Vivo, azienda Cinese produttrice di smartphone, ha presentato un sistema di riconoscimento facciale che sarebbe 10 volte più accurato del Face ID presente su iPhone X. Vivo afferma che il suo sistema Time of Flight (TOF) utilizza 300.000 punti per mappare tridimensionalmente la faccia dell’utente, piuttosto che solo 30.000 del Face ID.

italiamac vivo tof face id Arriva il concorrente del Face ID più accurato di 10 volte

Il sistema TOF emette una serie di impulsi di luce che una volta colpita la superficie ritornerebbe indietro all’interno del sensore, elaborando e mappando accuratamente il soggetto fino a tre metri di distanza, stando a quanto afferma Vivo.
La compagnia ha inoltre affermato che la tecnologia offrirà “nuove opportunità nel campo del riconoscimento facciale, dei gesti e movimenti, così come anche nella fotografia 3D e AR”.

“From last year’s debut of In-Display Fingerprint Scanning Technology, the recent launch of the truly bezel-less Vivo NEX, to our ground-breaking TOF 3D Sensing technology, we continue to forge ahead and evolve towards the truly intelligent future by opening new ways for the AI to help the consumer,” said Alex Feng, Senior Vice President of Vivo. “By combining TOF 3D Sensing Technology with AI, we will continue to explore new possibilities for a better future.”

Vivo ha dimostrato il sensore 3D al Mobile World Congress che si è tenuto a Shanghai. Lo scorso anno l’azienda Cinese avrebbe anche svelato un sensore di impronta integrato nel display, proprio quando sentivamo parlare dell’intenzione, poi fallita, da parte di Apple di integrare il sistema sui propri smartphone.

Vivo afferma che il sensore 3D non è un concept, ma che ci vorrà un po’ prima che venga introdotto su smartphone che verranno poi commercializzati. Ovviamente è ancora da capire se l’aumento dei punti per il riconoscimento facciale migliori la sicurezza e la precisione.

Immagini tratte da MacRumors

Advertise