Ogni volta che fate clic su un link dopo una ricerca su Google, l’URL del sito viene sostituito con un URL di tracciamento. Se passate il mouse su un collegamento prima di fare clic, Safari vi mostrerà l’URL completo di quel collegamento. È un ottimo modo per controllare dove state per essere realmente indirizzati. Solo quando cliccate effettivamente, avviene lo scambio, sostituendolo con il proprio link di tracciamento.

Fortunatamente però, c’è un modo per bloccare tutto questo.

Ovviamente Google vi tiene traccia. Nessuno si sorprende che Google voglia monitorare le nostre ricerche, ma questo non vuol dire che dobbiamo accettarlo. Soprattutto quando il tracciamento è volutamente nascosto.

Se non vi piace che i vostri clic vengano tracciati, Jeff Johnson, lo sviluppatore di Stop The Madness, ha sviluppato un’estensione per Safari, Chrome e Firefox che fa al caso vostro perchè impedisce ai siti Web di scambiare gli URL durante l’utilizzo del browser”.

Quando fate clic sul link, l’azione onmousedown esegue alcuni JavaScript che scambiano l’URL originale con un nuovo URL di tracciamento.

L’estensione di Johnson non solo ti protegge dal comportamento di click-hijacking di Google, ma rimuove anche altri blocchi che gli sviluppatori inseriscono spesso nei loro siti. Ad esempio abilita la selezione del testo e abilita la possibilità di incollare le password (in alcuni siti vengono disabilitate) .

Ecco alcune delle sue protezioni:

  • Taglia, copia, incolla
  • Anti tracciamento
  • Selezione del testo
  • Scorciatoie da ⌘
  • Menu contestuali

 

Sfortunatamente, non c’è modo di installare l’estensione Stop the Madness su iOS. La ritengo piuttosto essenziale invece su Mac.

Sito ufficiale dello sviluppatore per ulteriori info e download.

Advertise