gratuitamente.  Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum Correlati

Loading...