“8 marzo 2017, data dell’annuncio di Italiamac: Apple Pay in arrivo anche in Italia, è ufficiale” – inizia così il racconto del nostro maclover FDL e che potete continuare a leggere qui sotto.

Purtroppo, però, non ero in possesso di alcuna carta di credito emessa da Unicredit o Banca Mediolanum. Ho dovuto attendere fino al 18 luglio per poter inserire la mia carta American Expess all’interno del wallet del mio iPhone! Devo dire che l’attesa, per uno fermamente convinto della validità moneta elettronica, è stata lunga ma ne è valsa la pena.

…e finalmente oggi ho eseguito la mia prima transazione!

Avevo già visto utilizzare Apple Pay a Londra lo scorso anno, quando da noi le carte di credito contactless non era molto diffuse.

Ma facciamo un passo indietro, partiamo dalla configurazione. Non ci ho messo più di 1 minuto a collegare la mia carta di credito al wallet: facile, veloce.
Non è stato necessario seguire le guide pubblicate sul sito Apple. E’ tutto molto intuitivo. Il codice di sicurezza è stato ricevuto via sms dopo pochissimi secondi.

Finalmente oggi trovo un POS contactless.
“Posso pagare usando il telefono?”, chiedo alla cassiera
“Certamente”, risponde lei.

Detto e fatto. Avvicinato il telefono, appoggiato il dito sul sensore e… pagamento effettuato.

Grazie Apple, Grazie Steve!

FDL

Advertise

1 commento

  1. Condivido la mia esperienza. Uso Apple Pay dal primo giorno di disponibilità in Italia. È vero configurato in un minuto. Lo uso praticamente ovunque. In questi mesi di utilizzo solo due volte ho trovato pos non contactless. Io non tiro fuori neanche il cellulare dalla tasca perché avvicino il mio Apple Watch tra lo stupore sempre crescente degli addetti alle casse. Dire che è pratico veloce e Sicuro è davvero poco.

Comments are closed.