Lavorare per Apple: difficile entrare e far carriera.

apple store lavorare1 Lavorare per Apple: difficile entrare e far carriera.

Negli ultimi giorni, il Wall Street Journal, ha pubblicato alcuni documenti che descrivono il processo di assunzione negli Apple Store e, tirando le somme, come molti hanno più volte affermato, è più facile entrare all’Università di Harvard. Dai documenti inoltre risulta che una volta assunto, sarà difficilissimo, se non impossibile, poter fare carriera.

Ultimamente, un mio amico ha partecipato al primo colloquio per l’assunzione del prossimo Apple Store a Catania. Lui ha provato nel ruolo di Genius, in quanto aveva già lavorato in un’assistenza Apple e portava con se un bagaglio di informazioni che potevano essere utili ai selezionatori per ottenere un personale già preparato tecnicamente. Dopo un’incontro conoscitivo con la visione di un filmato che illustrava il concetto del “perché lavorare in Apple” i candidati sono stati separati in gruppi e, in stile “anonima alcolisti“, hanno parlato di se e di cosa facevano.

E’ inutile elencarvi i metodi di ogni candidato che cercava di colpire il selezionatore, basta dirvi che, per essere un buon Specialist, Esperto o Genius non bisogna aver avuto a che fare con blog o quotidiani d’informazione tecnologica riguardanti i prodotti Apple; solo questo basta per scartare la vostra candidatura. Presentarsi in giacca e cravatta è deleterio, meglio un jeans e una t-shirt, magari anonima. L’entusiasmo è il primo fattore a cui i selezionatori fanno caso, attenzione a non essere fanatici, bene essere estroversi ma non dei fissati per la Apple; a volte preferiscono individui che non hanno mai avuto a che fare con i prodotti della mela morsicata.

Il mio amico non è stato scelto per il secondo colloquio, perché si è dimostrato timido in pubblico e vestito da rappresentante immobiliare mentre, una ragazza che è rimasta in contatto con lui è passata al secondo che si è svolto in lingua inglese. Per la seconda volta la domanda di fondo che dava le basi al colloquio era: Perché vuoi lavorare per Apple? Non conosco la risposta della ragazza in quanto è un segreto; in ogni caso lei ha passato il secondo colloquio e adesso farà un corso di formazione all’estero e, cercherà di superare l’ennesimo esame per poter essere una Genius.

Insomma, lavorare per Apple è davvero difficile. Il concetto Italiano di lavoro non sposa bene quello di Steve Jobs & Co. ma, a volte si trovano dei candidati idonei a poter ricoprire tali incarichi, inoltre è quasi impossibile fare carriera e il lavoro è come una “missione”. Sarei curioso sapere da voi la risposta che avreste dato al selezionatore alla domanda “Perché vuoi lavorare in Apple?”, sempre ammesso che vogliate lavorarci.







Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum


Andrea Parisi

Andrea Parisi è utente Apple da oltre 5 anni e ama l’integrazione dei dispositivi made in Cupertino. Utilizza giornalmente il suo MacBook Pro e lo sfrutta fino al limite assieme "ad" iPhone e iPad. E' orgoglioso del suo iPod 2G che ancora oggi funziona perfettamente: una delle "magie" della casa della mela "morsicata". Il suo lavoro di “Consulente Informatico per le Aziende” lo porta a tenersi costantemente aggiornato verso tutte le nuove tecnologie a 360 gradi.
x

Check Also

Allarme bomba all’Apple Store di Birmingham

L’Apple Store di Birmingham, Inghilterra, è stato temporaneamente evacuato a causa di un pacco sospetto trovato dagli impiegati il quale si è pensato in un primo momento contenesse un ordigno esplosivo. I clienti sono stati subito fatti sfollare e la polizia ha creato un cordone di sicurezza intorno all’edificio. Cerchi amici Apple come te? Iscriviti al forum Correlati