Forse alcuni di voi conoscono ancora quest’applicazione con il nome “Read It Later” che, da diverso tempo ormai, si è trasformata (anche graficamente) in Pocket mantenendo la stessa funzione: salvare contenuti web per visualizzarli in seguito. Proprio per tale peculiarità il New York Times, Business Week, e TechCrunch l’hanno definita il “DVR per il web”.

Praticissima da utilizzare integrata a diverse app di client rss come Newsify, Flipboard, Pulse e app social quali Twitter e Tweetbot, tramite l’app iOS/Android ufficiale e via web, ora è possibile usufruire di tutte le sue caratteristiche anche attraverso un’applicazione per Mac gratuita e compatibile con OS X 10.7 o successivo e processore a 64-bit.

Realizzata da Idea Shower, Pocket permette di leggere in un secondo momento tutte le pagine web che vogliamo, ovunque noi siamo, grazie alla sincronizzazione automatica delle stesse su tutti i diversi supporti sul quale utilizziamo il nostro account Pocket: Utilissima per avere sempre “in tasca” (e pronta al primo momento libero) tutti gli articoli, video o siti web che ci sono piaciuti o che ci hanno colpito e che, magari, vogliamo archiviare, condividere o segnare come favoriti.

Probabilmente la migliore del suo genere per semplicità e compatibilità, malgrado sia unicamente in inglese. Voi cosa ne pensate?

Advertise

Eva Pellizzari è il lato femminile di Italiamac, appassionata di Social Media Marketing, Tecnologia e ovviamente Apple. Online le piace farsi chiamare Eva Starz. E’ costantemente alla ricerca di novità tecnologiche e prova con curiosità tutti i nuovi servizi digitali che compaiono continuamente sulla rete. Eva segue anche i Social Network di Italiamac, la sua carriera conta la collaborazione come Social Marketing Expertise per l’agenzia MacPremium e player di Buzz e Deep Marketing per l’agenzia RealTime. La nostra Eva Starz, oltre ad essere una blogger da diversi anni, è una esperta di contest e non perde occasione per testare le iniziative che ogni giorno vengono lanciate sul web e sui social network per scoprirne metodologie e funzionamenti, avendo sempre le antenne sintonizzate su tutto quello che le aziende propongono in rete.