Gli iPhone venduti a Hong Kong sono molto più economici rispetto alla Cina ed è sempre più difficile trasportarne grosse quantità da una parte all’altra del confine. Pare però che qualche Cinese si sia inventato un nuovo modo per contrabbandare iPhone utilizzando dei droni e ottenendo guadagni da capogiro. 

È capitato spesso che alcune persone avessero nascosto iPhone sotto i vestiti per un valore totale di 150 mila dollari, una bazzecola se paragonata ai guadagni ottenuti con i droni, ben $79.8 milioni.

Reuters ha riportato la storia che stiamo per raccontarvi. Con l’ausilio di droni e di una borsa attaccata con dei fili e riempiti di iPhone sarebbero stati in grado di trasportare grandi quantità di iPhone in una sola notte. Ecco un estratto tratto da Reuters:

Le autorità hanno arrestato 26 sospetti che utilizzavano droni per trasportare a 200 metri di altezza iPhone rigenerati da Hong Kong alla terraferma per un valore totale di 500 milioni di yuan.

La gang avrebbe lavorato dopo la mezzanotte, evitando occhi indiscreti sarebbero riusciti a trasportare fino a 15,000 iPhone in una sola notte.

In passato i Cinesi se ne sono inventati di tutti i colori obbligando persino Apple a far chiudere lo store di Beijing nel 2010 durante il lancio ufficiale del nuovo smartphone. Il motivo risiederebbe nei bagarini, che avrebbero preso d’assalto e acquistato 20-30 iPhone 4 per poi rivenderli immediatamente a prezzo più alto. Dopo che Apple ha scoperto la truffa ha irrigidito i controlli, obbligando al momento dell’acquisto l’esibizione di un documento d’identità e l’attivazione presso lo store in modo da non far vendere iPhone ancora impacchettati.

Advertise