Mac OS X Lion: partizioni di ripristino, supporto TRIM, più sicurezza

screen capture 2 Mac OS X Lion: partizioni di ripristino, supporto TRIM, più sicurezza

A breve distanza dal primo rilascio della beta di Mac OS X Lion agli sviluppatori, continuano a susseguirsi le notizie sulle varie novità che il sistema operativo racchiude in sé. Vediamole nel dettaglio.

– È stato inserito il supporto per una partizione di recupero: questo sistema consente di far partire la suddetta partizione senza bisogno del disco di installazione del sistema operativo. Questa decisione sembra coerente con la linea di Apple, che punta a ridurre l’utilizzo dei lettori cd/dvd.
– Aggiunto il supporto TRIM, che consente di ottimizzare l’utilizzo dei drive a stato solido cancellando i blocchi di dati inutilizzati, e preparandoli alla riscrittura: in questo modo si prevengono rallentamenti che potrebbero verificarsi quando si accumulano molti dati inutili.
– Mac OS X Lion richiede come processore almeno un Intel Core 2 Duo; sarà dunque incompatibile con i primi Mac con processore Intel, che avevano processore Core Solo e Core Duo.
– Focus sulla sicurezza: sembra che un certo numero di ricercatori sia stato invitato da Apple a testare Lion, probabilmente per scovare e correggere eventuali vulnerabilità del sistema.
– Abbandonato definitivamente il supporto a PowerPC. Snow Leopard è stato il primo sistema operativo a girare solo su Intel, ma era possibile far funzionare i programmi sviluppati per PowerPC scaricando Rosetta; con Lion non si potrà più fare.
screen capture 11 Mac OS X Lion: partizioni di ripristino, supporto TRIM, più sicurezza
– È stato eliminato Front Row. È probabile che Apple stia sviluppando funzioni simili a quelle di Front Row da integrare in iTunes, oppure che questa mossa sia stata fatta per spingere la clientela ad acquistare Apple Tv. In ogni caso quella di Lion è ancora una beta, quindi Front Row potrebbe essere reinserito nei prossimi rilasci.






Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Elisa Furio

x

Check Also

Malwarebytes scopre il primo malware per Mac del 2017

L’azienda che si occupa di sviluppare software di sicurezza, Malwarebytes, pare abbia scoperto il primo caso di malware del 2017. Pare che questo malware usi una tecnica piuttosto antiquata, in altre parole non è nulla di super avanzato ed utilizza un metodo molto conosciuto per infettare la macchina.  Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum Correlati