Google ed Apple non vanno molto d’accordo, ma in materia di criptatura e dati sensibili si uniscono formando un’alleanza ineguagliabile.
Oggi il CEO di Google, Sundar Pichai ha rilasciato diversi tweet a supporto della decisione di Apple presa da Tim Cook con la lettera rilasciata sul suo sito internet

“Costringendo le azienda ad abilitare l’hacking si potrebbe compromettere la privacy degli utenti,” ha twittato Pichai, riferendosi al post di Cook.  Ha inoltre affermato che l’apertura di una back door potrebbe essere “preoccupante”.

Qualcosa mi dice che nei prossimi giorni vedremo altre aziende della Silicon Valley che si schiereranno a favore di Apple, ma la mia domanda principale è: quante di queste non caleranno la testa all’FBI fornendo un modo per entrare nei dispositivi altrui?

Immagini tratte da CultOfAndroid

Advertise