Il New York Times pubblica una notizia davvero interessante. Secondo l’autorevole quotidiano americano sembra che Mark Zuckerberg, amministratore delegato di Facebook, abbia intenzione di integrare i servizi di messaggistica dei vari social social network della società – WhatsApp, Instagram e Messenger.

La programmazione dell’applicazione, descritta da quattro persone coinvolte nel gruppo di lavoro, richiede a migliaia di dipendenti di Facebook di riconfigurare il funzionamento di WhatsApp, Instagram e Messenger ai loro livelli più elementari. Mentre tutti e tre i servizi continueranno a funzionare come app stand-alone, la loro infrastruttura sottostante sarà unificata. Facebook è ancora nelle prime fasi del lavoro e prevede di completarlo entro la fine di quest’anno o all’inizio del 2020. Zuckerberg ha deciso di implementare in tutte le app la crittografia end-to-end, un passo significativo per aumentare le protezioni nelle chat e protegge i messaggi da sguardi indiscreti. Grazie a questa funzione un utente di Facebook potrebbe inviare un messaggio crittografato a qualcun’altro che ha un account WhatsApp, per esempio. Al momento questo non è ovviamente possibile perchè le applicazioni sono separate.

La decisione di unire le tre applicazioni ha lo scopo di aumentare o mantenere i milioni di utenti che le utilizzano, con la speranza di colpire i servizi di messaggistica rivali, come quelli di Apple e Google.

Facebook ha dichiarato di voler “costruire le migliori applicazioni di messaggistica possibili; le persone vogliono che la messaggistica sia veloce, semplice, affidabile e privata. “Ha aggiunto:” Stiamo lavorando per rendere la maggior parte dei nostri prodotti di messaggistica crittografati end-to-end e modi per rendere più semplici i metodi per scrivere ad amici e familiari “.

Ci sono però alcuni risvolti negativi. I dipendenti di WhatsApp sembrano essere particolarmente infastiditi dai piani del CEO. La privacy e la crittografia sono una parte fondamentale di WhatsApp, e i dipendenti sono apparentemente preoccupati che tali principi vengano ignorati al fine di implementare l’unificazione dei servizi di messaggistica di Facebook.

Non è chiaro come l’integrazione possa essere raggiunta senza compromettere i valori di WhatsApp e Instagram. Il New York Times è certo che lo sviluppo sta procedendo con un lancio programmato per il 2020.

“Come ci si aspetta, ci sono un sacco di discussioni e dibattiti in merito. Servirà ancora molto tempo prima di capire tutti i dettagli e come funzionerà”, ha detto Facebook in una dichiarazione al Times.

 

 

 

Advertise